Categoria

Messaggi Popolari

1 Cirrosi
Devo rimuovere la cistifellea se ci sono pietre
2 Prodotti
Vitamine utili per il fegato
3 Itterizia
Epatite con goccioline trasportate dall'aria
Principale // Prodotti

Cause, sintomi e trattamento dell'epatite alcolica


L'epatite alcolica (uno dei principali tipi di malattia epatica alcolica, AH) è diffusa, cioè un danno al tessuto epatico che copre l'intero organo. I suoi primi segni compaiono solitamente 6-7 anni dopo l'inizio del consumo regolare, se durante questo periodo una persona ha bevuto 100 g di etanolo al giorno. In termini di alcol al 96%, è contenuto così tanto alcol puro:

  • in 250 grammi di vodka;
  • 2,5 litri di birra con una forza di 5º;
  • 1,25 litri di vino semi-dolce o secco (9-13º).

Le malattie croniche del fegato si sviluppano solitamente molto lentamente e i sintomi allarmanti compaiono spesso soltanto quando la malattia è andata abbastanza lontano. Se una persona non smette di prendere alcolici in caso di epatite, col tempo si sviluppa in cirrosi epatica e molti medici considerano l'epatite alcolica un "precursore" della cirrosi. Pertanto, prima viene effettuata la diagnosi e avviato il trattamento, maggiori sono le possibilità di evitare gravi conseguenze. Stai attento a stare con altre patologie del fegato. Continuando a consumare alcol con epatite C virale, una persona molte volte aumenta il rischio di sviluppare insufficienza epatica acuta e, successivamente, cirrosi.

Il meccanismo dell'epatite alcolica

Da un punto di vista medico, la malattia non è causata dall'alcol stesso, ma dalla tossina che si forma durante la processazione dell'etanolo nel corpo - acetaldeide (acetaldeide). Sotto la sua influenza, la sintesi dei fosfolipidi è disturbata nel fegato - composti organici naturali, grazie ai quali le membrane cellulari "lasciano entrare" ossigeno e nutrienti necessari, oltre a consentire alle cellule di scambiarsi segnali tra loro.

La rottura della normale permeabilità delle membrane cellulari serve al corpo come segnale del processo infiammatorio e inizia a produrre marcatori di proteine ​​di infiammazione - citochine. Molto spesso, l'infiammazione dei tessuti inizia a causa di un'infezione virale o batterica e, ricevendo un segnale dalle citochine, il sistema immunitario inizia ad attaccare le cellule estranee che l'hanno causato. In questo caso, l'immunità prende per "outsider" le proprie cellule epatiche e inizia a distruggerle. Tra gli altri fattori che influenzano l'acetaldeide che violano la normale funzione del tessuto epatico, possono essere identificati:

  • diminuzione dell'accesso di ossigeno alle cellule. Non ricevendo abbastanza ossigeno, le cellule del fegato non possono abbattere completamente i grassi dal cibo. Poiché la permeabilità delle membrane cellulari è disturbata, questi grassi rimangono nel fegato, causando la sua degenerazione grassa;
  • la costante fornitura di alcol nell'epatite fa sì che il fegato aumenti la produzione di enzimi per la sua lavorazione e le sue cellule aumentino di dimensioni.

Insieme ai reni, il fegato è il principale filtro che purifica il sangue dall'attività vitale del corpo, dalle tossine microbiche da un'infezione e dalle sostanze nocive che sono penetrate attraverso l'intestino. Se ce ne sono troppi, il filtro "si rompe": sullo sfondo dell'infiammazione e dell'attacco autoimmune, le cellule del fegato si avvizziscono e muoiono, e il cervello e altri organi iniziano a soffrire di avvelenamento. La situazione è ancora peggiore per chi abusa di alcol con l'epatite C: una malattia virale e quindi riduce la funzione protettiva del fegato, e l'etanolo crea un carico aggiuntivo su di esso.

Gruppo di rischio

Ma i nostri antenati bevevano meno dei nostri contemporanei? E allo stesso tempo bevevano bevande alcoliche meno raffinate e non soffrivano niente di più serio di una sbornia mattutina! Oggi, anche gli amanti del buon vino, della vodka di qualità, del costoso brandy e del whisky notano sempre più i sintomi della malattia del fegato.

In effetti, l'epatite alcolica avvenne centodecento anni fa, ma, in primo luogo, nei secoli passati l'aspettativa di vita era molto inferiore e molte persone semplicemente non avevano il tempo di bere così tanto per ammalarsi. In secondo luogo, potremmo non essere consapevoli di come le comuni malattie del fegato fossero in passato. Ma non c'è dubbio che il fegato dell'attuale abitante della città è costretto a lavorare con un onere molto più grande dei nostri trisavoli.

Ci sono diversi motivi per questo:

  • mangiamo cibi ad alto contenuto di grassi, aromi e conservanti;
  • molti di noi bevono acqua scarsamente purificata o clorata;
  • nelle città e anche nei piccoli villaggi respiriamo aria inquinata.

Ciò significa che una persona moderna ha molto meno tempo fino al momento in cui le bevande alcoliche saranno l'ultima goccia che provoca l'epatite alcolica. Il pericolo minaccia chi beve moderatamente: la resistenza del fegato ai veleni dipende non solo dalla predisposizione genetica soggettiva, ma anche dalla nazionalità! Ad esempio, la maggior parte delle popolazioni del nord del corpo praticamente non produce alcol deidrogenasi - un enzima che elabora l'alcol etilico. Più rischioso e colui che:

  • costantemente o spesso beve droghe velenose per il fegato, come gli antibiotici;
  • prende alcol con l'epatite C.

Le donne sono a maggior rischio rispetto agli uomini: 40 sono considerate un'assunzione giornaliera relativamente sicura per gli uomini e 20 grammi di etanolo puro per le donne. Esiste un malinteso secondo cui solo le donne che bevono alla pari degli uomini e hanno meno peso corporeo degli uomini possono diventare dipendenti e ammalarsi di epatite alcolica. In realtà, il peso corporeo non ha nulla a che fare con esso, solo nel corpo femminile ci sono meno enzimi che neutralizzano l'etanolo.

Tipi e sintomi

Il fegato è uno degli organi più "pazienti" del nostro corpo e ha anche un'enorme capacità di auto-guarigione. Pertanto, nelle fasi iniziali dell'epatite alcolica a volte può essere identificato solo con l'aiuto di test. Alcuni sintomi dolorosi che si verificano in tali pazienti possono essere scambiati per la manifestazione di altre malattie: una sensazione di pienezza nello stomaco, eruttazione, un sapore amaro in bocca, bruciore di stomaco o lieve nausea, pressione nel giusto ipocondrio, debolezza, affaticamento. La malattia epatica alcolica si manifesta in due forme: persistente (stabile) e progressiva.

Forma persistente Interrompere l'assunzione di alcool, anche con l'epatite C, è possibile ottenere un significativo miglioramento della salute. Nei casi più lievi, l'infiammazione si arresta completamente e l'organo inizia a funzionare pienamente. Se il paziente continua a bere, la condizione peggiora e la malattia procede allo stadio successivo.

Forma progressiva: piccola lesione focale del fegato, che spesso porta alla cirrosi. È già impossibile ripristinare completamente l'organo, ma se smetti di bere e inizi a curare la malattia, il processo infiammatorio può essere fermato o rallentato.

Come risultato dell'assunzione di alcol con l'epatite C o sullo sfondo di un lungo attacco, la malattia può manifestarsi prima in forma acuta e successivamente trasformarsi in epatite alcolica cronica. La forma acuta è conosciuta in diverse varianti cliniche:

  • Latente o nascosto. In questo caso non vi sono quasi sintomi esterni e la diagnostica viene eseguita utilizzando test di laboratorio e confrontando la storia della malattia con loro: il paziente beve alcol, in quali quantità e per quanto tempo. Confermare la diagnosi può solo la biopsia epatica.
  • Ittero (ittero). Inizialmente, il bianco degli occhi e delle mucose della bocca diventa giallastro o giallastro, in seguito, se la malattia progredisce, la pelle diventa gialla. A volte il paziente avverte un forte prurito, il fegato aumenta e, una volta sentito, è spesso, liscio e doloroso.
  • Colestatico (con bile ritardata). In questo caso, il paziente avverte prurito alla pelle, c'è una brillante immagine di ittero, l'urina si scurisce e lo sgabello diventa bianco argilla.
  • Fulminante o fulminante. Come suggerisce il nome, i suoi sintomi crescono molto rapidamente: ittero, sanguinamento delle mucose del corpo (emorragia), encefalopatia epatica, sviluppo di insufficienza renale. Può presentarsi sullo sfondo del consumo di alcolici come intossicazione acuta da alcol o a causa dell'assunzione di alcol nell'epatite C.

Le prime tre varianti della malattia sono in certa misura reversibili. Con il rifiuto dell'alcool e il corretto trattamento dell'ittero e altri sintomi scompaiono o si attenuano e le cellule epatiche iniziano a riprendersi. Se il paziente continua a bere, anche dopo un ciclo di trattamento, l'epatite alcolica ritornerà prima o poi.

Principi di trattamento

Le regole di base per il trattamento delle malattie del fegato sono un rifiuto completo dell'alcool e di altre sostanze che agiscono su questo organo e della giusta dieta. Se non smetti di bere alcolici con l'epatite, nessun farmaco sarà in grado di far fronte alla malattia e il "filtro principale del corpo" non si riprenderà. Restrizioni nella dieta alleviano il fegato mentre deve essere trattato. Nella forma acuta di trattamento inizia in ospedale, e poi continua a casa con monitoraggio periodico di laboratorio.


Il trattamento dell'epatite alcolica è principalmente limitato al ripristino della funzionalità epatica e alla sostituzione delle sostanze nel corpo che non può produrre a causa di malattia. I corticosteroidi (farmaci anti-infiammatori a base di ormoni surrenali) contribuiranno ad alleviare l'infiammazione. Nelle forme gravi della malattia per la prevenzione di infezioni con ridotta immunità, il medico può prescrivere diversi corsi brevi di terapia antibiotica, più comunemente fluorochinoloni - ad esempio Ofloxacina, Ciprofloxacina (Ciprobai®), Hemifloxacina. Il trattamento include anche:

  • terapia di disintossicazione o pulizia del sangue dalle tossine, poiché il fegato malato non può funzionare completamente come filtro. I farmaci (hemodez, glucosio, sodio cloruro e altri) vengono somministrati per via endovenosa attraverso i contagocce;
  • farmaci che contengono amminoacidi naturali (arginina, betaina);
  • farmaci a base di acido ursodesossicolico, ad esempio Ursosan. Funzionano come epatoprotettori e allo stesso tempo possiedono le proprietà degli immunomodulatori;
  • vitamine (vitamina E, complessi Decamevit®, Undevit®, Duovit®, Oligovit®);
  • terapia metabolica, coenzima (piridossale fosfato, acido lipoico, riboxina, cocarbossilasi). Questi farmaci migliorano il metabolismo cellulare e facilitano l'epatite alcolica cronica.

Un posto speciale nel trattamento è occupato dagli epatoprotettori: Essentiale®, Heptral®. Sono presi per almeno un mese, in alcuni casi, questi farmaci sono prescritti per 2-3 mesi o più. Alcuni epatoprotettori hanno controindicazioni, quindi non puoi prenderli da soli.

Il farmaco Citrarginina: due in uno

Tra i farmaci più efficaci per il trattamento e la prevenzione delle epatiti alcoliche ricorrenti è quello di evidenziare la droga Tsitrarginin®, che consiste di due aminoacidi: arginina e betaina. La betaina e l'arginina possono essere assunte sotto forma di due diversi farmaci (Betargin® e L-Arginina), ma di solito vengono prescritti insieme. Questi composti organici e naturali stimolano la produzione di fosfolipidi, il che significa che nutrono le cellule del fegato e la loro interazione l'una con l'altra. Entrambi questi amminoacidi sono prodotti in una certa misura in una persona sana per adulti e regolano il funzionamento del fegato. Ma in caso di violazione, la produzione di aminoacidi è insufficiente e vengono presi in aggiunta.

Gli studi hanno dimostrato che l'arginina aumenta la capacità del fegato di combattere i veleni, inclusa la neutralizzazione dell'acetaldeide, il veleno che danneggia le cellule del fegato. L'arginina migliora l'apporto di sangue all'organo interno, aiutando così il più rapidamente possibile a prelevare i prodotti di trasformazione delle bevande alcoliche. Migliora la "respirazione" delle cellule e riduce l'infiammazione nei tessuti, il che significa che il paziente non deve necessariamente prescrivere farmaci anti-infiammatori aggiuntivi.

La betaina svolge un altro compito. Normalizza il metabolismo dei grassi nelle cellule del fegato, sospende o previene lo sviluppo dell'epatosi grassa, cioè la sua degenerazione grassa. Questo amminoacido contribuisce allo sviluppo di composti organici necessari per il normale funzionamento del fegato, riducendo il numero di cellule grasse in esso contenute e aiuta a ripristinare le membrane cellulari.

È possibile curare la malattia?

Il successo del trattamento epatico dipende dal grado di compromissione della funzionalità epatica e dalla tempestività e dal corretto inizio del trattamento. La malattia più difficile inizia e dura sullo sfondo di bere pesante, bere alcolici con l'epatite C o in persone con cirrosi già formata. La forma più pericolosa - fulminante (fulminante), quando i sintomi dell'epatite alcolica aumentano rapidamente e possono portare alla morte del paziente da sanguinamento, insufficienza renale o epatica.

Il fegato è in grado di rigenerarsi, quindi con le forme iniziali della malattia può essere aiutato a recuperare pienamente, con quelle medie, rinunciando alla cattiva abitudine e aderendo alla dieta, per ridurre significativamente la manifestazione della malattia. Forse, dopo una festa, dalla quale è difficile per te ritrovarti fuori da una vecchia abitudine, il mattino dopo sentirai pesantezza nella tua parte destra e sarai raggirato. Ma tornando ad uno stile di vita sobrio, ti dimenticherai dei problemi con il fegato.

Epatite alcolica

Nel 1995, il termine "epatite alcolica" fu riconosciuto come medicina ufficiale e il nome della malattia fu aggiunto all'elenco delle Classificazione Internazionale delle Malattie creato dall'OMS. Quali processi degenerativi si verificano nel corpo di un paziente con epatite alcolica e come gestirli?

Cos'è l'epatite alcolica?

L'epatite alcolica è una combinazione di processi degenerativi e infiammatori che si verificano nel fegato e sono causati dall'assunzione regolare di grandi dosi di etanolo.

C'è un intero complesso di malattie epatiche alcoliche (ABP), tra cui l'epatite alcolica è centrale. La probabilità di sviluppare un ABP dipende dal volume di bevande contenenti etanolo consumate e dalla regolarità di questo processo. Allo stesso tempo, il tipo di alcol non è importante: birra, vodka, vino - tutto questo crea un buon aiuto per l'aspetto del BPA.

L'epatite alcolica non si sviluppa immediatamente: con l'uso regolare di dosi critiche di etanolo, il paziente sviluppa prima la degenerazione grassa del fegato e solo successivamente la steatoepatite alcolica. Nella fase finale, la malattia sfocia in cirrosi epatica.

Come risultato delle ricerche condotte dall'OMS in Europa nel 1995, è emerso che ogni europeo riceve circa 9,8 litri di alcol all'anno. Nella Federazione Russa, questa cifra è leggermente superiore - 10 litri per persona all'anno. Pertanto, l'epatite alcolica viene diagnosticata in tre su cinquemila persone nel paese.

Cause di epatite alcolica

Perché l'etanolo, che fa parte di tutte le bevande alcoliche, ha un effetto negativo sul fegato? Perché i principali processi metabolici di questa sostanza si verificano nel fegato.

Solo il 20% dell'etanolo consumato viene elaborato nello stomaco e convertito in acetaldeide. Il carico rimanente sulla scissione di questa sostanza cade sul fegato. Una grande concentrazione di acetaldeide nel corpo distrugge le sue cellule e porta alla violazione di una serie di importanti funzioni biologiche.

Nelle donne, la capacità dello stomaco di secernere alcol deidrogenasi per la scissione di etanolo è significativamente inferiore rispetto agli uomini. Ecco perché l'alcol è pericoloso per la salute del sesso più debole.

L'epatite alcolica si trova più spesso in forma cronica in persone che hanno abusato di bevande alcoliche per 5-7 anni. Il tasso di sviluppo della malattia è influenzato da fattori ereditari e dallo stato generale della salute umana. Tuttavia, è stato stabilito sperimentalmente che anche 50 g di alcol al giorno per un lungo periodo di tempo in un uomo sano possono causare epatite alcolica.

Forma persistente di epatite e dei suoi sintomi

La forma persistente di epatite è scarsa sui sintomi. Pertanto, il paziente per lungo tempo potrebbe non essere a conoscenza della sua malattia.

Di volta in volta il paziente è preoccupato per:

sensazione di pesantezza nel giusto ipocondrio;

mal di stomaco.

Questa forma di epatite alcolica viene rilevata da test di laboratorio. Con la rilevazione tempestiva può essere curata. Con la dieta e l'abbandono completo dell'alcool per sei mesi, è possibile notare miglioramenti dello stato di salute. Tuttavia, gli effetti della malattia possono essere osservati entro 5-10 anni.

Se non si interviene nel trattamento dell'epatite alcolica persistente, allora entra in una forma progressiva.

Forma progressiva di epatite e dei suoi sintomi

Una forma progressiva di epatite è un precursore della cirrosi epatica. È osservato nel 20% di tutti i pazienti con epatite alcolica.

Questa forma della malattia è accompagnata da un marcato deterioramento delle condizioni del paziente. Foci di necrosi iniziano a formare nel fegato (morte cellulare completa).

Sintomi tipici dell'epatite progressiva:

dolore nell'ipocondrio destro.

L'intensità dei sintomi dipende dalla gravità della malattia, che può essere lieve, moderata o grave. Una forma progressiva di epatite senza un adeguato trattamento determina la morte di un paziente da insufficienza epatica acuta.

Epatite alcolica acuta

L'intensità dello sviluppo della malattia secernono epatite alcolica acuta e cronica.

Gli attacchi di epatite alcolica acuta (OAG) sono caratteristici di individui che soffrono da lungo tempo di malattie del fegato (cirrosi, epatite cronica), ma continuano ad abusare di etanolo.

Ci sono quattro possibili percorsi della malattia:

L'epatite alcolica da ittero è la più comune, accompagnata da:

ingiallimento della pelle e delle mucose;

dolore nell'ipocondrio;

Sullo sfondo dell'OSA itterica, spesso si sviluppano infezioni batteriche.

L'esacerbazione dell'epatite latente non è accompagnata da sintomi pronunciati, può essere rilevata solo attraverso test di laboratorio: il livello di transaminasi nel sangue aumenta in modo significativo, i risultati della biopsia indicano la presenza di progressiva infiammazione del fegato.

La malattia colestatica è diagnosticata dalle seguenti caratteristiche:

Il più pericoloso è l'OAG fulminante, a causa della quale si sviluppa la sindrome emorragica, insufficienza renale, encefalopatia epatica. Senza assistenza medica, di regola, l'OAS fulminante porta al coma epatico e alla morte di una persona.

Epatite alcolica cronica

L'epatite alcolica cronica (CAG) si sviluppa a seguito dell'uso sistemico di etanolo. I sintomi della malattia possono essere lievi o assenti del tutto. Per questo motivo, la diagnosi di CAH è difficile. La presenza di epatite alcolica può essere indicata da un aumento del livello di transmiaz nel sangue e da cambiamenti morfologici nel fegato.

distensione addominale e brontolio;

dolore nell'ipocondrio destro;

ipogonadismo (insufficiente secrezione di androgeni);

ginecomastia (ingrossamento del seno negli uomini);

ritmo del sonno disturbato;

Contrattura di Dupuytren (accorciamento dei tendini palmari), ecc.

I sintomi in ciascun caso sono puramente individuali. Un paziente con epatite alcolica cronica può notare una manifestazione di solo uno o due o più segni della malattia.

Principi di base del trattamento dell'epatite alcolica

Qualunque forma di epatite alcolica sia diagnosticata, il trattamento comporta un rifiuto totale dell'uso di bevande contenenti etanolo. È questa condizione che è più difficile da eseguire per i pazienti: le statistiche mostrano che solo un terzo di loro non beve alcolici al momento della terapia. Circa un terzo dei pazienti con diagnosi di epatite alcolica, riduce la dose di etanolo consumata gradualmente, e il resto continua a soffrire di dipendenza da alcol. È quest'ultima categoria di pazienti a cui è consigliato visitare contemporaneamente un epatologo e un narcologo.

Il rifiuto di bere risolve molti problemi: l'ittero e una serie di altri sintomi scompaiono in un paziente.

Per ottenere il massimo effetto della terapia, il medico usa anche per il trattamento:

Cibo dietetico

Con l'assunzione prolungata di alcol, le funzioni digestive sono disturbate e il paziente ha un disperato bisogno di vitamine, sostanze nutritive e oligoelementi. Una dieta equilibrata è la base del programma di recupero del fegato.

Le calorie giornaliere dovrebbero essere di almeno 2000 unità. Assicurarsi che nella dieta dovrebbero essere le proteine ​​al ritmo di 1 g per 1 kg di peso corporeo. La selezione dei prodotti viene effettuata in modo che contengano la quantità massima di acido folico e vitamine del gruppo B.

Gli esperti consigliano quando l'epatite alcolica si attacca alla dieta numero 5 (secondo Pevzner). Il normale contenuto di proteine ​​e carboidrati, ma allo stesso tempo limitando la quantità di grassi nella dieta, consente di soddisfare tutti i fabbisogni energetici del corpo e fornire una modalità di risparmio del fegato.

Caratteristiche del numero di tabella 5:

Tecnologia di cottura consentita: cottura e cottura. E 'vietato friggere cibi.

I cibi piccanti, salati, grassi e freddi sono tabù.

La carne e gli ortaggi a fettuccia contenenti fibre grossolane devono essere puliti.

Nutrizione frazionata in parti uguali fino a 5 volte al giorno.

Caffè, cacao, soda, succo d'uva, alcool - bevande proibite.

Carne proibita, pesce, brodi di funghi. Le zuppe vegetariane di frutta e verdura sono benvenute.

Trattamento farmacologico

Con l'epatite alcolica, gli epatoprotettori sono prevalentemente prescritti. Questa categoria di farmaci può essere suddivisa in 5 tipi.

Preparati a base di cardo mariano - una pianta medicinale che supporta il funzionamento attivo delle cellule epatiche.

Preparati a base di ademetionina - una sostanza che protegge le cellule del corpo dai danni, migliora il flusso della bile e neutralizza le tossine.

Preparazioni che incorporano la bile d'orso, che accelera i processi di rigenerazione.

Farmaci, compresi fosfolipidi essenziali - lipidi, che stimolano la crescita e lo sviluppo di nuove cellule.

Organopreparazioni di origine animale, attivando i processi di rinnovamento intracellulare.

Nelle forme gravi di epatite, viene anche prescritto un ciclo di farmaci antibatterici per evitare l'aggiunta di infezioni. Per il trattamento dell'epatite alcolica di qualsiasi stadio, sono importanti le misure di disintossicazione, che comportano il corso di iniezioni di farmaci appositamente selezionati.

Trattamento chirurgico

Il trattamento chirurgico prevede il trapianto di fegato. Questa operazione viene eseguita raramente ed è costosa. Tale intervento è ricondotto a quando viene rilevato l'ultimo stadio di insufficienza epatica nel paziente.

Il trapianto eseguito in Germania costerà al paziente circa 200 mila euro. I prezzi per i servizi medici in questo paese sono i più alti, ma sono soddisfatti dei tassi di successo delle operazioni. Al secondo posto in termini di qualità dei servizi di trapianto forniti sono le cliniche israeliane, in cui l'operazione avrà un costo di circa 160 mila euro. Puoi anche contattare la clinica turca - i suoi servizi costeranno circa 100 mila euro. In Russia, ci sono quote per operazioni gratuite a spese del bilancio federale: tutti i dettagli devono essere reperiti nelle istituzioni mediche pubbliche.

La complessità di questo metodo di trattamento non è solo nel suo alto costo, ma anche nei problemi di trovare un donatore. Possono essere una persona che ha un'eccellente salute fisica e mentale. È meglio se è un parente. Durante l'operazione, il 60% dell'organo viene prelevato dal donatore, che quindi si rigenera alla sua dimensione originale.

Dopo il trapianto, seguirà un lungo periodo di recupero, durante il quale il paziente sarà costretto a prendere immunosoppressori in modo che il nuovo fegato si radichi.

Prevenzione dell'epatite alcolica

La prevenzione dell'epatite alcolica è l'unico modo per evitare un lungo periodo di trattamento e le relative difficoltà. In primo luogo, implica il rifiuto dell'uso regolare di bevande contenenti etanolo.

Qual è la dose giornaliera ammissibile di etanolo puro? Per le donne, questa cifra è di 20 grammi, mentre per gli uomini la soglia è leggermente più alta - 40 grammi I calcoli devono essere effettuati sulla base del fatto che circa 1 litro di alcol contiene circa 0,79 g di etanolo.

La migliore soluzione per le persone che si sforzano di preservare la propria salute è smettere di bere del tutto.

Se l'epatite alcolica si sviluppa o meno in una persona che consuma periodicamente alcol dipende da molti fattori: la quantità di bevande consumate, lo stile di vita, l'ereditarietà, le abitudini alimentari ecc. In ogni caso, non vale la pena rischiare: se non si ha abbastanza forza per superare la dipendenza da alcol, è necessario contattare specialisti e iniziare un trattamento completo in modo tempestivo.

Autore dell'articolo: Maxim Kletkin, epatologo, gastroenterologo

Epatite alcolica: come riconoscere e curare la patologia

L'uso sistematico e prolungato di alcol porta alla perdita della capacità del fegato di neutralizzare i veleni e l'emergere di epatite alcolica. La patologia si sviluppa lentamente e spesso rimane inosservata per molto tempo, e questo minaccia con gravi conseguenze.

Descrizione della patologia

L'epatite alcolica è un'infiammazione del fegato a causa dell'eccessivo consumo di alcol. La patologia è il tipo più comune di epatite tossica.

La probabilità di sviluppare la malattia dipende dalla quantità e dalla regolarità di bere alcolici di qualsiasi forza.

Speciali enzimi epatici abbattono l'alcol e nel processo si forma acetaldeide tossica, che colpisce le cellule del fegato (epatociti). Le reazioni chimiche nel fegato sotto l'influenza dell'alcool e dell'acetaldeide portano a ipossia, infiammazione e necrosi delle sue cellule.

Lo sviluppo della malattia è lungo, molto spesso i primi segni si verificano dopo 5-7 anni di abusi regolari di alcol.

L'epatite alcolica si riferisce all'infiammazione del fegato, che si verifica a causa dell'eccessivo consumo di alcol.

Lo sviluppo di questa patologia è più suscettibile alle donne rispetto agli uomini, poiché il loro corpo contiene meno enzimi neutralizzanti l'alcol.

classificazione

Esistono diverse varietà di epatite alcolica:

  1. Persistente. Per questa forma della malattia è caratterizzata dall'assenza di sintomi luminosi. Una persona non può indovinare l'esistenza del problema. Occasionalmente si preoccupava della pesantezza dell'ipocondrio destro, lieve nausea e una sensazione di disagio allo stomaco, eruttazione. La malattia viene rilevata per caso durante i test di laboratorio. Diagnosi e trattamento tempestivi, dieta, rifiuto di bere alcolici aiutano a liberarsi del problema. In assenza di terapia, la patologia procede allo stadio successivo.
  2. Progressive. Spesso precede la cirrosi epatica. Allo stesso tempo, la salute del paziente si deteriora in modo significativo, le cellule dell'organo vengono distrutte e muoiono. In questa fase, la malattia si manifesta vomito, disturbi della sedia, febbre, ittero, dolore al fegato. Se non trattata, è possibile la morte per insufficienza epatica acuta.

L'infiammazione alcolica del fegato è acuta e cronica. I sintomi della forma acuta della malattia si sviluppano improvvisamente dopo un abbuffata. Lo stato di salute peggiora, il paziente perde l'appetito, la nausea e il vomito, il dolore intenso nel giusto ipocondrio, la pelle diventa gialla, il prurito si manifesta. Possibile aumento della temperatura corporea.

La compromissione della funzionalità epatica porta ad un cambiamento nel metabolismo della bilirubina, con il risultato che l'urina diventa scura e le feci diventano leggere. Il paziente aumenta il fegato e la milza. Lo stadio acuto dura 3-5 settimane, a seconda della quantità di alcol consumato.

Per la natura del corso ci sono diverse forme di epatite alcolica acuta:

  1. Latente. Pericoloso perché ha un decorso asintomatico. Rileva il problema è possibile solo durante l'esame.
  2. Icteric. Il tipo più comune, che è caratterizzato dall'acquisizione della pelle di colore giallastro, dolore al fegato, perdita di appetito, nausea, vomito.
  3. Colestatica. Oltre alla colorazione specifica della pelle, il paziente ha un forte prurito, le manifestazioni di intossicazione crescono, l'urina si scurisce, le feci diventano leggere.
  4. Fulminante. Una forma rapidamente progressiva della malattia che può essere fatale. È caratterizzato da un forte deterioramento della condizione, un aumento della temperatura corporea, ingiallimento della pelle, una completa mancanza di appetito, debolezza e forte dolore nel giusto ipocondrio.

Nei casi più gravi, la forma acuta della malattia può terminare con la morte del paziente.

L'infiammazione alcolica cronica del fegato è caratterizzata da un lungo decorso e manifestazioni cliniche moderatamente gravi. Il paziente può sentire un lieve disturbo, affaticamento, perdita di appetito, sviluppa periodicamente nausea, vomito e dolore addominale. Il danno tossico ai nervi porta alla polineuropatia degli arti inferiori, l'andatura del paziente è disturbata e il dolore doloroso alle gambe.

I principali segni di epatite alcolica cronica sono la comparsa di vene varicose sulla pelle, disturbi del sonno, la tonalità cremisi del viso, un malfunzionamento nell'area genitale.

In corso cronico, la patologia è spesso fatale, poiché non ci sono segni evidenti di deterioramento che potrebbero allertare il paziente.

Cause dello sviluppo

La causa della patologia è l'abuso di bevande alcoliche. La velocità del suo sviluppo dipende dalla quantità, dalla qualità delle bevande, dalla durata e dalla frequenza di utilizzo, dalle caratteristiche individuali dell'organismo.

Una dose sicura per un corpo maschile è di 40 g di alcol al giorno, per una femmina - 20 g.

Il rischio di sviluppare epatite alcolica aumenta con:

  • uso simultaneo di grandi dosi di alcol;
  • assunzione giornaliera ripetuta di alcol;
  • abuso prolungato di alcol;
  • predisposizione genetica;
  • nutrizione irrazionale e squilibrata;
  • infezione da virus epatotropici.

Sintomi e segni della malattia

La patologia si sviluppa per diversi anni. I sintomi della malattia sono simili alle manifestazioni di altre forme di epatite. I primi sintomi di epatite alcolica sono aumento della debolezza, affaticamento, perdita di appetito, perdita di peso. Più tardi altri si uniscono:

  • disagio, dolore al fegato;
  • eruttare amarezza;
  • nausea e vomito.
  • disturbi delle feci dopo aver bevuto alcolici o cibi grassi;
  • un leggero aumento della temperatura corporea;
  • anemia.

Con l'ulteriore progressione della malattia, la pelle e le mucose ingialliscono, c'è un forte prurito, le feci si scoloriscono e l'urina si scurisce e il fegato aumenta di volume.

Un segnale allarmante è un aumento significativo dell'addome dovuto ad un eccessivo accumulo di liquidi nella cavità addominale (ascite). Questo suggerisce che il fegato non ha il tempo di filtrare il sangue. Dopo l'insorgenza di un tale sintomo, una persona può vivere non più di 3-5 anni nel caso in cui non rinunci a bere alcolici.

diagnostica

La diagnosi è resa difficile dal fatto che, nella fase iniziale, la patologia non ha manifestazioni specifiche, quindi può essere sospettata solo dopo aver effettuato test di laboratorio.

Prima di tutto, il medico deve determinare se la persona ha dipendenza da alcol, i cui principali criteri includono:

  • l'uso di grandi dosi di bevande alcoliche. Allo stesso tempo, una persona non può dire con certezza quanti giorni durò il bere duro;
  • dipendenza psicologica dall'alcol. Il paziente pensa costantemente a bere, non può controllare la quantità di alcol consumato, usa l'alcol, nonostante la consapevolezza del suo problema;
  • sintomo di astinenza, che viene fermato (eliminato) solo dalla successiva assunzione di alcol.

Lo specialista rileva anche la presenza di caratteristici segni esterni di alcolismo: gonfiore del viso, presenza di stelle vascolari, gonfiore della pelle, tremore delle estremità, atrofia dei muscoli della fascia scapolare, fibromatosi palmare.

In una persona che soffre di dipendenza da alcol, c'è una caratteristica gialla della pelle e della sclera degli occhi

Dopo aver intervistato ed esaminato un paziente, il medico riferisce al paziente di ulteriori studi:

  • emocromo completo. Con l'epatite alcolica, il livello di emoglobina sarà ridotto e il numero di leucociti sarà aumentato;
  • analisi delle urine. La malattia è caratterizzata da urina alcalina, tracce di proteine ​​in esso;
  • coagulazione. Consente di valutare la coagulazione del sangue;
  • profilo lipidico. Indispensabile per rilevare i livelli di colesterolo;
  • Ecografia addominale Lo studio permette di determinare le dimensioni del fegato e della sua struttura, la presenza di infiammazione, ascite;
  • analisi del sangue biochimica. Aiuta a scoprire se il fegato fa il suo lavoro. In presenza della malattia, vi è un aumento del livello di bilirubina, così come degli enzimi epatici AlAT e AsAT;
  • biopsia epatica. Durante lo studio, un frammento microscopico di tessuto epatico viene estratto ed esaminato, al fine di rilevare focolai di infiammazione o necrosi;

Un'alternativa alla biopsia è l'elastografia, in cui il tessuto epatico viene esaminato utilizzando un apparecchio speciale.

  • tomografia computerizzata a spirale. Tale esame è necessario per ottenere un'immagine chiara dell'organo di prova.
  • trattamento

    Indipendentemente dalla forma di epatite alcolica, il principio principale del trattamento è il rifiuto totale dell'uso di bevande alcoliche. Per ottenere il massimo effetto, la terapia deve essere completa e includere una dieta, farmaci. Nei casi più gravi, ricorrere all'intervento chirurgico.

    Terapia farmacologica

    Per il trattamento dell'epatite alcolica usare epatoprotettori. Tali farmaci hanno proprietà antiossidanti, accelerano il processo di rigenerazione delle cellule epatiche, ripristinano le sue funzioni e proteggono da influenze esterne negative. Il corso della terapia dovrebbe durare almeno un mese, in alcuni casi si consiglia di assumere farmaci epatoprotettivi per due o tre mesi. Il paziente ha anche bisogno di complessi multivitaminici, in quanto la malattia compromette la funzione di assorbimento di varie sostanze benefiche.

    Nella fase acuta della malattia, sono prescritte la terapia di disintossicazione, la somministrazione di soluzioni di sostituzione plasmatica e la correzione dei disturbi elettrolitici. Nei casi più gravi, potrebbe essere necessario utilizzare glucocorticosteroidi, farmaci antibatterici.

    Trattamento di epatite alcolica

    Cause di epatite alcolica

    L'epatite alcolica è un danno epatico acuto o cronico potenzialmente progressivo degenerativo-infiammatorio causato dall'alcol e, in un gran numero di casi, può svilupparsi in cirrosi epatica. Due tipi di epatite alcolica - acuta e cronica - hanno caratteristiche particolari.

    Epatite alcolica acuta (steatonecrosi alcolica, sclerosante necrosi ialina del fegato, epatite tossica, insufficienza epatica acuta di alcolisti cronici) rappresenta spesso una minaccia immediata per la vita del paziente. Tra le cause di epatite alcolica di questa forma è l'abuso di alcol per più di 5 anni, cioè l'alcolismo cronico. C'è anche un certo coinvolgimento di fattori genetici nella formazione della patologia. A prescindere dal precedente danno epatico, l'epatite alcolica acuta ha alcune manifestazioni istologiche. I cambiamenti strutturali nel fegato sono divisi in obbligatori e facoltativi per l'epatite alcolica:

    • caratteristiche morfologiche obbligatorie - lesione perivenulare degli epatociti, manifestata da distrofia e necrosi del palloncino, presenza di Tori di Mallori, infiltrazione dei leucociti e fibrosi pericellulare;
    • i segni morfologici opzionali sono l'obesità epatica, i mitocondri giganti, i corpi acidofili, gli epatociti ossifilici, la fibrosi della vena epatica, la proliferazione del dotto biliare e la colestasi.

    L'epatite alcolica acuta è caratterizzata da lesione epatocitaria perivenulare, o lesione della terza zona (periferia microcircolatoria) dell'acpus epatico Rappoport. Osservato e in condizioni normali, la diminuzione della tensione dell'ossigeno nella direzione dall'arteria epatica e dalla vena porta alla vena epatica durante il metabolismo dell'alcol diminuisce ancora di più, quindi l'ipossia perivenulare contribuisce allo sviluppo della necrosi epatocellulare. La necrosi epatica è rilevata principalmente nel centro dei lobuli esagonali epatici. La distrofia del palloncino degli epatociti è caratterizzata da gonfiore dei singoli epatociti con un aumento delle loro dimensioni, la rimozione del citoplasma e della cariopicnosi.

    L'epatite alcolica acuta si sviluppa più spesso nelle persone di età compresa tra i 25 e i 35 anni dopo una pesante abbuffata sullo sfondo di abuso di alcol a 10 anni e più prolungato. Tuttavia, la fascia di età può variare da 25 a 70 anni. Dei sintomi, i seguenti sono particolarmente popolari:

    • esordio acuto con insorgenza improvvisa di dolore (dolore prolungato nell'ipocondrio destro o nella regione epigastrica, di solito solo parzialmente diminuendo dalla somministrazione di analgesici),
    • rapido sviluppo dell'ittero (di solito non accompagnato da prurito, spesso moderatamente grave),
    • sindrome dispeptica,
    • grave debolezza
    • anoressia (spesso prima dell'inizio dell'itterizia)
    • nausea e vomito
    • diarrea,
    • perdita di peso
    • a volte il 40% dei pazienti ha febbre remittente o persistente.

    La variante latente dell'epatite alcolica è asintomatica o con disturbi dispeptici lievi, senza ittero e deviazioni marcate della funzione epatica. La malattia si manifesta con epatomegalia, anemia o leucocitosi persistente. Molto spesso, la polineuropatia, la cardiomiopatia e la pancreatite sono la ragione per un esame approfondito del fegato e degli studi funzionali.

    L'epatite alcolica cronica è suddivisa in epatite cronica persistente e CAG, che rappresentano fasi separate della progressione dell'epatite alcolica acuta.

    Cambiamenti irreversibili nel fegato possono persistere senza fibrosi progressiva e la transizione alla cirrosi per 5-10 anni, nonostante l'uso di bevande alcoliche. Per questa forma di epatite è caratterizzata dalla variabilità dei sintomi clinici. Contrassegnato da:

    • anoressia,
    • dolori addominali
    • eruttazione,
    • un leggero aumento del fegato,
    • sigilla il fegato.

    Le manifestazioni cliniche di CAH sono più pronunciate e coerenti rispetto all'epatite cronica persistente. Spesso c'è ittero; fegato ingrossato o piccolo (con sviluppo di cirrosi), denso. Gli indicatori funzionali sono di solito cambiati, viene rilevata un'elevata attività di y-glutamil transpeptidasi, livelli elevati di IgA nel siero.

    In caso di epatite persistente, l'attività di glutammato deidrogenasi e gamma-glutamil transpeptidasi aumenta leggermente. Epatite alcolica cronica, secondo la ricerca istologica, ha un quadro di epatite alcolica in combinazione con fibrogenesi attiva. Insieme a una fibrosi significativa nella terza zona del lobulo, vi è la necrosi ialina sclerosante. Dopo 3-5 mesi di astinenza, i cambiamenti morfologici assomigliano a un quadro di epatite alcolica cronica attiva. Caratterizzato dalla progressione del processo, che in alcuni casi viene osservato anche con la cessazione dell'uso di bevande alcoliche, mentre la reazione distruttiva autoimmune continua a svilupparsi.

    Come trattare l'epatite alcolica?

    Il trattamento dell'epatite alcolica fondamentalmente contiene la necessità di eliminare l'alcolismo e successivamente di astenersi completamente dall'alcool. Il trattamento dell'epatite alcolica acuta è effettuato in un ospedale con una dieta a tutti gli effetti (3000 calorie), ricca di proteine ​​(1-1,5 g / kg), in assenza di encefalopatia.

    Potrebbe essere necessaria una terapia di disintossicazione - questa è una soluzione di glucosio al 5% con vitamine ed elettroliti (soluzione di gluconato di calcio al 10%, soluzione di cloruro di potassio al 3%); hemodez (200-300 ml 2-3 volte a settimana).

    Nella sindrome dispeptica severa, ma in assenza di encefalopatia epatica, è appropriata la nomina di miscele di amminoacidi (travazolo, alvezina e altri con un alto contenuto di aminoacidi) in combinazione con multivitaminici.

    Viene mostrato il trattamento con fosfolipidi essenziali, il cui corso viene compilato individualmente, tenendo conto delle caratteristiche del decorso dell'epatite in un caso particolare.

    In presenza di sindrome colestasi in pazienti con malattia epatica alcolica, è indicato l'uso di Heptral. In pazienti con febbre, è necessario escludere un fuoco infettivo. Pur mantenendo una temperatura corporea elevata per più di 3-4 giorni, vengono prescritti antibiotici semisintetici ad ampio spettro (ampicillina, ampioks, cemorina, kefzol, cefamezin).

    I glucocorticosteroidi sono utilizzati in forme particolarmente gravi di epatite alcolica acuta con grave insufficienza epatocellulare e nessun segno di cirrosi avanzata del fegato, come indicato da un aumento del livello di bilirubina più di 10 volte e un forte allungamento del tempo di protrombina. Prescrivere un corso di 3-4 settimane con una dose iniziale equivalente a 32 mg di metipred.

    Lo scopo dei glucocorticosteroidi è controindicato in presenza di infezione, diabete, pancreatite, carcinoma epatocellulare.

    Nel trattamento della cirrosi alcolica, vengono utilizzati cicli ripetuti di Essentiale e farmaci antiossidanti. La più importante prevenzione e trattamento delle complicanze (ipertensione portale, ascite, encefalopatia).

    L'acido ursodesossicolico (UDCA) è utilizzato in tutte le forme di malattia epatica alcolica. Il suo effetto clinico e biochimico positivo è associato ai suoi effetti immunomodulatori intrinseci e all'effetto anti-colestatico. Alcuni studi hanno dimostrato l'effetto antifibrogeno e anti-infiammatorio della colchicina. È necessario un ulteriore studio controllato sull'effetto sulla sopravvivenza dei pazienti con forme gravi di farmaci come Essentiale, propiltiouracile, Heptral.

    La mortalità nell'epatite alcolica è stimata al 10-30%. Sintomi prognosticamente sfavorevoli associati ad alta mortalità sono encefalopatia, insufficienza renale e prolungamento del tempo di protrombina di oltre il 50% delle figure di controllo. Una prognosi sfavorevole è la ricaduta dell'epatite alcolica acuta sullo sfondo della cirrosi epatica del fegato. Tra le complicazioni che portano alla morte, il coma epatico si sviluppa il più delle volte (55,8%), il sanguinamento da vene varicose dilatate e le erosioni del tratto gastrointestinale (30,8%), la sindrome epatorenale (27,8%), le complicanze infettive (14, 9%).

    La prognosi è molto migliore con la forma latente di epatite alcolica acuta.

    La scarsa prognosi a lungo termine dell'epatite alcolica acuta è associata ad un'alta frequenza della sua transizione verso la cirrosi.

    Il pieno recupero è possibile solo in caso di cessazione dell'uso di alcol, ma l'astinenza in alcuni casi non significa la completa esclusione dello sviluppo della cirrosi.

    Quali malattie possono essere associate

    L'epatite alcolica è spesso associata a distrofia del fegato grasso, fibrosi alcolica e cirrosi.

    L'encefalopatia alcolica ed epatica può portare a disturbi mentali. L'ascite è spesso sviluppata, che nei pazienti con fibrosi grave e ostruzione centrale delle vene può essere resistente alla terapia diuretica. Le infezioni batteriche concomitanti sono spesso note: polmonite, pielonefrite, tubercolosi polmonare attiva, sepsi. Sono possibili singoli casi di peritonite e ascesso polmonare.

    La causa della morte può essere anoressia, ascite, insufficienza renale, encefalopatia, coma epatico. Alcune settimane del corso di una tale patologia o una combinazione di queste possono causare la morte.

    Trattamento dell'epatite alcolica a casa

    Il trattamento dell'epatite alcolica acuta viene effettuato in ospedale, le forme croniche della malattia comportano lo scarico del paziente dall'istituto medico e la continuazione del trattamento a casa dopo un'accurata diagnosi e regime di trattamento.

    Richiede un rifiuto totale dell'uso di bevande alcoliche, l'adesione a una dieta ricca e ricca di proteine.

    Quali farmaci per curare l'epatite alcolica?

    La combinazione di farmaci è determinata individualmente. Questi possono essere, ad esempio, i seguenti farmaci:

    • Essentiale - 5-10 ml per via endovenosa in soluzione di 5 mg in una soluzione di glucosio al 5% o in infusione endovenosa (500-1000 mg) 10-14 in combinazione con la somministrazione orale in una dose di 6 capsule al giorno per i primi 1-2 mesi e poi per 3 - 4 capsule per 3-6 mesi;
    • Heptral - in una dose di 10 ml (800 mg) per via endovenosa con il successivo trasferimento al ricevimento in capsule in una dose di 800-1600 mg al giorno per 2-3 settimane;
    • ampicillina - 2-5 g / die per via intramuscolare;
    • Kefzol - 2-5 g / die per via intramuscolare;
    • colchicina - 3 mg / die (1 compressa al mattino e 2 compresse alla sera) il primo giorno di trattamento, 2 mg / die (1 compressa al mattino e alla sera) al 2 ° e 3 ° giorno, 1 etichetta.. nel 4 ° e seguenti giorni.

    Trattamento di metodi popolari di epatite alcolica

    L'uso di rimedi popolari nel trattamento dell'epatite alcolica di solito non mostra un significativo effetto positivo.

    Trattamento dell'epatite alcolica durante la gravidanza

    Lo sviluppo di epatite alcolica durante la gravidanza è estremamente indesiderabile. Essendo una conseguenza dell'alcolismo cronico, questa malattia è raramente combinata con la gravidanza e, se questo accade, non è negli strati più abbienti della popolazione. A causa dell'alcolismo, che comporta l'epatite alcolica, nel corpo della donna ci sono processi molto negativi per lo sviluppo della gravidanza. La questione delle possibilità di preservare la gravidanza, curare l'alcolismo e le sue conseguenze è decisa individualmente.

    Quali medici contattare se hai l'epatite alcolica

    La diagnosi di epatite alcolica acuta può essere assunta sulla base di dati clinici, ma può essere stabilita in modo affidabile secondo i dati della biopsia. I pazienti spesso devono stabilire l'uso sistematico dell'alcol mettendo in discussione i loro parenti e amici. In attenzione sono presi:

    • aspetto,
    • tratti della personalità comportamentale
    • cambiamenti neurologici
    • cambiamenti viscerali caratteristici dell'alcolismo.

    I più comuni sono tremore delle mani, palpebre, lingua, alcolica di facies, congestione venosa del bulbo oculare, polineuropatia, contrattura di Dupuytren. La presenza di ittero, febbre, fegato ingrossato doloroso, leucocitosi nei pazienti rende possibile sospettare un'epatite alcolica acuta con un sufficiente grado di accuratezza.

    Un esame obiettivo della più tipica epatomegalia, ittero e febbre. Il fegato è ingrossato in quasi tutti i pazienti, spesso ispessito, con una superficie liscia, dolorosa. A differenza della colecistite acuta, il dolore è diffuso, non locale. Splenomegalia, teleangiectasia cutanea, eritema palmare, asterixis (tremolio tremolante delle mani) sono possibili.

    Si osserva un forte aumento del livello di bilirubina, colesterolo, gamma-glutamil transpeptidasi e un lieve aumento dell'attività delle aminotransferasi sierica. Un numero di pazienti con epatite alcolica acuta ha una sindrome che è difficile da distinguere dalla colangite acuta o dall'ittero ostruttivo - una combinazione di febbre, dolore nell'ipocondrio destro, leucocitosi pronunciata, un aumento significativo dell'attività della fosfatasi alcalina.

    I pazienti con epatite alcolica acuta sono in una condizione grave, nella maggior parte dei casi hanno ittero, il contenuto di bilirubina sierica è in costante aumento, il tempo di protrombina è allungato, il livello di albumina sierica è ridotto. Anoressia, nausea, ascite, insufficienza renale, encefalopatia, coma epatico completano il decorso della malattia e in alcune settimane portano alla morte.

    Quasi sempre ha rivelato leucocitosi con un aumento del numero di neutrofili, spostamento di coltellate, un aumento della VES. In alcuni casi, la leucocitosi ha la natura di una reazione leucemoide. Febbre, leucocitosi e alta ESR sono un segno indiretto di necrosi epatica. Nel 50-75% dei pazienti con epatite alcolica si riscontra anemia di tipo macrocitico o emolitico. Il numero di piastrine nella maggior parte dei pazienti è normale, il 30-35% è aumentato o diminuito.

    Il valore diagnostico ha una marcata diminuzione dell'attività della gamma-glutamil transpeptidasi sullo sfondo dell'astinenza. Un nuovo marker di intossicazione da alcol è la transferrina sierica priva di carboidrati (de-dializzata), che è una combinazione di acetaldeide con transferrina e viene rilevata quando si consumano 60 grammi o più di etanolo al giorno per 1 settimana.

    Nella fase di recupero, è possibile un aumento dell'attività di AsAT, probabilmente a causa di un miglioramento della funzione sintetica del fegato. L'ipoalbuminemia è osservata in una proporzione significativa di pazienti, ma il test del timolo, contrariamente all'AVH, di solito non è cambiato. La gravità del danno al fegato è correlata al grado di riduzione del livello di albumina e indice di protrombina.

    La laparoscopia mostra cambiamenti nella struttura del fegato - è denso, di colore marrone chiaro con uno speck rossastro, spesso con rientranze cicatriziali. Il criterio per una diagnosi affidabile è la biopsia epatica, i risultati mostreranno:

    • ialina alcolica nella zona centrale del lobulo epatico,
    • necrosi coagulativa di epatociti con infiltrati di leucociti polimorfonucleati,
    • fibrosi centrolobulare, solitamente (ma non sempre) associata a steatosi.

    L'epatite cronica persistente secondo la biopsia epatica ha manifestazioni caratteristiche di epatite alcolica in combinazione con moderata fibrosi pericellulare e sottinusoidale nella terza zona del lobulo epatico acinoso. In alcuni casi, le porzioni portale sono state ampliate e si osserva fibrosi portale.

    Epatite alcolica - i primi segni, sintomi e trattamento

    Quando si modifica la forma e il volume del fegato del paziente sullo sfondo dell'alcolismo, viene diagnosticata l'epatite alcolica. Questa è una malattia degenerativa, un pericoloso rischio di manifestazione di cirrosi. È necessario il trattamento operativo della malattia, l'abbandono delle bevande alcoliche e il passaggio a uno stile di vita sano. Impara a riconoscere l'epatite a casa, con quali sintomi è caratterizzata.

    Cos'è l'epatite alcolica

    Nel 1995 è apparso il termine "epatite alcolica", che si riferisce alla caratterizzazione del danno epatico dovuto all'uso di etanolo. Questa malattia è infiammatoria, è la causa della cirrosi. Le tossine alcoliche entrano nel fegato, dove si formano le acetaldeidi, che infettano le cellule. La malattia diventa cronica dopo sei anni con l'uso costante di etanolo. L'epatite C e l'alcol non sono direttamente correlati, ma lo sviluppo di malattie tossiche contribuisce all'assunzione giornaliera di 50-80 g di alcol per gli uomini, 30-40 g per le donne e 15-20 g per gli adolescenti.

    Epatite alcolica - sintomi

    A seconda della forma di manifestazione della malattia, si distinguono i seguenti sintomi di epatite alcolica:

    1. Forma persistente - procede nascosto, il paziente non è a conoscenza della malattia. I segni di esso possono essere una pesantezza nella parte destra sotto le costole, nausea, eruttazione, dolore allo stomaco. Il tipo viene rilevato con l'aiuto di test di laboratorio, viene trattato in caso di rifiuto da alcool e dieta.
    2. La forma progressiva - è formata in mancanza di trattamento di epatite persistente, è considerata un precursore di cirrosi. Le condizioni del paziente peggiorano, la necrosi si osserva nel fegato (le cellule muoiono completamente). I sintomi sono: vomito, diarrea, febbre, ittero, dolore nella parte destra. Senza trattamento, la malattia minaccia la morte per insufficienza epatica.

    Segni di epatite alcolica

    A seconda dello sviluppo e del decorso della malattia, vi sono particolari segni di epatite. La malattia può essere acuta (itterica, latente, fulminante e colestatica) e cronica. Se i primi sintomi sono pronunciati, pronunciati (il paziente può ingiallire, provare dolore e deterioramento), il secondo può essere asintomatico e lieve.

    Epatite alcolica acuta

    L'OAS, o epatite alcolica acuta, è considerata una malattia in rapida progressione che distrugge il fegato. Manifesto dopo abbuffate prolungate. Ci sono quattro forme:

    1. Ittero: debolezza, dolore nell'ipocondrio, anoressia, vomito, diarrea. Negli uomini, c'è l'ittero senza prurito, perdita di peso, nausea. Il fegato è ingrossato, ispessito, liscio, doloroso. Le mani del paziente sono tremanti, ascite, eritema, infezioni batteriche, può verificarsi febbre.
    2. Latente - diagnosticato solo con metodo di laboratorio, biopsia, flusso latente.
    3. Colestatico - è raro, i sintomi sono prurito grave, feci incolori, ittero, urine scure e problemi di minzione.
    4. Fulminante - i sintomi stanno progredendo, si osservano emorragie, ittero, insufficienza renale ed encefalopatia epatica. A causa del coma e della sindrome epatorenale si verifica la morte.

    Epatite alcolica cronica

    L'assenza di sintomi evidenti è caratterizzata da epatite alcolica cronica. Viene rilevato solo da test di laboratorio: viene controllata l'attività delle transaminasi e della colestasi. Lo sviluppo indiretto della malattia è indicato dai criteri per la dipendenza da alcol:

    • ricezione di una grande quantità di alcol, desiderio di bere;
    • segni di ritiro;
    • aumentare il dosaggio di alcol.

    Come riconoscere l'epatite a casa

    Per riconoscere correttamente l'epatite a casa, è necessario prestare attenzione al paziente. Se ha almeno un segno di un decorso acuto della malattia, è necessario l'intervento di un medico. Quando si osservano segni indiretti di coinvolgimento nell'alcolismo, si dovrebbe anche contattare specialisti per esaminare il fegato e identificare anomalie nella sua funzione.

    Se la malattia non inizia a essere trattata in tempo, sono possibili complicazioni, inclusa la morte del paziente sullo sfondo della necrosi epatica:

    • aumento della pressione;
    • intossicazione del corpo;
    • ipertensione, vene varicose;
    • ittero, cirrosi.

    L'epatite tossica è contagiosa?

    Secondo i medici, l'epatite tossica alcolica non è considerata una malattia contagiosa, perché si verifica a causa dell'avvelenamento del corpo con una sostanza chimica. Si sviluppa sullo sfondo di una lunga assunzione di alcol in grandi quantità, colpisce solo il corpo del paziente. Per il trattamento, è importante eliminare il fattore distruttivo e aumentare la funzionalità degli organi.

    Come trattare l'epatite alcolica

    Al fine di condurre un trattamento efficace di epatite alcolica del fegato, è necessario rifiutare di assumere alcol e consultare un medico. Egli prescriverà una terapia complessa, tra cui:

    • disintossicazione - contagocce, somministrando farmaci per la pulizia endovenosa o orale;
    • visitare uno psicologo, un narcologo per eliminare una cattiva abitudine;
    • dieta energetica, si consiglia di utilizzare più proteine;
    • trattamento chirurgico o farmacologico - è possibile rimuovere i fuochi della necrosi, prendere metionina e colina per riempire la funzione lipidica dell'organo;
    • iniezione intramuscolare di vitamine, potassio, zinco, sostanze contenenti azoto;
    • l'uso di corticosteroidi per malattie gravi;
    • prendendo epatoprotettori (Essentiale, Ursosan, Heptral);
    • eliminazione dei fattori eziologici;
    • antibiotici nello sviluppo di infezioni batteriche, virali o lo sviluppo di una forma grave della malattia.

    I medici proibiscono il trattamento da soli, dal momento che il danno al fegato può essere serio e portare a conseguenze incontrollabili. Se il caso è molto grave e trascurato, il trapianto di fegato può richiedere, la prognosi dell'attecchimento è nella media. Come trattamento rinforzante dopo l'eliminazione dei sintomi e del decorso acuto, la medicina tradizionale basata sugli stimmi del mais, cardo mariano può essere usata.

    Come prevenzione di recidiva della malattia, queste regole sono usate:

    • ridurre le dosi di alcol o il completo rifiuto di esso;
    • conformità con i farmaci, rifiuto di alcol durante il trattamento;
    • corretta alimentazione, piena di calorie e BZHU.

    Dieta epatite alcolica

    Nella maggior parte dei pazienti con epatite di tipo alcolico, la deplezione clinica del corpo è stata osservata nella storia clinica a causa della mancanza di un'alimentazione adeguata. Per migliorare la salute e ridurre la gravità del fegato, è necessaria una dieta speciale. La dieta per l'epatite alcolica include le seguenti raccomandazioni:

    • rifiuto di carne grassa, grassi, pesce, uova, prodotti in scatola e affumicati;
    • divieto di funghi, condimenti e salsa, pasticcini, pane bianco, tè forte, caffè;
    • non puoi mangiare noci, cipolle, aglio, acetosella, rafano, pasticcini, gelati;
    • non abusare del consumo di acqua gassata, formaggi grassi, ricotta, panna acida, burro;
    • divieto categorico di alcol, nicotina;
    • i prodotti possono essere al vapore, al forno, bolliti;
    • l'inclusione nella dieta di cereali, pane tostato, crusca, latticini, carne di vitello, pesce magro, ricotta a basso contenuto di grassi, pollo;
    • utile per mangiare verdura, frutta, tè verde, frutta secca, verdure verdi, fichi;
    • pasti 5-6 volte al giorno, pasti divisi - non mescolare le proteine ​​con carboidrati in un'unica assunzione, ci sono frutti separatamente.

    Video: come si manifesta l'epatite tossica

    Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

    Top