Categoria

Messaggi Popolari

1 Giardia
Campioni epatici: interpretazione di indicatori, la norma
2 Steatosi
Quali alimenti sono dannosi per il fegato e il pancreas?
3 Steatosi
Come eseguire correttamente a casa il rilevamento alla cieca della cistifellea
Principale // Prodotti

Prurito del corpo con malattia del fegato


Lascia un commento 11,846

I cambiamenti nel lavoro degli organi del corpo umano sono manifestati da vari sintomi. Prurito della pelle del corpo nelle malattie del fegato è un sintomo frequente e caratteristico che non dovrebbe essere lasciato alla deriva. Al momento della scoperta di questo fenomeno dovrebbe essere attentamente esaminato, i risultati di cui il medico prescriverà misure efficaci per un caso particolare.

Il prurito del tegumento si verifica spesso nelle patologie degli organi interni, incluso il fegato.

Informazioni generali

Prurito prurito dà un enorme disagio a una persona che è comune (quando tutto il corpo prude) e locale (parti separate del corpo prurito). I fattori fondamentali del prurito comprendono i processi infiammatori, l'infezione da funghi, i cambiamenti nel sistema nervoso, le condizioni nelle malattie del fegato, dei reni e delle vie biliari.

Il fegato svolge molte funzioni insostituibili nel corpo umano, vale a dire neutralizza le sostanze tossiche e le scorie che si creano durante i processi metabolici o vengono con il cibo. L'organo epatico distrugge tali componenti dannosi per il corpo umano e quindi rimuove. Il corpo produce la bile e prende parte al tratto gastrointestinale, alla sintesi di vitamine e complessi ormonali. Quando una qualsiasi violazione nel fegato inizia a formare il calcolo nella cistifellea e nei suoi dotti, che causa pericolose complicazioni nel corpo umano.

Cause di prurito della pelle sul corpo come sintomo di una malattia del fegato

Le malattie della pelle spesso indicano cambiamenti nei sistemi interni del corpo, in primo luogo, riguarda il sistema digestivo. Se ci sono problemi paralleli nell'intestino, questo indica una grande quantità di tossine nel sangue. Questa situazione indica che il ferro non fa fronte alla funzione principale della disintossicazione, quindi, vi è il sospetto di sviluppo di malattie del fegato.

Il prurito del fegato, che progredisce a causa della cirrosi biliare, dura da un paio di mesi a un paio d'anni. Quindi si verifica ittero, che indica un aumento del volume della bile nel sangue. L'epatite virale acuta è in grado di provocare un'eruzione cutanea, che verrà fissata in un paziente per 2 mesi. Pertanto, se un tipo esterno di eruzione cutanea appare sulla pelle, questo indica la distruzione cellulare, motivo per cui le sostanze tossiche che avvelenano il corpo entrano nel sangue.

Il prurito, di norma, può indicare un sovraccarico del fegato con le tossine.

Molto spesso, il prurito è contrassegnato dalla psoriasi, che è considerata una conseguenza e causa di problemi al fegato. Per la malattia è anche caratterizzata dalla comparsa di fuochi di sfumature rosate sulla testa, cioè sulla fronte, nella zona degli occhi, delle sopracciglia, delle palpebre, dei gomiti e delle ginocchia. Inizialmente, appaiono dei contorni invisibili, e più tardi formano un denso involucro di colore argento. Tali formazioni possono essere in tutte le aree del corpo umano. Le caratteristiche principali di queste manifestazioni includono l'assenza di senso del dolore.

I sintomi come il prurito della pelle con lesioni epatiche sono solitamente accompagnati da:

  • costipazione persistente;
  • dolore al fegato;
  • incapacità di trasportare cibi grassi;
  • frequenti eruttazioni, bruciore di stomaco e amarezza in bocca, che si fa sentire al mattino.
Torna al sommario

Colestasi e sintomi che indicano la malattia

La colestasi è una malattia durante la quale il tratto biliare è ostruito o schiacciato, e questo interrompe il flusso della bile. Una quantità eccessiva di bile entra nel flusso sanguigno, causando in tal modo prurito colestatico. Si osserva principalmente nell'area delle palme e dei piedi, ma ci sono anche sul resto del corpo. Le cause più comuni di colestasi includono la formazione di calcoli nel dotto biliare e le malattie di natura oncologica, che la spingono fuori o crescono nel lume del condotto. L'escrescenza della bile rotta porta all'assorbimento dell'eccesso di bile nel sangue, che contribuisce alla manifestazione di intenso prurito e bruciore sulla pelle.

La cicatrizzazione è un sintomo frequente in caso di problemi nelle vie biliari.

Prurito con colestasi pronunciato e regolare. La pelle umana inizialmente è dipinta di giallo, quindi ridipinta in una tonalità verde-oliva. Tale fenomeno è chiamato ittero ostruttivo. Quando i sintomi dell'ittero si manifestano sotto forma di:

  • febbre;
  • periodi di nausea con vomito;
  • sentirsi freddo;
  • nervosismo eccessivo;
  • emicrania e problemi di sonno.

Danno epatocida

Le cause dello sviluppo della condizione patologica sono processi infettivi (ad esempio, diversi tipi di epatite), avvelenamento di organi del fegato e cirrosi epatica. L'ittero durante questi disturbi è definito come epatico ed è caratterizzato dalla colorazione della pelle in una tinta giallo-rossa. I segni di tale condizione includono dolore nel lato e ipocondrio sul lato destro. A causa dell'interruzione dell'attività, gli epatocidi non sono in grado di funzionare pienamente. Pertanto, la bile penetra nel flusso sanguigno e irrita le fibre nervose, provocando una sensazione di prurito, bruciore e formazione di eritema nell'uomo. Nell'epatite infettiva, tali sintomi sono meno comuni rispetto alla cirrosi.

Effetti collaterali del farmaco

Quando le malattie del fegato e altre malattie correlate negli esseri umani devono ricorrere all'aiuto di vari farmaci. Tra loro ci sono agenti che causano un aumento del contenuto di bile nel sangue, che intensifica il prurito nella pelle. Tali sostanze possono essere in farmaci antibatterici, farmaci ormonali e psicotropi.

Differenze da allergie

Il prurito nella pelle, che si è formato sullo sfondo di una lesione epatica, è caratterizzato da una manifestazione intensa, specialmente di notte. La pettinatura non è in grado di portare sollievo. Sulla pelle con malattie del fegato, oltre a sverbezh, c'è un altro sintomo sotto forma di ittero, eruzione cutanea, dolore nell'ipocondrio destro. Sulla pelle possono essere macchie e lividi pigmentati. Le principali differenze includono:

  • antistaminici che sono efficaci per le allergie non influenzano il prurito;
  • prurito causato da un cambiamento nel fegato, non ha una posizione chiara, è rilevato in tutto il corpo, in contrasto con l'allergico, che è localizzato in alcuni punti (testa, guance, gambe e altre parti del corpo).
Torna al sommario

Trattamento di patologia

Uso di farmaci

È impossibile curare una persona dal prurito. È necessario scegliere lo schema di trattamento del paziente per liberarsi della malattia, che causa uno spiacevole sintomo. In alcuni casi, il prurito per la malattia del fegato viene eliminato con l'aiuto dell'intervento chirurgico. Tali casi includono la rimozione di pietre e neoplasie. Per facilitare la pelle sverbezh prescritto misure complete, vale a dire:

  • assumere farmaci per la disintossicazione (soluzioni di purificazione del sangue per via endovenosa, assorbenti);
  • la nomina di agenti antivirali e antibatterici;
  • terapia anti-infiammatoria;
  • assumere farmaci che legano gli acidi grassi e la bilirubina;
  • uso di epatoprotettori;
  • svolgimento del corso di rafforzamento con l'uso di preparati vitaminici e probiotici;
  • eliminazione di farmaci che possono causare colestasi.

Cibo dietetico

L'alimentazione dietetica, che si basa sulla rimozione del carico aggiuntivo sul fegato, aiuta a ridurre il prurito cutaneo nelle malattie del fegato. Questo approccio contribuisce alla sua pronta guarigione. Si raccomanda di limitare l'assunzione di cibi grassi, dolci, piccanti e salati. E l'eliminazione del consumo di bevande alcoliche e caffeina normalizza la funzione della sintesi della bile da parte del fegato e consente di trattare rapidamente sostanze tossiche.

Parola finale

Prurito nella pelle - un sintomo che indica il verificarsi di violazioni nel corpo umano. Non è necessario lasciare che questo stato faccia il suo corso, le conseguenze possono essere pericolose non solo per la salute umana, ma anche per la sua vita nel suo complesso. Non automedicare. Se la pelle prude regolarmente, è un motivo per chiedere aiuto a un medico per sottoporsi a un esame completo e alla successiva nomina di misure terapeutiche o profilattiche. Dovresti sapere che prima inizia il trattamento, più positivo sarà il risultato.

Prurito della pelle del corpo nelle malattie del fegato - tipi di eruzioni cutanee, trattamento e dieta

La violazione del deflusso della bile nel corpo influenza gli organi interni e la pelle, causando prurito della pelle del corpo nelle malattie del fegato. Avendo trovato un tale sintomo in se stessi, si dovrebbe consultare immediatamente un medico per una diagnosi corretta e un trattamento appropriato. In questo caso, le manifestazioni di prurito possono essere rimosse con medicine, dieta e aderenza a determinate regole di igiene.

Qual è il prurito del corpo

Questo concetto può essere definito come segue: prurito corporeo è una sensazione di disagio, che provoca il desiderio di pettinare la pelle. Può verificarsi su tutta la superficie o su alcune parti del derma. Il prurito non è una malattia separata, ma un segno di disturbi degli organi interni, l'epidermide. L'elenco delle malattie che causano disagio di questo tipo è molto ampio.

Cause di prurito della pelle per malattie del fegato

La sensazione di prurito e la formazione di lesioni sulla pelle possono essere scatenate da disturbi al fegato. Spesso questi fenomeni si verificano sotto l'influenza della malattia, come la colestasi e l'epatite C. Gli esperti identificano le seguenti cause di prurito cutaneo nelle malattie del fegato:

  • Le medicine (antibiotici, ormoni e farmaci usati nella chemioterapia) possono avere un impatto negativo sulla condizione e sul funzionamento dell'organo filtrante.
  • Le infiammazioni acute o croniche del fegato possono essere causate da virus. I microrganismi spesso causano lo sviluppo di epatite e, di conseguenza, la comparsa di eruzioni cutanee e prurito.
  • La fonte di patologie del corpo può diventare parassiti e batteri, che causano la comparsa di formazioni cistiche nel fegato.
  • La comparsa di prurito e eruzione cutanea può essere un sintomo di cirrosi o altre malattie del fegato causate dall'uso incontrollato di bevande alcoliche.
  • Sostanze tossiche (metalli pesanti, composti chimici aggressivi) possono portare a una reazione allergica. Il prurito nelle malattie del fegato può verificarsi con una singola esposizione costante o potente alle tossine.
  • La formazione di pietre nei dotti può impedire il flusso della bile. La conseguenza di questo è il prurito al fegato. La malattia può verificarsi con il consumo eccessivo di spezie, cibi grassi, affumicati e fritti.
  • Una delle cause del prurito può essere una malattia del fegato, di natura ereditaria.

cholestasia

Lo sviluppo di questa patologia è dovuto a malattie del calcoli biliari o tumori del cancro, in cui si verifica un fallimento del deflusso della bile. Bruciore e prurito con colestasi derivano dall'ingresso di acidi biliari nel flusso sanguigno. Per la natura del decorso della malattia possono essere intraepatici o extraepatici, distinguono anche una forma cronica o acuta. Il prurito colestatico è accompagnato da disturbi digestivi, disturbi del sonno (insonnia), febbre, debolezza generale, malessere e dolore alla testa.

Prurito epatite C

Un sintomo comune è il prurito dell'epatite C, che si verifica in circa un quarto di quelli infetti. Secondo i medici, il fenomeno si verifica a causa dell'accumulo di sostanze tossiche, che nelle malattie del fegato non possono essere efficacemente rimosse dal corpo. Quando le violazioni dell'organo filtrante, gli acidi biliari e la bilirubina entrano nel sangue. Livelli elevati di queste sostanze provocano ingiallimento della pelle e sclera degli occhi, prurito e un'eruzione cutanea nell'epatite C.

Sintomi di prurito epatico

Nelle malattie del fegato, molti cambiamenti patologici si manifestano sulla pelle del corpo. È importante riconoscerli rapidamente, perché il trattamento della malattia nelle prime fasi può essere più efficace. Oltre al disagio, i sintomi di prurito epatico includono:

  • insolito per un certo colore della pelle di una persona: può diventare più chiaro o più scuro;
  • aumento della sudorazione;
  • la comparsa di gonfiore del viso e degli arti;
  • dolore nell'ipocondrio destro;
  • desquamazione della pelle;
  • graffi e crepe sul corpo;
  • sulla pelle può formare una striscia di tinta bluastra;
  • eruzioni cutanee.

Macchie di fegato

Un'eruzione cutanea con malattia del fegato può manifestarsi in diverse forme:

  • Pustole di educazione - si verifica in violazione della sintesi di immunoglobulina da parte del fegato. Di conseguenza, c'è uno squilibrio immunitario che provoca le macchie di questa specie.
  • Papule e macchie di natura allergica sono una reazione a una diminuzione della funzionalità epatica, responsabile della disintossicazione.
  • Le violazioni dei processi di sintesi nel fegato provocano la comparsa di piccoli lividi sulla pelle del corpo. I pazienti con questa malattia hanno un aumentato rischio di formazione di ematoma.
  • Le macchie possono essere estese e sembrano palme rosse. Il fenomeno può andare in piedi. Tale arrossamento è accompagnato da alta temperatura.
  • I vasi che sporgono sopra la pelle (le vene dei ragni) sono localizzati nella parte posteriore, nelle braccia, nel collo e nella faccia.
  • L'eruzione di epatite è una placca di colore giallo che si concentra sui piedi, sugli arti superiori e inferiori, sulle palpebre, sulle ascelle.

Le macchie epatiche di colore rosso, che scompaiono alla palpazione e quindi ritornano, sono eritemi parziali.

  • L'orticaria si presenta come reazione allergica all'epatite passata.
  • Piccole strisce possono formarsi sul pollice o sul mignolo. Questo tipo di eruzione è chiamato "palmi del fegato".
  • Come distinguere il solito prurito dal fegato

    Dovresti sapere come distinguere il solito prurito dal fegato, in modo da non essere confuso nella diagnosi. Il disagio sul corpo causato dalle malattie del fegato è intenso, appare di notte. Sono accompagnati da eruzioni cutanee, formazione di vene varicose, lividi, malessere, dolore nella parte destra e ittero. Il prurito della pelle del corpo nelle malattie del fegato differisce da quello allergico in quanto gli antistaminici (Tavegil, Citrine) non dimostrano il loro effetto.

    Trattamento prurito epatico

    La terapia sintomatica viene utilizzata per eliminare il prurito della pelle del corpo in caso di malattie del fegato. Se osservi questo fenomeno per un lungo periodo, dovresti cercare un aiuto medico in modo che l'eruzione non dia complicazioni. Il trattamento del prurito al fegato si risolverà più rapidamente nelle fasi iniziali. Per facilitarla, segui alcune linee guida:

    • Non surriscaldare la pelle, rifiutare di visitare i bagni, le saune. Se il tegumento comincia a prudere quando fa caldo fuori o dentro, fai una bella doccia.
    • Scegli biancheria intima, vestiti con materiali naturali per ridurre l'effetto irritante.
    • Abbandona le cattive abitudini: fumo, alcol.
    • Trattare la pelle sulle zone interessate con unguenti, gel che hanno un effetto rinfrescante per migliorare la loro condizione.
    • Cerca di evitare di sovraccaricare la natura emotiva e fisica che provoca un aumento degli attacchi di prurito.
    • Se il prurito del corpo nelle malattie del fegato è stato causato dagli effetti tossici delle droghe, cancellarle.

    Trattamento del prurito della pelle del corpo con farmaci

    La terapia farmacologica è usata per trattare una malattia che causa prurito. Per la diagnosi vengono assegnati esami del sangue ad ultrasuoni, biopsie, generali e biochimici. Questi metodi aiuteranno a determinare il grado di processi infiammatori, la localizzazione della malattia. Dopo la ricerca necessaria, viene prescritto un trattamento che dipende dalla malattia che causa prurito e altre manifestazioni.

    Oltre ai farmaci, è possibile utilizzare metodi chirurgici. Se la colestasi è stata causata da un malfunzionamento nel deflusso della bile, che si è verificato durante la sovrapposizione dei dotti e causato intossicazione con acidi biliari, viene stabilito un drenaggio speciale. Tale dispositivo aiuterà a rimuovere la sostanza in eccesso dalla cistifellea, contribuirà alla rapida rimozione dei sintomi di intossicazione.

    Il trattamento del prurito della pelle del corpo con farmaci viene effettuato mediante le seguenti categorie:

    • antagonisti dei recettori oppioidi (Naltrexone, Naloxone);
    • derivati ​​di acidi biliari (colestepol, colestiramina);
    • preparazioni di acido ursodesossicolico in grandi dosi.

    I seguenti farmaci possono essere prescritti per alleviare il prurito sulla pelle del corpo per le malattie del fegato:

    • assorbenti (carbone attivo, Enterosgel) - agisce nell'intestino, aiuta a rimuovere le sostanze tossiche dal corpo;
    • vitamine del gruppo liposolubile (A, E, K, D);
    • farmaci anti-infiammatori - aiutano a ridurre l'infiammazione nel sito di danno ai tessuti ghiandolari;
    • farmaci immunostimolanti - aiuto con l'immunità indebolita;
    • probiotici - contribuiscono al normale funzionamento dell'intestino;
    • agenti antibatterici e antivirali - sono coinvolti nell'eliminazione della flora patogena.

    Corretta alimentazione

    La componente di successo lotta con prurito della pelle in caso di malattie del fegato è una corretta alimentazione. Gli esperti raccomandano di rimuovere dalla dieta cibi fritti, grassi e speziati, che sono dannosi per l'organo filtrante. È necessario mangiare frazionario: cinque pasti al giorno sono considerati ottimali. Non è consigliabile mangiare troppo, perché l'ingestione eccessiva di cibo carica il fegato. I medici prescrivono ai pazienti di usare una dieta speciale numero 5.

    Dieta con colestasi

    La tabella dietetica numero 5 è indicata per le seguenti malattie:

    • forme croniche di epatite;
    • nell'epatite acuta, la colestasi può essere utilizzata nella fase finale del trattamento;
    • cirrosi epatica;
    • disturbi del tratto biliare;
    • malattia di calcoli biliari.

    È vietato usare un tale sistema alimentare a persone che soffrono di disturbi dello stomaco o dell'intestino. Il principio principale della dieta è l'assunzione minima di grassi. È necessario escludere piatti, uno dei componenti di cui è purina, colesterolo, oli essenziali e acido ossalico. L'assunzione di sale dovrebbe essere limitata o non applicata affatto. Cucinare preferibilmente per cottura o cottura.

    La base della dieta su una dieta dovrebbe essere verdure e frutta. Questi prodotti contengono molte pectine e fibre. Un corretto regime di consumo comporta il consumo di grandi quantità di acqua a stomaco vuoto. Il volume giornaliero dovrebbe essere di almeno 1,5 litri di acqua pura. Una tale dieta non può essere un'alternativa al trattamento, ma è parte integrante della terapia complessa. Nel decorso cronico della malattia, il sistema energetico aiuta a minimizzare il rischio di esacerbazioni.

    I piatti consigliati della tabella di dieta n. 5 per danni al fegato e prurito della pelle del corpo sono:

    • minestre di verdura, latticini o frutta senza aggiunta di fritto;
    • carni o pesce magro al forno o bollito;
    • la pasta;
    • insalate, stufati e altri piatti a base di verdure;
    • tipi dolci di frutta, bacche;
    • succhi naturali, tisane, tè verde;
    • crusca o pane integrale.

    I nutrizionisti stabiliscono l'elenco dei prodotti che sono autorizzati a mangiare in quantità limitate con prurito epatico:

    • Prodotti lattiero-caseari magri o magri. Il consumo giornaliero massimo dovrebbe essere di 200 g.
    • Le uova possono essere mangiate su 1 pz. al giorno Se vuoi fare una frittata, usa solo proteine ​​per farcela.
    • Marmellata fatta in casa, che non contiene additivi e conservanti artificiali.
    • Tra i dolci scegli marshmallow, marshmallow o marmellata 70 g al giorno.
    • In quantità moderate ha permesso di usare spezie.

    In caso di malattia del fegato non può essere utilizzato:

    • carne grassa, carne affumicata, cibo in scatola, frattaglie;
    • cibi piccanti, grassi, fritti;
    • funghi e legumi;
    • dolci, in particolare cioccolato e gelato;
    • alcol e bevande gassate dolci;
    • cipolla, aglio, acetosa, ravanello, cavolfiore;
    • cacao, caffè.

    Foto di macchie sulla pelle per malattie del fegato

    Video: corpo prurito con malattie del fegato

    Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

    Trattamento del prurito nella cirrosi epatica, dieta

    Il prurito durante la cirrosi è il sintomo principale e qual è il suo trattamento?

    Nella cirrosi, le cellule sane nel fegato umano si trasformano in tessuto cicatriziale. Questa malattia è incurabile e pericolosa per il corpo dalle complicazioni che lo accompagnano. Molto spesso, la ragione per andare da un medico e, di conseguenza, di rilevare la cirrosi è il forte prurito della pelle del corpo. Può anche essere accompagnato da una eruzione cutanea o da chiazze.

    Cause e sintomi della cirrosi

    Il fegato è uno degli organi più importanti, che assume un certo numero di funzioni vitali. Neutralizza le tossine che intasano il nostro corpo. Pertanto, non è necessario sovraccaricare il fegato con bevande alcoliche e cibi grassi, perché nulla passa per il fegato senza lasciare traccia.

    Nella maggior parte dei casi, la malattia colpisce uomini di mezza età e anziani. È impossibile diagnosticare la malattia da soli. Ma se una persona ha sintomi come una forte perdita di peso, nausea, sensazione di amarezza in bocca, dolore nel giusto ipocondrio, allora si dovrebbe contattare immediatamente uno specialista che darà la direzione dell'esame e prescriverà un trattamento adeguato.

    Cause della malattia

    Le cause della cirrosi sono:

    • Abuso di alcool;
    • Epatite virale B e C;
    • Intossicazione da farmaci;
    • Blocco della vena epatica;
    • Epatite autoimmune (nel corpo umano produce sostanze che distruggono l'organo);
    • Predisposizione genetica.

    diagnostica

    Anche uno specialista altamente qualificato non è in grado di farlo da solo, basandosi solo sulle storie del paziente per fare una diagnosi così complessa.

    Per diagnosticare correttamente la malattia lo aiuterà:

    1. Ultrasuoni del fegato (dimensione stimata dei lobi dell'organo, della sua struttura e forma, dello stato dei dotti che rimuovono la bile e confrontati con le normali statistiche medie);
    2. La tomografia computerizzata (un metodo più costoso rispetto alla diagnostica ecografica, in cui la regione dell'ipocondrio destro è irradiata con i raggi X e quindi un'immagine bidimensionale dell'organo viene visualizzata sul computer);
    3. Determinazione del livello di proteine ​​e bilirubina nel sangue;
    4. Esame del sangue per coagulazione (in caso di coaguli di sangue di malattie del fegato lentamente).
    al contenuto ↑

    Colestasi come sintomo di cirrosi

    La colestasi è un processo, una condizione anormale del fegato e un sistema di deflusso biliare, in cui la qualità e la quantità della bile secreta cambia. Si ristagna nel sangue e, di conseguenza, entra nel corpo, avvelenandolo. Il sintomo principale è il forte prurito della pelle. Appare sui palmi e sui piedi, si diffonde ulteriormente in tutto il corpo.

    Cause di prurito

    Questa è una sensazione molto spiacevole che non consente a una persona di dormire a sufficienza e di lavorare normalmente. In alcuni casi gravi, porta a depressione e pensieri di suicidio.

    Le principali sostanze che si trovano nella bile e causare prurito sono:

    1. acido;
    2. di rame;
    3. Bilirubina (il risultato della scomposizione dei globuli rossi);
    4. Altri metalli

    Un fattore importante che indica la patologia nel corpo è il fatto che è impossibile lenire il prurito con antistaminici durante la cirrosi epatica. È inoltre necessario sapere che la scomparsa del prurito non indica un miglioramento delle condizioni del paziente. Questo indica insufficienza epatica.

    Trattamento del prurito

    È importante che il paziente ricordi che, per quanto doloroso sia il prurito della pelle per lui, è impossibile pettinarne le ferite, perché l'infezione penetrerà molto rapidamente attraverso di esse. I fattori importanti che influenzano il trattamento sono i fattori della cirrosi.

    Successivamente, lo specialista sceglie una terapia che potrebbe essere la seguente:

    • Introduzione al fluido ematico, che contribuirà alla dissoluzione di sostanze-stimoli;
    • Rifiuto di farmaci che possono causare danni al fegato;
    • Accettazione di farmaci che legano gli acidi, la bilirubina e altre sostanze nel sangue;
    • Nomina di farmaci biliare ed epatoprotettivi;
    • In caso di complicanze, è probabile un intervento laparoscopico o chirurgico, durante il quale lo specialista rimuoverà la causa di un flusso debole di bile (ad esempio, una pietra).
    al contenuto ↑

    Dieta con colestasi

    Nessun farmaco non aiuterà se durante il trattamento non è conforme al regime e alla dieta. In nessun caso dovresti assumere alcol, droghe e fumo. Si raccomanda di mangiare cibo 5 volte al giorno in piccole porzioni. È importante escludere dalla dieta cibi grassi e piccanti, la quantità giornaliera di grasso animale consumato non deve superare i 50 grammi (questo è circa il 10% della norma giornaliera, il restante 90% è grassi vegetali), ridurre al minimo il consumo di carne, sostituendolo con pollame o pesce.

    Utile per il corpo sarà l'uso di acqua potabile in grandi volumi, succo di frutta fresca. Tè, caffè e bevande a gas devono essere esclusi.

    Per sbarazzarsi del prurito, i medici raccomandano di limitare lo stress fisico ed emotivo, camminando di più all'aria aperta e rilassandosi durante il giorno.

    Dieta "Tabella numero 5"

    Il trattamento del prurito della pelle in caso di cirrosi epatica sarà più efficace se si seguono le regole dell'alimentazione basate sulla dieta "Tabella 5", che risparmia l'organo malato. Il suo autore è il dott. MI Pevzner, che ha sviluppato una dieta completa con una quantità limitata di colesterolo e grassi. La dieta sarà utile non solo nel trattamento del prurito con la cirrosi, ma anche dopo esserne liberato.

    • Il rapporto tra proteine ​​e grassi e carboidrati dovrebbe essere 1: 1: 5;
    • Al mattino a stomaco vuoto per bere un bicchiere d'acqua;
    • L'apporto calorico medio giornaliero è 2600;
    • Il giorno hai bisogno di bere almeno 1,8-2 litri di acqua;
    • La quantità di sale consumata al giorno non deve superare i 10 grammi (un cucchiaino "con uno scivolo").

    Standard nutrizionali

    Se hai una malattia del fegato, devi mangiare i seguenti prodotti:

    • Composti, decotto di rosa canina, tisane;
    • Latticini, verdure, zuppe di frutta;
    • I chicchi come grano saraceno, farina d'avena, semolino e riso vengono fatti bollire in acqua o con l'aggiunta di latte;
    • La carne dovrebbe essere magra, l'assunzione in piccole quantità, si può mangiare pollame, carne di coniglio;
    • Pesce bollito (nasello, lucioperca, tonno) da utilizzare 2-3 volte a settimana;
    • Pane bianco sostituito con segale o pangrattato;
    • Il formaggio e la panna acida sono usati raramente, in piccole porzioni;
    • Puoi kefir a basso contenuto di grassi, latte, ricotta e yogurt;
    • Verdure contenenti amido saranno utili.
    • Non più di due proteine ​​e metà del tuorlo di uova al giorno;
    • Dolce può essere un po 'di marshmallow, caramelle e marmellata senza cacao, gelatina e gelatina.

    Tutto il cibo è cotto a vapore o cotto, cotto. Non puoi mangiare cibo molto caldo e freddo.

    Se, seguendo le istruzioni del medico, la persona è riuscita a liberarsi del problema sopra descritto, allora non si dovrebbe dimenticare la sua causa - la cirrosi, che è più pericolosa di questo sintomo.

    Nelle fasi iniziali, questa malattia può essere interrotta, ma solo se è trattata in modo appropriato e completo. Se la malattia viene scoperta in seguito, ci sono 2 opzioni: rallentare la progressione della cirrosi e le complicazioni ritardate o il trapianto di fegato, che non è adatto per ogni persona ed è piuttosto costoso. Si raccomanda a una persona sana di prevenire la cirrosi epatica, come: igiene personale, vaccinazione contro l'epatite B virale, pasti sani e nutrienti, smettere di fumare e alcol, curare qualsiasi malattia solo come prescritto da uno specialista.

    Prurito della pelle nelle malattie del fegato: cause e trattamento

    Prurito per malattie del fegato non è raro. Le ragioni di questo possono essere: compressione interna o esterna e blocco di percorsi che rimuovono gli acidi biliari, danni agli epatociti, cirrosi biliare primitiva (100% dei casi), ittero (20-25% dei casi), epatite, ecc. Il prurito può essere accompagnato dall'apparizione di "stelle del fegato", varie eruzioni cutanee e pigmentazione della pelle (i cosiddetti "punti del fegato").

    Cosa causa prurito alla pelle

    Cause di prurito

    Prurito della pelle durante la malattia del fegato può verificarsi in qualsiasi punto della pelle o su tutto il corpo. Ciò è dovuto agli acidi biliari, che influenzano le terminazioni nervose della pelle. Questo succede per i seguenti motivi:

    1. Malattie epatiche, come forme virali o parassitarie di epatite, epatite, nonché lesioni tossiche. Insieme all'irritazione dell'epidermide, sono possibili ittero, bruciore e dolore nell'ipocondrio destro.
    2. L'aspetto delle pietre nei dotti biliari.
    3. Disturbi nel processo del metabolismo, che porta a infiammazione ed edema.
    4. Colestasi. La malattia inizia a causa di blocco o costrizione delle vie biliari. Questo è spesso osservato nei calcoli biliari e nei tumori maligni.
    5. Tumori del cancro che alterano e violano la struttura delle cellule e dei vasi.
    6. Cirrosi biliare. Il sito di prurito in caso di cirrosi epatica è l'estremità inferiore e superiore. In questo caso, cardare può essere l'unico sintomo che il fegato è malato.
    7. Epatosi colestatica in donne in gravidanza. La complicazione deriva dalla grande sensibilità del fegato agli ormoni sessuali.

    Prurito, tormento della pelle - un sintomo di malattia del fegato. Inoltre portare a malattie del fegato:

    1. Sostanze tossiche Composti chimici e metalli, come la bilirubina o il rame, in grandi dosi possono essere tossici per il corpo.
    2. Malattie virali Il più delle volte, il corpo prude per l'epatite. C'è un accumulo di sali e bilirubina, che penetrano nel flusso sanguigno, che provoca prurito.
    3. Alcol. L'uso di bevande alcoliche porta alla morte di cellule epatiche e cirrosi.
    4. Farmaci farmaceutici. Misure chemioterapiche, antibiotici, farmaci che influenzano i livelli ormonali - tutto ciò ha un effetto negativo sul fegato. La fenotiazina, il fenobarbitale, l'eritromicina e gli steroidi anabolizzanti sono particolarmente dannosi per l'organismo.

    La scomparsa del prurito non può sempre essere considerata un evento gioioso, è possibile che la malattia sia stata trasformata in insufficienza epatica.

    cholestasia

    La causa principale del prurito nella malattia del fegato è la colestasi, la circolazione scorretta degli acidi biliari, la penetrazione di sostanze tossiche nel flusso sanguigno generale. Il più delle volte iniziano a prudere i palmi delle mani e dei piedi - così gli acidi vengono rilasciati attraverso i pori dell'epidermide.

    Perché questi composti sono così importanti per il corpo? La missione degli acidi è la seguente:

    1. Dispersione dei grassi e promozione del loro assorbimento.
    2. Eliminazione del ristagno di cibo nel tratto gastrointestinale e, di conseguenza, sollievo dalla stitichezza.
    3. Assorbimento delle vitamine liposolubili.
    4. Normalizzazione del colesterolo nel sangue.
    5. Mantenere la microflora intestinale con l'eliminazione dei batteri nocivi.

    Quando il fegato funziona correttamente, gli acidi escono insieme alla bile, senza entrare nel sangue a causa della sua tossicità. Con la sconfitta dell'organo, il dotto biliare viene compresso e intasato, per questo motivo gli acidi penetrano nel flusso sanguigno, provocando la comparsa di lesioni sul corpo. Principalmente questo accade con colangite, calcoli biliari e colecistite.

    Se trattate il problema con noncuranza, si verifica un malfunzionamento nell'attività di disintossicazione dell'organo e l'infezione può penetrare attraverso le ferite delle macchie pettinate, che possono portare alla comparsa di ascessi ed eruzioni cutanee.

    Come determinare quale causa il prurito è una malattia del fegato

    Se il fegato è "incolpato" nella comparsa di un desiderio di prurito, il prurito è espresso in modo piuttosto forte e senza una certa localizzazione. Spesso si manifesta durante la notte e tenta di graffiare il prurito allo stomaco, o la mano rimane senza risultato. Anche gli antistaminici non aiutano, sebbene siano abbastanza efficaci da eliminare gli attacchi di allergia.

    Mal di destra

    Oltre al prurito, i problemi al fegato sono segnalati dai seguenti sintomi:

    1. Pelle ingiallita o leggermente arrossata.
    2. Aumenta la sudorazione.
    3. Si formano varie eruzioni cutanee come la teleangiectasia o l'acne.
    4. Ci sono periodi di bruciore di stomaco e nausea.
    5. C'è un forte odore offensivo di sudore.
    6. Mal di destra. Ci sono malfunzionamenti di epatociti.
    7. Le feci diventano instabili, possono essere tormentate da stitichezza o diarrea.
    8. C'è una sensazione di bruciore alle braccia e alle gambe, oltre al desiderio di grattarle.
    9. La lingua è coperta di fiori bianchi, su di essa si formano ferite e crepe.

    Per determinare se il paziente ha un problema al fegato, il medico può fare riferimento al paziente per un esame:

    1. Ultrasuoni di fegato, pancreas e cistifellea;
    2. Scansione TC, se la malattia è attivata o quando la diagnosi è chiarita, se altri metodi non hanno aiutato;
    3. Test di coagulazione del sangue;
    4. Prelievo di sangue per esame biochimico e generale

    Trattamento prurito per malattie del fegato

    Metodi di trattamento

    Per le malattie del fegato che causano prurito in un paziente, sono prescritti i seguenti rimedi:

    • Disintossicazione, contribuendo a pulire il sangue neutralizzando le sostanze nocive. Il più popolare è il carbone attivo.
    • Antiphlogistic - eliminando processi incendiari. Il trattamento di colecistite e colangite è raramente senza di loro.
    • Antisettico e antivirale.
    • Collegamento di acidi biliari, bilirubina e altre sostanze nocive nel sangue umano.
    • Rafforzare il sistema immunitario.
    • Effetto indebolente dell'acido biliare sulle cellule del fegato - epatociti, ad esempio, Rifampicina e miglioramento della circolazione: questi includono il metronidazolo.
    • Epatoprotettori: per rinforzare e rinnovare i tessuti del fegato, nonché per proteggere dalle sostanze tossiche, come farmaci o alimenti nocivi di bassa qualità, bevande alcoliche.

    Viene anche trattata la malattia epatica che colpisce la pelle:

    • Metodi dell'intervento chirurgico
    • Terapia vitaminica e assunzione di probiotici.
    • Annulla i farmaci della farmacia che causano colestasi.

    Misure preventive

    Per le malattie del fegato, dire di no all'alcol!

    Al fine di evitare il trattamento del prurito è necessario trattare la tua salute più attentamente, e anche per preservare il fegato in anticipo. Per questo è raccomandato:

    1. Non permettere il surriscaldamento della pelle - non andare in bagni o saune e non trascurare la doccia fredda nella stagione calda.
    2. Abbandona la biancheria in tessuto sintetico.
    3. Sbarazzati delle cattive abitudini, incluso fumare e bere alcolici.
    4. Applicare gel o unguenti, raffreddando le cellule della pelle. Spesso questi farmaci contengono fenolo o mentolo, che hanno effetti antiprurito sulla pelle.
    5. Non sovraccaricare te stesso con lo sforzo fisico e le emozioni eccessive che possono portare allo stress.
    6. Interrompere l'assunzione di farmaci se provocano irritazione della pelle.

    Corretta alimentazione

    Oltre alla necessità di trattamento e al rispetto delle misure preventive, vale la pena pensare alla dieta. I seguenti prodotti sono utili per alleviare il prurito:

    • Minestre a base vegetale Primi piatti proibiti su brodo di carne, funghi e pesce.
    • Girasole e burro
    • Latticini a basso contenuto di grassi, ad esempio, ricotta o panna acida, formaggio.
    • Carne di pollame magra, per esempio, pollo - bollito o al forno, carne magra. La carne grassa e il lardo sono meglio conservati sotto il divieto.
    • Vari cereali
    • Miele e zucchero
    • Pane e altri dolci a base di farina di segale o di frumento. Ma i prodotti a base di pane di pasticceria sono controindicati.
    • Verdura, bacche, frutta (eccezione - specie troppo acide). Non puoi mangiare ravanelli, ravanelli, cipolle verdi. Anche vietato rimane acetosa e spinaci.
    • Succhi, baci, marmellata di prodotti naturali, senza aggiunta di sostanze chimiche.
    • Tè e caffè leggermente fermentati con latte vaccino. È vietato bere caffè nero e cacao.
    • Piatti a base di uova come uova strapazzate o uova strapazzate Tuttavia, 1 uovo al giorno può essere consumato senza danni alla salute.
    • Varietà di pesce grasso
    • Cibo in scatola, sottaceti, caviale.
    • Gelati, cioccolatini, torte varie e torte alla crema.
    • Condimenti piccanti, come la senape
    • Bevande alcoliche

    farmaci

    Il trattamento del prurito nelle malattie del fegato può essere eseguito utilizzando i seguenti mezzi:

    1. Carbone attivo: assorbe sostanze nocive e pericolose per gli acidi e i composti del corpo.
    2. Enterosgel: assorbe le sostanze irritanti, non ha effetti negativi sulla mucosa.
    3. Atoxyl: libera il corpo dagli enzimi tossici. Ha un effetto antisettico, disintossicante e curativo.
    4. Karsil - basato sulla silimarina, presenta proprietà antitossiche ed epatoprotettive.
    5. Choludexan - epatoprotettore, aumenta l'immunità, porta alla normalizzazione dei processi coleretici.
    6. Colestiramina: combatte le malattie del fegato di varie eziologie.
    7. Gepabene - si basa su un estratto di dymyanki, migliora il funzionamento del fegato, rianima i tessuti interessati di questo organo, accelera il flusso della bile.
    8. Tsikvalon - ha proprietà antinfiammatorie, analgesiche, coleretiche, stabilizza le feci.
    9. Galstena è un rimedio omeopatico che tratta e ripristina i dotti biliari e il fegato.
    10. Exhol: il farmaco epatoprotettivo rimuove il colesterolo in eccesso dalla bile.
    11. Phosphogliv - si basa sull'acido glicirrizico, esibisce effetti anti-infiammatori e citoprotettivi ed elimina anche le reazioni allergiche.
    12. Ursofalk - agente epatoprotettivo favorevole alla dissoluzione dei calcoli biliari: calcoli.
    13. Hofitol - rimedi a base di erbe che mostrano proprietà coleretiche, rianima le cellule del fegato.
    14. Essentiale Forte: rinnova la consistenza del tessuto epatico.
    15. Heptral - epatoprotettore, aumenta il contenuto di ademetionina, ha proprietà coleretiche.

    Va ricordato che il prurito per la malattia del fegato è solo un sintomo. Pertanto, per eliminare l'irritazione della pelle, è necessario trovare la causa alla radice della malattia e iniziare a trattare il fegato.

    Prurito per malattie del fegato

    Le malattie del fegato sono condizioni gravi in ​​cui sono colpiti tutti gli organi e i sistemi. Quando il suo corretto funzionamento è compromesso, si verificano molti sintomi. Il fegato è uno degli organi più importanti nel corpo umano. È coinvolto direttamente nel metabolismo di sostanze biologicamente attive e altri composti del corpo, agisce come un filtro, rimuovendo tossine, metaboliti di ormoni e farmaci, è coinvolto nei processi metabolici.

    I sintomi della malattia del fegato non sono sempre specifici solo per la patologia di questo organo. A volte il paziente può non prestare attenzione o perdere un'importante manifestazione della malattia, ad esempio prurito o eruzione cutanea.

    È importante non perdere l'insorgere della malattia del fegato, scambiando per un sintomo simile la manifestazione di una reazione allergica.

    Perché fa prurito e eruzione cutanea?

    Il più delle volte, la pelle del corpo prude a causa del verificarsi di ristagni di bile e a causa di ittero. Il prurito per le malattie del fegato compare più spesso insieme a ittero epatico e subepatico. Ma non sempre la pelle prude e macchia allo stesso tempo. A volte il prurito è un sintomo precoce e unico di compromissione della funzionalità epatica, ad esempio in caso di cirrosi. Dal momento del verificarsi di prurito e prima che si verifichi l'ittero può richiedere da diversi mesi a diversi anni.

    Va anche ricordato che se si è malati di epatite e prurito appare improvvisamente la pelle - questo potrebbe indicare una esacerbazione del processo.

    Il prurito è causato dagli acidi biliari che entrano nel sangue.

    Nel normale funzionamento del fegato, devono essere escreti nella bile. La pettinatura e la combustione del corpo sono una conseguenza dell'azione irritante degli acidi biliari sulle terminazioni nervose della pelle. Forse l'aspetto di un'eruzione cutanea sul corpo. Il più delle volte, la pelle del corpo prude durante la notte. Il prurito è intenso e marcato bruciore, causando severi tormenti al paziente e privandolo del sonno.

    Quando si graffia un'eruzione cutanea sulla pelle del corpo, si possono formare ferite, che sono spesso infiammate e infette. L'emergenza di un'eruzione cutanea contribuisce a compromettere la disintossicazione del fegato. Il corpo non fa fronte alle tossine e ai prodotti di scarto del corpo e come risultato l'eruzione compare. Il prurito non ha un'area chiara di localizzazione.

    Cosa sono gli acidi biliari e cosa li induce a entrare nel sangue?

    Gli acidi biliari sono composti biochimici complessi formati da colesterolo e prodotti dagli epatociti. Insieme alla bile, gli acidi grassi entrano nella cistifellea e da lì lungo il dotto nel duodeno. Le principali funzioni degli acidi biliari:

    • partecipare alla digestione, emulsionare i grassi e aiutare il loro ulteriore assorbimento;
    • stimolare la motilità intestinale, prevenire il ristagno del cibo e il verificarsi di stitichezza;
    • regolare la microflora intestinale, inibendo la crescita di agenti patogeni;
    • partecipare al mantenimento dei normali livelli di colesterolo nel sangue;
    • promuovere l'assorbimento delle vitamine liposolubili.

    Dopo aver adempiuto alle sue funzioni nel duodeno, gli acidi biliari vengono assorbiti nel flusso sanguigno e ritornano nel fegato e poi nella cistifellea. Tali cicli acidi biliari fanno 6-8 volte al giorno, a seconda del pasto. Quindi, dopo aver perso la stabilità, vengono visualizzati insieme alle feci.

    Durante il normale funzionamento del fegato e della cistifellea, gli acidi biliari nello stato intermedio attivo non entrano nel sangue, poiché sono tossici.

    Quando questi organi non funzionano, una grande quantità di acido entra nel flusso sanguigno e provoca prurito e eruzione cutanea.

    In quali condizioni prude la pelle?

    La principale causa di prurito della pelle è colestasi, alterata circolazione di acidi biliari e le loro forme tossiche nel sangue.

    Danno da epatociti

    La causa di tale malattia è molto spesso infezioni (epatite virale, parassitaria e altre), danno epatico tossico (avvelenamento da tossine, alcol, funghi velenosi, sostanze chimiche, intolleranza alle droghe) e cirrosi. L'ittero in tali malattie è chiamato epatico e ha un colore giallo-zafferano con una sfumatura rossastra.

    I pazienti lamentano dolore nella parte destra e nell'ipocondrio destro. Poiché il lavoro degli epatociti è interrotto, non possono svolgere pienamente la loro funzione. Gli acidi biliari entrano nel flusso sanguigno e causano irritazione delle terminazioni nervose, che provoca prurito, bruciore e eruzioni cutanee. Nell'epatite infettiva, questo sintomo è meno comune rispetto alla cirrosi. Quasi nella metà dei pazienti con cirrosi biliare primitiva, questo è stato il primo motivo per chiedere aiuto medico.

    cholestasia

    Riduzione dell'escrezione biliare, ostruzione del dotto biliare comune. Questa patologia si verifica a seguito di un blocco del condotto stesso o di uno schiacciamento esterno. Le cause più comuni sono il blocco del dotto biliare da parte di una pietra e malattie oncologiche, che lo fanno spremere dall'esterno o germogliare nel lume del condotto. A causa di una violazione del deflusso della bile, un eccesso di acidi biliari viene assorbito nel flusso sanguigno e provoca intenso prurito e bruciore della pelle.

    In questo caso, la pelle prude molto più intensamente che con una causa epatica e il prurito si verifica molto più frequentemente, in circa il 25% dei casi della malattia. La pelle in tali condizioni è dipinta prima in giallo, e quindi acquisisce un colore verde oliva. Questo tipo di ittero è chiamato subpatico. Sensazioni dolorose molto più intense, più acute. Localizzato nel fegato o nell'ipocondrio destro. I sintomi di intossicazione sono più pronunciati: febbre, brividi, nausea, vomito, debolezza, irritabilità, mal di testa e insonnia.

    Effetto collaterale

    Farmaci che causano colestasi - alcuni antibiotici (fenotiazina, eritromicina, tolubutamide), ormoni (testosterone, steroidi anabolizzanti, contraccettivi ormonali orali, estrogeni, progesterone).

    Come prude la pelle nelle malattie del fegato da reazioni allergiche?

    Il prurito della pelle causato da danni al fegato e alle vie biliari, è intenso, spesso si verifica durante la notte. La pettinatura non porta sollievo. Oltre al prurito, ci sono altri sintomi di malattia del fegato (ittero, eruzione cutanea, dolore nel giusto ipocondrio, disturbi dispeptici), eruzioni cutanee, vene varicose (teleangectasie), lividi ed emorragie e pigmentazione (macchie di pigmento) sulla pelle.

    La principale differenza è che gli antistaminici, che sono il principale trattamento per le reazioni allergiche, non sono assolutamente efficaci nel prurito del fegato.

    Se si sospetta una patologia del fegato, il medico deve raccomandare ulteriori metodi di ricerca:

    • esame ecografico del fegato, della cistifellea e del pancreas;
    • esami del sangue generali clinici e biochimici (determinazione di test funzionali del fegato - bilirubina, enzimi, stato del metabolismo proteico - proteine ​​del siero e sue frazioni e colesterolo);
    • coagulogramma (stato del sistema di coagulazione del sangue).

    Trattamento del prurito della pelle con malattie del fegato

    Non esiste un trattamento specifico per il prurito della pelle, poiché non è la causa della malattia, ma solo il suo sintomo, come ad esempio il dolore nell'area del giusto ipocondrio. A seconda dell'eziologia della malattia, viene selezionato il trattamento necessario. Vale la pena ricordare che tutti i sintomi sono individuali e dipendono da una varietà di ragioni: genere, età, presenza di altre malattie acute o croniche, farmaci e così via.

    Quanto prima viene formulata una diagnosi e viene prescritto un trattamento, tanto più velocemente la pelle pruriginosa sparirà.

    Per il trattamento delle cause di questo sintomo sgradevole, terapia complessa comunemente usata:

    • farmaci per la disintossicazione (assorbenti, soluzioni per la somministrazione endovenosa e purificazione del sangue);
    • farmaci antivirali e antibatterici;
    • terapia anti-infiammatoria;
    • leganti di acidi grassi e bilirubina;
    • epatoprotettori: lo scopo di questo gruppo di farmaci è enorme, il loro uso periodico è un'eccellente misura preventiva per le malattie del fegato;
    • farmaci per migliorare l'immunità;
    • vitamine e probiotici;
    • trattamento chirurgico - rimozione di cisti, tumori, calcoli;
    • l'abolizione dei farmaci che causano la colestasi.

    risultati

    Hai prurito, eruzioni cutanee e bruciore? Ti senti male, disturbi digestivi, pesantezza nel giusto ipocondrio o nel lato destro? Non ritardare la visita dal medico. Questo sintomo apparentemente poco serio può essere il risultato di malattie epatiche molto gravi, come l'epatite, la cirrosi o persino l'oncologia.

    La diagnosi precoce, l'identificazione della causa e il trattamento adeguato aiuteranno a liberarsi rapidamente dei sintomi spiacevoli e ripristinare il funzionamento del fegato.

    Prurito della pelle nelle malattie del fegato

    ✓ Articolo verificato da un medico

    Il prurito cutaneo è un fenomeno spiacevole che dà a una persona non solo disagio fisico ma anche psicologico. Di solito il suo aspetto è associato a malattie dermatologiche o reazioni allergiche, ma in realtà questo non è sempre vero, perché a volte il prurito può verificarsi a causa di disturbi nelle funzioni degli organi interni, in particolare del fegato. Come distinguere il cosiddetto prurito del fegato dal solito e come sbarazzarsi di questo problema?

    Prurito della pelle nelle malattie del fegato

    Perché prurisce la pelle con malattie del fegato?

    Quando le disfunzioni del fegato, la pelle è prurito a causa di ristagno di bile e spesso appaiono con ittero, ma a volte capita che il prurito è il primo e unico segno di un malfunzionamento del fegato.

    I sintomi della malattia del fegato

    Si verifica a seguito dell'esposizione alle terminazioni nervose della pelle degli acidi biliari, che nel normale funzionamento del corpo non entrano nel sangue.

    Ciò si verifica in una serie di malattie, che include:

    • danno al fegato. Questo può essere epatite virale e parassitaria, lesioni tossiche. In questo caso, il prurito è più spesso accompagnato da grave ittero (la pelle acquisisce una profonda tonalità giallo-arancio), dolore nel giusto ipocondrio, bruciore della pelle;

    L'epatosi nelle donne in gravidanza è una complicanza abbastanza comune della gravidanza, durante la quale il carico sul fegato della donna aumenta in modo significativo.

    Cirrosi biliare

    Come distinguere il solito prurito dal fegato?

    Il prurito della pelle, che è causato dalla compromissione della funzionalità epatica, è piuttosto intenso, doloroso e si verifica durante la notte. La pettinatura non porta sollievo e, oltre al prurito, il paziente manifesta sintomi quali eruzioni cutanee, vene varicose, lividi, ittero, disturbi dispeptici e dolore nell'ipocondrio destro. Un'altra differenza è che l'assunzione di antistaminici in questo caso quasi non dà l'effetto desiderato.

    Differenze di prurito al fegato dal solito

    Come sbarazzarsi del prurito?

    È impossibile curare il prurito che si verifica nei disturbi del fegato, in quanto non è una malattia, ma un sintomo. Se non scompare per un lungo periodo, dovresti consultare un medico, altrimenti la malattia potrebbe andare troppo lontano. Se si sospetta che tali patologie, è necessario sottoporsi a un'ecografia, così come passare un esame del sangue clinico e biochimico generale.

    Ma è possibile alleviare il prurito con l'aiuto di alcuni farmaci, dieta e semplici regole di igiene.

    Raccomandazioni generali

    Se una persona soffre di prurito persistente (se la causa non è la malattia del fegato, qui le raccomandazioni generali non saranno d'aiuto), si osservino le seguenti regole:

    • evitare il surriscaldamento della pelle, non andare al bagno e alla sauna, e nella stagione calda fare una bella doccia;

    Non surriscaldare la pelle.

    Usiamo creme al fenolo e al mentolo

    farmaci

    assorbenti

    Farmaci ipolipemizzanti

    epatoprotettori

    Per un temporaneo sollievo dal prurito epatico, puoi usare suprastin e altri antistaminici, oltre a vari unguenti che eliminano il prurito.

    Inoltre, in caso di prurito della pelle e malattie correlate, possono essere d'aiuto farmaci antivirali, antibatterici e antinfiammatori, nonché vitamine e probiotici. È importante notare che l'automedicazione per alterazioni della funzionalità epatica può peggiorare significativamente le condizioni del paziente, quindi qualsiasi farmaco deve essere assunto solo dopo aver consultato un medico.

    cibo

    Per ridurre le manifestazioni di prurito epatico e allo stesso tempo liberare il fegato da scorie e tossine, occorre prestare particolare attenzione alla nutrizione - una dieta speciale con quantità ridotte di cibi grassi, fritti e piccanti è necessaria (tabella n. 5).

    Top