Categoria

Messaggi Popolari

1 Steatosi
Phosphogliv
2 Ricette
L'effetto del fumo sul fegato
3 Steatosi
Caratteristico del fango biliare
Principale // Itterizia

Analisi biochimiche del sangue nelle malattie del fegato e delle vie biliari


L'analisi biochimica del sangue è un metodo di ricerca di laboratorio che riflette lo stato funzionale di organi e sistemi del corpo umano. Nelle malattie del fegato e delle vie biliari, questa analisi viene eseguita per determinare la funzionalità epatica.

Molte malattie del fegato portano a disturbi pronunciati di alcune funzioni del fegato nello stato normale di altre funzioni. Pertanto, è impossibile diagnosticare accuratamente in base ai risultati di un solo test utilizzato come metodo affidabile per valutare la funzione complessiva del fegato. Ogni paziente deve selezionare i set di test più appropriati, valutarne le potenzialità e interpretare i risultati in base alle manifestazioni cliniche della malattia. Test selezionati dovrebbero aiutare il medico a valutare le varie funzioni del fegato, le loro dinamiche nel corso della malattia durante uno studio seriale. Quando si interpretano i risultati ottenuti, si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità della loro erroneità.

Test funzionali della funzionalità epatica

La bilirubina si forma nel processo di catabolismo della porzione non proteica dell'emoglobina (eme) da globuli rossi degenerativi nelle cellule del sistema reticoloendoteliale (70-80%). Un'altra fonte del restante 20-30% della bilirubina è l'emoproteina, localizzata prevalentemente nel midollo osseo e nel fegato. La bilirubina dovuta ai legami idrogeno interni non si dissolve in acqua. La bilirubina non coniugata (libera) viene trasportata nel plasma come composto con l'albumina, non passa attraverso la membrana glomerulare e quindi non appare nelle urine.

La bilirubina viene assorbita dal fegato, nelle cellule di cui si lega con l'acido glucuronico. La bilirubina Digilkoronid o la bilirubina coniugata (legata) si formano. È solubile in acqua e attraverso la membrana dell'epatocita attraverso l'escrezione entra nei capillari della bile. Pertanto, il normale trasporto della bilirubina attraverso l'epatocita avviene solo in una direzione, dal flusso sanguigno al capillare della bile.

La bilirubina coniugata viene secreta nei tubuli biliare insieme ad altri componenti della bile. Nell'intestino, sotto l'azione della flora intestinale, la bilirubina viene deconviata e ripristinata a stercobilinogeno e urobilinogeno. Sterobilinogeno si trasforma in stercobilina, viene escreto nelle feci, dando alle feci un colore marrone. L'urobilinogeno viene assorbito nel flusso sanguigno, entra nel fegato ed è ri-escreto nella bile.

La bilirubina ematica di solito è determinata dal metodo di Endrashek, secondo il quale è normale:

  • la concentrazione totale di bilirubina è 6,8-21,0 μmol / l,
  • la concentrazione di bilirubina libera è 1,8-17,1 μmol / L (75% o più del totale),
  • la concentrazione di bilirubina legata è 0,86-4,3 μmol / l (non più del 25% del totale).

La determinazione degli enzimi sierici viene effettuata al fine di identificare il grado di danno alle cellule epatiche, principalmente al citoplasma e agli organoidi cellulari, in violazione della permeabilità della membrana, che caratterizza la sindrome citolitica, correlata ai principali indicatori dell'attività del processo patologico nel fegato, compresa l'epatite acuta e la fase attiva dell'epatite cronica e della cirrosi epatica. L'attività enzimatica viene anche studiata in caso di ostruzione delle vie biliari. Va ricordato che la sensibilità e la specificità di tutti i campioni è limitata e talvolta l'attività degli enzimi aumenta durante i processi extraepatici.

AST e ALT. L'aspartato aminotransferasi (AST, ossalato transaminasi) e alanina aminotransferasi (ALT, transaminasi piruvica) sono gli indicatori più indicativi dei disturbi epatocellulari.

  • AST è normale: 7-40 servizi. unità, 0,1-0,45 μmol / l
  • ALT è normale: 7-40 conv. unità, 0,1-0,68 μmol / l

L'alanina aminotransferasi negli epatociti si trova esclusivamente nel citosol, nell'aspartato aminotransferasi nei mitocondri e nel citosol. Il livello di questi enzimi è nettamente aumentato in caso di necrosi massiva, epatite virale grave, danno epatico tossico, epatite cronica diffusa e focolaio. Con l'ostruzione delle vie biliari, il livello degli enzimi aumenta in minima parte.

Tipicamente, il livello di AST è parallelo al livello di ALT, ad eccezione dell'epatite alcolica, in cui il rapporto AST / ALT può raddoppiare come conseguenza di una diminuzione della quantità di ALT dovuta a una carenza del cofattore piridossina-S-fosfato. Ma l'iperfermetemia (AST e ALT) si sviluppa non solo con danno epatico, ma anche con patologia muscolare, a volte con nefrite acuta, gravi malattie emolitiche, ecc.

La fosfatasi alcalina (fosfatasi alcalina) è normale (a seconda del metodo di ricerca):

  • con uno studio standard di 25-85 UI,
  • nello studio di Costanza - 1.4-4.5 servizi. pz.,
  • a ricerca in King - Armstrong unità - 1,5-4,5 servizi. u
La fosfatasi alcalina riflette la disfunzione delle vie biliari, una maggiore sintesi dell'enzima da parte degli epatociti e dell'epitelio delle vie biliari. L'attività dell'enzima aumenta spesso con l'ostruzione delle vie biliari, colestasi, lesioni e lesioni diffuse del fegato. Per determinare la causa dell'aumentata attività della fosfatasi alcalina, che può essere associata alla patologia del tessuto osseo, dell'intestino e di altri tessuti, viene utilizzato il frazionamento termico. La fosfatasi epatica alcalina è stabile se esposta al calore (56 ° C per 15 minuti).

Gammaglutamyltransferase (GGTP) è normale:

  • negli uomini 15-106 servizi. unità, 250-1770 nmol / l;
  • nelle donne 10-66 conv. unità, 167-1100 nmol / L.
Il gammaglutamiltransferasi catalizza il trasferimento del gruppo glutammina in altri amminoacidi, si trova nel sistema epatobiliare e in altri tessuti ed è l'indicatore più sensibile delle vie biliari. Il livello di GGTP aumenta nelle malattie del pancreas, cuore, reni e polmoni, diabete e alcolismo. Il metodo non è specifico, il che riduce il suo valore diagnostico per la clinica.

Il glutammato deidrogenasi (GDH) è normale: 0-0,9 conv. unità, 0-15 nmol / l. Il livello di GDH aumenta con l'intossicazione acuta da alcol e droghe, con colestasi acuta e tumori epatici.

5'-nucleotidasi normale: 2-17 servizi. unità, 11-12 nmol / L. Aumenta nelle stesse malattie del fegato, che sono accompagnate da un aumento di GGTP e fosfatasi alcalina. Con l'ostruzione delle vie biliari, colestasi e malattie del fegato diffuse, il valore diagnostico dei cambiamenti nell'attività della 5'-nucleotidasi e della fosfatasi alcalina è pressappoco lo stesso.

La lattato deidrogenasi (LDH) è normale: 100-340 servizi. unità, 0,8-4 μmol / L. La lattato deidrogenasi è determinata in tutti i tessuti e la sua misurazione di solito non aiuta nella diagnosi della malattia del fegato. Il livello di LDH è moderatamente aumentato nell'epatite virale acuta, nella cirrosi, nelle metastasi tumorali nel fegato e talvolta nelle malattie delle vie biliari.

Definizione dei prodotti di sintesi

Le proteine ​​del siero riflettono la funzione sintetizzante del fegato. Non sono né segni precoci né indicatori sensibili di malattie del fegato e pertanto non sono di grande valore per la diagnosi differenziale.

  • L'albumina è la principale proteina sintetizzata dal fegato (la norma nel siero è 35-50 g / l). Una diminuzione dei livelli sierici riflette gravi malattie, come la cirrosi epatica.
  • Le globuline sieriche (normali nel siero 20-35 g / l) sono alfa-globuline e beta-globuline, compresa la frazione gamma e le immunoglobuline A, G, M:
    - Gamma globuline sieriche (la norma è 8-17 g / l o 14-21,5% della quantità totale di proteine);
    - Ig A: normale 97-213 unità, 90-450 mg / ml;
    - Ig G: normale 70-236 unità, 565-1765 mg / 10 ml;
    - Ig M: normale 105-207 unità, uomini - 60-250 mg / 100 ml, donne 70-280 mg / 100 ml.
    Un marcato aumento della gamma globulina e delle immunoglobuline viene rilevato con epatite cronica attiva e forme attive di cirrosi epatica.

I fattori di coagulazione del sangue, ad eccezione del fattore VIII, sono sintetizzati nel fegato. L'emivita della maggior parte di loro è di poche ore o giorni. La sintesi dei fattori II, VII, IX e X dipende dalla vitamina K. La capacità del fegato di sintetizzare i fattori di coagulazione del sangue viene valutata determinando il tempo di protrombina (la norma è 11-16 s), riflettendo l'interazione di questi fattori (il tasso di conversione della protrombina in trombina in presenza di tromboplastina e calcio). La maggior parte dei fattori di coagulazione dipende dalla vitamina K. Malattie epatiche gravi o croniche del parenchima cronico sono accompagnate da un prolungato tempo di protrombina, che indica una prognosi sfavorevole. Il tempo di protrombina aumenta anche con la carenza di vitamina K. Una diminuzione del tempo di protrombina dopo somministrazione parenterale di vitamina K indica la sua carenza.Il tempo di tromboplastina parziale, che riflette l'attività di fibrinogeno, protrombina e fattori V, VIII, IX, X, XI e XII, in gravi malattie del fegato può anche allungarsi.

Il colesterolo, i lipidi e le lipoproteine ​​sono sintetizzati nel fegato. I cambiamenti nel loro contenuto in siero di sangue sono sensibili, ma non gli indicatori specifici di malattia di fegato. Nei pazienti con gravi lesioni parenchimali epatiche, i livelli di colesterolo sono generalmente bassi e i livelli di lipoproteina diminuiscono. La colestasi intra e extraepatica è accompagnata da un aumento dei livelli sierici di colesterolo e fosfolipidi non esterificati.

Gli acidi biliari si formano nel fegato e sono coinvolti nella scomposizione e nell'assorbimento dei grassi. Dal sangue della vena porta entra nel fegato, ma se il parenchima e lo shunt portocavale sono danneggiati, gli acidi biliari possono ritornare nel sangue. La determinazione degli acidi biliari nel siero non ha ancora ricevuto un uso diffuso nella pratica clinica.

L'ammoniaca del sangue (una norma di 19-43 μmol / l) aumenta in alcune malattie epatiche acute e croniche a causa di una violazione del ciclo dell'urea, mediante la quale il fegato disintossica i gruppi amminici. Tuttavia, il valore assoluto di questo indicatore non è correlato con la gravità delle manifestazioni cliniche.

Il test di Bromsulfalein consente di valutare la funzione escretoria del fegato. Dopo somministrazione per via endovenosa di una soluzione sterile al 5% di bromsulfaleina alla velocità di 5 mg / kg, il suo livello sierico diminuisce entro 45 minuti e normalmente rimane non più del 5%, quindi aumenta entro 2 ore, il che riflette il processo di assorbimento di bromsulfaleina da parte del fegato, la sua coniugazione e tornare al sangue. Ma quando si utilizza bromsulfalein possibili reazioni tossiche, che limita l'uso di questo campione.

α-fetoproteina (alfa-fetoproteina). L'indicatore di rigenerazione e crescita tumorale del fegato - α-fetoproteina - nel siero è assente o determinato in concentrazioni minime - inferiore a 15-25 ng / ml. Un aumento significativo (da cinque a otto volte) della α-fetoproteina nel siero è un segno caratteristico del carcinoma epatocellulare. Quando i processi rigenerativi si verificano nel fegato in forme gravi di epatite, la concentrazione di α-fetoproteina aumenta di 1,5-4 volte. Nella clinica, la definizione di α-fetoproteina viene utilizzata come test di screening.

Gli antigeni e gli anticorpi virali hanno un importante valore diagnostico:

  • Nell'epatite virale B nel sangue sono determinati:

- HBs Ag - antigene di superficie;

- Hag Ag - antigene, che indica la replicazione virale;

- HBc Ag - core antigen ("cow");

- anti-HBs - anticorpi all'antigene di superficie;

- anti-HBc - anticorpi contro l'antigene della mucca.

  • Nell'epatite virale D, anti-HDV (anticorpi anti-D) della classe IgM, HBs Ag, che è una membrana del virus D, e altri marker HBV sono rilevati nel sangue.
  • Nell'epatite C virale, anti-HCV IgM e G e HCV RNA, che è un indicatore della replicazione del virus, circolano nel sangue.
  • Gli anticorpi ai mitocondri hanno un importante valore diagnostico. Sono rilevati in titoli alti nel 95% dei pazienti con cirrosi biliare primitiva del fegato, nel 30% dei pazienti con epatite autoimmune cronica e in alcuni pazienti con collagenosi. Questi anticorpi sono assenti in pazienti con ostruzione meccanica delle vie biliari e colangite sclerosante primitiva. Nel 70% dei pazienti con epatite cronica nel sangue, vengono rilevati anticorpi per levigare le fibre muscolari e anticorpi antinucleari a DNA a doppio filamento.

    Quali esami del sangue mostreranno lo stato del fegato?

    Il fegato svolge una serie di funzioni importanti per il nostro corpo, quindi è importante monitorare le sue condizioni. Ci sono una serie di studi che possono raccontare la presenza di patologie. Gli esami del sangue sono uno dei metodi molto accessibili e informativi. Descriveremo in dettaglio quale test del sangue mostra lo stato del fegato.

    Fegato e sue funzioni

    Il fegato si trova sul lato destro nella cavità addominale. Questa è la più grande ghiandola del corpo umano, il suo peso è pari al 2,5% del peso corporeo totale di un adulto. Le funzioni del corpo sono diverse.

    La funzione più importante è secretoria. Il ferro produce la bile, che entra nel duodeno. Non meno importante è la funzione di barriera. Veleni, allergeni e tossine sono neutralizzati nel fegato. È in grado di assorbire particelle nocive, cellule morte e batteri. Il prossimo ruolo è un deposito di proteine, grassi, carboidrati, vitamine, minerali, ormoni ed enzimi.

    Con la malattia del corpo può sentire la gravità e il dolore nel giusto ipocondrio. La pelle gialla e la sclera sono anche caratteristiche della patologia della ghiandola. Le malattie sono spesso accompagnate da letargia, stanchezza, perdita di appetito, nausea, bruciore di stomaco e amarezza in bocca.

    Le malattie comuni includono epatite, fibrosi, cirrosi, steatosi, ascessi e cisti, nonché oncologia maligna. Vi sono amiloidosi, emocromatosi, colangite sclerosante, iperbilirubinemia funzionale.

    In relazione alla varietà di funzioni, al fine di verificare le violazioni del lavoro di un organo, è impossibile fare con una analisi. La diagnostica che può indicare lo stato del fegato comprende: analisi del sangue biochimiche (per gli enzimi AST e ALT, bilirubina, albumina, gamma-glutamil transferasi (GGT) e fosfatasi alcalina) - questi indicatori sono chiamati campioni di fegato. Così come un esame del sangue per i marcatori di virus dell'epatite e cellule tumorali.

    Interpretazione degli indicatori AST e ALT

    L'aspartato aminotransferasi (AST) è un enzima presente in ogni cellula del corpo, ma in maggiore concentrazione nel cuore e nel fegato. Quando il danno al fegato e ai muscoli AST viene rilasciato, il suo contenuto nel sangue inizia a crescere. Ciò è facilitato da varie malattie - epatite, cirrosi, ecc. Inoltre, si osserva un alto valore quando molte tossine entrano nel corpo, che il fegato non riesce a sopportare, a seguito del quale viene distrutto.

    Gli indicatori di fino a 41 unità / l per gli uomini e fino a 31 unità / l per le donne sono considerati normali. I valori più alti si trovano nell'epatite acuta, quando c'è una vasta distruzione della ghiandola.

    Alanina aminotransferasi (ALT) - un enzima, come l'AST, è presente in tutte le cellule. Principalmente localizzata nel fegato e nei reni. In caso di patologia della ghiandola, l'enzima entra nel flusso sanguigno anche prima delle evidenti manifestazioni dei sintomi. La norma per gli uomini è fino a 41 unità / l, per le donne - fino a 33 unità / l. Molto spesso, questi test sono assegnati nel complesso, dal momento che entrambi i risultati sono molto istruttivi e sono fondamentali nella diagnosi di danno a questo organo.

    Viene calcolato anche il rapporto tra ALT e AST. Questo è consigliabile solo nel caso in cui almeno uno degli indicatori sia fuori dal range normale. Questo rapporto è chiamato Coefficient de Ritis. Normalmente, è compreso tra 0.91-1.75. Se il valore è inferiore a 0.91, questo indica la distruzione della ghiandola.

    Test epatici e interpretazione dei risultati

    La bilirubina è un pigmento giallo. Si forma durante la scissione dell'emoglobina (un componente dei globuli rossi). Normalmente, la bilirubina si forma in una quantità di 250-300 mg al giorno. Il pigmento è comune, diretto e indiretto. La velocità della bilirubina totale è di 2,3-20,5 μm / l, diretta - fino a 5,1 μm / l, indirettamente fino a 15,4 μm / l

    L'aumento della bilirubina prevalentemente diretta indica le seguenti malattie: epatite virale, cirrosi, intossicazione alcolica dell'organo, coledocolitiasi, colangite. L'aumento del pigmento prevalentemente diretto e indiretto parla di malattie come epatite tossica e virale, ascessi, tumori cancerogeni dell'organo e metastasi, cirrosi, echinococcosi, mononucleosi.

    L'albumina è la principale proteina del fegato. Una ghiandola sana produce 150-250 mg / kg di albumina al giorno. Di conseguenza, nell'insufficienza epatica, l'indice proteico diminuirà. Normale per un adulto sono considerati indicatori di 35-53 g / l.

    La proteina diminuisce in insufficienza di fegato, epatite cronica, cirrosi. Il valore scende al di sotto del limite inferiore della norma anche prima della comparsa dei sintomi.

    Fosfatasi alcalina e gamma-glutamiltransferasi (GGT). Le anormalità di questi indicatori indicano una stasi della bile. Le cause più comuni di blocco e violazione del deflusso associato a processi tumorali e blocco della pietra del condotto nella malattia del calcoli biliari. Norma di fosfatasi alcalina per gli uomini - fino a 270 unità / l, per le donne - fino a 240 unità / l. GGT - uomini - 10-71 unità / l, donne - 6-42 unità / l.

    Le analisi per la cirrosi epatica, la malattia più comune, mostreranno un aumento di tutte le frazioni di bilirubina, HCT, fosfatasi alcalina. In relazione al deterioramento del lavoro a pieno titolo, un esame del sangue per la cirrosi epatica mostrerà un contenuto ridotto di proteine ​​albumina.

    Esame del sangue per il cancro al fegato e l'epatite

    Nessuna malattia passa senza lasciare traccia nel corpo, i marcatori aiuteranno a determinare la presenza di antigeni a determinate malattie.

    Marcatori dell'epatite. trascrizione:

    • Marcatore per epatite virale A (HAV) - Anticorpi anti-HAV - IgM, IgM per il virus A. Risultato positivo: anti HAV IgM, anti HAV IgG, Ag HAV, HAV RNA.
    • Anticorpi virali dell'epatite B (HBV) - Anticorpi anti-HBs dell'antigene HBs del virus B. Risultato positivo: Pre-S1, Pre-S2, anti Pre-S2, HBsAg, HBeAg, anti-HBs, anti-HBc IgM, anti -HBc IgG, anti-HBe, HBV DNA, DNA polimerasi.
    • Un marcatore per gli anticorpi anti-epatite C (HCV) -Anti-HCV-totale agli antigeni del virus C. Risultato positivo: Ag HCV, anti-HCV-IgM, anti-HCV-IgG, HCV RNA.

    Marcatore tumorale AFP (alfa-fetoproteina) - un marker per il cancro. La composizione dell'AFP e dell'albumina sono simili. Un risultato patologico è considerato superiore a 10 UI.

    Un alto livello di AFP parla di oncologia maligna, metastasi nella ghiandola di altri tumori, e un alto valore può essere nel cancro embrionale. Un leggero aumento di AFP può indicare cirrosi, epatite e insufficienza renale.

    Preparazione per un esame del sangue

    Si consiglia di venire in laboratorio la mattina. Prima della diagnosi, è importante non mangiare cibo per 8-12 ore, è consentito solo bere acqua. E 'vietato superare l'esame dopo aver bevuto alcol, ne distorce enormemente il risultato, perché il ferro elaborerà attivamente le tossine. Almeno un giorno prima dell'ispezione, escludere le bevande alcoliche e non fumare 1 ora prima della donazione di sangue.

    Per diversi giorni (idealmente una settimana) non esercitare. Per escludere il cibo grasso almeno un giorno prima dell'esame, e alla sera, alla vigilia della diagnosi, non consumare caffè e latticini (è consentito il latte scremato). Per evitare un forte stress è necessario anche per un risultato affidabile. Un certo numero di farmaci può distorcere il risultato dell'esame. È necessario informare il medico in anticipo sull'assunzione di qualsiasi farmaco.

    Le malattie del fegato hanno un enorme impatto su tutto il corpo. La migliore prevenzione è una corretta alimentazione, eliminando le cattive abitudini ed evitando l'assunzione incontrollata di medicinali. Le malattie trascurate delle ghiandole portano a conseguenze irreversibili. Al minimo sospetto di patologia di un organo, è necessario consultare un medico, eseguirà il necessario controllo dello stato e fornirà una trascrizione dei risultati diagnostici.

    Biochimica del sangue per il fegato: preparazione e interpretazione dell'analisi

    Uno dei metodi principali per la diagnosi di varie malattie del fegato è un esame del sangue biochimico. Con esso, è possibile identificare la violazione anche prima dei primi sintomi.

    Ci sono poche terminazioni nervose nei tessuti del fegato, quindi questo organo praticamente non può "ferire". Fisicamente, una persona può non sentire nulla, la maggior parte delle malattie sono asintomatiche e vengono rilevate casualmente durante l'esame e il test di routine.

    Biochimica del sangue per le malattie del fegato: scopo

    Esame del sangue biochimico - diagnosi di laboratorio efficace del fegato

    L'analisi biochimica del sangue è prescritta per qualsiasi malattia, sospetto o per scopi di prevenzione. Questa è un'analisi rapida e poco costosa che può essere utilizzata per diagnosticare anomalie nel fegato, restringere la gamma di possibili malattie e determinare la direzione futura dell'indagine.

    Il fegato svolge molte funzioni diverse, partecipa al processo di digestione e svolge la funzione di disintossicare il corpo. Nella maggior parte dei casi, la malattia epatica è rilevata nelle fasi successive, quando il trattamento è difficile. È la più grande ghiandola del corpo.

    La violazione del suo lavoro porta a una serie di complicazioni e influenza negativamente l'intero stato del corpo.

    Un'analisi della biochimica epatica può essere prescritta per i sintomi gravi che indicano una compromissione della funzionalità epatica o per altre malattie croniche, prima dell'intervento chirurgico e dei farmaci.

    Indicazioni per l'analisi:

    • Giallo di pelle. Uno dei principali segni di livelli elevati di bilirubina nel sangue. Il giallo della pelle e della sclera si verifica quando la malattia è presente da molto tempo. Se si raccomanda di esaminare i segni di ittero.
    • Dimensione ingrandita del fegato. Il fegato ingrandito può essere visto non solo sugli ultrasuoni. Se il fegato è molto ingrandito, la circonferenza addominale inizia a crescere e il peso totale non cambia.
    • Perdita di peso La malattia del fegato può causare nausea, quindi una persona si rifiuta di mangiare, il che porta alla perdita di peso. La perdita di peso può essere immotivata con la dieta e lo stile di vita abituali. In questo caso, si raccomanda anche di controllare il fegato.
    • Amarezza in bocca Nelle malattie del fegato si avverte un costante sapore amaro in bocca, la lingua si ricopre, appare un rivestimento di colore bianco o marrone-giallastro, sulla superficie della lingua sono possibili delle crepe.
    • La resezione biochimica del fegato durante la gravidanza è obbligatoria, così come prima di assumere farmaci gravi che aumentano il carico sul fegato.

    I principali indicatori del fegato nell'analisi biochimica

    La biochimica del sangue include una vasta lista di vari indicatori, alcuni dei quali sono chiamati test di funzionalità epatica. Gli indicatori che riflettono la funzione epatica sono valutati insieme.

    Il medico dovrebbe occuparsi dell'interpretazione del risultato, poiché le piccole deviazioni dalla norma non sono sempre segni di patologia:

    1. Glucosio. Il livello di glucosio è determinato quando si sospetta il diabete mellito. Nel diabete, i livelli di zucchero sono generalmente elevati e, in caso di insufficienza epatica, i livelli di glucosio sono inferiori al normale. Questo non è l'indicatore principale del fegato, ma viene preso in considerazione quando si valuta l'intero quadro.
    2. Bilirubina. La bilirubina è comune, libera e legata. Se si sospetta una malattia epatica, vengono valutati tutti e 3 i tipi di bilirubina. Questo pigmento viene rilasciato durante la scomposizione dell'emoglobina. Per qualche tempo circola nel sangue, e poi distrutto dalle cellule del fegato ed escreto nelle urine. Se le cellule del fegato sono danneggiate, la bilirubina non viene distrutta, il livello del sangue aumenta. Questo pigmento è piuttosto tossico e il suo aumento può portare a conseguenze spiacevoli. L'indicatore più importante è la bilirubina diretta, il cui livello dipende direttamente dal lavoro del fegato.
    3. ALT. È un enzima sintetizzato nel fegato. La maggior parte di questi enzimi rimane nel fegato, quindi circola nel sangue in piccole quantità. Il suo livello nel sangue aumenta con la massiccia morte delle cellule del fegato che rilasciano questo enzima nel sangue.
    4. AST. Un altro enzima che viene sintetizzato e rimane nei tessuti del fegato. Il suo aumento può indicare sia una malattia del fegato che una compromissione della funzionalità cardiaca.
    5. Fosfatasi alcalina. Questo enzima si trova in molti tessuti del corpo umano. C'è un indicatore separato chiamato fosfatasi alcalina epatica, il cui valore è preso in considerazione quando si sospetta una malattia epatica.
    6. Colesterolo. Questo è il lipide principale e più importante che è coinvolto in vari processi metabolici. È sintetizzato nel fegato, quindi può essere un indicatore del suo lavoro.

    Procedura di preparazione e analisi

    Procedura di campionamento del sangue per biochimica

    La procedura per l'analisi biochimica del sangue è standard. Il paziente in un momento specifico arriva in laboratorio a stomaco vuoto e dona sangue da una vena. Questo è un processo indolore, ma per alcune persone può essere un po 'spiacevole.

    Durante la procedura di prelievo del sangue, l'infermiera tira l'avambraccio con un laccio emostatico e inserisce un ago nella vena. Questo processo non è accompagnato da dolore, ma può avere le vertigini. Spesso le donne incinte soffrono di vertigini.

    Prima della procedura di donazione di sangue, è necessario effettuare la preparazione semplice:

    1. Le malattie del fegato richiedono una dieta costante. Qualsiasi cibo influisce sullo stato del fegato. 2-3 giorni prima di donare il sangue per gli esami del fegato, non è consigliabile mangiare cibi grassi e fritti, abusare di spezie, cibo spazzatura, cioccolato, dolci, caffè e cacao, carne affumicata e marinate.
    2. La maggior parte del fegato batte l'alcol. Dovrebbe essere cancellato circa una settimana (almeno 3 giorni) prima dell'analisi. L'alcol influisce non solo sulla condizione del fegato, ma anche sulla coagulazione.
    3. La biochimica del sangue si arrende al mattino, fino a 11 ore. Il paziente viene in laboratorio a stomaco vuoto. È necessario resistere alla fame per almeno 8 ore prima della donazione di sangue.
    4. Fumare non è raccomandato prima di visitare il laboratorio. È meglio astenersi dal fumare per 10-12 ore. Se la dipendenza dalla nicotina è eccessiva, si raccomanda di astenersi dall'abitudine per un'ora prima di donare il sangue.
    5. Prima di donare il sangue, è necessario annullare tutti i farmaci presi, comprese le vitamine. Tutti i farmaci devono essere segnalati al medico. Una settimana prima di donare il sangue, tutti i farmaci vengono fermati. Se ciò non è possibile, si raccomanda di non assumere farmaci solo immediatamente prima di donare il sangue il giorno dell'analisi.
    6. Le donne sono incoraggiate a testare la gravidanza, in quanto influisce sulla conta ematica. L'aumento dei tassi durante la gravidanza non è sempre un segno di patologia.
    7. Prima di visitare il laboratorio, non è consigliabile fare esercizi mattutini. L'attività fisica influisce sulla conta ematica.

    Interpretazione degli indicatori

    Deviazione degli indicatori dalla norma - un segno di patologia!

    L'analisi biochimica del sangue include molti indicatori. Ogni indicatore separatamente non è informativo. Il medico valuta tutti gli indicatori contemporaneamente, assegna un ulteriore esame per chiarire la diagnosi.

    Vale la pena ricordare che tutte le deviazioni dalla norma sono indicatori di gravi violazioni. In alcuni casi, ciò è dovuto a preparazione impropria o errore di laboratorio. In caso di forti deviazioni, si consiglia di ripetere l'analisi nello stesso laboratorio.

    Il tasso di indicatori e cause di deviazione:

    • Bilirubina. La velocità della bilirubina totale in un adulto varia da 8 a 20 μmol / L. Un significativo aumento della bilirubina causa epatite virale, ittero, danno da danno epatico, tumori epatici, cirrosi. La bilirubina bassa indica raramente la funzionalità epatica. Di solito è abbassato con malattie del sangue, anemia.
    • ALT. La velocità dell'enzima è fino a 45 U / l per gli uomini e fino a 34 U / l per le donne. Livelli elevati di ALT indicano epatite, danni al fegato tossici, cancro del fegato e altre malattie che causano la rapida distruzione delle cellule della ghiandola. In questo caso non parlano del limite inferiore della norma.
    • AST. L'AST standard è fino a 35-40 UI a seconda del sesso del paziente. Nelle donne, il livello di AST nel sangue è solitamente inferiore. Il livello di AST aumenta drammaticamente con l'epatite alcolica, il danno epatico con farmaci o sostanze tossiche, il cancro del fegato, la cirrosi, la colestasi.
    • Fosfatasi alcalina. Il tasso di fosfatasi alcalina per un adulto è 85-120 IU / l. Il livello dell'enzima aumenta con la cirrosi, l'ittero ostruttivo, la malattia del calcoli biliari, l'ostruzione del tratto biliare, il cancro al fegato o le metastasi. Bassi livelli di fosfatasi indicano disturbi ematici.
    • Glucosio. Il glucosio elevato è considerato un indicatore dei disturbi metabolici, ma una diminuzione del livello di glucosio può essere un segno di danno epatico, poiché il ferro è coinvolto nella formazione del glucosio.

    Vantaggi e svantaggi del metodo

    La biochimica del sangue non è l'unico metodo per diagnosticare malattie del fegato, ma è l'inizio dell'esame, poiché consente di rilevare la presenza di disturbi e di specificare la possibile diagnosi, determinando la direzione per un ulteriore esame.

    L'analisi biochimica del sangue ha molti vantaggi:

    1. Costo. Il prezzo dell'analisi biochimica del sangue è basso. In presenza della procedura di cedola è effettuata gratuitamente nel laboratorio comunale. Nelle cliniche private, l'analisi viene pagata, ma è relativamente poco costosa.
    2. Informatività. Con l'aiuto di un esame del sangue biochimico, molte malattie possono essere identificate o sospettate. L'informatica può essere considerata relativamente alta, dal momento che una diagnosi accurata può essere effettuata solo dopo un ulteriore esame.
    3. Sicurezza. La procedura è assolutamente sicura per la salute umana, non comporta alcuna conseguenza. Il prelievo di sangue viene effettuato in persone di qualsiasi età, così come durante la gravidanza.
    4. Indolore. La procedura è rapida e indolore, sono possibili solo lievi disagi, nausea e vertigini causati dalla fame.
    5. Rapidità. La biochimica del sangue non richiede una lunga preparazione e la procedura dura non più di 5 minuti. Il risultato viene anche preparato rapidamente, viene dato alle mani del paziente entro 1-2 giorni.

    Ulteriori informazioni su quali test è necessario passare per la diagnosi di malattia epatica si possono trovare nel video:

    Gli svantaggi includono il fatto che un esame del sangue biochimico non sempre aiuta a differenziare la malattia, ma solo a rilevare le violazioni.

    Dopo l'analisi biochimica, possono essere prescritte altre procedure diagnostiche, come ecografia epatica, biopsia, risonanza magnetica o tomografia computerizzata del fegato (le procedure più informative, ma costose per rilevare le più piccole anormalità e patologie), esami del sangue per epatite e cancro del fegato, studi genetici.

    Come controllare il fegato? Analisi per la diagnosi di malattie del fegato

    Prima di tutto, va detto che nelle misure preventive è necessario effettuare costantemente un controllo epatico. Questa procedura dovrebbe essere introdotta nell'abitudine. Questo vale non solo per il fegato, ma per l'intero organismo, ma questo organo dovrebbe essere preso molto attentamente.

    È necessario fare test necessariamente!

    Controlla che il fegato sia facile. Il lavoro di questo corpo è influenzato da un gran numero di fattori esterni. Come la situazione ecologica della regione in cui vive la persona. Anche le cattive abitudini, in particolare l'abuso di alcol o droghe narcotiche, lasciano il segno. Inoltre, le persone che non aderiscono alla corretta alimentazione sono anche a rischio di sviluppare processi patologici nel fegato. Non è consigliabile abusare di cibi ricchi di grassi.

    Se una persona ha qualche abitudine dall'elenco sopra, allora è necessario eseguire una tale procedura come lo screening del fegato. Questo dovrebbe essere fatto a intervalli una volta all'anno, e quindi non ci saranno problemi con il fegato. Le analisi sono un metodo efficace di esame umano. Solo i risultati dello studio possono fare una diagnosi accurata.

    In quali casi una persona ha prescritto dei test?

    Come accennato sopra, dovrebbe essere esaminato annualmente, specialmente quando si tratta di un organo come il fegato. Le analisi sono prescritte direttamente dal medico. Non c'è bisogno di aspettare alcun sintomo. Il fatto è che non ci sono terminazioni nervose nel fegato. Pertanto, i sintomi possono essere completamente assenti.

    Per iniziare l'esame, non è necessario attendere la presenza di eventuali sensazioni di disagio. Per conoscere la presenza di eventuali cambiamenti patologici in alcuni casi è possibile solo dopo aver superato determinati test.

    ricerca

    Per controllare il fegato e iniziare l'esame, è necessario fissare un appuntamento con il terapeuta. Questo può essere fatto nel luogo di residenza nella clinica distrettuale o andare in una clinica privata. Come controllare il fegato? Quali test sono prescritti? Il metodo più comune di esame è un esame del sangue. Attualmente, diversi metodi sono usati per studiare il sangue umano per identificare o escludere processi patologici. Dopo aver ricevuto i dati, il medico prescriverà un ulteriore esame o avvierà il processo di trattamento in base a quelli disponibili.

    Tonalità della pelle gialla

    Quali segnali possono dire a una persona che ha bisogno di vedere uno specialista per un esame del fegato? Ci sono un certo numero di segni che una persona può notare nel suo corpo, indicando che i cambiamenti patologici si stanno verificando nel fegato. In questo caso, i test devono passare urgentemente. Diamo un'occhiata a questi segni.

    La tinta gialla della pelle appare quando la bilirubina inizia a formarsi nel corpo umano. Nel normale funzionamento del fegato, questa sostanza viene elaborata da esso e lascia il corpo umano. Se la bilirubina inizia a essere presente nel sangue del paziente, ciò significa che il fegato ha fallito. Cioè, non affronta le sue funzioni. L'emoglobina si rompe anche nel corpo. La maggior parte delle persone ha sentito che con un deficit di emoglobina la condizione generale del corpo peggiora. Ma dovresti sapere che in grandi dosi, questa sostanza è anche pericolosa per la salute umana. Il fatto è che l'emoglobina ha una tale proprietà come tossicità, quindi è assolutamente necessario iniziare l'esame per evitare gravi problemi di salute. Va anche detto che il fegato è un organo importante per la vita umana, quindi, non è assolutamente impossibile guidare fino all'estremo. È meglio condurre uno screening a scopo preventivo piuttosto che combattere per la tua vita. Il colore della pelle gialla è un segnale che devi andare urgentemente in una struttura medica.

    Dolore nella parte destra

    Considera il disagio nella parte destra del corpo. Quando una persona sta provando pesantezza o formicolio nella parte destra, dovrebbe anche consultare un medico. Tali sensazioni sono particolarmente acute dopo che una persona mangia cibi ricchi di grassi. Inoltre, la gravità si verifica quando si bevono bevande che contengono alcol. Se il paziente inizia a ferire il lato destro, allora dovrebbe essere testato per la diagnosi di malattia del fegato.

    Malfunzionamento intestinale

    Di solito sono manifestati da un sintomo come una violazione della sedia. Il fatto è che i processi patologici del fegato influenzano la funzione intestinale. Quando vengono violati i compiti funzionali del fegato, c'è meno escrezione della bile. È noto che la bile è coinvolta nella lavorazione del cibo. Pertanto, la sua quantità insufficiente influisce sul lavoro degli organi digestivi umani. Come risultato del fatto che il cibo è scarsamente digerito, il paziente ha una violazione delle feci, vale a dire, costipazione, non può normalmente andare in bagno. Inoltre, può anche iniziare la diarrea, con masse fecali di colore non caratteristico. Questo comportamento del corpo è anche un segno che una persona non dovrebbe ritardare con una visita a un istituto medico.

    Pancia grande

    Le persone che hanno problemi al fegato avranno uno stomaco più grande. Il fatto è che se questo corpo inizia a collassare, allora aumenta di volume. Come risultato di questo processo, la pancia di una persona cresce. Le proporzioni del corpo diventano innaturali, poiché il resto delle sue parti non aumenta di volume. In questo caso, sullo stomaco, puoi vedere le vene, vale a dire il loro disegno.

    Deterioramento della pelle

    Sulla pelle di una persona compaiono problemi come eruzioni cutanee, prurito e così via. Una cattiva condizione della pelle indica sempre che c'è qualche patologia nel corpo. Il fegato malato non fa eccezione.

    Come accennato in precedenza, la malattia del fegato colpisce l'intestino e il sistema digestivo. Ciò significa che le sostanze tossiche si accumulano nel corpo. Quando ciò accade, la condizione della pelle cambia. Possono verificarsi anche reazioni allergiche. Segni evidenti che una persona non è in salute, è pelle secca e peeling. Inoltre, la pelle inizia a prudere.

    Presta attenzione allo stato della lingua. Com'è?

    Un'altra indicazione che c'è un problema con il fegato è la lingua. Se una patina inizia a formarsi e il suo colore cambia, allora si dovrebbe contattare immediatamente un istituto medico. Sulla lingua possono apparire lingue di colore giallo e si può formare anche placca. È bianco o marrone. Un'altra caratteristica del processo patologico è la comparsa di crepe nella lingua.

    Biochimica del sangue

    Quali sono i test prescritti per la malattia del fegato? Se una persona si è rivolta a un istituto medico con denunce su cui è stato menzionato sopra, il medico gli darà un rinvio per gli esami, i cui risultati confermeranno o confuteranno la presunta diagnosi.

    Qual è la necessità di eseguire un esame del sangue per controllare il fegato? Prima di tutto, il terapeuta invierà una persona a donare il sangue per la biochimica. Questo studio consente di vedere in modo efficace e rapido se ci sono cambiamenti patologici nel fegato.

    Quali indicatori nell'analisi biochimica del sangue prestano attenzione?

    Ci sono diversi indicatori, il cui cambiamento suggerisce che il fegato è in uno stato malsano:

    1. Enzimi del fegato. Indicatori del livello di enzimi coinvolti nel metabolismo delle proteine. Questi enzimi includono ALT e AST. Con processi distruttivi nel fegato umano, si verifica un aumento di questi indicatori nel sangue del paziente. Vale anche la pena sapere che maggiore è il loro numero nel sangue, più è aggravato il processo distruttivo nel fegato. Entrambi gli indicatori aumentano lo stesso. Se un esame del sangue mostra che questi enzimi epatici sono presenti in grandi quantità nel materiale della persona studiata, questo indica che ha un cancro al fegato o epatite. L'analisi del fegato per AST è un importante studio per la diagnosi.
    2. Se nel sangue di una persona viene rilevata una sostanza come la bilirubina, ciò significa che il fegato non può far fronte ai suoi compiti. In una persona sana, la bilirubina viene costantemente escreta dal corpo. Se si accumula, la pelle diventa una tonalità gialla. Grandi indicatori di bilirubina nello studio del sangue del paziente possono indicare che il fegato ha serie alterazioni patologiche. Tuttavia, anche un livello elevato di questa sostanza può indicare una leggera deviazione dal normale funzionamento del fegato. Pertanto, è possibile che al paziente vengano prescritti farmaci o raccomandazioni nutrizionali. Quindi le sue condizioni si normalizzano rapidamente.
    3. La coagulazione del sangue indica anche una malattia del fegato. Questo indicatore ha un nome specifico, cioè l'indice di protrombina. Mostra come funzionano le navi umane, così come le sue vene.
    4. Una proteina come l'albumina è anche un indicatore della funzionalità epatica. Se non è abbastanza nel sangue, allora questo suggerisce che il corpo lo produce in piccole quantità. E questo, a sua volta, indica un fallimento nel suo lavoro. Di norma, nei processi distruttivi, il fegato non è in grado di produrre abbastanza di questa proteina. Una diminuzione di questo indicatore indica una maggiore probabilità di presenza di una malattia come la cirrosi in una persona.
    5. Il contenuto in eccesso di un enzima come la fosfatasi alcalina nel sangue di una persona indica che un processo infiammatorio è in corso nel corpo del paziente. Questo enzima è responsabile della produzione di acido fosforico.

    Consigli per il paziente

    È importante sapere che il superamento di determinati indicatori separatamente non è la prova che una persona è malata. Forse nel corpo c'è stato qualche piccolo fallimento.

    In questo caso, lo specialista prescriverà un riesame del sangue del paziente nel tempo. Ma una deviazione dalla norma di diversi indicatori o tutto in una volta indica che una persona nel corpo sta subendo un processo patologico che richiede un trattamento immediato.

    Piccola conclusione

    Ora sai quando e come controllare il fegato. Le analisi utilizzate per questi scopi sono citate nell'articolo e anche la loro decodifica è stata presa in considerazione. Speriamo che questa informazione ti sia stata utile. Ti benedica!

    Quali conteggi del sangue indicano cirrosi

    Sono le analisi in caso di cirrosi epatica che rivelano questa malattia nelle prime fasi dello sviluppo e aiutano a determinarne il trattamento. Con la cirrosi del fegato, le sue cellule normali sono sostituite da quelle fibrose. Il fegato smette di funzionare normalmente. Lo stadio in cui viene rilevata la malattia determina quanto e come vivrà il paziente. Per evitare la rilevazione della cirrosi in una fase avanzata del suo sviluppo, è importante come misura preventiva sottoporsi a esami e analisi del sangue più frequenti. Dopotutto, l'insorgenza della malattia non si manifesta, solo dai risultati che può essere diagnosticata.

    A proposito della malattia

    Una malattia in cui c'è un cambiamento nei tessuti del fegato, nel tempo che porta a insufficienza epatica, un aumento della pressione nei tributari della vena porta e di per sé, si chiama cirrosi del fegato. È una malattia cronica che progredisce nel tempo.

    Le cause della cirrosi sono diverse, principalmente:

    • l'alcolismo;
    • epatite virale;
    • pietre della cistifellea;
    • intossicazione tossica;
    • infezione da elminti;
    • malattie autoimmuni.

    I sintomi della malattia sono i seguenti:

    • una persona si sente debole, stanca rapidamente;
    • il sonno è disturbato;
    • perdita di peso si verifica;
    • cambiare il colore delle urine;
    • prurito è osservato nella pelle;
    • la digestione è rotta;
    • una persona diventa irritabile, apatica, facilmente eccitata;
    • potrebbe esserci un aumento della temperatura.

    Nelle fasi successive dello sviluppo della malattia, la pelle e la sclera degli occhi diventano gialle, compare dolore nella zona del fegato e la persona si ammala e vomita.

    La diagnosi di cirrosi epatica si basa su quanto segue: si esegue un'ecografia, si esegue una biopsia tissutale, si effettuano esami del sangue per la cirrosi epatica.

    Quali esami del sangue dovrebbero essere fatti per diagnosticare la malattia

    Quali test devono passare per diagnosticare la malattia? Un esame del sangue per la cirrosi epatica può essere suddiviso nei seguenti sottogruppi:

    • biochimica. Gli indicatori di bilirubin, aspara-aminotransferase e alanine-aminotransferase sono studiati. Secondo gli indicatori ottenuti, il fegato viene valutato e viene rilevata la cirrosi;
    • gli enzimi vengono analizzati per il rilevamento dell'infiammazione, dal momento che è sullo sfondo di un processo infiammatorio di lunga durata che spesso la cirrosi inizia a sviluppare;
    • quando si trova la cirrosi in un paziente, vengono eseguiti dei test che determinano la causa della sua insorgenza. Grazie a queste analisi, il medico prescrive il giusto corso di trattamento;
    • ulteriori studi sono stati fatti che confermano la diagnosi. Ad esempio, viene assegnato un esame del computer.

    Per diagnosticare accuratamente la cirrosi epatica, è necessario esaminare completamente il proprio corpo, per conoscere i principali indicatori dei test di funzionalità epatica. Quando il paziente visita la struttura medica, sarà programmato un medico per le analisi del sangue generali, l'urina e le feci dovranno essere prese per l'esame. Quindi verrà scritta la direzione per la consegna delle analisi biochimiche, dopo di che è possibile trarre una conclusione sulla presenza della malattia e sullo stato del fegato. Ancora sarà necessario fare una biopsia epatica.

    Su esami del sangue per malattia

    La malattia stessa e la sua causa possono essere determinate da un esame del sangue.

    1. La prima cosa che un paziente deve fare è avere un esame emocromocitometrico completo. Il risultato indica se c'è un processo infiammatorio nel corpo del paziente. I valori ematici per la cirrosi epatica nella decodifica sono i seguenti:

    • i livelli di emoglobina diminuiscono. L'indice di emoglobina normale per le donne è di almeno 120 g / l, per gli uomini - almeno 130 g / l;
    • aumento del numero dei globuli bianchi;
    • ci sono cambiamenti nella composizione proteica del sangue;
    • Aumenti di ESR. Per gli uomini, questa cifra diventa superiore a 10 mm / h, per le donne - 15 mm / h;
    • contenuto di albumina ridotto.

    2. Oltre all'analisi generale, vengono effettuati test del fegato per la presenza della malattia:

    • gli indicatori dell'enzima epatico aspart-aminotransferase o AST non devono superare 41 U / L. Nella cirrosi epatica, l'analisi dovrebbe mostrare un aumento, il che significa che le cellule del fegato muoiono. AST è giudicato sulla profondità della lesione;
    • L'enzima epatico normale ALT o alanina aminotransferasi deve essere nell'intervallo non inferiore a 0,5 μmol e non superiore a 2 μmol. Un esame del sangue per cancro al fegato e cirrosi AST e ALT può essere cinque volte o più sopra la norma. ALT determina il volume del fegato interessato;
    • a causa del fatto che le cellule del fegato muoiono, l'indice lattico deidrogenasi aumenta;
    • la fosfatasi alcalina normale non deve essere superiore a 140 UI / l. In presenza di una malattia, il loro aumento si verifica;
    • un aumento della gamma-glutamil transpeptidasi può significare che ci sono alcuni disturbi nel tratto biliare. Con l'abuso di bevande alcoliche, questa cifra aumenta anche. Il suo valore normale non dovrebbe superare 61 UI / l per gli uomini, la metà per le donne per le donne.

    Gli indicatori principali che indicano che il paziente ha cirrosi sono i valori di alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi. Determinano come funziona il fegato.

    3. Vengono prelevati campioni di fegato per determinare la causa della cirrosi. Questi sono i seguenti indicatori:

    • per l'individuazione del test dell'epatite C cronica per la presenza di anticorpi contro gli antigeni nucleari;
    • viene fornito un test per la rilevazione di anticorpi contro l'epatite B e C;
    • ceruloplasmin è determinato a rilevare la distrofia epatocerebrale;
    • per assicurarsi che il paziente sia malato di cirrosi biliare, è necessario passare un campione per la presenza di anticorpi anti-mitocondriale;
    • La conoscenza del livello di antitripsina alfa1 rende possibile determinare l'indicatore di ferro e quindi assicurarsi che il paziente non abbia malattie del sangue.

    Se il paziente ha cirrosi epatica, ci sono cambiamenti negli ormoni nel sangue, poiché la sintesi di molti di essi avviene nel fegato. Test ormonali, se un paziente ha questa malattia, mostrerà elevati livelli di estrogeni, insulina e testosterone ridotto.

    Informazioni sull'analisi biochimica

    Questa analisi conclude in quale fase si trova la malattia. I seguenti indicatori di biochimica sono controllati:

    • bilirubina;
    • globuline;
    • aptoglobina;
    • enzimi epatici speciali (arginasi, fruttosio-1-fosfatololasi),
    • tempo di protrombina;
    • fosfatasi alcalina;
    • alanina aminotransferasi e aspartato aminotransferasi.

    Con la malattia aumentano.

    Il valore degli indicatori: colesterolo, albumina, urea e protrombina, al contrario, con la malattia diminuisce.

    Un indicatore chiave della biochimica è la bilirubina nella cirrosi epatica. È caratterizzato da 2 stati: diretto (libero) e indiretto (associato). La norma della bilirubina legata non è superiore a 4,3 μmol / l.

    Con l'aumento di questi indicatori, il paziente cambierà il colore delle feci, la sclera della pelle e degli occhi assumerà una sfumatura giallastra, la pelle pruriginosa apparirà.

    Il tasso di bilirubina libera non supera 17,1 μmol / l. Gli indicatori di bilirubina libera con cirrosi epatica sono in aumento. Gli indicatori della bilirubina totale devono essere compresi nell'intervallo specificato: da 8,5 μmol / l a 20,5.

    Il medico analizzerà tutte le trascrizioni ricevute dei test passati e farà una diagnosi.

    Determinazione della gravità

    Per determinare la gravità della malattia utilizzando i risultati della ricerca. In questo caso, usa la classificazione di Child-Pugh.

    Esame del sangue per malattie del fegato

    Un importante studio per valutare le prestazioni dei sistemi umani e degli organi è un esame del sangue biochimico. Questo risultato si ottiene analizzando tutti i tipi di elementi nel sangue. L'esame ecografico aiuterà a conoscere le condizioni generali e le sue dimensioni. Per la diagnosi precoce della malattia e il suo trattamento mediante analisi come lo screening biochimico o test di funzionalità epatica.

    Viene eseguito un esame del sangue per le epatopatie per fare una diagnosi corretta e selezionare un sistema di trattamento efficace. Per capire la funzionalità del fegato sarà utile questo tipo di diagnostica, come ad esempio:

    • analisi del sangue di albumina;
    • bilirubina;
    • AST (aspartato aminotransferasi);
    • ALT (alanina aminotransferasi) - enzimi epatici;
    • Ultrasuoni (ultrasuoni) e altri studi.

    I principali tipi di analisi e la loro interpretazione

    Se l'aspartato aminotransferasi è aumentato, questo indica la presenza di processi distruttivi del fegato. Una grande quantità di bilirubina nel sangue è un segno di qualsiasi malattia epatica acuta. L'albumina, a bassa concentrazione, indica una malattia epatica cronica.

    Se il fegato è interessato, allora l'enzima alanina aminotransferasi si trova nel sangue. L'alta concentrazione di alanina aminotransferasi è dovuta a lesioni tossiche e virali.

    Un enzima come l'aspartransaminotransferasi si trova non solo nei tessuti del fegato, ma nel cuore, nel tessuto nervoso, nei reni e nei muscoli scheletrici. Il suo livello elevato insieme all'alanina aminotransferasi nei pazienti con epatite virale cronica è possibile quando le cellule muoiono.

    Il cosiddetto coefficiente de Rytis, chiamato il rapporto di AST / ALT per parlare della natura e del decorso della malattia. Se l'ALT negli esami del sangue è inferiore alla AST, questo indica un danno (alcolico o medicinale) tossico o una fibrosi epatica. Se l'aspartato aminotransferasi nel sangue è più alto, significa che si verifica la necrosi degli epatociti.

    Test epatici per malattie della ghiandola

    Un esame del sangue per le epatopatie è semplicemente necessario, perché è impossibile valutare le prestazioni e le sue funzioni principali durante un esame esterno o metodi diagnostici strumentali.

    Per valutare la funzione sintetica del fegato e la natura della compromissione, vengono utilizzati test del fegato. Varie combinazioni di questi test e analisi possono essere molto efficaci per l'individuazione di malattie caratteristiche. Tuttavia, non si può dire che uno dei test possa essere usato per diagnosticare una malattia. Aiuterà a fare un complesso di analisi.

    Ci sono anche altri test del fegato. Come risultato di tali analisi, vengono identificate le cause della malattia del fegato. Il rilevamento del livello di alfa1-antitripsina o anticorpi contro il virus dell'epatite C, più spesso, non viene utilizzato per esami di routine del dispensario e test di screening.

    Al fine di valutare il lavoro sintetico del fegato o la sua funzione, è possibile assorbire varie sostanze e rimuoverle dal flusso sanguigno mediante un test epatico. Inoltre, con l'aiuto di questa analisi, viene rivelato il lavoro sulla metabolizzazione e la modifica dei farmaci usati per la diagnosi.

    Valutazione della quantità di albumina nel sangue

    L'indicatore più popolare utilizzato per la clinica è l'albumina. Tuttavia, la malattia renale può anche influenzare il suo livello e un'alimentazione non corretta. Tuttavia, un livello basso può indicare che il lavoro sintetico del fegato è ridotto.

    Valutazione del tempo di protrombina

    Il PV (determinazione del tempo di protrombina) è un semplice test che stabilisce la capacità del fegato di sintetizzare la coagulazione del sangue. Con i cambiamenti nel PV, ci sono violazioni del fegato, o questo significa che il corpo manca di vitamina K.

    Se il tempo di protrombina è aumentato e non c'è risposta alla vitamina K (di solito viene somministrata da cinque a dieci mg nell'arco di tre giorni), allora può indicare una violazione dell'assorbimento di vitamina K a causa di una violazione nel dotto biliare o colestasi intraepatica, che non consente alla bile di fluire nel duodeno. Tuttavia, questa analisi potrebbe parlare di malattie del fegato. Per una diagnosi versatile, la somministrazione endovenosa o sottocutanea di vitamina K è considerata efficace.

    Bilirubina ematica per malattie del fegato

    Uno dei componenti principali della bile è la bilirubina. È formato dalla degradazione di mioglobina, emoglobina e cellule del citocromo nel fegato, nella milza e in un sistema come il reticolo endoteliale. Questa analisi si basa sulla bilirubina diretta e indiretta. In questo diretto è connesso, e indiretto - libero. A causa della frazione diretta (e diretta oltre l'ottanta percento), la bilirubina è derivata dal fegato. Molto spesso questo si verifica in pazienti con epatite virale cronica. Tuttavia, la ragione potrebbe risiedere nella violazione dell'eliminazione dovuta alla citolisi degli epatociti.

    Un concentrato di bilirubina dilatato può indicare una lesione del parenchima epatico. Con la sindrome di Gilbert - tali indicatori sono considerati adeguati.

    La bilirubinemia può essere nei casi in cui il flusso della bile è difficile o addirittura ostruito. E anche nel trattamento dell'epatite antivirale come risultato dell'emolisi intensiva dei globuli rossi. Un alto livello di bilirubina in trenta μmol / l provoca ittero, in cui vi è il colore giallo della pelle, degli occhi e delle urine scure.

    Analisi aggiuntive

    GGTP (gamma-glutamil transpeptidase) è un marcatore enzimatico e colestasi, un indicatore di disturbi del sistema epatobiliare. Tale analisi è necessaria per identificare colecistite, colangite e ittero di natura meccanica. Tuttavia, questa analisi può servire a identificare il livello di danno epatico tossico, dovuto all'abuso di droghe epotossiche e alcol.

    Il dosaggio gamma-glutamil-transpeptidasi viene eseguito con fosfatasi alcalina e ALT. Questo enzima si trova nel pancreas, nei reni e nel fegato. Questa analisi è più sensibile di AST e ALT, in particolare l'abuso prolungato di alcol. Solo cinque processi aumentano la sua intensità: colestasi, lesioni medicinali, citolisi, intossicazione alcolica e crescita tumorale.

    Se la concentrazione di gamma-glutamil transpeptidasi nel sangue è elevata, allora nell'epatite virale cronica questo indica una complicazione nel lavoro del fegato - cirrosi o tossicità.
    ALP (fosfatasi alcalina) viene utilizzato per stabilire colestasi, che accompagna varie malattie del fegato.

    Allo stesso tempo, un alto livello di GGTP e fosfatasi alcalina significa un'anomalia delle vie biliari, un malfunzionamento nel deflusso di bile e calcoli biliari. Tale enzima si trova nel dotto biliare e, di conseguenza, la colestasi intraepatica ed esterna può essere giudicata dalla sua attività. Nel caso in cui la fosfatasi alcalina sia elevata, allora possiamo parlare dell'aspetto del carcinoma epatocellulare.
    Glucos (glucosio) è usato per rilevare anomalie nel pancreas, nel sistema endocrino e nel diabete.

    La ferritina (ferritina) dice della riserva di ferro. Il suo alto livello nell'epatite virale cronica può dire sulla presenza di patologia epatica.

    L'aumento della concentrazione di ferritina riduce l'efficacia della terapia antivirale.
    La principale proteina del plasma sanguigno sintetizzata nel fegato è l'albumina (albumina). Se si riduce, può indicare anomalie nel fegato, scatenate da malattie croniche e acute. Può anche parlare della sua sconfitta, a causa di una diminuzione della funzione di sintesi proteica, che è già caratteristica della cirrosi epatica.

    Proteine ​​totali (globulina e albumina) - analisi della proteina sierica totale. Il suo basso livello indica insufficiente funzionalità epatica. I componenti proteici sono disponibili in varie forme. Nell'epatite virale cronica, le persone prestano attenzione a: beta, gamma, alfa1 e alfa2 globuline. Se l'albumina è abbassata, allora è possibile una patologia dei reni e del fegato. Il suo aumento può significare una varietà di disturbi nel funzionamento del fegato.

    Validazione del metabolismo delle proteine

    Quando il metabolismo delle proteine ​​nel fegato, appare la creatinina. Rimuoverlo dal corpo dei reni con l'urina. Se il suo livello è elevato, allora la normale funzione renale è compromessa. Prima di iniziare la terapia antivirale, è necessario farlo al fine di valutare la sua sicurezza.
    TP (test del timolo) è attualmente utilizzato sempre meno per lo studio dell'epatite virale cronica. Tuttavia, se la concentrazione è elevata, questo indica un danno al fegato di tipo cronico, nonché alterazioni mesenchimali infiammatorie nel fegato.

    Valutazione del lavoro escretore e di assorbimento del fegato

    Le analisi per identificare il lavoro escretore e di assorbimento del fegato hanno una grande varietà e quantità. Tipicamente, la tintura tricarbocianina, la caffeina, l'aminopirina, il monoacilglicolinoxidilide e una sostanza come il bromosulfoftaleina sono usati in tali test. Tali test sono più spesso utilizzati per prevedere la malattia, per studiare il livello di danno epatico. Tuttavia, nella pratica sono usati raramente.

    Rilevazione della cirrosi

    Viene eseguito un esame emocromocitometrico completo per rilevare la cirrosi epatica. Per lo più questo test rileva la presenza di anemia. Può essere dovuto a una anormale formazione del sangue dovuta alla mancanza di acido folico e ferro. Questa analisi può anche indicare la presenza di sanguinamento interno o indicare che nella milza durante l'ipersplenismo si verifica la distruzione dell'eritrocito.
    Se un'infezione si unisce alla malattia, verrà superato il numero di leucociti nel sangue. L'ipersplenismo viene rilevato da una diminuzione dei leucociti. Quando la maggior parte delle piastrine con la milza ingrossata viene precipitata, il numero di piastrine diminuisce.

    Rilevazione di epatite

    Se c'è un'epatite virale, allora il livello di aspartato aminotransferasi è controllato da tre a sei mesi, perché può fluttuare per un lungo periodo di tempo. Circa il venti percento dei casi di epatite virale cronica (epatite virale cronica) presenta un livello stabile di alanina aminotransferasi. Il test più accurato per diagnosticare l'epatite acuta è l'analisi dell'ALT.

    Top