Categoria

Messaggi Popolari

1 Prodotti
I migliori farmaci per il fegato in base alle recensioni dei clienti
2 Prodotti
Dieta dopo la rimozione della cistifellea
3 Cirrosi
ProTrakt.ru
Principale // Ricette

Epatite tossica da alcol


Epatite alcolica - è inclusa nel gruppo di danno epatico, non correlato all'infezione. Questo tipo di infiammazione, a differenza dell'epatite virale, non viene trasmessa da un paziente a uno sano, ma è associata esclusivamente al consumo prolungato di alcol e alla formazione di dipendenza da alcol in una persona. La malattia è considerata la principale causa eziologica della cirrosi.

La prevalenza dell'epatite alcolica è, secondo studi statistici, in diversi paesi da 7 a 10 ogni 100 mila persone. La valutazione dello stato di salute degli alcolisti porta alla conclusione che il 25-40% dell'infiammazione del fegato si formerà entro pochi anni, passando allo stadio di distruzione cellulare e fallimento completo di questo importante organo.

La Classificazione statistica internazionale (ICD-10) distingue un gruppo di malattie sotto il termine generale "malattia epatica alcolica". Tra questi, l'epatite è codificata K70.1. La massima malattia è comune tra la popolazione maschile di età compresa tra 30 e 55 anni.

L'effetto dell'alcol sul fegato

La scissione dell'alcol inizia quando entra nello stomaco umano. Il succo è costantemente l'enzima alcol deidrogenasi, che ossida fino al 25% dell'etanolo accettato e lo trasforma in acetaldeide. Quindi, ¼ parte viene assorbita nel sangue bypassando il fegato. Trovare cibo (specialmente grasso) ritarda l'assorbimento, ma non neutralizza i prodotti tossici.

L'effetto inverso è possibile sullo sfondo del paziente che riceve farmaci del gruppo bloccante N2-recettori di istamina. Riducono la concentrazione di alcol deidrogenasi nello stomaco e aumentano notevolmente la quantità di etanolo rilasciato nel sangue.

Il sistema enzimatico del fegato, a spese delle sue specifiche proteine ​​attive, entra nella lotta per la neutralizzazione. La reazione delle trasformazioni inizia con l'azione dell'alcol deidrogenasi e la trasformazione dell'etanolo in acetaldeide (nota anche come acetaldeide, etanolo, metil formaldeide).

La sostanza ha alcune decine di volte più pericoloso nelle sue proprietà tossiche rispetto all'alcool stesso. È classificato come cancerogeno di primo ordine in base alla sua capacità di distruggere il DNA dei geni e causare la degenerazione cancerosa. Pertanto, lo sviluppo di un tumore maligno dello stomaco, dell'esofago e del fegato è una delle conseguenze negative dell'azione, oltre all'epatite alcolica. Un'ulteriore conversione avviene sotto l'influenza di acetaldeide deidrogenasi. Converte la metilformaldeide nello stato di acido acetico e sostanze non tossiche che vengono escrete nelle urine.

È importante che con l'uso costante di bevande alcoliche, la sintesi degli enzimi necessari sia in ritardo rispetto alla necessità. Ciò porta ad un aumento degli effetti sul fegato di acetaldeide non depurata. Le cellule epatiche (epatociti) reagiscono con una risposta infiammatoria.

Nella patogenesi dell'epatite alcolica un ruolo significativo è giocato dal danno ad altri organi dell'apparato digerente:

  • pancreas (pancreatite);
  • stomaco (gastrite);
  • cistifellea (colecistite).

Caratteristiche della sconfitta delle donne

Il danno epatico più pesante e più veloce nelle donne è dovuto a:

  1. La caratteristica fisiologica della composizione del succo gastrico nel corpo femminile - nelle donne è molto inferiore rispetto agli uomini, la produzione e il contenuto dell'enzima alcol deidrogenasi, quindi, l'etanolo nello stomaco non si divide, entra nel fegato in una quantità massiccia e rappresenta un onere significativo.
  2. Una maggiore massa nel corpo del tessuto adiposo e meno - acqua, che porta ad una mancanza di diluizione di etanolo, aumenta la sua tossicità. I grassi nel parenchima epatico aumentano le reazioni ossidative, contribuiscono alla rapida infiammazione e al risultato della fibrosi.
  3. Violazione dell'equilibrio degli estrogeni durante l'aggiustamento della menopausa, che influisce negativamente sull'intossicazione da alcol.

Il trattamento dell'epatite alcolica richiede la considerazione delle caratteristiche del sesso e della loro correzione.

C'è una predisposizione razziale?

Nelle persone della razza mongoloide, gli indigeni del Nord America hanno rivelato le caratteristiche genetiche della trasformazione dell'alcol. Consistono in un forte indebolimento della sintesi di alcol deidrogenasi e acetaldeide deidrogenasi. L'accettazione di prodotti contenenti alcol provoca un rapido sovradosaggio e un'epatite tossica alcolica con sintomi caratteristici.

Qual è la dose di alcol?

Lo sviluppo di epatite alcolica a causa di:

  • dose di etanolo contenuta;
  • la qualità della bevanda alcolica;
  • durata d'uso.

La quantità giornaliera di alcol per lo sviluppo di epatite e cirrosi è:

  • per un maschio adulto 50-80 g;
  • donne, 30-40;
  • adolescenti - 15-20.

Per un adolescente, il pericolo è 0,5 litri di birra "non alcolica". E 'necessariamente sulla tecnologia di preparazione è presente fino al 5% di etanolo. Inoltre, con la birra sul fegato aumenta il carico a causa dei carboidrati contenuti, che vengono trasformati in grassi e rimangono nelle cellule parenchimali.

Un ruolo speciale nello sviluppo della forma acuta di epatite alcolica è attribuito ad avvelenamento da surrogati di liquidi domestici contenenti alcol. Le sostanze tossiche in questi casi sono, oltre all'alcol:

  • alcool isopropilico;
  • dietil ftalato;
  • alcool metilico;
  • polihexamethylene guanidine hydrochloride (componente disinfettante);
  • acetaldeide.

La maggior parte dei medici curanti (gastroenterologi, epatologi) ritengono importante nella diagnosi non specificare la dose assunta dalla bevanda del paziente, ma la regolarità dell'assunzione di alcol nel corpo.

Fattori di rischio

Per la presenza di epatite nel fegato sullo sfondo della questione dell'abuso di alcol:

  • carenze nutrizionali (mancanza di frutta e verdura, prodotti a base di carne);
  • trattamento con farmaci epatotossici ed erbe (ad esempio, l'erba di San Giovanni dovrebbe essere presa secondo il nome);
  • infezione da virus con un effetto predominante sulle cellule del fegato;
  • mancanza di immunità;
  • predisposizione genetica sotto forma di inibizione della sintesi dell'insieme richiesto di enzimi.

Il decorso clinico dell'epatite alcolica è associato a una combinazione di tutti questi fattori. A seconda della durata e del complesso sintomatico della lesione, è consuetudine distinguere tra acuta e cronica.

Forma acuta

La forma acuta di epatite alcolica è causata da processi infiammatori e distruttivi rapidamente progressivi nelle cellule del fegato, più spesso dopo una lunga abbuffata sullo sfondo della cirrosi già iniziata del fegato. Nel caso di un decorso grave, il risultato è l'insufficienza epatica e la morte dal coma. La durata del corso varia da 3 a 5 settimane.

Epatite Icterica - la più comune tra le persone che soffrono di alcolismo. I sintomi di epatite alcolica con questo tipo sono:

  • nel giallo della pelle e delle mucose;
  • nausea parossistica;
  • la debolezza;
  • perdita di appetito;
  • diarrea, alternando costipazione;
  • perdita di peso;
  • dolori di un carattere noioso nell'ipocondrio destro.

I pazienti sono soggetti a infezioni batteriche con febbre, malattie infiammatorie del sistema urinario. La pelle pruriginosa non è caratteristica. La sindrome epatorenale è determinata dall'esame.

Latente (nascosto): non ci sono praticamente sintomi, rilevati dai test delle transaminasi.

Colestatico - riscontrato nel 13% dei pazienti, segni concentrati di escrezione biliare compromessa:

  • ingiallimento significativo della pelle e delle mucose;
  • urina scura;
  • intenso prurito e graffi sulla pelle;
  • sbiancamento delle feci.

La diagnostica differenziale con ittero meccanico, formata sullo sfondo della malattia del calcoli biliari, del fegato e dei tumori pancreatici, dell'infiammazione dei dotti biliari, viene sempre eseguita.

Fulminante: la forma di fulmine più severa, perché porta rapidamente a:

  • danno cerebrale (encefalopatia) con gonfiore cellulare;
  • sindrome di hemorrhagic accompagnatoria con emorragie;
  • danno simultaneo ai reni con un blocco funzionale di filtrazione nella misura di insufficienza renale;
  • di ipoglicemia;
  • infezione di accesso.

Si differenzia dagli altri per la rapida necrosi degli epatociti. I pazienti aumentano rapidamente la confusione in uno stato comatoso, pronunciato giallo.

L'odore epatico appare dalla bocca, la temperatura è costantemente alta. A differenza dell'epatite virale, le forme acute non sono accompagnate da un ingrossamento della milza. La mancanza di trattamento tempestivo di epatite alcolica in questo caso porta rapidamente a cambiamenti irreversibili e morte del paziente.

L'epatite tossica si verifica con grave arresto del movimento della bile nei dotti (colestasi). In questa patologia, la distruzione degli epatociti è meno pronunciata. In forme gravi, porta a insufficienza epatica acuta.

Caratteristiche del tipo cronico

L'epatite alcolica cronica si presenta con l'uso regolare prolungato di alcol, la rilevazione rivela la sua presenza in 1/3 dei pazienti con alcolismo. I sintomi sono lievi, possono essere completamente assenti. La diagnosi viene effettuata quando le violazioni vengono rilevate da un metodo di laboratorio, rispetto alla storia dell'alcol del paziente.

Con un'indagine dettagliata, è possibile identificare alcuni segni di patologia:

  • perdita di appetito;
  • propensione al costante gonfiore;
  • attacchi rari di nausea;
  • insonnia;
  • diminuzione della libido (desiderio sessuale) dovuta alla compromissione della sintesi degli ormoni sessuali.

La palpazione rivela un margine denso e doloroso del fegato, che sporge da sotto l'ipocondrio destro, segni di un organo ingrossato. Questa forma di danno epatico è anche chiamata steatoepatite alcolica, poiché la degenerazione grassa si verifica negli epatociti.

Secondo il decorso clinico, si distinguono i seguenti gradi:

  • facile - il paziente non mostra lamentele, ma dopo l'esame ha rivelato un aumento del fegato;
  • media - tranne che per l'organo ingrandito, il paziente ha un evidente dolore nel giusto ipocondrio, ittero della sclera e della pelle, perdita di peso, perdita di appetito;
  • grave - caratterizzato da un significativo aumento del fegato e della milza, l'insorgenza della cirrosi.

diagnostica

Nel processo di diagnosi, la difficoltà è scoprire il fatto di abuso di alcol. Comportamento significativamente diverso dei pazienti al lavoro ea casa. Spesso i pazienti nascondono la loro debolezza, non capiscono il significato. Stabilire l'eziologia del danno epatico aiuta a stabilire:

  • inclinazioni al bere duro;
  • sviluppo dell'astinenza;
  • uso prolungato di alcol;
  • sbornia;
  • l'incapacità di rifiutare i liquidi contenenti alcool.

Per decidere il modo migliore di trattare il paziente, è necessario escludere l'epatite tossica. L'esame include test di laboratorio:

  • transaminasi epatiche (aspartico e alanina), con epatite aspartica molte volte superiore a quella di alanina;
  • test timolo moderatamente alterato;
  • la crescita della bilirubina nel sangue e nelle urine indica una difficoltà nel flusso della bile;
  • aumento dell'attività del gammaglutamiltranspeptidasi;
  • la crescita di immunoglobulina A.

Il metodo dell'epatosplenoscintigrafia con radionuclidi è l'uso di isotopi specifici depositati nel parenchima epatico. L'immagine della sostanza assorbita può essere giudicata in base al grado di danno al corpo.

È importante confermare che l'eziologia alcolica dell'epatite è possibile solo sulla base di segni caratteristici sulla biopsia. Devono scoprire:

  • ialina alcolica (Toro della Malleria);
  • alterazioni degli epatociti e delle cellule del reticolo-cellulo stellato.

Diagnosi differenziale di forme croniche

La diagnosi deve identificare le differenze con steatoepatite non alcolica con disordini metabolici, epatite da farmaci. La steatoepatite metabolica è più comune nelle donne di età compresa tra i 40 ei 60 anni, che soffrono di:

Un esame del sangue rivela una violazione della composizione dei componenti grassi, un forte aumento dei trigliceridi e iperglicemia. Non c'è ittero nei sintomi. La steatoepatite medicinale si verifica a causa degli effetti collaterali dei farmaci con uso prolungato:

  • farmaci estrogeni;
  • amiodarone;
  • alte dosi di acido acetilsalicilico;
  • sulfametossazolo;
  • antagonisti del calcio;
  • farmaci anti-infiammatori della serie aminoquinolone (Delagil, Plaquenil).

Nella patogenesi di questo tipo di epatite, è importante inibire il processo di ossidazione degli acidi grassi a livello dei mitocondri degli epatociti, attivazione del tipo di ossidazione lipidica perossidica. Il medico può scoprire quali farmaci il paziente ha assunto, il loro dosaggio pericoloso e la durata del trattamento. L'esito della steatoepatite non alcolica diventa anche cirrosi epatica. Raramente, la distrofia grassa è di natura gocciolina e causa la forma fulminante di epatite acuta.

Infine, puoi essere sicuro di una lesione non alcolica solo con i risultati di una biopsia epatica. Le statistiche mostrano la presenza di steatoepatite nel 7-9% di tutti gli studi. Alcuni esperti ritengono necessario considerare la malattia come una nosologia separata.

Trattamento di epatite alcolica

La cura dell'epatite alcolica è possibile solo se si interrompe completamente l'uso di alcol. Non ci dovrebbero essere sostituzioni per bevande meno concentrate. Al paziente viene offerta una dieta rigida che fornisce il contenuto calorico necessario, ma esclude qualsiasi effetto tossico sul fegato.

La tabella tipica numero 5 è assegnata:

  • la dieta calorica dovrebbe essere di almeno 2000 kcal al giorno;
  • i prodotti proteici sono prescritti al tasso di 1 g per chilogrammo di peso del paziente;
  • Il componente essenziale sono le vitamine del gruppo B e l'acido folico.

In ospedale, in assenza di appetito e rifiuto del cibo, i pasti sono organizzati attraverso un tubo o mediante somministrazione endovenosa di aminoacidi e miscele nutrizionali.

Per le forme gravi di epatite alcolica, i corsi antibiotici sono usati per prevenire le infezioni batteriche. I farmaci fluorochinolonici sono più efficaci.

Gli epatoprotettori hanno un effetto selettivo sulle cellule del fegato. Si ritiene che ripristinano i processi ossidativi negli epatociti, contribuiscono alla rigenerazione del parenchima. I protettori basati sui seguenti possono trattare l'epatite alcolica:

  • flavonoidi di cardo;
  • orso bile (Ursosan);
  • Admetionina;
  • fosfolipidi essenziali.

L'acido ursodesossicolico contenuto in Ursosan riduce la sintesi del colesterolo, aiuta a compensare la mancanza di bile durante la digestione. La trasformazione del processo infiammatorio in fibrosi e la formazione di cirrosi ha solo una possibilità di aiuto: il trapianto di fegato. Le operazioni sono raramente eseguite fino ad ora, associate alla ricerca di un donatore e ad alti costi.

prospettiva

L'epatite alcolica si manifesta in due forme:

  1. Progressivo - circa il 20% dei casi, caratterizzato da piccole lesioni focali del parenchima epatico con esito in cirrosi. Accompagnato dalla clinica sopra descritta. Permette di raggiungere la stabilizzazione del metabolismo, di arrestare l'infiammazione, se il trattamento viene avviato in tempo e non è accompagnato da ripetuti bevimenti duri.
  2. Persistente: la forma è caratterizzata da un decorso stabile, reversibilità dei processi nel fegato. L'immagine di basso-sintomo continua fino a 10 anni. Non c'è peggioramento nemmeno con l'uso raro di alcol.

In assenza di rifiuto da parte dell'alcool, il tasso di mortalità nella fase acuta dell'epatite sullo sfondo del prossimo consumo di alcolici è pari al 60%. La prognosi per l'aumento dell'aspettativa di vita aumenta significativamente per i pazienti che potrebbero interrompere la loro dipendenza.

Il problema del trattamento dell'epatite alcolica è risolto da diversi specialisti. È importante che in presenza di danni al fegato, narcologi e psichiatri non possano prescrivere farmaci potenti. La scelta della terapia è limitata come i processi distruttivi nel tessuto epatico. Pertanto, gli esperti consigliano alle persone dipendenti dall'alcol di contattarle il prima possibile.

Epatite alcolica

L'epatite alcolica è un ampio cambiamento degenerativo-infiammatorio nel tessuto epatico, che si sviluppa a causa degli effetti tossici dell'alcol e dei suoi prodotti di decadimento. L'epatite, sviluppata sulla base dell'alcolismo, non è pericolosa per gli altri, non è contagiosa.

motivi

L'effetto tossico delle bevande alcoliche sul fegato è dovuto al fatto che è in esso la rottura dell'80% dell'alcol consumato. L'acetaldeide risultante distrugge le cellule del fegato. Nello stomaco, solo il 20% di etanolo è suddiviso. Nelle donne, l'enzima nello stomaco per la decomposizione dell'alcol viene prodotto molto meno, e quindi il tessuto epatico viene distrutto più velocemente.

Con l'uso regolare di alcol, le inclusioni grasse sono inizialmente depositate nelle cellule del fegato (epatociti), alcune cellule muoiono a causa dell'infiammazione. Nel corso del tempo, la degenerazione grassa del fegato porta alla sostituzione delle cellule del fegato con tessuto cicatriziale (tessuto fibroso), il fegato non può svolgere le sue numerose funzioni nel corpo. L'epatite alcolica tossica provoca cirrosi epatica.

Per la formazione di epatite alcolica è sufficiente un uso sistematico di 5-7 anni di 40-60 ml / die di etanolo (alcool puro) da parte degli uomini, 30 ml da parte delle donne e 15-20 ml da parte degli adolescenti. È noto che 10 ml di etanolo equivalgono a 25 ml di vodka, 200 ml di birra o 100 ml di vino. Il tipo di bevanda non è importante. Implica la frequenza di utilizzo e la dose. Un consumo giornaliero di 0,5 litri di birra dopo 5 anni può portare a cambiamenti cirrotici nel fegato.

Fattori che aumentano il rischio di sviluppare l'epatite:

  • grandi dosi di alcol consumate;
  • predisposizione ereditaria all'alcolismo;
  • uso a lungo termine
  • scarsa nutrizione;
  • l'obesità;
  • infezione da virus epatotropici (che infettano il tessuto epatico).

sintomi

La malattia si sviluppa gradualmente, impercettibilmente per l'amante degli spiriti: durante questo periodo, può essere identificata solo attraverso l'esame. I primi sintomi compaiono 5 anni dopo il danneggiamento delle cellule del fegato. Con l'aumentare del danno al fegato, aumenta il numero di manifestazioni e la loro gravità.

A seconda dell'intensità dello sviluppo del processo, si distingue l'epatite alcolica - acuta e cronica.

A proposito di epatite acuta, si dice nel caso di un processo progressivo nel fegato in individui con epatite o cirrosi cronica già esistenti, ma che continuano a consumare alcol. Allo stesso tempo, l'epatite cronica si trasforma rapidamente in cirrosi alcolica e, in caso di comparsa di epatite acuta sullo sfondo della cirrosi esistente, è caratterizzata da una particolare gravità. L'epatite acuta si sviluppa spesso dopo aver bevuto in modo eccessivo.

Può procedere in 4 modi:

  1. Latente (nascosto): i sintomi della malattia non si verificano, diagnosticati in un esame del sangue che rileva una maggiore attività delle transaminasi. Puoi confermare la diagnosi usando una biopsia.
  2. Ittero, l'opzione più comune. Quando appare sintomi caratteristici:
  • giallo della pelle, delle mucose, dei liquidi biologici (urina, lacrime, saliva);
  • la debolezza;
  • mancanza di appetito;
  • dolore nell'ipocondrio a destra;
  • nausea, vomito possibile;
  • violazione della sedia (diarrea);
  • perdita di peso;
  • lo sviluppo di gravi infezioni batteriche (polmonite, infezioni del tratto urinario, ecc.).
  1. La variante colestatica è contrassegnata dalla stasi biliare. Si manifesta con un decorso prolungato con grave ittero, grave prurito, urine scure e feci scolorite.
  2. Fulminante: il più aggressivo e in rapido progresso. Differisce nello sviluppo dell'insufficienza renale ed epatica, l'insorgenza di sanguinamento. Spesso finisce con lo sviluppo del coma epatico e la morte del paziente.

Per il decorso cronico di epatite alcolica, le seguenti sindromi sono caratteristiche (combinazione di sintomi):

  1. Asthenic: debolezza generale;
  • aumento della fatica;
  • scarso appetito;
  • ritmo del sonno disturbato (sonnolenza diurna);
  • umore depresso.
  1. dispeptici:
  • nausea e vomito;
  • fegato ingrossato;
  • dolore nell'ipocondrio a destra;
  • gonfiore;
  • riduzione del peso.
  1. Sindrome dei segni epatici:
  • "stelle" vascolari sul corpo e sul viso;
  • giallo della pelle e delle mucose;
  • arrossamento della pelle sui palmi e sulle piante dei piedi,
  • dilatazione dei capillari sanguigni sul viso (telangiectasia).
  1. Sindrome di segni sistemici (dovuta all'influenza di intossicazione alcolica su altri organi e sistemi):
  • la polineuropatia si manifesta con disturbi sensibili, restrizione dei movimenti;
  • atrofia muscolare;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • mancanza di respiro;
  • impotenza e atrofia testicolare;
  • diminuzione della libido;
  • propensione a formare lividi;
  • ginecomastia (ingrossamento delle ghiandole maschili negli uomini);
  • deformità delle mani dovuta all'accorciamento dei tendini palmari o alla contrattura di Dupuytren;
  • aumento della temperatura, ecc.

Le manifestazioni di epatite cronica sono individuali, a volte ci sono solo pochi sintomi.

Esistono 2 forme di epatite cronica:

  • Epatite persistente: i suoi sintomi sono piuttosto scarsi, le condizioni del paziente sono stabili, periodicamente dolori nell'ipocondrio a destra, nausea, sensazione di pienezza nello stomaco, eruttazione. Il paziente potrebbe non conoscere lo sviluppo della sua malattia. A volte viene rilevato durante l'esame.
    In caso di interruzione dell'uso di bevande contenenti etanolo, è possibile la stabilizzazione e lo sviluppo inverso delle alterazioni epatiche. Con l'individuazione tempestiva e l'esecuzione di misure terapeutiche, il rispetto di uno stile di vita sano, l'epatite in questa fase può essere curata. Con il continuo bere, la malattia progredirà.
  • Epatite progressiva si nota in ogni quinto paziente con epatite alcolica. La malattia precede la cirrosi epatica, la formazione di aree di necrosi tissutale (necrosi completa), un processo irreversibile. Per l'epatite progressiva è caratterizzata dai seguenti sintomi: giallo, dolore nell'ipocondrio, febbre, vomito, diarrea.

La cessazione dell'uso di alcol e il trattamento completo possono portare alla stabilizzazione del processo, ma è già impossibile curare l'epatite in questa fase. Con la continuazione del precedente stile di vita e senza trattamento, la malattia porterà allo sviluppo del coma epatico e alla morte.

diagnostica

Per diagnosticare il medico curante utilizza:

  • indagine sui pazienti, che consente di chiarire i reclami, la presenza di cattive abitudini, malattie trasmesse e associate, contatto con sostanze tossiche, ecc.;
  • l'ispezione consente di rilevare "segni di fegato", determinare le dimensioni della milza e del fegato, il liquido nella cavità addominale, ecc.;
  • metodi di laboratorio: esami del sangue clinici e biochimici (determinazione del livello di bilirubina nel sangue, attività degli enzimi epatici ALT e AST, composizione proteica, coagulogramma), marcatori tumorali, marcatori di geatiti virali; marker di fibrosi epatica (per escludere la cirrosi), ecc.,
  • metodi diagnostici strumentali:

a) ultrasuoni - per determinare le dimensioni e la struttura della milza e del fegato;

b) EFGDS - esame endoscopico da parte di un medico dell'esofago, dello stomaco e 12-p. intestino (per la rilevazione delle vene varicose nell'esofago, caratteristiche della cirrosi epatica);

c) TC spirale della milza e del fegato;

d) La tomografia con tomografia a risonanza magnetica consente di valutare la struttura della milza e del fegato utilizzando le immagini accurate ottenute dagli organi;

e) elastografia - uno studio per identificare la fibrosi epatica (cirrosi);

f) colangiografia retrograda - esame a raggi X per chiarire la causa dell'ittero nell'epatite colestatica, per escludere un tumore che impedisce il flusso della bile;

g) L'ecografia Doppler (UZDG) consente di rilevare o eliminare l'aumento della pressione nella vena porta (ipertensione portale), caratteristica della cirrosi epatica;

  • biopsia epatica (prelievo di tessuto epatico con ago da puntura per esame istologico).

trattamento

Il trattamento per tutte le forme di epatite alcolica include la completa esclusione dell'uso di bevande alcoliche. Anche se, secondo le statistiche, solo un terzo paziente smette di usare, un altro terzo dei pazienti ne riduce l'uso.

Se è impossibile sbarazzarsi della dipendenza da soli, è necessario l'aiuto di un narcologo, altrimenti il ​​trattamento dell'epatite non avrà successo e il risultato sarà cirrosi e morte. Un risultato sfavorevole può essere in questi pazienti anche quando il trattamento con neurolettici prescritto dai narcologi è controindicato a causa di insufficienza epatica.

Oltre ad escludere l'assunzione di alcol, il trattamento include:

  • dieta energetica;
  • terapia farmacologica;
  • trattamento chirurgico

La dieta prescritta dovrebbe eliminare l'esaurimento endogeno del corpo, assicurare l'assunzione di sufficienti quantità di proteine, oligoelementi, vitamine (particolarmente importanti dal gruppo B e acido folico). Il valore nutrizionale della nutrizione dovrebbe essere non inferiore a 2000 calorie al giorno e la quantità di proteine ​​dovrebbe essere calcolata dal calcolo di 1 g / kg di peso del paziente. Nell'anoressia (avversione al cibo), la nutrizione viene somministrata attraverso una sonda o un parenterale (introduzione delle soluzioni necessarie in una vena).

Gli epatologi raccomandano di aderire a una dieta terapeutica e rispettosa del fegato n. 5 con riduzione del grasso.

Caratteristiche dieta numero 5:

  • i piatti sono cucinati bollendo, arrostendo o cuocendo a vapore, gli alimenti fritti sono esclusi;
  • È vietato mangiare cibi piccanti e grassi, sottaceti. cibi e bevande troppo freddi;
  • Pasto in porzioni frazionarie 5 r. al giorno;
  • dovrebbero essere esclusi i pesci ricchi, la carne, i brodi di funghi, sono consigliate le zuppe vegetariane;
  • le bevande gassate, il cacao, il caffè, il cioccolato e le noci dovrebbero essere esclusi.

Il trattamento farmacologico include:

  • disintossicazione in forma grave della malattia utilizzando soluzioni per infusione endovenosa e l'uso di assorbenti (Enterosgel, Polysorb, ecc.);
  • farmaci antibatterici (antibiotici Norfloxacina, Ofloxacina, Levofloxacina, ecc.) un breve corso per prevenire le infezioni batteriche;
  • terapia vitaminica;
  • epatoprotettori - farmaci ad azione selettiva sul fegato, che stimolano la rigenerazione delle cellule epatiche e normalizzano le funzioni del fegato, aumentandone la resistenza agli effetti tossici.

Ci sono 5 gruppi di epatoprotettori:

  1. I preparati a base di cardo (Silymar, Sibektan, Karsil, Gepabene, Legalon) hanno un pronunciato antiossidante (riducono l'effetto dei processi ossidativi) e un effetto immunostimolante.
  2. Le preparazioni con il principio attivo ademetionina (Heptral, Ademetionin) neutralizzano le tossine, migliorano il flusso della bile.
  1. L'acido ursodesossicolico dalla bile dell'orso o la droga sintetica Worsan ha un effetto coleretico e antifibrotico.
  2. Mezzi di origine animale, stimolando processi rigenerativi nel fegato (Syrepar, Hepatosan).
  3. Essential Forte, Essentiale Forte N) sono tra le migliori medicine. Hanno un effetto antiossidante, antinfiammatorio, aumentano la funzione detossificante delle cellule del fegato, stimolano lo sviluppo di nuove cellule.

Con il metodo operativo di trattamento viene eseguito il trapianto di fegato. Applicarlo in rari casi con grave insufficienza epatica. La complessità del metodo sta nella selezione del donatore. Un parente può essere un donatore. Prende il 60% del fegato e poi si rigenera alla sua dimensione originale. Dopo un trapianto di fegato, il periodo di recupero è molto importante perché il fegato si stabilizzi.

L'unico modo per evitare lo sviluppo di epatite tossica alcolica e la ricerca di "come trattare?" È evitare l'abuso di alcool, indipendentemente dal tipo, dalla forza, dalla qualità. Solo nella fase iniziale dell'epatite persistente nella cessazione del consumo di alcol possiamo sperare in una cura. Con uso continuato di un risultato - cirrosi.

Epatite tossica

L'effetto tossico delle sostanze è diretto alle cellule del fegato, che è accompagnato dall'infiammazione degli epatociti e dalla loro morte. Il fegato aumenta di dimensioni, ci sono dolori nell'ipocondrio destro, l'ittero progredisce.

Il decorso acuto dell'epatite tossica viene comunemente definito "epatite acuta tossica", che si sviluppa a causa di una singola, seria concentrazione di veleno o una piccola dose di veleno che ha una somiglianza generale con le cellule del fegato. Nella maggior parte dei casi, i sintomi iniziano ad apparire dopo 3-5 giorni.


Il decorso cronico dell'epatite tossica viene comunemente definito "epatite cronica tossica". La malattia si sviluppa con l'ingresso sistematico di veleno nel corpo in piccole dosi. Il veleno non ha alcuna somiglianza con le cellule del fegato. L'epatite si verifica in mesi e anni. I segni di epatite acuta tossica sono pronunciati, difficili da procedere. Il paziente ha bisogno di un ricovero veloce. Se il trattamento non viene fornito in modo tempestivo, la malattia porta alla morte. L'epatite cronica tossica si sviluppa lentamente, i suoi sintomi compaiono gradualmente.
Se la causa non viene risolta, l'epatite sarà complicata da insufficienza epatica e cirrosi epatica.


Cause di epatite tossica

Le sostanze dannose possono entrare nel corpo umano per caso, intenzionalmente (desiderato) o professionalmente (lavoro, lavoro). Le sostanze nocive nel corpo influenzano il fegato - sono chiamate veleni del fegato. Possono entrare nel corpo in vari modi. Attraverso il tratto digestivo: fegato bocca-stomaco-flusso sanguigno. Attraverso il sistema respiratorio: naso-polmoni-sangue-fegato. I veleni attraverso la pelle entrano anche nel flusso sanguigno e poi nel fegato. Alcuni veleni del fegato, entrando nel sangue, hanno un effetto diretto sulle cellule del fegato, interrompendo il loro sostentamento e la loro funzionalità. Altri veleni interferiscono con la circolazione del sangue in piccoli vasi che nutrono il fegato, il che porta alla mancanza di ossigeno nelle cellule e alla loro morte, con un'ulteriore interruzione del funzionamento del fegato.


I veleni epatici hanno un'origine diversa:


1. Medicinali Se la dose è prescritta da un medico, allora il farmaco ha un effetto curativo. Se c'è stata una singola dose di una dose tossica (alta) del farmaco, si verifica un danno epatico e si sviluppa un'epatite tossica acuta. Alcuni farmaci hanno questa proprietà:

  • Agenti antivirali: Amantadina, Interferone;
  • Sulfonamide: Sulfadimetoksin;
  • Tubercolosi: Tubazid, Ftivazid;
  • Antipiretico: Aspirina, Paracetamolo;
  • Anticonvulsivi: fenobarbital.

2. I veleni industriali entrano nel corpo attraverso la pelle o durante la respirazione. Se vengono ingerite grandi dosi, si verifica un danno epatico acuto, seguito dalla morte cellulare e dalla formazione di cellule adipose. Se cadono sistematicamente piccole dosi, si sviluppa un'epatite cronica tossica.

  • Fosforo (disponibile in fertilizzanti fosfatici, utilizzato per la lavorazione dei metalli);
  • Arsenico (è assegnato alle imprese metallurgiche);
  • Pesticidi (utilizzati in agricoltura);
  • Idrocarburi clorurati (elementi oleosi);
  • Aldeidi (ad esempio acetaldeide, utilizzate nel settore industriale per ottenere acido acetico);
  • Fenoli (disponibili in antisettici utilizzati per la disinfezione);
  • Insetticidi (usati in agricoltura per la distruzione di insetti).


3. Alcool. L'uso eccessivo e costante di alcol (specialmente di scarsa qualità) porterà a danni tossici al fegato. Circa 30-40 g di alcol al giorno per gli uomini e 20-30 g per le donne sono dosi sicure. L'effetto tossico sarà ad alte dosi. Dal tratto digestivo, tutto l'alcol consumato penetra nel sangue nel fegato, dove viene eseguita la lavorazione delle sostanze che vi sono entrate. Il principale componente della conversione alcolica è la sua interazione con l'alcol deidrogenasi (enzima). A causa di questa trasformazione a livello di enzimi, la formazione di acetaldeide, che è considerata piuttosto una sostanza tossica. È sotto la sua azione che viene eseguita una violazione di varie reazioni chimiche nel fegato (incluso il metabolismo dei grassi). Accumulo osservato di acidi grassi e sostituzione di cellule del fegato con tessuto adiposo.


4. I veleni vegetali (veleni delle erbacce: krestovik, gorchak, veleni di funghi: toadstool) hanno un effetto epatotropico (agiscono direttamente sulle cellule del fegato, interrompendo la loro attività vitale e sostituendoli con tessuto adiposo). A causa di ciò, si sviluppa un'epatite acuta.

Sintomi di epatite tossica

In alcuni casi, la malattia è quasi asintomatica e può essere rilevata durante un esame di gruppo. Ad esempio, dopo aver mangiato funghi velenosi. Nei casi particolarmente gravi, la malattia si manifesta sotto forma di una serie di sintomi:

  • Dolore nell'ipocondrio destro. Può verificarsi inaspettatamente in 2-5 giorni dopo la penetrazione di veleni nel corpo. I dolori si verificano a causa dell'allungamento della capsula di un ingrossamento del fegato (a seguito di processi infiammatori acuti);
  • Segni di intossicazione: aumento della temperatura corporea, mancanza di appetito, marcata debolezza, nausea, vomito (spesso con sangue), dolore alle articolazioni;
  • Sanguinamento dalle gengive, naso, piccole emorragie puntiformi sulla pelle. Ciò è dovuto agli effetti dannosi della tossina sulle pareti dei vasi sanguigni;
  • La psiche del paziente è influenzata dall'inibizione o dall'agitazione. Orientamento disturbato nello spazio. Il tremore è osservato, da allora i veleni possono produrre effetti tossici sulle cellule nervose;
  • Sviluppo di ittero, decolorazione fecale, grave scurimento delle urine. Questo si manifesta con segni di intossicazione ed è il risultato di disturbi nel deflusso della bile lungo il tratto biliare intraepatico;
  • L'aumento delle dimensioni del fegato a causa di infiammazione acuta degli epatociti e la loro sostituzione con tessuto adiposo (la cosiddetta degenerazione grassa).


Segni di epatite tossica cronica:

  • Dolori sistematici nell'area del giusto ipocondrio di bassa intensità, che si aggravano dopo aver mangiato cibo;
  • Severità nell'area del giusto ipocondrio associata ad un aumento del fegato;
  • In genere, la temperatura corporale subfebrilare è 37-37,5 gradi;
  • Vomito, nausea, mancanza di appetito, marcato gonfiore, leggera amarezza in bocca, diarrea. Tutto questo si sviluppa a causa di disturbi nel flusso della bile;
  • Diminuzione delle prestazioni, affaticamento;
  • Prurito. La pelle prurito a causa di accumuli di acidi biliari;
  • Milza e fegato ingrossati. Questi sintomi possono temporaneamente attenuarsi (remissione) e riapparire (esacerbazione).


Diagnosi di epatite tossica

Sfortunatamente, la somiglianza dello sviluppo dell'epatite tossica e di altre malattie epatiche croniche e acute non consente loro di differenziarsi clinicamente tra loro clinicamente. A tale scopo vengono utilizzati vari metodi di ricerca strumentali e di laboratorio. Un metodo di laboratorio abbastanza universale per diagnosticare l'epatite tossica può essere chiamato un esame del sangue biochimico, in cui, prima di tutto, il medico sarà interessato a indicatori dei livelli di AST e ALT, bilirubina diretta e totale, così come gamma-glutamiltranspeptidasi.


Oltre al test del sangue biochimico, al paziente vengono somministrati test clinici generali (analisi delle urine e sangue), un coagulogramma (con l'analisi dell'indice protombinico) e test per escludere altri tipi di epatite (test ELISA per anticorpi contro epatite virale e autoanticorpi SMA, ANA, anti- LKM-1, caratteristico dell'epatite autoimmune). Le cause dell'epatite tossica possono essere stabilite attraverso lo studio del fluido biologico (urina, saliva, sangue, feci) sul contenuto di varie tossine (ad esempio, i prodotti metabolici del paracetamolo, alcuni veleni industriali e sostanze stupefacenti).


Dai metodi strumentali di diagnosi dell'epatite tossica, possiamo distinguere gli ultrasuoni della cavità addominale e tutti gli organi. Se il caso è diagnostico poco chiaro, sono indicate la risonanza magnetica e la tomografia computerizzata di organi, scintigrafia epatica, laparoscopia e biopsia puntura con biopsia epatica mirata. Questo studio valuterà la gravità dell'infiammazione in caso di epatite tossica e aiuterà a identificare la causa della malattia. La diagnosi differenziale dell'epatite tossica viene effettuata con lesioni del fegato di diversa genesi (malattia parassitaria, virale, Wilson-Konovalov, steatoepatite non alcolica, emocromatosi, epatite autoimmune e glicogenosi).


Complicazioni di epatite tossica

Se l'epatite si sviluppa in una forma lieve, allora è completamente guarita. In altri casi, è complicato da una delle numerose malattie:


1. L'insufficienza epatica si verifica a causa della morte di epatociti, che vengono sostituiti da cellule adipose. La funzionalità epatica è compromessa, che si manifesta con i sintomi:

  • Edemi (a causa di disturbi nel metabolismo delle proteine);
  • ittero;
  • Sanguinamento (riduzione della produzione di componenti per la coagulazione del sangue);
  • Perdita di peso generale del corpo (a causa di insufficiente saturazione del corpo con grassi, proteine ​​e carboidrati, energia prodotta dal fegato);
  • Encefalopatia epatica (disturbi neuromuscolari e mentali).


La malattia si sviluppa a causa di una violazione delle funzioni tossiche del fegato.


2. Coma epatico, disturbi progressivi del sistema nervoso centrale e del fegato (disturbi dei riflessi, coscienza, convulsioni, ecc.). Il risultato è un risultato fatale.


3. Cirrosi epatica. Una malattia che causa la morte di epatociti e la loro ulteriore sostituzione con tessuto connettivo epatico.


Trattamento dell'epatite tossica


Metodi tradizionali di trattamento dell'epatite tossica

Prima di tutto, è necessario impedire al corpo di entrare in contatto con il veleno. Per evitare che i veleni entrino nel flusso sanguigno e successivamente nel fegato, è necessario rimuoverli dallo stomaco (se i veleni cadono direttamente nel tratto digestivo) utilizzando vomito artificiale. Per prima cosa è necessario prendere una posizione comoda per questo (posizione semi-seduta con la testa inclinata in avanti). Dopo di ciò, dovresti irritare la radice della lingua premendo su di essa con il dito (non è usato in tutti i casi). Per indebolire l'effetto del veleno sulle pareti dello stomaco, dovresti bere latte, un decotto di semi di lino. Se c'è una temperatura aumentata, è possibile applicare impacchi freddi sulla fronte.


Mentre tutto questo viene fatto, è meglio chiamare un'ambulanza o contattare immediatamente una struttura medica. Se compaiono i sintomi di una forma acuta di epatite tossica, il paziente necessita di ricovero urgente. In ospedale, sarà trattato sotto la supervisione di un medico con il seguente trattamento:

  • Riposo a letto;
  • Urgente lavanda gastrica, eliminazione dei residui di veleno che cadevano nello stomaco. Il paziente si siede su una sedia, inclina la testa in avanti. Viene introdotta una sonda speciale, al termine della quale è collegato un imbuto. Quando si versa acqua, l'imbuto si solleva più in alto. Non appena viene riempito, viene abbassato e l'acqua sta già uscendo dallo stomaco. La procedura è ripetuta. L'acqua dovrebbe essere calda, per lavare lo stomaco di un adulto richiede circa 8-10 litri di acqua;
  • Rimozione del veleno dal corpo (contagocce con una soluzione elettrolitica, carbone attivo), emosorbimento, scambio plasmatico (pulizia del sangue da sostanze tossiche). Sulla sua superficie, il carbone attivo assorbe le tossine che rimangono nello stomaco, impedendo loro di entrare nel flusso sanguigno;
  • Vitamina: l'uso delle vitamine B e C;
  • Epatoprotettori (Heptral, Liv 52, Essentiale). Questi fondi saranno coinvolti nel processo di riproduzione delle cellule epatiche e nel loro recupero dopo il danno. Liv 52 deve essere assunto tre volte al giorno, 2 compresse ciascuna, la durata della somministrazione è individuale e dipende dal livello di gravità del danno epatico;
  • Farmaci coleretici (Cholenzim, Holosas). Parte delle tossine saranno rimosse dal fegato insieme alla bile. Questo processo è attivato da farmaci coleretici;
  • Antidoti (atropina per avvelenamento da funghi). Varie sostanze chimiche che colpiscono specificamente i recettori cellulari e gli agenti tossici, prevenendo il danno causato dalle tossine.


Epatoprotettori a base di erbe per il trattamento dell'epatite. Gli epatoprotettori aumentano la resistenza del fegato agli effetti nocivi di veleni chimici e vegetali, alcool, droghe. Accelerano il recupero degli epatociti danneggiati e rafforzano le funzioni neutralizzanti del fegato.


Drug Liv 52: composizione, descrizione, azione
Ingredienti: spinarelli, cicoria comune, millefoglie, cassia occidentale, belladonna nera, arguna terminale, tamarik gallico. Effetti e meccanismo d'azione di Liv 52:

  • Neutralizzazione di molte sostanze tossiche. L'aumento dell'attività degli enzimi (acetaldeide deidrogenasi, citocromo P 450 e altri) coinvolti nella neutralizzazione di vari elementi tossici. L'acetaldeide deidrogenasi riduce l'effetto dannoso dell'alcool e aiuta a rimuoverlo dal corpo.
  • Combattere gli effetti dannosi dei radicali liberi. Gli elementi del farmaco stimoleranno la produzione di sostanze (glutatione, tocoferoli) che riducono gli effetti dei radicali liberi (il cosiddetto effetto antiossidante). Un radicale libero è una molecola il cui guscio elettronico contiene un elettrone spaiato. Tali molecole danneggiano le cellule epatiche normali, accelerando il loro invecchiamento e morte;
  • Effetto coleretico. Il farmaco favorisce la formazione di bile da parte delle cellule del fegato e stimola la sua escrezione attraverso i dotti biliari. Il grasso in eccesso (colesterolo, trigliceridi, B-lipoproteine) e le tossine (benzoperenes, fenoli, ecc.) Vengono rimossi dal corpo con la bile;
  • Effetto anti-infiammatorio, che si ottiene con l'azione dei componenti attivi del farmaco su fattori infiammatori (cicline, prostaglandine, leucotrieni). L'estratto di belladonna nera, ad esempio, che fa parte di Liv 52, riduce la formazione di leucotrieni, sostanze responsabili della formazione di reazioni infiammatorie e allergiche.

Come prendere Liv 52?

Gli adulti assumono 2-3 compresse tre volte al giorno (se il farmaco è in compresse). Se la medicina è liquida, è necessario assumere 1-2 cucchiai due volte al giorno. I bambini di età superiore ai sei anni vengono prescritti 1-2 compresse tre volte al giorno o 10-20 gocce due volte al giorno. Di norma, il corso del trattamento dura circa 3 mesi o più. Il dosaggio esatto e la durata del trattamento possono essere determinati solo dal medico curante, in base alle specifiche della malattia.


Essentiale Forte: azione, composizione, accoglienza

Il farmaco normalizza il metabolismo di carboidrati, proteine ​​e lipidi nel fegato, migliorando la sua funzione neutralizzante. Contribuisce al ripristino del fegato dopo il suo danno, impedisce la formazione di tessuto cicatriziale in esso. Il farmaco si basa su grassi speciali (i cosiddetti fosfolipidi essenziali), che sono ottenuti da semi di soia.

Effetti e meccanismo d'azione del farmaco:

  • Rafforzamento e ripristino degli epatociti. I fosfolipidi essenziali penetrano nelle cellule danneggiate, il che stimola il ripristino dell'integrità del fegato e delle sue capacità funzionali;
  • Ridurre il livello di grasso nel sangue. Il livello di colesterolo e altri grassi (lipoproteine ​​a bassa densità, triglicidi). L'effetto è raggiunto a causa del fatto che nel fegato la formazione di colesterolo diminuisce, il suo assorbimento nell'intestino diminuisce e la sua secrezione con la bile aumenta;
  • Ridotta formazione di cicatrici nel fegato. Il farmaco stimola la collagenasi (enzima), che sopprime la formazione dell'elemento principale del tessuto cicatriziale (collagene). L'efficacia di Essentiale nel trattamento dell'epatite alcolica:
  • Il farmaco rallenta lo sviluppo di uno stadio grave (cirrosi), in cui il tessuto epatico viene sostituito da tessuto fibroso (cicatriziale);
  • Arresta lo sviluppo della malattia in una fase iniziale;
  • Migliora la funzionalità epatica e gli ultimi stadi della malattia;
  • Efficace nel trattamento del danno epatico tossico. Soprattutto in caso di avvelenamento da funghi, farmaci antiepilettici e pesticidi.


Il farmaco è disponibile in due forme:

  • Essentiale con l'aggiunta di vitamine (E, PP, B1, B2, B6, B12);
  • Essentiale N - senza vitamine.


Le vitamine che compongono il medicinale compromettono la tollerabilità e impongono alcune restrizioni sul suo utilizzo:

  • La durata dell'assunzione di Essentiale con vitamine è ridotta a causa della possibilità di sviluppare vitamine in eccesso nel corpo;
  • I pazienti con alta sensibilità a varie vitamine non possono assumere questo farmaco;
  • Restrizioni sono imposte sulla dose giornaliera del farmaco a causa della possibilità dello sviluppo di vari effetti collaterali da una grande dose di vitamine. La ricezione di Essentiale forte N avviene secondo i seguenti schemi:
  • Se il farmaco in capsule: due capsule con pasti tre volte al giorno per 4-6 mesi;
  • Se il farmaco è in fiale: 2-4 fiale per via endovenosa al giorno. Prima dell'introduzione viene diluito con il sangue del paziente in un rapporto 1: 1. Durata: 10 giorni.


Il regime, la durata e la dose esatta sono stabiliti dal medico.


Heptral: istruzioni, azione del farmaco, assunzione, dosaggio

Heptral contribuisce al miglioramento delle proprietà protettive delle cellule epatiche, stimola il loro ulteriore recupero e accelera il processo di neutralizzazione delle tossine (droghe, alcol, ecc.). Ha un effetto antidepressivo. Effetti e meccanismo d'azione del farmaco: il principale ingrediente attivo di Heptral è l'ademetionina, che è coinvolta nella crescita e protezione delle cellule del sistema nervoso, dei reni, del fegato e di altri organi. Partecipa al processo di neutralizzazione delle tossine. Aiuta la sintesi della serotonina (l'ormone della felicità). Nelle malattie del fegato, del cervello, dei tessuti, la sua concentrazione diminuisce con lo sviluppo della malattia. Heptral ripristina il livello di ademetionina e stimola anche la sua produzione nel corpo.

Il farmaco aumenta la permeabilità delle pareti delle cellule epatiche. Questo effetto aumenterà la produzione di bile e migliorerà la sua escrezione nei dotti biliari. Le sostanze tossiche vengono rimosse dal corpo con la bile (fenoli, droghe, benzopireni, ecc.).

Il farmaco migliora la funzione neutralizzante del fegato stimolando la sintesi di aminoacidi (taurina, glutatione). Il glutatione è coinvolto nel processo di neutralizzazione delle tossine e contribuisce alla loro successiva eliminazione. La taurina nel fegato lega gli acidi biliari tossici, creando composti innocui che fanno parte della bile.

Effetto antidepressivo generale

Il farmaco aiuta la sintesi di sostanze che aumentano l'umore (norepinefrina, dopamina), così come la serotonina (l'ormone della felicità). Inoltre, Heptrale migliora la suscettibilità delle strutture cerebrali a queste sostanze, che contribuisce anche al miglioramento dell'effetto antidepressivo. La sicurezza e l'efficacia del farmaco sono clinicamente dimostrate nel trattamento del danno epatico da farmaci e alcolici.

Il farmaco è disponibile in compresse e in flaconcini. Le compresse devono essere assunte 2-4 compresse al giorno per 3-4 settimane. Fiale per via endovenosa - 1-2 volte al giorno per 2-3 settimane. Prendi la medicina prima di pranzo, perché Ha un effetto tonico. Il farmaco è controindicato nelle persone sotto i 18 anni di età e nelle donne in gravidanza.

Il dosaggio, il regime e la durata della somministrazione sono determinati solo da un medico.


Dieta per epatite tossica

È vietato fumare e bere alcolici. Il cibo dovrebbe essere in piccole porzioni, spesso, che miglioreranno l'escrezione della bile. Il cibo deve essere a basso contenuto di grassi, non salato, non fritto, senza condimento, arricchito con vitamine e fibre vegetali. Nella dieta, i prodotti principali dovrebbero essere frutta e verdura fresca (tutti i tipi di insalate), legumi (piselli, fagioli). Puoi consumare solo verdure e burro. La carne può essere mangiata solo facilmente digeribile (coniglio, pollo). Rifiuto completo di carni in scatola e affumicate. Si raccomanda di trascorrere giorni di digiuno (c'è solo frutta o verdura al giorno a settimana). Le persone che lavorano in un'impresa industriale con esposizione a sostanze nocive sono obbligate a consumare quotidianamente prodotti caseari.

Epatite alcolica come conseguenza dell'abuso di alcol

L'abuso di bevande alcoliche comporta molte malattie. Il fegato, che perde la sua capacità di neutralizzare i veleni, soffre di più. Pertanto, l'epatite alcol-dipendente è spesso rilevata nelle persone dipendenti dall'alcol, che possono svilupparsi in cirrosi.

Epatite alcolica

L'epatite tossica alcolica in medicina è chiamata sindrome da ittero clinico, accompagnata da sindromi da laboratorio di citolisi e colestasi. Questa è una combinazione di processi infiammatori e degenerativi nel corpo, il cui sviluppo è dovuto a intossicazione prolungata.

Il rischio di epatite alcolica aumenta con l'aumentare delle dosi e la durata del consumo di alcol. La forza delle bevande in questo caso non ha importanza.

L'epatite tossica si forma gradualmente e molto lentamente, quindi viene rilevata molto raramente nella fase iniziale. In primo luogo, si forma la distrofia epatica grassa e in seguito si manifesta ittero. Se la malattia non viene curata, alla fine fluirà dolcemente nella cirrosi con una vera minaccia alla vita.

L'epatite alcolica è una minaccia per il paziente, ma non costituisce un pericolo per gli altri. A differenza della forma virale della malattia, non viene trasmessa con il sangue.

motivi

L'epatite tossica è una caratteristica della malattia degli alcolizzati cronici. Pertanto, la sua causa principale è facile da isolare: danno al fegato con etanolo e suoi prodotti di decomposizione.

Gli organismi di tutti sono diversi, quindi alcune persone sono a rischio di ammalarsi anche con abusi occasionali. Tuttavia, la fuga dalla malattia non avrà successo se si beve regolarmente per 5 anni e si beve un giorno da 100 g di alcol in termini di alcol puro. Più una persona beve, più dura sarà l'epatite.

Ci sono 4 cause principali di danni al fegato a seguito di abuso di alcool:

  • La rapida morte di epatociti.
  • Mancanza di nutrizione delle cellule.
  • Formazione intensiva del tessuto connettivo.
  • Soppressione della produzione di proteine ​​negli epatociti.

Quando entra nel corpo dell'etanolo, il fegato inizia a secernere attivamente gli enzimi coinvolti nella neutralizzazione delle tossine. Tuttavia, con grandi quantità di alcol il corpo non affronta le sue funzioni.
A causa del restringimento delle navi, che causa l'alcol, la circolazione sanguigna peggiora. Il fegato perde ossigeno, quindi le sue cellule si restringono e muoiono. Il tessuto connettivo è sostituito dalla cicatrice.

Inoltre, l'alcol blocca la produzione di proteine ​​negli epatociti, a seguito della quale assorbono acqua e si gonfiano. Il fegato alla fine aumenta di dimensioni.

Ci sono anche una serie di fattori che aumentano significativamente il rischio di gravi danni al fegato e lo sviluppo.
epatite tossica:

  • Una volta si beve molto alcol.
  • Abusi regolari per 5 anni e più.
  • Predisposizione genetica.
  • Mancanza di alimenti proteici nella dieta.
  • Eccesso di cibo sistematico.
  • L'obesità.
  • Infezioni epatotropiche virali.

Nel video, l'effetto dell'alcol sul fegato:

forma

Secondo l'intensità dello sviluppo, si distinguono epatite acuta e cronica e, per la natura del decorso, persistente e progressivo. La forma della malattia è influenzata dalla quantità di alcol consumato e dallo stato iniziale del corpo.

I primi segni si verificano dopo aver lasciato un lungo incontro. La gravità dei sintomi dipende dallo stadio della malattia. Inizialmente, la malattia spesso non si manifesta, ma se non trattata, si sviluppano complicazioni che si sviluppano in cirrosi.

persistente

L'epatite alcolica in forma persistente viene rilevata solo dai risultati degli esami di laboratorio. I sintomi sono lievi, quindi una persona non è a conoscenza della sua malattia da molto tempo. Ciò causa la complessità della diagnosi tempestiva.

I pochi segni di epatite tossica persistente includono:

  • pesantezza sotto le costole a destra;
  • lieve nausea;
  • eruttazione;
  • sensazione di disagio allo stomaco.

I sintomi appaiono periodicamente e scompaiono da soli. A questo proposito, il paziente di solito li prende per la solita indisposizione e non vede la necessità di andare in ospedale.

Se il paziente non cerca aiuto medico, l'epatite persistente diventa progressiva.

progressivo

Una forma progressiva della malattia è rilevata nel 20% di tutti i pazienti con epatite tossica. Il benessere generale di una persona è significativamente peggiorato e la necrosi si forma nel tessuto epatico. In questa fase, è molto importante iniziare il trattamento, altrimenti si svilupperanno gravi complicanze.

I sintomi caratteristici dell'epatite tossica progressiva sono:

  • giallo di mucose e pelle;
  • diarrea;
  • vomito;
  • febbre;
  • dolore sotto le costole a destra.

I segni possono essere espressi più o meno, tutto dipende dallo stadio: lieve, moderato o grave. Senza un trattamento qualificato, la cirrosi si sviluppa e il rischio di morte a causa di insufficienza epatica acuta aumenta drammaticamente.

Con un trattamento tempestivo in ospedale può essere raggiunta la stabilizzazione dei processi infiammatori. Tuttavia, gli effetti residui rimarranno per sempre.

Lo sviluppo dell'epatite alcolica

affilato

L'epatite acuta di solito si verifica sullo sfondo di un lungo decorso di altre malattie del fegato - cirrosi, epatite cronica, in cui una persona continua a bere alcolici. La malattia può manifestarsi in forme icteriche, fulminanti, latenti e colestatiche.

Nella maggior parte dei casi, viene diagnosticata l'epatite tossica icterica, in cui si forma terreno favorevole per lo sviluppo di infezioni batteriche.

La malattia è accompagnata da sintomi caratteristici, tra cui:

  • colorazione gialla di muco e pelle;
  • debolezza generale;
  • dolore sotto le costole;
  • nausea con vomito;
  • feci alterate;
  • perdita di peso significativa.

Durante il periodo di latenza, l'epatite tossica è lieve. In questo momento, il rilevamento della malattia è possibile solo in base ai risultati degli esami di laboratorio. Nel sangue si osserva una maggiore concentrazione di transaminasi epatiche e una biopsia conferma la presenza di un processo infiammatorio progressivo.

Nella malattia colestatica, il prurito viene aggiunto all'ittero. Le feci del paziente si illuminano e l'urina - al contrario, si scurisce.

cronico

La causa dell'epatite alcolica cronica diventa sistematica degli effetti dell'alcol etilico sul fegato.

I principali sintomi della malattia includono:

  • gonfiore;
  • nausea;
  • mancanza di appetito;
  • dolore sotto le costole a destra;
  • disturbi del sonno;
  • diminuzione della libido;
  • un aumento della dimensione del fegato;
  • diminuzione della produzione di androgeni;
  • ingrandimento del seno in un uomo;
  • febbre.

Segni di epatite alcolica in uomini e donne differiscono in modo significativo in ciascun caso, rendendo difficile la diagnosi. Possono esserci più segni o solo uno, e in alcuni casi la malattia non si manifesta. La diagnosi viene effettuata sulla base di una visita medica, durante la quale viene registrata una maggiore quantità di transaminasi nel sangue e cambiamenti nel fegato.

Nella foto il fegato con epatite alcolica cronica e dopo il suo trattamento.

diagnostica

Nel processo di diagnosi di epatite alcolica usato metodi di ricerca di laboratorio e hardware. La scelta di attività specifiche è determinata dalla forma della malattia. Ad esempio, in un corso latente, è necessaria una biopsia epatica per confermare la diagnosi e, in un corso cronico, è necessaria una ecografia degli organi peritoneali.

Al paziente vengono prescritti i seguenti test di laboratorio:

  • emocromo completo;
  • test delle urine generali;
  • biochimica del sangue;
  • campioni di fegato;
  • coagulogramma (valutazione della coagulazione del sangue);
  • profilo lipidico (esame del sangue per il colesterolo).

In presenza di epatite tossica nel sangue, viene rilevata una ridotta concentrazione di leucociti, piastrine e emoglobina, oltre a una sedimentazione accelerata degli eritrociti. L'urina del paziente diventa alcalina, il contenuto proteico viene rilevato in esso.

Dai metodi diagnostici strumentali, prima di prescrivere il trattamento a un paziente, prescrivono:

Questi metodi diagnostici non sono informativi per l'epatite alcolica, perché non consentono di determinare la causa della malattia. Quindi puoi solo determinare la gravità e l'estensione del danno al fegato: vedi il processo infiammatorio, la degenerazione adiposa degli epatociti, la fibrosi e la congestione delle vie biliari. Più efficace per la diagnosi di biopsia epatica da epatite alcolica.

trattamento

Può essere curata l'epatite alcolica? Dipende da molti fattori. Tuttavia, la condizione principale dovrebbe essere il rifiuto totale di bere bevande alcoliche. Altrimenti, anche l'operazione diventerà priva di significato.

In realtà, solo un terzo dei pazienti smette di consumare alcol, circa un terzo in più riduce la quantità di bevande consumate. Tuttavia, tutti gli altri ignorano le raccomandazioni mediche. Questa è una reazione caratteristica di un alcolizzato cronico, quindi in questo caso è necessario trattare non solo il fegato, ma anche la dipendenza dall'alcol.

Il trattamento deve essere completo, compresa una speciale dieta ipercalorica con alto contenuto proteico e farmaci. Nei casi difficili, al paziente viene prescritto un intervento chirurgico.

dieta

Come risultato di molti anni di abuso di alcol, la normale digestione è disturbata. Anche nel corpo del paziente una carenza acuta di vitamine, oligoelementi, sostanze nutritive. A questo proposito, ha bisogno di una dieta equilibrata, compresa una grande quantità di carboidrati e proteine ​​benefici.

Al paziente viene assegnata una dieta numero 5 (secondo Pevzner). Implica un consumo di 2000 Kcal al giorno e 1 g di proteine ​​per ogni 1 kg di peso.

Inoltre, un paziente con epatite alcolica, se trattato a casa, dovrebbe consumare un sacco di cibo ricco di vitamine del gruppo B e acido folico.

Questi elementi in grandi quantità contengono:

  • noci;
  • semi;
  • fagioli;
  • verdure verdi;
  • prodotti a base di latte fermentato;
  • cereali;
  • uova;
  • prodotti a base di carne;
  • pollo.

Il paziente deve mangiare 5-6 volte al giorno in parti uguali. Il cibo non può essere fritto, è consigliato solo per cucinare e cuocere.

La carne e le verdure a fettuccia con fibre grosse devono essere pulite. Durante la cottura delle zuppe è vietato l'uso di brodi di carne, funghi e pesce, le zuppe di verdure e frutta sono ben accette.

I pazienti con epatite tossica non possono mangiare tutto piccante, grasso e freddo. Il sale è permesso, ma in piccole quantità. Prima di tutto, l'alcol dovrebbe essere escluso dalle bevande, così come caffè, cacao, soda e succo d'uva.

medicazione

Come parte della terapia farmacologica per l'epatite tossica, al paziente vengono prescritti 3 gruppi di farmaci:

Gli epatoprotettori sono prodotti naturali che aiutano a proteggere e rigenerare le cellule del fegato danneggiate dall'etanolo. Molti di loro sono basati su cardo mariano, fosfolipidi essenziali e ademetionina.

Se la malattia è grave, gli antibiotici sono prescritti al paziente. Sono usati per prevenire lo sviluppo di processi infettivi.

Intervento chirurgico

Il trattamento chirurgico dell'epatite comporta un trapianto di organi da donatore. Viene eseguito solo in casi gravi, quando il paziente rivela l'ultimo grado di insufficienza epatica. In questo caso, solo l'operazione può prolungare la vita di una persona.

In realtà, il trapianto è molto raro, dal momento che è una procedura molto complicata e costosa. Solo una persona assolutamente sana può agire come donatore, più spesso un parente diventa uno. Gli viene prelevato il 60% del fegato, che viene successivamente riportato alla sua dimensione originale.

Dopo il trapianto, gli immunosoppressori sono mostrati al paziente per prevenire il rigetto d'organo. Inoltre, dovrebbe regolarmente fare test e fare ultrasuoni. Dopo un trapianto riuscito, una persona ritorna alla vita attiva, ripristina le prestazioni e può praticare sport.

La prognosi per il paziente dopo il trapianto è difficile da dare. Tuttavia, secondo le statistiche, la durata della metà dei pazienti viene estesa di 10 anni o più. Durante l'anno, la prognosi è favorevole per l'83% delle persone che hanno subito un intervento chirurgico.

Prevenzione ed effetti

Se il trattamento inizia in una fase precoce, l'osservanza di tutte le prescrizioni del medico e l'esclusione di alcol porterà al ripristino completo del fegato e al recupero della persona. Altrimenti la malattia progredirà, si svilupperà la cirrosi e l'insufficienza renale. Tutto ciò può portare a gravi complicazioni, ad esempio il cancro del fegato, con il risultato che i pazienti spesso muoiono.

L'unico modo per prevenire l'epatite alcolica e il trattamento a lungo termine, così come il ripetersi della malattia, è quello di osservare le misure preventive. La cosa principale è abbandonare completamente le bevande alcoliche.

La probabilità di sviluppare epatite tossica in una persona che beve alcol regolarmente dipende dallo stile di vita, dalla predisposizione genetica, dalla quantità di alcol consumato, dalla nutrizione.
Poiché la maggior parte dei pazienti soffre di alcolismo cronico, è importante iniziare il trattamento per la dipendenza in tempo.

Per evitare l'epatite tossica e la sua recidiva, è anche importante mangiare bene. Ciò implica il rifiuto del cibo grasso, speziato e affumicato, così come il cibo in scatola. In generale, la nutrizione dovrebbe essere ricca di vitamine e sostanze nutritive.

Top