Categoria

Messaggi Popolari

1 Ricette
Chirurgia della cistifellea addominale
2 Itterizia
Encefalopatia epatica: sintomi, trattamento
3 Giardia
Esami del sangue per controllare il fegato
Principale // Ricette

Cirrosi epatica in uomini e donne: sintomi e trattamento della malattia


La cirrosi epatica è una malattia cronica caratterizzata da una sostituzione irreversibile del tessuto epatico parenchimale da tessuto connettivo fibroso o stroma. Il fegato affetto da cirrosi può essere ingrandito o ridotto, la sua consistenza è insolitamente densa, collinosa, ruvida. La morte di pazienti con cirrosi avviene entro due o quattro anni con dolore acuto e angoscia nella fase terminale della malattia.

Considerare le varie forme della malattia, le loro cause, i primi segni, i sintomi e il trattamento della cirrosi epatica negli uomini e nelle donne.

La cirrosi epatica è primaria e secondaria.

Cause di malattia

Cirrosi epatica primitiva

Rappresentano la fase finale dello sviluppo dell'epatite e delle lesioni distrofiche del fegato causate dalla malattia di Botkin, dalla sifilide, dalla malaria e dalla tubercolosi.

Cirrosi secondaria del fegato

Si sviluppa a seguito di una stagnazione a lungo termine del sangue nelle malattie del cuore e con un prolungato ristagno della bile nel fegato.

Una delle cause della cirrosi è l'alcolismo. Tutta la cirrosi è divisa in un numero di forme, di cui cirrosi atrofica, ipertrofica e mista del fegato sono di maggiore interesse. Oltre alla cirrosi atrofica e ipertrofica, ci sono anche forme miste di cirrosi con sintomi sia di cirrosi atrofica che ipertrofica. Per esempio, ci sono casi in cui, insieme all'ittero, che è caratteristico della cirrosi ipertrofica, vi sono ascite e fegato avvizzito, caratteristici della cirrosi atrofica. A volte, insieme a un ingrossamento del fegato, c'è una milza ingrossata.

Sintomi e trattamento della cirrosi

Cirrosi atrofica

Nella cirrosi atrofica del fegato, il tessuto connettivo cresce intorno ai lobuli epatici, che subiscono quindi un restringimento. Di conseguenza, il fegato aumenta nel periodo di proliferazione del tessuto connettivo e, successivamente, insieme al processo di rugosità, vi è una significativa riduzione delle sue dimensioni. Tutti questi cambiamenti nel fegato sono irreversibili.

La malattia viene rilevata solo quando i cambiamenti cicatriziali sviluppati causano dolore. I primi segni di cirrosi: i pazienti lamentano perdita di peso, debolezza, scarso appetito, nausea, pesantezza nella regione epigastrica e aumento dell'addome.

Uno dei sintomi principali della malattia è l'idropisia (ascite), che si verifica a causa della comparsa di cambiamenti cicatriziali attorno ai rami della vena porta e della congestione causata da essi nelle vene della cavità addominale. Il fluido nella cavità addominale si muove liberamente e ha un basso peso specifico. Con un significativo accumulo degli arti inferiori comincia a gonfiarsi, a causa della compressione della vena cava inferiore con ascite e fuoriuscita ostruita di sangue venoso dagli arti inferiori. Un aumento dell'addome si verifica di solito non solo a causa dell'idropisia, ma anche a causa della flatulenza e di una milza ingrossata. Dopo il rilascio del fluido ascitico, si accumula di nuovo in un tempo molto breve.

I pazienti con cirrosi atrofica del fegato soffrono di sete aumentata; da essa viene secreta una piccola urina, in essa si trovano la bilirubina e l'urobilina. Il tratto gastrointestinale rivela anche una serie di disturbi: eruttazione, bruciore di stomaco, gonfiore intestinale, pesantezza nella regione epigastrica. A causa di disturbi alimentari, i pazienti sono esausti e anemici. Spesso muoiono a causa di polmonite, tubercolosi e insufficienza epatica.

La prognosi per la cirrosi atrofica è sempre scarsa. La malattia progredisce 2-3 anni e termina con la morte del paziente. Con un decorso più favorevole della malattia, quando il danno epatico è lento, l'aspettativa di vita massima non supera i quindici anni.

Trattamento atrofico

Per lo più sintomatico Tuttavia, il primo passo è eliminare la malattia che ha causato la cirrosi epatica. Il cibo del paziente dovrebbe contenere principalmente carboidrati e vitamine. Si consigliano latte, fiocchi di latte, farina, cereali, succhi di frutta, frutta, fegato, lievito. Lassativi leggeri, come rabarbaro e sale inglese, sono prescritti contro la congestione negli organi addominali. Dai diuretici Se il dropsy ha raggiunto dimensioni significative, la quantità di sale nel cibo dovrebbe essere fortemente limitata. Il liquido ascitico viene rilasciato periodicamente in ospedale. È vietato consumare bevande alcoliche, spezie, carne in eccesso.

Cirrosi ipertrofica

Questo tipo di cirrosi è abbastanza raro. L'essenza della malattia sta nella crescita del tessuto connettivo all'interno dei lobuli del fegato, che non si restringe, portando ad un ingrossamento del fegato. Allo stesso tempo, cresce il tessuto della milza, che spiega l'allargamento della milza.

I sintomi clinici caratteristici della malattia stanno aumentando lentamente l'ittero, il prurito con i graffi della pelle, una sensazione di pesantezza nel giusto ipocondrio e un aumento dell'addome. La quantità di bilirubina e colesterolo nel sangue aumenta. Nelle urine trovate bilirubina, urobilina, acidi biliari. I casi gravi della malattia sono accompagnati da sanguinamento interno.

Nella cirrosi ipertrofica, l'ascite di solito non si verifica. Ciò deriva dal fatto che non ci sono disturbi dalla circolazione sanguigna portale. La funzione epatica soffre un po '. La malattia dura 3-4 anni, la morte si verifica a causa di un'emorragia interna o di un'infezione associata.

Trattamento della forma ipertrofica

Nella cirrosi ipertrofica, il trattamento non è specifico. Si consiglia ai pazienti di osservare un determinato regime ottimale per compensare il processo ed evitare il superlavoro. Quando si attiva il processo, si raccomanda il riposo a letto in un ospedale.

I pazienti devono rispettare le restrizioni dietetiche note e astenersi da quantità eccessive di grassi animali, prodotti a base di carne. Sono consigliati dieta a base di latte e verdure con abbondante ricotta, verdure e frutta. I pazienti possono mangiare carne giovane (in piccole quantità), pollame, piatti a base di pesce. Sono richiesti anche alimenti che contengono una grande quantità di vitamine - acido ascorbico, B6, B12. Le bevande alcoliche sono severamente proibite.

Cirrosi alcolica

Alcolico o portale, l'epatite è quasi sempre causata dall'abuso di alcol. Particolarmente spesso la cirrosi alcolica del fegato si manifesta in quei gruppi professionali della popolazione i cui rappresentanti diventano facilmente vittime di alcolismo (dipendenti di aziende vinicole, impiegati di ristoranti, ecc.).

Nelle fasi iniziali della malattia, i disturbi dei pazienti riguardano principalmente il tratto digestivo: stitichezza, diarrea, scarso appetito, nausea, sensazione di pressione sotto il cucchiaio dopo aver mangiato, distensione addominale (la distensione addominale è uno dei primi e più costanti segni di cirrosi epatica iniziale). Tutti questi disturbi sono causati dalla gastrite alcolica cronica e dipendono quasi sempre dalla rottura di altre parti del tubo digerente. All'inizio della malattia, anche prima della comparsa dell'ascite, i pazienti possono trovare i nodi varicosi sulla parete addominale anteriore (dopo l'esame del paziente, sono visibili ampie vene traslucide attraverso la pelle della parete addominale).

Nella cirrosi alcolica, il fegato diminuisce relativamente molto presto e acquisisce un aspetto a grana grossa. Da parte del sistema cardiovascolare, vi è una tendenza all'ipotensione, oltre a segni caratteristici di malattie cardiache, a seconda dell'intossicazione da alcol. L'ittero, anche nascosto, non è un segno obbligatorio di cirrosi alcolica.

I pazienti hanno chiaramente espresso disturbi endocrini. Negli uomini, l'atrofia testicolare è spesso osservata, indebolimento del desiderio sessuale, perdita di capelli sotto l'ascella e area pubica, un sintomo di "palmi epatici" (i palmi sono costantemente caldi e rossi).

Nelle donne si osservano disturbi mestruali e funzioni generiche. Piccole teleangiectasie (piccoli vasi dilatati situati sotto la pelle) sotto forma di ragni o asterischi sono spesso annotate sulla pelle sia negli uomini che nelle donne. di solito si trovano nella metà superiore del corpo, nell'area della ramificazione della vena cava superiore, collo, viso, mento, mani, spalle.

La temperatura nella cirrosi alcolica del fegato è più spesso normale. C'è un progressivo esaurimento.

La prognosi della malattia non è così favorevole come nella malattia di Botkin, dal momento che la malattia è più prolungata, ma il processo patologico può essere fermato in una fase precoce se l'abuso di alcol viene interrotto.

Trattamento di forma alcolica

Il trattamento della cirrosi alcolica non è molto diverso dal trattamento di altre cirrosi epatica. In questo caso, si dovrebbe prestare particolare attenzione allo stato del tratto gastrointestinale.

La dieta dovrebbe essere basata su queste violazioni. La quantità totale di proteine ​​nella dieta non dovrebbe essere inferiore a 50 g al giorno. Dei prodotti proteici, quelli che contengono grandi quantità di tirosina, specialmente i fiocchi di latte, sono particolarmente raccomandati. I grassi animali sono nettamente limitati o completamente vietati.

Un ruolo importante nel trattamento della cirrosi alcolica sono le vitamine, in particolare la vitamina C in qualsiasi forma e la vitamina B12. Sono mostrati farmaci diuretici che riducono significativamente il rischio di ascite. La dieta è raccomandata con assunzione minima di sale.

Prevenzione: la lotta contro l'alcolismo

Consiste nella lotta contro l'alcolismo e i disturbi gastrointestinali. La completa cessazione dell'assunzione di alcol è un elemento essenziale della terapia preventiva.

Trattamento di rimedi popolari di cirrosi epatica

Con la cirrosi epatica, la medicina tradizionale consiglia:

Preparate la seta di mais e bevete come tè per 6 mesi.

Bere succo di ravanello nero e mangiarlo in qualsiasi forma ogni giorno.

Escludere dalla dieta o limitare bruscamente patate e prodotti a base di farina bianca (la cirrosi del fegato può talvolta derivare da un sovraccarico di fegato con amido).

Scavare le radici del dente di leone in aprile - maggio, tagliarle a pezzetti, asciugarle, friggerle leggermente (fino al marrone) e macinare. 1 cucchiaino di radice di dente di leone in polvere infornare 300 ml di acqua bollente, far bollire per 2-3 minuti e bere come caffè o tè costantemente.

Disporre uno strato di fiori di tarassaco con uno strato di zucchero, ripetere, mettere per 2 settimane sotto la pressa. Mangiare invece di marmellata.

Quando si avvia la cirrosi epatica, i seguenti rimedi sono utili:

Succo di carota, succo di pomodoro e una miscela di succo di carota, barbabietola e cetriolo in un rapporto di 10: 3: 3.

Collezione 1:

  1. radice di cicoria;
  2. Erba di iperico;
  3. achillea;
  4. erba equiseto.

Mescola tutto, taglia. 1 cucchiaio di miscela versare un bicchiere di acqua bollente e lasciare agire per 30 minuti. Prendi due terzi di tazza 2-3 volte al giorno 20 minuti prima dei pasti. Il rimedio è utile anche nell'epatite cronica.

5-6 foglie di rafano schiacciate con una radice insistono su 500 ml di vodka per 7 giorni, filtrare e prendere 1 cucchiaio 3 volte al giorno prima dei pasti. La medicina tradizionale consiglia questo rimedio anche per il cancro del polmone.

Collezione 2:

  1. foglie di ortica - 10 g;
  2. cinorrodo alla rosa canina - 20 g

Versare un cucchiaio di raccolta con un bicchiere di acqua bollente, far bollire per 10-15 minuti e filtrare. Prendi 1 bicchiere due volte al giorno.

Infusione di corteccia di salice. 60 g di corteccia di salice secca e tritata far bollire in un litro d'acqua per 15-20 minuti. Insistere, avvolgere, giorno, sforzo. Bere un terzo di bicchiere tre volte al giorno prima dei pasti.

Cuocere gli stimmi di mais e le foglie giovani sulle pannocchie di mais per 10-15 minuti, quindi bere questa infusione 2 tazze al giorno.

Bevi un bicchiere di succo di barbabietola rossa e ravanello ugualmente ogni giorno.

Bere 200 ml di linfa di betulla al giorno.

Non solo in caso di cirrosi epatica, ma anche in caso di malattie renali o dello stomaco, si consiglia di fare un impacco umido: inumidire un lenzuolo in acqua a temperatura ambiente prima di coricarsi, strizzarlo e girarlo dalle ascelle alle ginocchia, ma non più in alto né in basso. Quindi sdraiati a letto, copriti con una coperta molto calda e sdraiati così per un'ora e mezza, con calma e, se possibile, senza parlare. Quindi asciugati, mettiti la biancheria asciutta e vai a letto. Quindi fallo due volte a settimana: ha un effetto molto benefico sul fegato, sugli organi digestivi e protegge dai raffreddori.

Questo metodo di trattamento ha un effetto ancora maggiore se il lenzuolo viene bagnato con la rugiada, specialmente con la rugiada dei fiori della foresta o dei prati (ricetta di Vanga).

Con la cirrosi, è utile condurre giorni di digiuno: due chili di cetrioli in cinque dosi un giorno alla settimana; 1,5 kg di anguria in cinque ricevimenti un giorno alla settimana.

Regolarmente includere nella dieta miele, pompelmo, polenta o succo di polpa di zucca, brodo di avena, brodo di carote con cime, foglie e bacche di viburno, così come asparagi, melanzane, barbabietole, alghe.

Con la cirrosi del fegato viene eliminato l'alcol, anche a piccole dosi.

Giardino di cavoli Bere succo di cavolo 1-2 volte al giorno, 100 ml. Il succo di cavolo normale è molto facile da ottenere dopo aver sfregato la testa del cavolo e premendo la massa risultante.

Cardo mariano. 30 g di semi in polvere si fanno bollire in 500 ml di acqua, fino a che rimane la metà dell'acqua. Bevi un cucchiaio 4-5 volte al giorno.

Farmacia di asparagi 3 cucchiaini di materie prime per 200 ml di acqua bollente. Far bollire per 10 minuti, filtrare. Bere 50 ml ogni 4 ore.

Barbetta senza spine. È usato per la cirrosi del fegato, accompagnato da ascite. Preparare l'estratto alcolico (1:10). Bere 10-20 gocce 2-3 volte al giorno, nonché sotto forma di infuso caldo. L'infusione viene preparata come segue: 15 g di materie prime frantumate (radice) versare 500 ml di acqua bollente, lasciare per 1 ora, filtrare. Questa è una dose di due giorni. Si raccomanda inoltre di prendere la polvere dalla radice della barbetta sulla punta di un coltello 2-3 volte al giorno per diversi mesi.

Frizione Applicato con cirrosi epatica, accompagnato da ascite. 4 cucchiaini di ora di andare a letto versare 2 tazze di acqua bollente, lasciare per 1 ora, filtrare. Bere un drink in un giorno.

Il brassberry è fragrante. Applicato con cirrosi epatica, accompagnato da ascite. Due cucchiai di materie prime versare 2 tazze di acqua bollente, lasciare per 1 ora, filtrare. Bere 50 ml 4 volte al giorno.

Trattamento della cirrosi in medicina ufficiale: droghe e droghe

I pazienti nella fase di cirrosi compensata inattiva non hanno bisogno di terapia farmacologica. Vengono periodicamente prescritti un complesso di vitamine per la somministrazione orale.

In caso di cirrosi epatica di media attività, si raccomandano preparazioni per migliorare il metabolismo delle cellule del fegato, che comprendono vitamine (vitamine B6 e B12, cocarbossilasi, rutina, riboflavina, acido ascorbico, acido folico), acido lipoico, estratto di cardo mariano. I corsi di terapia sono progettati per 1-2 mesi.

L'importanza crescente di questo gruppo di farmaci acquisisce farmaci di origine vegetale.

Estratto secco purificato ottenuto dal cardo mariano, contenente flavoligni e flavonoidi, Silymar ha un marcato effetto epatoprotettivo: inibisce la crescita degli enzimi indicatori, previene lo sviluppo di colestasi. Presenta proprietà antiossidanti e radioprotettive, migliora la disintossicazione e la funzione escretoria del fegato, ha proprietà antispasmodiche e un leggero effetto anti-infiammatorio. L'uso del farmaco riduce le manifestazioni cliniche della malattia e diminuisce i parametri biochimici del processo nel fegato.

La funzione coleretica del farmaco è stata chiaramente tracciata ad un dosaggio minimo di 50 mg per kg di peso durante 1 e 2 ore di studio e ha rivelato il suo aumento del 31,6% e del 26,3%, rispettivamente. Inoltre, negli studi clinici è stata osservata una normalizzazione distinta della funzione della cistifellea in pazienti con manifestazioni di discinesia motoria. Sono questi i momenti che consentono di utilizzare Silimar in pazienti con danno epatico sullo sfondo della sindrome da colestasi, in contrasto con i suoi analoghi. Il farmaco viene utilizzato in qualsiasi fascia di età da 25 giorni a 1,5 mesi, 1-2 compresse 3 volte al giorno 30 minuti prima dei pasti.

Nello stadio scompensato della cirrosi epatica con encefalopatia, ascite o sindrome emorragica grave, la dose di acido lipoico o di Lipamide è aumentata a 2-3 g al giorno, il corso del trattamento è di 60-90 giorni. L'assunzione è combinata con la somministrazione parenterale di farmaci per 10-20 giorni.

Allo stesso modo, Essenziale viene trattato con una dose di 2-3 capsule 3 volte al giorno e 10-20 ml per via endovenosa, 2-3 volte al giorno in una soluzione isotonica. Il corso del trattamento combinato da 3 settimane a 2 mesi. Quando i fenomeni di insufficienza epatocellulare scompaiono, passano alle capsule ingerenti. La durata totale del ciclo di trattamento è fino a 6 mesi.

In caso di cirrosi virale dell'attività media, è indicato l'uso di Prednisolone in una dose giornaliera di 30 mg al giorno. La citopenia pronunciata è anche un'indicazione per la sua destinazione d'uso.

Ridurre gradualmente la dose di 2,5 mg ogni 2 settimane. Dose di mantenimento - 15-7,5 mg è selezionato singolarmente e preso 2-3 anni. Un alto grado di attività e un decorso rapidamente progressivo richiedono alte dosi del farmaco - da 40 a 60 mg. L'uso di corticosteroidi nella fase scompensata della malattia non è dimostrato, poiché contribuiscono all'aggiunta di complicazioni infettive e sepsi, ulcerazioni dal tratto gastrointestinale, osteoporosi, reazioni cataboliche che portano a insufficienza renale ed encefalopatia epatica.

Il trattamento dei pazienti con ascite viene effettuato combinando i farmaci diuretici: antagonisti di aldosterone e farmaci tiazidici. Combinazioni efficaci di spironolattone - acido etacrilico, Spironolattone - Triampur, con Sironolactone - Furosemide. La diuresi giornaliera non deve superare 2,5-3 l per evitare uno squilibrio evidente di elettroliti. Con l'avvento di potenti diuretici, la paracentesi ha praticamente cessato di dare in connessione con la perdita di proteine ​​che si verifica con esso e il pericolo di introdurre infezioni.

Non esiste un trattamento efficace per la cirrosi biliare primitiva. I corticosteroidi non hanno un effetto significativo sul decorso della malattia, ma rallentano la sua progressione.

La D-penicillamina sopprime la reazione infiammatoria del tessuto connettivo, lo sviluppo della fibrosi, riduce il contenuto di immunoglobuline, il livello di rame negli epatociti. Un effetto notevole è osservato solo con il suo uso prolungato (1,5-2 anni).

La plasmaferesi porta un sollievo temporaneo. Viene eseguito il trapianto di fegato.

Le indicazioni per il trattamento chirurgico di CP sono: ipertensione portale grave con vene varicose dell'esofago in pazienti sanguinanti, con vene varicose dell'esofago senza sanguinamento; se c'è una vena coronarica acutamente dilatata dello stomaco in combinazione con un'elevata ipertensione portale; ipersplenismo con l'indicazione di una storia di sanguinamento esofageo o alla sua minaccia.

Applicare vari tipi di anastomosi portocavale: mesentericocavale, splenorenale in combinazione con splenectomia o senza di esso. Le controindicazioni alla chirurgia sono l'ittero progressivo e l'età oltre i 55 anni.

Nutrizione per la cirrosi epatica

In caso di cirrosi epatica, al paziente vengono prescritti pasti dietetici completi e bilanciati per 5-6 per un deflusso biliare migliore, feci regolari (dieta all'interno della tabella n. 5). Limitare l'assunzione di proteine ​​e sale. Con l'ascite viene prescritta una dieta priva di sale, che completa la dieta con cibi ricchi di potassio. Con prurito e bradicardia, riducono la quantità di proteine ​​della carne, legumi contenenti triptofano, tirosina, cistina e metionina, che sono fonti di metaboliti tossici e ammoniaca.

Tutti i piatti sono cotti sull'acqua o al vapore e cotti al forno. I pazienti sono consigliati i seguenti piatti e alimenti:

  1. pane integrale di farina I e II varietà, pane di segale, pasticceria di ieri; burro e pasta sfoglia, torte fritte sono esclusi;
  2. zuppe di verdure e cereali su brodo vegetale, latticini con pasta, zuppa di borscht e cavoli vegetariani; la farina e le verdure per condire non sono fritte, ma essiccate; sono esclusi i brodi di carne, pesce e funghi;
  3. carne e pollame - carne magra di manzo, vitello, carne di maiale, coniglio, pollo bollito o cotto dopo la bollitura; l'oca, l'anatra, il fegato, i reni, il cervello, le carni affumicate, le salsicce, i cibi in scatola sono esclusi;
  4. pesce - varietà a basso contenuto di grassi in forma bollita e cotta;
  5. latticini - latte, kefir, acidophilus, yogurt, panna acida come condimento per piatti, ricotta semi-grassa e piatti da esso;
  6. uova - sotto forma di una frittata proteica; uova sode e uova fritte sono escluse;
  7. cereali - qualsiasi piatto da cereali;
  8. varie verdure bollite, al forno e stufate; escluso spinaci, acetosa, ravanelli, ravanelli, aglio, funghi;
  9. snack - insalata di verdure fresche con olio vegetale, macedonie, vinaigrette;
  10. frutti, bacche non acide, composte, gelatine;
  11. bevande - tè, caffè con latte, frutta, bacche e succhi di verdura.

Video correlati

I principali metodi di trattamento e diagnosi di cirrosi

I primi segni di cirrosi nelle donne e manifestazioni con la progressione della patologia

La cirrosi nelle donne, così come negli uomini, è una malattia molto pericolosa e irreversibile. Durante il suo sviluppo, le cellule dell'organo si spengono e vengono sostituite da cellule anormali che influenzano negativamente l'intero corpo di una donna.

I primi segni di malattia del fegato

Al minimo segno di problemi al fegato, vale la pena di fare urgentemente il proprio esame per capire cosa sta succedendo con questo organo e iniziare un trattamento competente in tempo.

  1. La pelle cambia
  2. Disturbi digestivi
  3. Cambiamenti ormonali
  4. Disturbi del sistema nervoso
  5. Problemi con la coagulazione del sangue
  6. Segni di intossicazione

I cambiamenti nella funzione e nella struttura del fegato influenzano una varietà di organi e sistemi. Spesso, non solo le persone comuni non informate, ma anche i medici non associano problemi alla loro pelle o alle feci con malattie del fegato. E solo i sondaggi rivelano casualmente il vero "colpevole" dell'indispensabile. Quali sono le manifestazioni del fegato che possono "segnalare" i loro problemi?

Cirrosi epatica: cause, sintomi e trattamento della cirrosi epatica

Come curare i rimedi popolari di cirrosi epatica

Le cellule epatiche hanno una capacità unica di rigenerarsi dopo aver bloccato l'ingresso di sostanze nocive nel corpo. Il nostro compito è di aiutarli in questo.

Fonte: Uzhegov G.N. Medicina ufficiale e tradizionale. L'enciclopedia più dettagliata. - M.: Casa editrice Eksmo, 2012.

Salute, vita, hobby, relazioni

Cirrosi atrofica

La cirrosi atrofica è una malattia progressiva cronica in cui il tessuto epatico è danneggiato e degenerato, cioè il fegato si riduce di dimensioni, la sua attività funzionale diminuisce o si arresta completamente. Il fegato non è in grado di svolgere le sue funzioni: produrre bile, accumulare sostanze nutritive, neutralizzare tossine, veleni e allergeni, ecc. Il tessuto connettivo funzionalmente inattivo cresce intorno ai lobi ridotti del fegato nella cirrosi atrofica, che si restringe successivamente.

La cirrosi atrofica è caratterizzata da sintomi combinati in diverse sindromi.

-Sindrome astenica, che si manifesta con diminuzione dell'appetito, delle prestazioni e del peso corporeo; umore depresso, stanchezza aumentata, sonnolenza diurna e debolezza.

-Sindrome di segni "piccoli" di un fegato:

-tendenza a ecchimosi;

-vene a ragno sul corpo e sul viso;

-arrossamento della pelle sulla pianta dei piedi e dei palmi;

-dilatazione persistente dei vasi sanguigni sul mento, naso, guance;

-ingrossamento delle ghiandole salivari parotidee;

-colorazione itterica della sclera, della mucosa orale e della pelle;

-un aumento delle dimensioni dei polpastrelli delle dita, nonché un cambiamento e un aumento delle piastre ungueali;

-la presenza di piccole strisce bianche sulle unghie.

-Sindrome di ipertensione portale:

-vene varicose dell'esofago e sanguinamento da loro;

-vene varicose nell'ombelico, così come la presenza di un caratteristico pattern venoso sull'addome (un sintomo della "testa di medusa");

-vene varicose del retto;

Le cause della cirrosi atrofica sono:

-malnutrizione, ad es. una quantità insufficiente di minerali, vitamine e proteine ​​entra nel corpo;

-epatite virale cronica;

-assumendo farmaci epatotossici

Diagnosi della cirrosi atrofica basata sui dati di un esame medico, analisi dei reclami dei pazienti e dell'anamnesi della malattia, nonché dati di laboratorio e strumentali. I dati di laboratorio comprendono: analisi del sangue biochimica e clinica generale, parametri biochimici della fibrosi epatica (indice PGA), analisi del sangue per malattie infiammatorie del fegato, epatite virale. I dati strumentali comprendono: ecografia addominale; esame della membrana mucosa del duodeno, dello stomaco e dell'esofago utilizzando un endoscopio; tomografia computerizzata degli organi addominali; imaging a risonanza magnetica; fibroscopia e biopsia epatica.

Il trattamento della cirrosi atrofica può essere conservativo (non chirurgico) e chirurgico. Il paziente deve seguire la dieta Pevzner n. 5, la cui essenza è che si dovrebbe mangiare da cinque a sei volte al giorno, limitare l'assunzione di proteine ​​da trenta a quaranta grammi al giorno, escludere cibi piccanti, grassi, fritti, affumicati, cibi cotti dalla dieta. sale. Deve essere escluso dal consumo di alcolici.

Per eliminare i sintomi della malattia, viene effettuato un trattamento conservativo. Il paziente è stato prescritto:

-I sali dell'acido nitrico sono nitrati. Espandono le arteriole e le vene, riducono il flusso di sangue al fegato e contribuiscono all'accumulo di sangue nei piccoli vasi;

-ormoni pituitari. Aiutano a ridurre la pressione nella vena porta e ridurre il volume del flusso ematico epatico a causa del restringimento delle arteriole della cavità addominale;

-analoghi sintetici della somatostatina che aiutano a ridurre l'ipertensione portale;

-beta-bloccanti che aiutano a ridurre il flusso di sangue al fegato;

-albumina e diuretici per l'eliminazione dell'ascite;

-preparati di lattulosio che rimuovono le sostanze nocive dall'intestino, che si accumulano a causa della rottura del fegato;

-farmaci emostatici (per sanguinamento), ecc.

Se necessario, viene eseguito un trattamento chirurgico, che include il trapianto di fegato o la devascolarizzazione.

Cirrosi atrofica

Cirrosi atrofica

Nella cirrosi atrofica del fegato, il tessuto connettivo cresce intorno ai lobuli epatici, che subiscono quindi un restringimento. Di conseguenza, il fegato aumenta nel periodo di proliferazione del tessuto connettivo e, successivamente, insieme al processo di rugosità, vi è una significativa riduzione delle sue dimensioni. Tutti questi cambiamenti nel fegato sono irreversibili.

La malattia viene rilevata solo quando i cambiamenti cicatriziali sviluppati causano dolore. I pazienti lamentano perdita di peso, debolezza, scarso appetito, nausea, pesantezza nella regione epigastrica e aumento dell'addome. Uno dei sintomi principali della malattia è l'idropisia (ascite), che si verifica a causa della comparsa di cambiamenti cicatriziali attorno ai rami della vena porta e della congestione causata da essi nelle vene della cavità addominale. Il fluido nella cavità addominale si muove liberamente e ha un basso peso specifico. Con un significativo accumulo degli arti inferiori comincia a gonfiarsi, a causa della compressione della vena cava inferiore con ascite e fuoriuscita ostruita di sangue venoso dagli arti inferiori. Un aumento dell'addome si verifica di solito non solo a causa dell'idropisia, ma anche a causa della flatulenza e di una milza ingrossata. Dopo il rilascio del fluido ascitico, si accumula di nuovo in un tempo molto breve.

I pazienti con cirrosi atrofica del fegato soffrono di sete aumentata; da essa viene secreta una piccola urina, in essa si trovano la bilirubina e l'urobilina. Da parte del tratto gastrointestinale si riscontrano anche numerosi disturbi: eruttazione, bruciore di stomaco, gonfiore intestinale, pesantezza nella regione epigastrica. A causa di disturbi alimentari, i pazienti sono esausti e anemici. Spesso muoiono a causa di polmonite, tubercolosi e insufficienza epatica.

La prognosi per la cirrosi atrofica è sempre scarsa. La malattia progredisce 2-3 anni e termina con la morte del paziente. Con un decorso più favorevole della malattia, quando il danno epatico è lento, l'aspettativa di vita massima non supera i quindici anni.

Trattamento per lo più sintomatico Tuttavia, il primo passo è eliminare la malattia che ha causato la cirrosi epatica. Il cibo del paziente dovrebbe contenere principalmente carboidrati e vitamine. Si consigliano latte, fiocchi di latte, farina, cereali, succhi di frutta, frutta, fegato, lievito. Lassativi leggeri, come rabarbaro e sale inglese, sono prescritti contro la congestione negli organi addominali. Dai diuretici Se il dropsy ha raggiunto dimensioni significative, la quantità di sale nel cibo dovrebbe essere fortemente limitata. Il liquido ascitico viene rilasciato periodicamente in ospedale. È vietato consumare bevande alcoliche, spezie, carne in eccesso.

Capitoli simili da altri libri

CIRROSSI DEL FEGATO

CIRCOSSI DEL FEGATO Il fosforo 6, 12, 30 - è indicato per epatite cronica, condizione precirrotica e cirrosi mista, che è accompagnata da progressiva perdita di peso, ittero persistente, ipertensione portale (ascite, sanguinamento); rafforza

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica Durante il periodo di compensazione della malattia, si raccomanda la variante principale della dieta standard. Se il paziente non è esausto, è sufficiente 1 g / kg di peso corporeo di proteine. Una dieta ricca di proteine ​​(fino a 1,5 g / kg) è di particolare importanza per i pazienti con cirrosi alcolica, che

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica La cirrosi epatica è la fase terminale di una serie di malattie infiammatorie croniche del fegato, che è caratterizzata dalla morte di epatociti con la formazione di nodi rigenerativi e ponti di tessuto connettivo, una violazione del flusso sanguigno portocavale e tutte le funzioni

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica La cirrosi epatica è una malattia progressiva caratterizzata da distrofia o necrosi delle cellule epatiche. Di conseguenza, il tessuto connettivo cresce in modo casuale, la normale struttura del fegato è disturbata, la circolazione del sangue in esso ed epatica

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica Con cirrosi epatica, aiutano i seguenti preparati a base di erbe - Radice di radice - 100 g, ortica - 100 g, immortelle - 75 g 3 cucchiai. raccolta cucchiaio versare in un thermos 3 tazze di acqua bollente. Insistere la notte. Al mattino, filtrare e prendere 150 g prima dei pasti - 2 cucchiai. cucchiai di radice di asparagi

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica Ecco alcuni preparati a base di erbe che aiutano la cirrosi del fegato - Radice di cicoria - 100 g, ortica - 100 g, immortelle - 75 g 3 cucchiai. raccolta cucchiaio versare in un thermos 3 tazze di acqua bollente. Insistere la notte. Al mattino, filtrare e prendere 150 g prima dei pasti - 2 cucchiai. cucchiai

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica Restauro del tratto gastrointestinale Burro vegetale Dalle carote (o cavolo bianco, ravanello nero (non si staccano la pelle)) spremere il succo con uno spremiagrumi. Non appena ottieni la torta, devi arrotolarli con i palmi delle mani in piccole palline.

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica La cirrosi epatica è una malattia epatica cronica e progressiva. È caratterizzato dal danno e dalla morte delle cellule epatiche e dalla loro graduale sostituzione attraverso l'espansione del tessuto connettivo, che può verificarsi come complicazione dell'epatite virale. Spesso la causa

CIRROSSI DEL FEGATO

CIRROSSI DEL VIVORE La voce femminile nel portatile era secca e triste: "Scusa, non ho chiamato per molto tempo... Alfat è morto l'ultimo giorno di marzo...". Mi sono subito ricordata di una donna con una faccia stanca e ansiosa che è arrivata a metà febbraio per chiedere aiuto. Suo marito è stato curato per l'epatite.

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica Restauro del tratto gastrointestinale Burro vegetale. Carote (o cavolo bianco, ravanello nero (non si staccano dalla pelle)) spremere il succo con uno spremiagrumi. Non appena ottieni la torta, devi arrotolarli con i palmi delle mani in piccole palline.

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica La cirrosi epatica (rugosità e deformazione dell'organo dovuta alla crescita del tessuto connettivo in essa presente) si sviluppa principalmente per due motivi: epatite virale sotto-trattata ed esposizione prolungata all'alcool. L'avvelenamento può anche causare cirrosi.

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica La cirrosi è la rugosità e la deformazione di un organo dovuta alla proliferazione del tessuto connettivo in essa La cirrosi è una malattia epatica progressiva cronica dovuta alla sua sconfitta nell'epatite virale e in altre malattie infettive,

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica La malattia si sviluppa gradualmente e di solito è il risultato di un processo infiammatorio cronico nel fegato, causato da varie cause: epatite virale cronica, ostruzione del dotto biliare, sifilide, infezione parassitaria, malattie

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica Prelevare 1 tazza di succo di carota da 1 dess. l. succo di limone e 1 cucchiaino. miele 2-3 volte al giorno prima dei pasti Succhi di verdura Il succo di carota in combinazione con succo di spinaci e succo di limone è una bevanda utile nel trattamento della cirrosi epatica. Per fare questo, mescolare 300 ml di succo di carota,

Cirrosi epatica

Cirrosi epatica • Mescolare 500 ml di succo di topinambur, 300 ml di succo di carota e 200 ml di succo di spinaci • Una miscela di 500 ml di succo di girasol, 300 ml di succo di carota, 100 ml di succo di cetriolo e 100 ml di succo di barbabietola sarà ugualmente efficace. Le bevande devono essere bevute lentamente, piccole

Cirrosi epatica

Cirrosi - Il succo di carota in combinazione con succo di spinaci è una bevanda utile nel trattamento della cirrosi epatica. Per fare questo, mescolare 300 ml di succo di carota, 200 ml di succo di spinaci e 2 cucchiai. cucchiai di aceto di mele. Una miscela di 300 ml di succo di carota, 100 ml sarà ugualmente efficace.

Cirrosi atrofica

Foto a macroistruzione Il fegato è ridotto, grigio-bruno, a volte con una sfumatura giallastra. La consistenza è spessa. La superficie è irregolare, ruvida e di piccole dimensioni o granulosa. È tagliato a fatica.

Il micro. Diffusa proliferazione del tessuto connettivo attorno ai lobuli. Atrofia dei lobuli.

Cambiamenti correlati: ascite, ittero parenchimale.

Probabile causa: ipovitaminosi B6, avvelenamento da piante, cloroformio, fosforo. Gastroenterite.

Cirrosi ipertrofica

Foto a macroistruzione Il fegato viene ingrandito 2-3 volte. Il colore è grigio-marrone, la trama è densa, la superficie è liscia.

Il micro. Diffusa crescita interlobulare e intralobulare del tessuto connettivo. Violazione della struttura lobulare con isolamento degli epatociti. Ipertrofia e iperplasia degli eptociti.

Cambiamenti associati: ittero parenchimale, iperplasia della milza.

Probabilmente motivo. Come con la cirrosi atrofica.

Cirrosi postnecrotica

Foto a macroistruzione Il fegato è ridotto, la superficie è nodosa, nodosa. Foci di necrosi circondate da tessuto connettivo denso. Sulla sezione c'è un modello piccolo e limo.

Il micro. La proliferazione del tessuto connettivo principalmente al centro dei lobuli epatici. Distrofia proteica e necrosi degli epatociti.

Cambiamenti concomitanti: ittero ricorrente, esaurimento.

Probabile causa: distrofia tossica del fegato. Iperemia congestizia cronica

Libreria del portale Heinrich Nikolaevich Uzhegov. Medicina ufficiale e tradizionale L'enciclopedia più dettagliata. R - I


Cirrosi epatica
La cirrosi epatica è primaria e secondaria.

Cirrosi primaria
Rappresentano la fase finale dello sviluppo dell'epatite e delle lesioni distrofiche del fegato causate dalla malattia di Botkin, dalla sifilide, dalla malaria e dalla tubercolosi.

Cirrosi secondaria del fegato
Si sviluppa a seguito di una stagnazione a lungo termine del sangue nelle malattie del cuore e con un prolungato ristagno della bile nel fegato.
Una delle cause della cirrosi è l'alcolismo. Tutta la cirrosi è divisa in un numero di forme, di cui cirrosi atrofica, ipertrofica e mista del fegato sono di maggiore interesse. Oltre alla cirrosi atrofica e ipertrofica, ci sono anche forme miste di cirrosi con sintomi sia di cirrosi atrofica che ipertrofica. Per esempio, ci sono casi in cui, insieme all'ittero, che è caratteristico della cirrosi ipertrofica, vi sono ascite e fegato avvizzito, caratteristici della cirrosi atrofica. A volte, insieme a un ingrossamento del fegato, c'è una milza ingrossata.

Cirrosi atrofica
Nella cirrosi atrofica del fegato, il tessuto connettivo cresce intorno ai lobuli epatici, che subiscono quindi un restringimento. Di conseguenza, il fegato aumenta nel periodo di proliferazione del tessuto connettivo e, successivamente, insieme al processo di rugosità, vi è una significativa riduzione delle sue dimensioni. Tutti questi cambiamenti nel fegato sono irreversibili.
La malattia viene rilevata solo quando i cambiamenti cicatriziali sviluppati causano dolore. I pazienti lamentano perdita di peso, debolezza, scarso appetito, nausea, pesantezza nella regione epigastrica e aumento dell'addome. Uno dei sintomi principali della malattia è l'idropisia (ascite), che si verifica a causa della comparsa di cambiamenti cicatriziali attorno ai rami della vena porta e della congestione causata da essi nelle vene della cavità addominale. Il fluido nella cavità addominale si muove liberamente e ha un basso peso specifico. Con un significativo accumulo degli arti inferiori comincia a gonfiarsi, a causa della compressione della vena cava inferiore con ascite e fuoriuscita ostruita di sangue venoso dagli arti inferiori. Un aumento dell'addome si verifica di solito non solo a causa dell'idropisia, ma anche a causa della flatulenza e di una milza ingrossata. Dopo il rilascio del fluido ascitico, si accumula di nuovo in un tempo molto breve.
I pazienti con cirrosi atrofica del fegato soffrono di sete aumentata; da essa viene secreta una piccola urina, in essa si trovano la bilirubina e l'urobilina. Da parte del tratto gastrointestinale si riscontrano anche numerosi disturbi: eruttazione, bruciore di stomaco, gonfiore intestinale, pesantezza nella regione epigastrica. A causa di disturbi alimentari, i pazienti sono esausti e anemici. Spesso muoiono a causa di polmonite, tubercolosi e insufficienza epatica.
La prognosi per la cirrosi atrofica è sempre scarsa. La malattia progredisce 2-3 anni e termina con la morte del paziente. Con un decorso più favorevole della malattia, quando il danno epatico è lento, l'aspettativa di vita massima non supera i quindici anni.
Trattamento per lo più sintomatico Tuttavia, il primo passo è eliminare la malattia che ha causato la cirrosi epatica. Il cibo del paziente dovrebbe contenere principalmente carboidrati e vitamine. Si consigliano latte, fiocchi di latte, farina, cereali, succhi di frutta, frutta, fegato, lievito. Lassativi leggeri, come rabarbaro e sale inglese, sono prescritti contro la congestione negli organi addominali. Dai diuretici Se il dropsy ha raggiunto dimensioni significative, la quantità di sale nel cibo dovrebbe essere fortemente limitata. Il liquido ascitico viene rilasciato periodicamente in ospedale. È vietato consumare bevande alcoliche, spezie, carne in eccesso.

Cirrosi ipertrofica
Questo tipo di cirrosi è abbastanza raro. L'essenza della malattia sta nella crescita del tessuto connettivo all'interno dei lobuli del fegato, che non si restringe, portando ad un ingrossamento del fegato. Allo stesso tempo, cresce il tessuto della milza, che spiega l'allargamento della milza.
I sintomi clinici caratteristici della malattia stanno aumentando lentamente l'ittero, il prurito con i graffi della pelle, una sensazione di pesantezza nel giusto ipocondrio e un aumento dell'addome. La quantità di bilirubina e colesterolo nel sangue aumenta. Nelle urine trovate bilirubina, urobilina, acidi biliari. I casi gravi della malattia sono accompagnati da sanguinamento interno.
Nella cirrosi ipertrofica, l'ascite di solito non si verifica. Ciò deriva dal fatto che non ci sono disturbi dalla circolazione sanguigna portale. La funzione epatica soffre un po '. La malattia dura 3-4 anni e la morte si verifica a causa di un'emorragia interna o di un'infezione associata.
Trattamento Nella cirrosi ipertrofica, il trattamento non è specifico. Si consiglia ai pazienti di osservare un determinato regime ottimale per compensare il processo ed evitare il superlavoro. Quando si attiva il processo, si raccomanda il riposo a letto in un ospedale.
I pazienti devono rispettare le restrizioni dietetiche note e astenersi da quantità eccessive di grassi animali, prodotti a base di carne. Sono consigliati dieta a base di latte e verdure con abbondante ricotta, verdure e frutta. I pazienti possono mangiare carne giovane (in piccole quantità), pollame, piatti a base di pesce. Sono richiesti anche alimenti che contengono una grande quantità di vitamine - acido ascorbico, B6, B12. Le bevande alcoliche sono severamente proibite.

Cirrosi alcolica
Alcolico o portale, l'epatite è quasi sempre causata dall'abuso di alcol. Particolarmente spesso la cirrosi alcolica del fegato si manifesta in quei gruppi professionali della popolazione i cui rappresentanti diventano facilmente vittime di alcolismo (dipendenti di aziende vinicole, impiegati di ristoranti, ecc.).
Nelle fasi iniziali della malattia, i disturbi dei pazienti riguardano principalmente il tratto digestivo: stitichezza, diarrea, scarso appetito, nausea, sensazione di pressione sotto il cucchiaio dopo aver mangiato, distensione addominale (la distensione addominale è uno dei primi e più costanti segni di cirrosi epatica iniziale). Tutti questi disturbi sono causati dalla gastrite alcolica cronica e dipendono quasi sempre dalla rottura di altre parti del tubo digerente. All'inizio della malattia, anche prima della comparsa dell'ascite, i pazienti possono trovare i nodi varicosi sulla parete addominale anteriore (dopo l'esame del paziente, sono visibili ampie vene traslucide attraverso la pelle della parete addominale).
La cirrosi epatica diminuisce relativamente molto presto e acquisisce un aspetto a grandi falde. Da parte del sistema cardiovascolare, vi è una tendenza all'ipotensione, oltre a segni caratteristici di danni al cuore, a seconda dell'intossicazione da alcol. L'ittero, anche nascosto, non è un segno obbligatorio di cirrosi alcolica.
I pazienti hanno chiaramente espresso disturbi endocrini. Negli uomini, l'atrofia testicolare è spesso osservata, indebolimento del desiderio sessuale, perdita di capelli sotto l'ascella e area pubica, un sintomo di "palmi epatici" (i palmi sono costantemente caldi e rossi).
Nelle donne si osservano disturbi mestruali e funzioni generiche. Piccole teleangiectasie (piccoli vasi dilatati situati sotto la pelle) sotto forma di ragni o asterischi sono spesso annotate sulla pelle sia negli uomini che nelle donne. di solito si trovano nella metà superiore del corpo, nell'area della ramificazione della vena cava superiore, collo, viso, mento, mani, spalle.
La temperatura nella cirrosi alcolica del fegato è più spesso normale. C'è un progressivo esaurimento.
La prognosi della malattia non è così favorevole come nella malattia di Botkin, dal momento che la malattia è più prolungata, ma il processo patologico può essere fermato in una fase precoce se l'abuso di alcol viene interrotto.
Trattamento Il trattamento della cirrosi alcolica non è molto diverso dal trattamento di altre cirrosi epatica. In questo caso, si dovrebbe prestare particolare attenzione allo stato del tratto gastrointestinale. La dieta dovrebbe essere basata su queste violazioni. La quantità totale di proteine ​​nella dieta non dovrebbe essere inferiore a 50 g al giorno. Dei prodotti proteici, quelli che contengono grandi quantità di tirosina, specialmente i fiocchi di latte, sono particolarmente raccomandati. I grassi animali sono nettamente limitati o completamente vietati. Un ruolo importante nel trattamento della cirrosi alcolica sono le vitamine, in particolare la vitamina C in qualsiasi forma e la vitamina B12. Sono mostrati farmaci diuretici che riducono significativamente il rischio di ascite. La dieta è raccomandata con assunzione minima di sale.
Prevenzione Consiste nella lotta contro l'alcolismo e i disturbi gastrointestinali. La completa cessazione dell'assunzione di alcol è un elemento essenziale della terapia preventiva.

La medicina tradizionale consiglia
Preparate la seta di mais e bevete come tè per 6 mesi.
Bere succo di ravanello nero e mangiarlo in qualsiasi forma ogni giorno.
Escludere dalla dieta o limitare bruscamente patate e prodotti a base di farina bianca (la cirrosi del fegato può talvolta derivare da un sovraccarico di fegato con amido).
Scavare le radici del dente di leone in aprile - maggio, tagliarle a pezzetti, asciugarle, friggerle leggermente (fino al marrone) e macinare. 1 cucchiaino di radice di dente di leone in polvere infornare 300 ml di acqua bollente, far bollire per 2-3 minuti e bere come caffè o tè costantemente.
Disporre uno strato di fiori di tarassaco con uno strato di zucchero, ripetere, mettere per 2 settimane sotto la pressa. Mangiare invece di marmellata.
Quando si avvia la cirrosi epatica, i seguenti rimedi sono utili:
Succo di carota, succo di pomodoro e una miscela di succo di carota, barbabietola e cetriolo in un rapporto di 10: 3: 3.

Collezione 1:
• erba achillea
• erba di equiseto
• erba Hypericum
• radice di cicoria
Mescola tutto, taglia. 1 cucchiaio di miscela versare un bicchiere di acqua bollente e lasciare agire per 30 minuti. Prendi ⅔ tazza 2-3 volte al giorno 20 minuti prima dei pasti. Il rimedio è utile anche nell'epatite cronica.
5-6 foglie di rafano schiacciate con una radice insistono su 500 ml di vodka per 7 giorni, filtrare e prendere 1 cucchiaio 3 volte al giorno prima dei pasti. La medicina tradizionale consiglia questo rimedio anche per il cancro del polmone.
Collezione 2:
• frutta cannella rosa canina - 20 g
• foglie di ortica - 10 g
Versare un cucchiaio di raccolta con un bicchiere di acqua bollente, far bollire per 10-15 minuti e filtrare. Prendi 1 bicchiere due volte al giorno.
Infusione di corteccia di salice. 60 g di corteccia di salice secca e tritata far bollire in un litro d'acqua per 15-20 minuti. Insistere, avvolgere, giorno, sforzo. Bere 1/3 di tazza tre volte al giorno prima dei pasti.
Cuocere gli stimmi di mais e le foglie giovani sulle pannocchie di mais per 10-15 minuti, quindi bere questa infusione 2 tazze al giorno.
Bevi un bicchiere di succo di barbabietola rossa e ravanello ugualmente ogni giorno.
Bere 200 ml di linfa di betulla al giorno.
Non solo in caso di cirrosi epatica, ma anche in caso di malattie renali o dello stomaco, si consiglia di fare un impacco umido: inumidire un lenzuolo in acqua a temperatura ambiente prima di coricarsi, strizzarlo e girarlo dalle ascelle alle ginocchia, ma non più in alto né in basso. Quindi sdraiati a letto, copriti con una coperta molto calda e sdraiati così per un'ora e mezza, con calma e, se possibile, senza parlare. Quindi asciugati, mettiti la biancheria asciutta e vai a letto. Quindi fallo due volte a settimana: ha un effetto molto benefico sul fegato, sugli organi digestivi e protegge dai raffreddori.
Questo metodo di trattamento ha un effetto ancora maggiore se il lenzuolo viene bagnato con la rugiada, specialmente con la rugiada dei fiori della foresta o dei prati (ricetta di Vanga).
Con la cirrosi, è utile condurre giorni di digiuno: due chili di cetrioli in cinque dosi un giorno alla settimana; 1,5 kg di anguria in cinque ricevimenti un giorno alla settimana.
Regolarmente includere nella dieta miele, pompelmo, polenta o succo di polpa di zucca, brodo di avena, brodo di carote con cime, foglie e bacche di viburno, così come asparagi, melanzane, barbabietole, alghe.
Con la cirrosi del fegato viene eliminato l'alcol, anche a piccole dosi.
Giardino di cavoli Bere succo di cavolo 1-2 volte al giorno, 100 ml. Il succo di cavolo normale è molto facile da ottenere dopo aver sfregato la testa del cavolo e premendo la massa risultante. Cardo mariano. 30 g di semi in polvere si fanno bollire in 500 ml di acqua, fino a che rimane la metà dell'acqua. Bevi un cucchiaio 4-5 volte al giorno.
Farmacia di asparagi 3 cucchiaini di materie prime per 200 ml di acqua bollente. Far bollire per 10 minuti, filtrare. Bere 50 ml ogni 4 ore.
Barbetta senza spine. È usato per la cirrosi del fegato, accompagnato da ascite. Preparare l'estratto alcolico (1:10). Bere 10-20 gocce 2-3 volte al giorno, nonché sotto forma di infuso caldo. L'infusione viene preparata come segue: 15 g di materie prime frantumate (radice) versare 500 ml di acqua bollente, lasciare per 1 ora, filtrare. Questa è una dose di due giorni. Si raccomanda inoltre di prendere la polvere dalla radice della barbetta sulla punta di un coltello 2-3 volte al giorno per diversi mesi.
Frizione Applicato con cirrosi epatica, accompagnato da ascite. 4 cucchiaini di ora di andare a letto versare 2 tazze di acqua bollente, lasciare per 1 ora, filtrare. Bere un drink in un giorno.
Il brassberry è fragrante. Applicato con cirrosi epatica, accompagnato da ascite. Due cucchiai di materie prime versare 2 tazze di acqua bollente, lasciare per 1 ora, filtrare. Bere 50 ml 4 volte al giorno.

Mezzi di medicina ufficiale
I pazienti nella fase di cirrosi compensata inattiva non hanno bisogno di terapia farmacologica. Vengono periodicamente prescritti un complesso di vitamine per la somministrazione orale.
• In caso di cirrosi epatica di media attività, si raccomandano farmaci per migliorare il metabolismo delle cellule del fegato, che comprendono vitamine (vitamine B6 e B12, cocarbossilasi, rutina, riboflavina, acido ascorbico, acido folico), acido lipoico, estratto di cardo mariano. I corsi di terapia sono progettati per 1-2 mesi.
• L'importanza crescente di questo gruppo di farmaci acquisisce farmaci di origine vegetale. Estratto secco purificato ottenuto dal cardo mariano, contenente flavoligni e flavonoidi, Silymar ha un marcato effetto epatoprotettivo: inibisce la crescita degli enzimi indicatori, previene lo sviluppo di colestasi. Presenta proprietà antiossidanti e radioprotettive, migliora la disintossicazione e la funzione escretoria del fegato, ha proprietà antispasmodiche e un leggero effetto anti-infiammatorio. L'uso del farmaco riduce le manifestazioni cliniche della malattia e diminuisce i parametri biochimici del processo nel fegato. La funzione coleretica del farmaco è stata chiaramente tracciata ad un dosaggio minimo di 50 mg per kg di peso durante 1 e 2 ore di studio e ha rivelato il suo aumento del 31,6% e del 26,3%, rispettivamente. Inoltre, negli studi clinici è stata osservata una normalizzazione distinta della funzione della cistifellea in pazienti con manifestazioni di discinesia motoria. Sono questi i momenti che consentono di utilizzare Silimar in pazienti con danno epatico sullo sfondo della sindrome da colestasi, in contrasto con i suoi analoghi. Il farmaco viene utilizzato in qualsiasi fascia di età da 25 giorni a 1,5 mesi, 1-2 compresse 3 volte al giorno 30 minuti prima dei pasti.
• Nello stadio scompensato della cirrosi epatica con encefalopatia, ascite o sindrome emorragica grave, la dose di acido lipoico o lipamid è aumentata a 2-3 g al giorno, il corso del trattamento è di 60-90 giorni. L'assunzione è combinata con la somministrazione parenterale di farmaci per 10-20 giorni. Allo stesso modo, Essenziale viene trattato con una dose di 2-3 capsule 3 volte al giorno e 10-20 ml per via endovenosa, 2-3 volte al giorno in una soluzione isotonica. Il corso del trattamento combinato da 3 settimane a 2 mesi. Con la scomparsa dei fenomeni di insufficienza epatocellulare procedere a ricevere capsule all'interno. La durata totale del ciclo di trattamento è fino a 6 mesi.
• In caso di cirrosi virale di media attività, l'uso di prednisolone viene mostrato in una dose giornaliera di 30 mg al giorno. La citopenia pronunciata è anche un'indicazione per la sua destinazione d'uso. Ridurre gradualmente la dose di 2,5 mg ogni 2 settimane. Dose di mantenimento - 15-7,5 mg è selezionato singolarmente e preso 2-3 anni. Un alto grado di attività e un decorso rapidamente progressivo richiedono alte dosi del farmaco - da 40 a 60 mg. L'uso di corticosteroidi nella fase scompensata della malattia non è dimostrato, poiché contribuiscono all'aggiunta di complicazioni infettive e sepsi, ulcerazioni dal tratto gastrointestinale, osteoporosi, reazioni cataboliche che portano a insufficienza renale ed encefalopatia epatica.
• Il trattamento dei pazienti con ascite viene effettuato combinando i farmaci diuretici: antagonisti di aldosterone e farmaci tiazidici. Combinazioni efficaci di spironolattone - acido etacrilico, Spironolattone - Triampur, con Sironolactone - Furosemide. La diuresi giornaliera non deve superare 2,5-3 l per evitare uno squilibrio evidente di elettroliti. Con l'avvento di potenti diuretici, la paracentesi ha praticamente cessato di dare in connessione con la perdita di proteine ​​che si verifica con esso e il pericolo di introdurre infezioni.
• Non esiste un trattamento efficace per la cirrosi biliare primaria. I corticosteroidi non hanno un effetto significativo sul decorso della malattia, ma rallentano la sua progressione.
• La D-penicillamina sopprime la reazione infiammatoria del tessuto connettivo, lo sviluppo della fibrosi, riduce il contenuto di immunoglobuline, il livello di rame negli epatociti. Un effetto notevole è osservato solo con il suo uso prolungato (1,5-2 anni).
• Il sollievo temporaneo viene dalla plasmaferesi. Viene eseguito il trapianto di fegato.
Le indicazioni per il trattamento chirurgico di CP sono: ipertensione portale grave con vene varicose dell'esofago in pazienti sanguinanti, con vene varicose dell'esofago senza sanguinamento; se c'è una vena coronarica acutamente dilatata dello stomaco in combinazione con un'elevata ipertensione portale; ipersplenismo con l'indicazione di una storia di sanguinamento esofageo o alla sua minaccia. Applicare vari tipi di anastomosi portocavale: mesentericocavale, splenorenale in combinazione con splenectomia o senza di esso. Le controindicazioni alla chirurgia sono l'ittero progressivo e l'età oltre i 55 anni.
Nutrizione per la cirrosi epatica
In caso di cirrosi epatica, al paziente viene prescritto un completo bilanciato di 5-6 pasti al giorno per un migliore deflusso biliare, feci regolari (dieta all'interno del tavolo n. 5). Limitare l'assunzione di proteine ​​e sale. Con l'ascite viene prescritta una dieta priva di sale, che completa la dieta con cibi ricchi di potassio. Con prurito e bradicardia, riducono la quantità di proteine ​​della carne, legumi contenenti triptofano, tirosina, cistina e metionina, che sono fonti di metaboliti tossici e ammoniaca.
Tutti i piatti sono cotti sull'acqua o al vapore e cotti al forno. I pazienti sono consigliati i seguenti piatti e alimenti:
• pane integrale di farina I e II varietà, pane di segale, pasticceria di ieri; burro e pasta sfoglia, torte fritte sono esclusi;
• zuppe di verdure e cereali su brodo vegetale, latticini con pasta, borscht vegetariano e shchi; la farina e le verdure per condire non sono fritte, ma essiccate; sono esclusi i brodi di carne, pesce e funghi;
• carne e pollame - carne magra di manzo, vitello, carne di maiale, coniglio, pollo bollito o cotto dopo la bollitura; l'oca, l'anatra, il fegato, i reni, il cervello, le carni affumicate, le salsicce, i cibi in scatola sono esclusi;
• pesce - varietà a basso contenuto di grassi in bollito, al forno;
• latticini - latte, kefir, acidophilus, yogurt, panna acida come condimento per piatti, ricotta semi-grassa e piatti da esso;
• uova - sotto forma di omelette proteica; uova sode e uova fritte sono escluse;
• cereali - eventuali piatti a base di cereali;
• varie verdure bollite, al forno e in umido; escluso spinaci, acetosa, ravanelli, ravanelli, aglio, funghi;
• spuntini - insalata di verdure fresche con olio vegetale, macedonie, vinaigrette;
• frutta, bacche non acide, composte, gelatine;
• bevande - tè, caffè con latte, frutta, bacche e succhi di verdura.

Top