Categoria

Messaggi Popolari

1 Itterizia
Quali prodotti ripristinano le cellule del fegato (epatoprotettori)
2 Giardia
Che effetto ha l'alcol sul fegato?
3 Cirrosi
Colica biliare
Principale // Ricette

Sintomi e primi segni di cirrosi alcolica - come e cosa trattare?


La cirrosi alcolica si verifica a seguito di abuso di alcol per un lungo periodo di tempo. In questa patologia, le cellule epatiche (epatociti) sono colpite e quindi muoiono. Circa la metà dei casi di cirrosi cade sul tipo di alcol.

Il più delle volte si verifica nei paesi della CSI, in cui il numero di persone alcol-dipendenti è più alto. Raramente, tali casi si verificano negli Stati Uniti, Messico, Cile e Finlandia, e quasi mai si verificano in Cina, India e paesi africani.

Descrizione generale della malattia

La cirrosi epatica alcolica è una patologia cronica in cui le cellule degli organi vengono distrutte. Può causare il consumo regolare di bevande, tra cui l'etanolo. Bevande alcoliche forti e basse contengono diversi livelli di etanolo, ma la dipendenza da alcol può svilupparsi da qualsiasi di esse.

Per le donne, il tasso di alcol consentito è 3 volte inferiore alla norma maschile. Bere più alcol colpisce immediatamente il fegato, compromettendone il parenchima e la struttura.

L'etanolo ha i seguenti effetti negativi sul corpo:

  • gli epatociti vengono distrutti più velocemente di quanto siano stati restaurati;
  • la formazione di strutture connettive è accelerata;
  • le cellule mancano di ossigeno;
  • la produzione di proteine ​​nelle cellule epatiche è sospesa, il che porta a gonfiore e aumento delle dimensioni dell'organo.

L'alcolismo lungo e incontrollato porta allo sviluppo della cirrosi alcolica (tossica) del fegato. In questo caso, le cellule sane dell'organo vengono prima colpite e poi muoiono. Al loro posto c'è tessuto fibroso e cicatrici. Quando esposto a determinati fattori negativi inizia a sviluppare cirrosi di fibrosi epatica.

Ciò può verificarsi per i seguenti motivi:

  • consumo regolare di bevande alcoliche, cibi piccanti e grassi;
  • appartenente al sesso femminile;
  • ereditarietà;
  • mancanza di proteine ​​e vitamine.

Tutto ciò porta alla rottura del fegato, con il risultato che cessa di far fronte alle sue funzioni principali (disintossicazione, sintesi proteica, formazione del sangue, ecc.).

Nella maggior parte dei casi, la cirrosi tossica inizia a manifestarsi dopo circa 10 anni di abuso di alcool. E questo succede solo in 1/3 delle persone con dipendenza da alcool.

La probabilità di sviluppare questa patologia aumenta con i seguenti fattori:

  • abuso regolare di alcol per 15 anni o più;
  • predisposizione genetica alla malattia;
  • consumo giornaliero di tale quantità di bevande alcoliche, che contiene più di 60 g di etanolo;
  • mancanza di proteine ​​e altre sostanze benefiche.

patogenesi

Con l'uso frequente di alcol, il fegato inizia a produrre enzimi che processano l'etanolo e i suoi prodotti di decadimento. Tuttavia, alla fine, questo porta all'esaurimento del fegato e alla crescita eccessiva delle sue pareti con grasso, vale a dire appare l'epatite grassa.

Poi inizia la distruzione e la morte degli epatociti, e invece appaiono non nuove cellule, ma tessuto connettivo. Tutto ciò porta a gravi cambiamenti nel fegato e quindi alla sua completa o parziale disfunzione.

L'alcol, entrando nel corpo, inizia a essere processato, formando i radicali che causano i seguenti effetti negativi:

  • rottura cellulare;
  • danno alla membrana degli epatociti;
  • spasmi vascolari;
  • accelerazione della morte degli epatociti;
  • ipossia epatica;
  • violazione della struttura dei vasi sanguigni;
  • perdita della funzionalità epatica.

Tutte queste violazioni sono irreversibili e alla fine portano alla disabilità e alla morte.

classificazione

La cirrosi epatica è di tre tipi: piccolo nodo, grande nodo e misto. Per il tipo di nodo piccolo (micronodulare), i piccoli noduli sono caratteristici, il cui diametro non supera i 3 mm. Con il tipo di nodo grande (macronodulare), le loro dimensioni possono raggiungere 5 cm.

La classificazione di cirrosi alcolica è effettuata da deviazioni funzionali:

  • Visione compensata, in cui non vi sono manifestazioni cliniche della malattia. Rivela solo con una biopsia.
  • Tipo di cirrosi subcompensata in cui inizia a svilupparsi l'insufficienza epatica. La patologia può essere rilevata durante l'esame.
  • Forma scompensata in cui si sviluppa la disfunzione epatica completa e l'intossicazione da alcol ha un effetto negativo su tutto il corpo. L'unico trattamento in questa fase è il trapianto.

sintomatologia

I primi sintomi della malattia si sviluppano a lungo e difficilmente si notano. Possono trascorrere circa 5 anni prima della loro apparizione, anche se durante questo intero periodo un parenchima epatico sano verrà sostituito con tessuti fibrosi.

I primi segni di patologia includono:

  • perdita graduale di peso;
  • deterioramento delle capacità lavorative e della salute, sonnolenza, cattivo umore e mancanza di appetito;
  • arrossamento della pelle sui piedi e sui palmi;
  • bassa pressione sanguigna;
  • l'aspetto di piccole stelle vascolari.

A poco a poco, il paziente sviluppa una maggiore salivazione. Come risultato dell'espansione dei capillari, il viso del paziente diventa rosso, ma poi l'intera pelle del corpo diventa giallognola.

Il colore giallo si manifesta anche nella sclera degli occhi e nelle mucose della bocca. E sulle unghie formate leuconichia (strisce di bianco). Anche la forma delle punte delle dita cambia - si addensano e diventano simili alle bacchette.

Molte persone con cirrosi alcolica iniziano anche anomalie nel sistema digestivo, flatulenza, gonfiore, nausea, vomito e brontolio nello stomaco. Ci può essere anche un aumento di pressione nella vena porta, in conseguenza del quale il fluido si accumula nella cavità addominale o un allargamento della milza (splenomegalia) apparirà.

In alcuni casi, il paziente può avere aumentato le vene nelle gambe e nelle braccia.

Ci sono anche i seguenti segni di cirrosi negli alcolisti:

  • mancanza di respiro;
  • atrofia muscolare;
  • tosse;
  • tachicardia;
  • disturbi del sistema cardiovascolare.

Con la completa cessazione dell'uso di alcol, i sintomi inizieranno gradualmente a diminuire.

Se ciò non viene fatto, la malattia progredirà verso l'encefalopatia epatica, che è caratterizzata da danni tossici alle cellule cerebrali, danni ai tessuti nervosi e disfunzione delle strutture intraorganiche. In alcuni casi, può verificarsi carcinoma epatocellulare (malignità).

Metodi diagnostici

La diagnosi e il trattamento della cirrosi alcolica devono essere eseguiti da un chirurgo o da un gastroenterologo. Prima di tutto, vengono usati i soliti metodi di esame, che sono semplici in esecuzione. Questi includono l'analisi generale e biochimica di sangue, urine e feci, così come altri test di laboratorio.

Metodi diagnostici applicati e strumentali che ti permettono di ottenere la massima informazione:

  • Ultrasuoni addominali per determinare le dimensioni del fegato e della milza, la struttura del parenchima epatico e la presenza di lesioni fibrose.
  • RM e TC per determinare la struttura del fegato e degli organi adiacenti.
  • Esame elastografico relativo alla famiglia degli studi ecografici. È usato per determinare i fuochi fibrosi e il loro stadio di sviluppo.
  • ERCP per determinare lo stato dei passaggi intraepatici, i loro restringimenti o cambiamenti strutturali.
  • Biopsia percutanea.

Trattamento della cirrosi

Al fine di determinare come trattare la cirrosi alcolica, è necessario determinarne il tipo e lo stadio di sviluppo.

La prima e una delle condizioni più importanti per la terapia di successo è l'eliminazione del consumo di alcol, così come il reintegro del deficit di proteine, vitamine e minerali. In alcuni casi, il paziente con dipendenza da alcol richiede una riabilitazione sociale. Inoltre, tabella dietetica assegnata numero 5.

La parte principale del trattamento della cirrosi che si è sviluppata durante l'alcolismo è in metodi conservativi, vale a dire prendere farmaci Gli epatoprotettori che proteggono i rimanenti epatociti sani sono obbligatori. Questi farmaci includono Allohol, LIV-52, Essentiale, Phosphogliv, ecc.

Inoltre, sono prescritti i seguenti fondi:

  • Vitamine per sostenere il lavoro del fegato.
  • Preparati con acido ursodesossicolico, che prevengono la sconfitta e la morte di epatociti (Ursohol, Ursosan, Ursodez, ecc.).
  • Preparazioni di adenometionina per ripristinare le cellule del fegato, prevenirne la morte, normalizzare il flusso della bile e fornire effetti antidepressivi. L'agente più famoso di questo gruppo è Heptral.
  • Preparati per la prevenzione della fibrosi.
  • Farmaci glucocorticoidi per eliminare l'infiammazione e la protezione contro le cicatrici.

La dieta è di grande importanza nel trattamento della cirrosi. Si raccomanda al paziente di limitare o abbandonare completamente l'uso di cibi grassi, piccanti, fritti, in salamoia, affumicati e secchi. L'apporto calorico totale della razione giornaliera non dovrebbe superare le 2.800 kcal e il volume d'acqua dovrebbe essere di circa 1,5 litri. Mangiando durante il giorno è effettuato in 5-6 ricevimenti.

Le persone con cirrosi dovrebbero bere più fibre grossolane. La carne è consigliata solo grattugiata. In questa malattia, i prodotti a base di carne, pesce e funghi, legumi, prodotti in scatola e salsicce sono controindicati.

Possibili conseguenze e prognosi per la vita

Quindi la cirrosi alcolica è trattata e quali complicanze possono causare? È impossibile recuperare completamente da questa patologia. Puoi liberartene per sempre solo con un trapianto di fegato. Tuttavia, a causa dell'elevato costo di questa procedura e della sua complessità tecnica, è disponibile per pochi.

Se la patologia viene rilevata in una fase iniziale dello sviluppo, c'è la possibilità di fermare il processo di distruzione del parenchima ed evitare possibili conseguenze.

Gli epatoprotettori moderni sono in grado di proteggere le cellule sane, ma non possono ripristinare quelli già morti, quindi la tempestività della decisione di diagnosi gioca il ruolo principale. L'aspettativa di vita di un paziente con una fase di cirrosi scompensata è in media 3-5 anni. Il trattamento prescritto per questa forma non elimina la malattia, ma allevia i sintomi e allevia la condizione.

conclusione

La cirrosi epatica si sviluppa in circa il 10% delle persone che abusano regolarmente di alcol. Questa malattia è caratterizzata da un decorso lento, quindi il suo sviluppo può richiedere fino a 10 anni. Più spesso si verifica negli uomini oltre 40 anni.

Sintomi e trattamento della cirrosi alcolica

L'abuso di alcool porta allo sviluppo della cirrosi alcolica del fegato. L'assunzione di alcol a lungo termine uccide le cellule sane e interferisce con il normale funzionamento del corpo. Come determinare la presenza di patologia e se trattarla?

Il quadro clinico della malattia

I sintomi della cirrosi alcolica non sono molto diversi da altri tipi di malattie di questo organo. Nella fase iniziale della malattia, i sintomi sono insignificanti, poiché le cellule sane svolgono la funzione di quelle che sono già state distrutte. I primi segni si manifestano come debolezza, stanchezza e sonnolenza.

La cirrosi alcolica del fegato con l'uso di bevande forti progredisce rapidamente, quindi compaiono successivamente dolore e tiro nelle articolazioni. In questo contesto, si sviluppa la contrattura, che non consente la flessione completa e gli arti inflessibili. Il quadro clinico della malattia si manifesta in:

  • cambiamenti nella pelle;
  • diradamento dei capelli;
  • disturbo dell'appetito.

A causa della perdita di appetito al mattino, la persona avverte un dolore addominale, oltre a nausea e vomito. Dopo aver assunto cibi grassi o fritti, i sintomi peggiorano. In questo contesto, le persone perdono rapidamente peso. Ciò porta allo sviluppo di ipertensione portale, vale a dire: l'espansione delle vene dell'esofago e del retto e la formazione di liquido nella cavità addominale. L'ipertensione portale, di regola, prevale sui segni di insufficienza epatocellulare.

La cirrosi alcolica del fegato è caratterizzata da un aumento delle ghiandole salivari, che si trovano vicino alle orecchie. Quali sono i sintomi della cirrosi nelle donne? Questa patologia si manifesta in violazione del ciclo mestruale. Riconoscere i sintomi della cirrosi negli uomini è abbastanza semplice. L'aspetto maschile diventa effeminato. In un paziente, la crescita dei peli corporei diminuisce, le ghiandole mammarie aumentano e il grasso nelle cosce e nell'addome viene depositato.

L'ultima fase procede con complicazioni. Spesso, la patologia porta alla formazione di liquido nella cavità addominale. Tale processo nella pratica medica è chiamato ascite. Segni di cirrosi negli alcolisti in questa fase sono abbastanza semplici da determinare. Nell'uomo aumenta l'addome, che nella posizione eretta ha la forma di una palla, e in posizione orizzontale si estende ai lati.

La cirrosi alcolica del fegato si manifesta in un cambiamento nel colore delle urine e delle feci. Con la progressione della malattia appare prurito, tinta gialla della pelle e bulbi oculari. Questi sintomi sono generalmente peggiori durante la notte. La condizione generale si sta deteriorando. C'è anche un'alta probabilità di sanguinamento dallo stomaco o dall'esofago. L'ultimo stadio senza una terapia appropriata porta alla morte.

Aspettativa di vita senza trattamento

Quanto tempo vivono gli alcolisti con la cirrosi? Una risposta inequivocabile a questa domanda è impossibile. L'aspettativa di vita è influenzata da molti fattori. È impossibile curare la cirrosi, perché le cellule sono sostituite da tessuto fibroso e questo processo è irreversibile. Con la consegna puntuale della diagnosi, questo processo può essere sospeso.

Per quanto tempo puoi vivere con questo disturbo? I fattori che influenzano l'aspettativa di vita includono:

  • la gravità della malattia;
  • complicazioni;
  • causa principale;
  • età e sesso di una persona;
  • terapia prescritta;
  • presenza di patologie concomitanti.

La cirrosi alcolica del fegato è suddivisa in tre fasi: compensata, subcompensata e scompensata. Nella fase di compensazione, gli epatociti svolgono la funzione di cellule morte, pertanto i segni clinici sono scarsamente espressi. Quante persone vivono con lui? Secondo i dati, circa il 45-50% delle persone con tale diagnosi vive non più di 7-8 anni.

Progredisce la cirrosi alcolica del fegato con un consumo regolare di alcol, che porta alla deplezione degli epatociti. In questo caso, il lavoro dell'organo viene interrotto e l'aspettativa di vita si riduce a 5 anni. Nella fase scompensata, le complicanze si sviluppano e le condizioni del paziente peggiorano. Circa il 15-35% dei pazienti vive 3 anni. Più il palco è duro, maggiore è la mortalità. Questa patologia può causare gravi complicazioni: sanguinamento dalle vene dell'esofago o ascite. Più pericolose sono le complicazioni, maggiore è la probabilità che una persona non viva più di un anno.

Lo sviluppo della cirrosi è causato dall'abuso di bevande forti, quindi, con il completo abbandono dell'alcol da parte di una persona, è possibile prolungare la vita di 10 anni o più. È necessario rifiutare tutti i tipi di bevande forti, tra cui birra e vino. Nonostante si tratti di bevande a basso contenuto di alcol, causano danni all'organismo allo stesso modo dell'alcool forte.

L'aspettativa di vita può dipendere dall'età e dal sesso della persona. Per le persone oltre i 50 anni, la previsione è deludente. Secondo le statistiche mediche, la mortalità nelle donne a causa della malattia è più alta che negli uomini.

Un fattore importante che influisce sull'aspettativa di vita è il rispetto delle raccomandazioni del medico. Il trattamento completo e il rispetto delle raccomandazioni prolungano significativamente la vita. Se si verificano dei cambiamenti, il paziente è obbligato a informare il suo medico curante in modo che possa condurre un esame appropriato e regolare il regime di trattamento. Se la patologia è accompagnata da altre malattie, l'aspettativa di vita dipende dalla loro gravità. Se il cancro è la patologia principale, allora la prognosi è scarsa.

Diagnosi della malattia

Nella diagnosi, un ruolo significativo viene svolto dalla presa della storia e dalla rivelazione della durata dell'abuso di alcol. Nell'alcolismo, un gastroenterologo scopre la quantità, il tipo di alcol consumato e la sua regolarità.

Dopo aver raccolto l'anamnesi, il medico prescrive un test di laboratorio, che include un esame del sangue generale e biochimico. Con i test corrispondenti, è stata osservata una diminuzione del numero di eritrociti, piastrine e un aumento del livello di immunoglobulina A. Con dipendenza da birra nel siero, si nota un aumento della quantità di ferro siero e di transferrina.

Quando l'alcolismo aumenta il rischio di sviluppare un tumore maligno, quindi al paziente viene prescritto un esame del sangue per il contenuto di alfa-fetoproteina e trigliceride. Se la loro concentrazione supera la norma, i medici suggeriscono la presenza di cancro.

La diagnosi include anche esami strumentali. Il paziente sta eseguendo un esame ecografico della cavità addominale, imaging a risonanza magnetica e computazionale, dopplerografia, biopsia del tessuto dell'organo interessato e esame radionucleare.

I risultati dell'ecografia sono evidenti cambiamenti patologici nella dimensione e nella forma dell'organo interessato. La TC e la RM ti consentono di studiare il tessuto dell'organo infiammato e il suo sistema vascolare. Usando la dopplerografia ad ultrasuoni, il medico determina la pressione nel sistema della vena epatica e rileva l'ipertensione portale. La scansione radionucleare consente di rilevare i cambiamenti nei lobuli epatici e determinare il tasso di produzione della bile. Per ottenere un quadro clinico completo, i medici eseguono una biopsia.

Metodi di trattamento

Con la diagnosi di cirrosi alcolica, il trattamento è principalmente volto ad eliminare la causa, vale a dire il rifiuto da bevande forti. Se durante il corso della terapia continui a bere alcolici, la prognosi è scarsa. Trattare la cirrosi alcolica del fegato dovrebbe essere un complesso, quindi i medici prescrivono:

  • preparazioni medicinali;
  • dieta terapeutica;
  • ginnastica.

Nella fase iniziale della malattia, la terapia conservativa è efficace. Il corso è individuale per ogni persona, quindi il medico prescrive farmaci e il loro dosaggio, tenendo conto della gravità dei sintomi e della natura della patologia.

Nella terapia farmacologica vengono utilizzati farmaci che migliorano il metabolismo e le membrane stabilizzanti. Efficace anche la terapia trasfusionale, che include prodotti sanguigni e sostituti del sangue. L'ultimo stadio nello sviluppo di insufficienza epatica, ascite e sindrome emorragica viene anche trattato con terapia trasfusionale. Se la patologia procede insieme all'epatite, allora al paziente vengono prescritti ormoni glucocorticoidi.

Alleviare la condizione e ridurre i sintomi aiuterà la dieta terapeutica. Il primo passo è rinunciare all'alcol. Anche gli alimenti grassi, affumicati, speziati, sottaceti, dolci, spezie, pasticcini e soda dovrebbero essere esclusi dalla dieta. Le preferenze dovrebbero essere date a zuppe di verdure, cereali, salumi, pesce e latticini. Il cibo dovrebbe essere equilibrato. I pasti dovrebbero essere composti da 5-6 pasti. È vietato mangiare piatti troppo caldi.

È possibile curare la malattia nella sua fase avanzata? In questo caso, la terapia farmacologica è inefficace e i medici usano un metodo radicale. Quando sanguina nell'esofago, al paziente viene installata una sonda speciale che riempie l'aria con l'esofago. Alla ricaduta, le vene dilatate dell'esofago vengono suturate.

Se non è possibile ripristinare il lavoro dell'organo, i medici eseguiranno il trapianto. Spesso, il donatore diventa un parente stretto. 6 mesi prima dell'intervento si dovrebbe astenersi da bevande forti. Il paziente dopo l'intervento chirurgico dovrebbe condurre uno stile di vita sano e rifiutare l'alcol, altrimenti il ​​trapianto di organi non porterà il risultato desiderato.

Possibili complicazioni

In assenza di trattamento tempestivo, aumenta il rischio di complicanze. Allo stadio di decompensazione, la circolazione sanguigna viene disturbata attraverso l'organo interessato. In questo contesto, si formano vari peritoks, uno dei quali è vene varicose nell'esofago. I segni speciali non sono mostrati. Il sanguinamento per il paziente è una sorpresa. Con l'avvento di questa complicazione, aumenta la probabilità di morte.

A causa del flusso sanguigno alterato, capillari e vasi sanguigni in tutte le parti del tratto gastrointestinale si espandono. Sullo sfondo di questi cambiamenti patologici si formano peritoki microarteriovenoi che provocano la formazione di ulcere, un'erosione acuta sulla membrana mucosa dello stomaco e il duodeno.

Cambiamenti metabolici e alterata circolazione del sangue portano all'accumulo di liquidi nella cavità addominale. La manifestazione dell'ascite è anche pericolosa per la vita del paziente. Il fluido nella cavità addominale in alcuni casi porta all'insufficienza respiratoria.

Nella fase di scompenso, la probabilità di sviluppare peritonite batterica, infezione del tratto urinario e polmonite è alta. Le complicazioni infettive possono causare lo sviluppo di insufficienza epatica. Se non inizi la terapia in tempo, la persona potrebbe cadere in coma.

La cirrosi non è una frase. Soggetto alle raccomandazioni del medico, la prognosi è favorevole. La terapia tempestiva prolunga la vita del paziente e migliora la sua qualità. Per evitare complicazioni, dovrebbe essere effettuato un esame endoscopico regolare degli organi dell'apparato digerente.

I primi sintomi e segni di cirrosi negli alcolisti maschi

Con la quantità di consumo di bevande alcoliche per persona, la Federazione Russa occupa oggi un posto di rilievo in Europa. Questo fatto suggerisce un altro - l'incidenza e la mortalità da cirrosi epatica tossica nel nostro paese è ad un livello molto alto. Fondamentalmente, gli uomini all'età di 20-50 anni sono soggetti a questa patologia.

L'uso a lungo termine di bevande contenenti etanolo porta a danni tossici alle cellule del fegato. La conseguenza di ciò è lo sviluppo dell'insufficienza epatocellulare e l'aumento della pressione sanguigna nella vena porta.

Tra tutte le cirrosi, la proporzione di forme tossiche (alcoliche) di patologia è circa la metà dei casi. Questa è una cifra molto alta. Ecco perché tutti, quando vogliono bere, devono ricordare dell'esistenza di questa terribile malattia, essere consapevoli dei suoi sintomi. Questo è necessario al fine, se necessario, di non perdere tempo prezioso. Infatti, senza un adeguato trattamento, la morte da cirrosi tossica si verifica entro pochi anni.

Caratteristiche dello sviluppo della forma alcolica della malattia

La cirrosi epatica tossica è causata dall'uso a lungo termine di bevande alcoliche. Non c'è differenza tra ciò che il paziente ha bevuto. Birra, vodka, vini secchi, champagne e altri alcolici sono altrettanto suscettibili di causare la malattia. Questo perché le bevande a bassa gradazione alcolica sono bevute di più, di conseguenza, il contenuto di etanolo nel corpo sarà lo stesso dell'assunzione di piccole dosi di alcolici.

patogenesi

Con lo sviluppo della cirrosi al posto del normale tessuto epatico, si forma tessuto cicatriziale. Di regola, da esso si formano piccoli nodi, che cambiano completamente la struttura dell'organo. La conseguenza della degenerazione cicatriziale è la perdita del fegato delle sue funzioni.

A differenza della fibrosi (un processo in cui il tessuto connettivo cresce anche in un luogo sano, ma la struttura dell'organo non cambia), con la cirrosi alcolica, la corretta struttura del tessuto viene disturbata e le unità funzionali del fegato, i lobuli, vengono distrutte.

L'alcol ha un'epatotossicità diretta. Il principale fattore eziologico della malattia epatica alcolica è l'alto contenuto di acetaldeide in esso. È responsabile della maggior parte degli effetti tossici:

  • perossidazione lipidica migliorata;
  • la comparsa di complessi proteici persistenti;
  • alterata funzione mitocondriale;
  • aumento del processo di formazione di fibrina.
L'effetto dannoso dell'alcol sul fegato

Nel meccanismo di sviluppo della cirrosi alcolica, ci sono diverse fasi:

  1. Come risultato dell'abuso prolungato di bevande contenenti alcol etilico nei tessuti del fegato, si accumulano inclusioni di grasso e la capacità dell'organo di rigenerare diminuisce. Durante questo periodo inizia la formazione di tessuto connettivo grossolano.
  2. Nelle cellule del fegato c'è la soppressione della sintesi proteica, che porta all'accumulo di liquido in esse.
  3. A poco a poco, la normale struttura del tessuto epatico si rompe, si formano piccoli nodi.
  4. Col passare del tempo, i nodi diventano più grandi, il funzionamento dell'organo è limitato e l'insufficienza epatica si sviluppa.
  5. Si verifica encefalopatia epatica.

Fattori di rischio per lo sviluppo di cirrosi:

  • bere alcolici ogni giorno per molti anni ad una dose di almeno 40 g di alcool etilico puro;
  • predisposizione genetica;
  • carenza nutrizionale;
  • genere femminile;
  • l'obesità;
  • epatite concomitante.

classificazione

La cirrosi alcolica può essere classificata in base a molte caratteristiche. Tenendo conto delle caratteristiche e delle fasi dello sviluppo della patologia, si distinguono le seguenti fasi:

  • compensato - i cambiamenti strutturali sono già presenti, ma non ci sono segni clinici;
  • subcompensato - il paziente inizia a prestare attenzione all'apparizione dei primi sintomi della cirrosi;
  • scompensato - in questa fase si verifica lo sviluppo di insufficienza epatica, una condizione in cui il fegato non è in grado di funzionare in pieno;
  • in combinazione con l'epatite;
  • in combinazione con colestasi intraorganica.

Cirrosi alcolica

  • Fase inattiva
  • Combinazione con emosiderosi.
  • Combinazione con porfiria della pelle tardiva.
  • Per la natura del danno al fegato (per caratteristiche morfologiche), la cirrosi può avere le seguenti caratteristiche:

    • fuochi di tessuto modificato di piccole dimensioni (piccolo nodo);
    • i fuochi del tessuto fibroso sono grandi (nodo grande);
    • entrambi i foci piccoli e grandi sono presenti nel tessuto epatico (misto).

    Sintomi di patologia

    Durante i primi anni di insorgenza della malattia, il paziente potrebbe non notare alcun deterioramento delle sue condizioni. Ma gradualmente appaiono i reclami. I pazienti iniziano a prestare attenzione al verificarsi di tali segni di cirrosi:

    • letargia, stanchezza, debolezza, perdita di umore e appetito, costante sonnolenza;
    • irritabilità;
    • diminuzione dei numeri di pressione arteriosa sistolica;
    • comparsa di vene varicose sulla superficie della pelle;
    • riduzione del peso;
    • dimenticanza, distrazione dell'attenzione;
    • il verificarsi di iperemia della faccia derivante dall'espansione dei capillari;
    • tachicardia, sensazione di rottura del cuore, dolori di cucitura;
    • gonfiore degli arti inferiori;
    • aumento della temperatura corporea a valori subfebrilari;
    • mancanza di respiro e tosse;
    • violazione di tutti i tipi di sensibilità;
    • diminuzione della vista e dell'udito;
    • atrofia muscolare.

    Se il paziente elimina completamente l'uso di alcol quando compaiono questi sintomi di cirrosi, il quadro clinico scomparirà, i disturbi scompariranno praticamente. Naturalmente, è impossibile curare completamente l'organo, ma una tale misura fermerà la cirrosi e migliorerà la qualità della vita del paziente.

    Più la cirrosi progredisce, più i suoi sintomi diventano evidenti:

    • colorazione itterica delle mucose e della pelle visibili;
    • prurito;
    • le unghie appaiono strisce di colore biancastro - leuconichia;
    • iperemia dei palmi;
    • le estremità delle dita sono deformate, si verifica un sintomo di "bacchette";
    • i pazienti sono disturbati da sintomi dispeptici: dolori intermittenti intermittenti nella zona subcostale destra, distensione addominale e brontolio, flatulenza, nausea e vomito;
    • depositi di grasso nel basso addome e nelle cosce;
    • ingrandimento del seno;
    • atrofia testicolare;
    • nelle donne può verificarsi sanguinamento uterino disfunzionale, disturbi mestruali;
    • l'urina diventa di colore scuro, e le feci, al contrario, si illumina;
    • vene varicose degli arti inferiori.

    Se il trattamento della cirrosi non viene avviato, il processo patologico passerà presto allo stadio di encefalopatia epatica. In questa fase c'è:

    • danno tossico alle cellule cerebrali;
    • violazione degli organi interni;
    • danno alle strutture nervose;
    • violazione dell'orientamento nello spazio e nel tempo;
    • eccitazione, alternata al sonno;
    • coma.
    Patogenesi dello schema di encefalopatia epatica

    In alcuni casi, la cirrosi alcolica può innescare lo sviluppo di un tumore maligno - carcinoma epatocellulare. In questo caso, le previsioni sulla patologia peggiorano significativamente.

    A causa dell'aumento della pressione nella vena porta, con la cirrosi, possono verificarsi le seguenti complicanze:

    • un aumento delle dimensioni della milza;
    • sanguinamento dalle vene varicose dell'esofago e dello stomaco;
    • sanguinamento dalle vene intestinali;
    • accumulo di liquido nella cavità addominale;
    • l'aspetto della "testa della medusa" - si allargano le vene allargate della parete addominale anteriore e, sullo sfondo di un addome allargato all'ascite, acquisiscono un aspetto caratteristico.

    Le specifiche della terapia

    La cirrosi tossica è una condizione irreversibile. Ma se vengono seguite le raccomandazioni del medico curante e la terapia viene avviata in tempo, la malattia è ben controllata. Il processo cirrotico può essere sospeso per molti anni.

    Misure diagnostiche

    Se ci sono anomalie nel fegato per prevenire la cirrosi o la sua progressione, il compito del paziente è quello di monitorare da vicino la loro salute e cercare un aiuto professionale in modo tempestivo. Un gastroenterologo o un chirurgo invierà necessariamente il paziente a un esame completo prima di iniziare il trattamento per la cirrosi alcolica, che include:

    • Raccolta di denunce e anamnesi (il fatto di confermare la dipendenza da alcol è importante).

    Esame obiettivo I seguenti segni sono degni di nota:

    • L'espansione della rete vascolare sul naso

    espansione della rete vascolare nel naso;

  • un allargamento uniforme bilaterale delle ghiandole salivari parotidei - un "sintomo di criceto";
  • muscoli delle spalle atrofizzati;
  • telangiectasia;
  • ginecomastia;
  • atrofia testicolare;
  • danno concomitante ad altri organi.
  • Analisi del sangue clinico (per la cirrosi alcolica è caratterizzata dalla rilevazione di macrocitosi).
  • Esame del sangue biochimico (Il livello di attività GGT aumenta nettamente, sullo sfondo della sindrome da astinenza - la sua forte diminuzione). È spesso possibile rilevare i disturbi elettrolitici: una diminuzione della concentrazione di Na, K, Mg, P.
  • Analisi delle urine;
  • coprogram;
  • Ultrasuoni degli organi addominali (lo specialista misurerà le dimensioni del fegato e della milza, determinerà la presenza di tessuto fibroso e la struttura del tessuto epatico);
  • Fegds (il suo scopo è determinare il grado di dilatazione dell'esofago e dello stomaco).
  • CT e RM;
  • Studio elastografico (consente di determinare il grado di fibrosi).
  • La biopsia epatica è necessaria per una diagnosi accurata.
  • Metodi di trattamento

    Il punto chiave nel trattamento della cirrosi tossica del fegato è un rifiuto completo dell'uso di qualsiasi bevanda alcolica. Se, in parallelo, il paziente ha una dipendenza da droga o nicotina, è anche necessario combatterli. Il paziente deve aderire alla dieta di Pevzner numero 5. Include pasti frequenti in piccole porzioni, evitando l'uso di cibi grassi, fritti, affumicati, piccanti, l'eliminazione dalla dieta di bevande dolci e gassate, condimenti.

    Dieta per malattie del fegato

    Nella maggior parte dei casi, la cirrosi viene trattata in regime ambulatoriale. Il ricovero in ospedale è necessario solo in alcuni casi:

    • biopsia diagnostica del fegato;
    • per correggere una violazione dell'omeostasi;
    • in caso di complicazioni.

    Trattamento di cirrosi attraverso l'uso di un complesso di farmaci. I più frequentemente utilizzati sono presentati nella tabella (Tabella 1).

    Tabella 1 - Farmaci usati nel trattamento della cirrosi alcolica

    Cirrosi epatica da alcol

    La cirrosi alcolica del fegato è una lesione cronica delle cellule epatocitarie dovuta alle proprietà tossiche dell'alcol. La malattia causa la morte di un tessuto organo funzionante e la sua sostituzione con cicatrici fibrose. Segni di cirrosi epatica negli alcolisti si verificano in concomitanza con compromissione della funzione di disintossicazione, la formazione di insufficienza epatica, ipertensione nel sistema venoso portale, sindrome epatorenale (che collega il danno renale).

    La metà di tutti i casi di cirrosi epatica è confermata dalla genesi alcolica della malattia. La maggior parte dei pazienti sono uomini di 40-60 anni. La prevalenza per 100 mila abitanti varia da 7 a 15 casi. La mortalità rimane alta.

    Incidenza in diversi paesi

    La frequenza della diffusione della cirrosi alcolica non ha caratteristiche nazionali, ma dipende dalla cultura del bere alcolici. I paesi del mondo sono divisi in livelli di consumo pro capite:

    • Il minimo è di 5 litri all'anno - una tale situazione si è sviluppata nel Sud-est asiatico, in India, in Cina, in Arabia Saudita, in Turchia, dai paesi europei il più "non potabile" è la Norvegia, qui la prevalenza della cirrosi dell'eziologia alcolica è molto bassa;
    • un basso livello di 10 litri all'anno è tipico per il Canada, i Paesi del Sud America, Svezia, Finlandia, Giappone, Italia, Australia, USA, rispettivamente, hanno una minore incidenza di cirrosi;
    • La Moldova, la Danimarca, la Francia, il Portogallo e la Groenlandia si distinguono per un elevato livello di consumo (15 l / anno) e la prevalenza è tra le cifre medie;
    • Il più alto livello di consumo di alcol (19 l / anno o più) per persona è mantenuto in Russia, Bielorussia, Ucraina, questi paesi hanno la più alta prevalenza di cirrosi epatica.

    motivi

    La ragione principale per lo sviluppo della cirrosi alcolica del fegato è una "esperienza" a lungo termine del consumo di bevande contenenti alcol, fino a 10-15 anni. Ciò che conta non è il tipo di bevande, ma il dosaggio in termini di alcol puro e la regolarità dell'assunzione. Per gli uomini, è 40-60 g / giorno, per le donne 20 g è sufficiente.

    L'ubriachezza conduce gradualmente alla distruzione degli epatociti del fegato. In primo luogo, la distrofia grassa si sviluppa, quindi l'epatite alcolica, come opzione estrema - necrosi cellulare e cirrosi. Con necrosi di oltre il 50-70% delle cellule epatiche con sostituzione del tessuto connettivo, si forma un'insufficienza epatica di natura irreversibile.

    Metabolismo dell'etanolo nel fegato

    I biochimici distinguono 3 stadi di interazione tra cellule epatocitarie e alcol (etanolo). Sono determinati dal coinvolgimento di alcuni enzimi epatici nel processo. Stabilito l'importanza cruciale dei geni nella formazione e attivazione degli enzimi proteici coinvolti nel metabolismo dell'alcol.

    • Stadio I - l'azione dell'alcol deidrogenasi inizia con il succo gastrico. Si trasforma in acetaldeide fino al 25% di etanolo. Le donne hanno una bassa attività di questo enzima a causa della mancanza di produzione nello stomaco, quindi sono più sensibili anche a piccole dosi di alcol.
    • Stadio II - l'etanolo entra nel flusso sanguigno al fegato e qui si trova con alcol deidrogenasi epatica, attivato dal coenzima nicotinamina dinucleotide (NAD +), acetaldeide e ridotto coenzima sono formati dalla reazione. Il lavoro dell'alcol deidrogenasi è controllato da tre geni, la loro attività porta a una maggiore o minore formazione di acetaldeide. Rivelato i processi più avanzati nel fegato nelle persone della razza mongoloide. Queste persone sono più sensibili all'alcol.
    • Stadio III - consiste nella trasformazione dell'acetaldeide in acido acetico sotto l'influenza del sistema ossidativo microsomiale del citoplasma delle cellule e dell'enzima catalasi. I microsomi sono complessi di enzimi ossidativi che non richiedono la partecipazione e l'energia di ATP. Riuniscono in peso fino al 20% delle cellule.

    Meccanismo di sviluppo

    Nei cambiamenti patogenetici del fegato, il rapporto tra coenzimi è importante. Causano un'aumentata sintesi di trigliceridi che riducono la degradazione degli acidi grassi.

    La tossicità dell'acetaldeide è in violazione della funzione delle membrane degli epatociti. Il complesso formato con tubulina proteica (ialina alcolica), che distrugge la struttura degli epatociti, interrompe il trasporto intracellulare di proteine ​​e molecole d'acqua. L'equilibrio delle reazioni biochimiche che assicurano il funzionamento delle cellule cambia.

    L'aumento della produzione di citochine contribuisce alla trasformazione in fibroblasti e all'ulteriore sintesi del collagene nel fegato. Questo processo è aiutato dall'aumentata produzione di angiotensinogeno II. Di grande importanza sono i disturbi immunitari. La forte crescita delle immunoglobuline sieriche provoca la formazione di anticorpi ai nuclei delle cellule epatiche, ialina alcolica e la loro deposizione nelle strutture epatiche. Citochine anti-infiammatorie prodotte da loro portano a anomalie in altri organi.

    I sintomi della cirrosi alcolica

    Tutte le manifestazioni della cirrosi alcolica possono essere suddivise in comuni e specifiche per la malattia del fegato. L'esordio della malattia è difficile da notare. Molto spesso, non ha sintomi per molto tempo. Il primo segno potrebbe essere l'identificazione di un fegato ingrossato, un margine denso e una superficie bitorzoluta all'appuntamento del medico.

    Le manifestazioni comuni (non specifiche) sono:

    • febbre bassa inaspettata;
    • lamentele di debolezza, aumento della fatica dal lavoro;
    • mancanza di appetito;
    • irritabilità;
    • sonno povero;
    • moderati problemi di memoria;
    • l'incapacità di mantenere l'attenzione a lungo termine nella conversazione;
    • dolore articolare volatile;
    • depressione.

    Nel 75% dei pazienti, il quadro clinico è chiamato "piccoli segni epatici". Questi includono:

    • telangiectasia (vene del ragno) sulla pelle;
    • arrossamento delle palme (eritema palmare).

    I sintomi specifici della crescita dell'insufficienza epatocellulare sono:

    • flatulenza;
    • nausea;
    • dolori sordi e pesantezza costante nell'ipocondrio destro;
    • periodi di vomito;
    • ittero della pelle, sclera, mucose;
    • fegato ingrandito seguito da una diminuzione;
    • aumento della deposizione di grasso sulle cosce e sull'addome inferiore;
    • la formazione di "bacchette" sulle dita;
    • urina scura;
    • feci scolorite.

    I segni di encefalopatia epatica includono:

    • violazione dell'orientamento nel tempo e nel luogo;
    • perdita di autocritica;
    • alternanza di eccitazione e sonnolenza;
    • nell'ultima fase - completa la demenza.

    I sintomi della cirrosi negli uomini possono essere:

    • atrofia testicolare;
    • mancanza di desiderio sessuale (libido);
    • crescita rara dei capelli sotto le braccia e pubica;
    • ingrandimento del seno (ginecomastia).

    Segni di ipertensione portale si sviluppano in violazione del deflusso venoso dal sistema di vasi della vena porta, la cui rete si estende fino all'intestino, parte dello stomaco e dell'esofago, pancreas. Questi includono:

    • ascite (un aumento dell'addome) dovuto all'accumulo di liquido nella cavità addominale;
    • "La testa di una medusa" - un'immagine divergente delle vene safene dilatate intorno all'ombelico;
    • vomito con una miscela di sangue scuro chiamato "fondi di caffè" quando sanguina dalle vene dello stomaco;
    • feci nere, sciolte - se l'emorragia è localizzata nell'intestino;
    • sangue fresco sopra le feci quando sanguina dalle vene emorroidali;
    • milza ingrossata.

    I sintomi di polineuropatia appaiono in connessione con l'intossicazione generale del corpo:

    • il dolore e la sensibilità tattile sono disturbati nelle braccia e nelle gambe, il paziente non sente la differenza tra oggetti caldi e freddi;
    • forza ridotta nei muscoli degli arti, ridotto raggio di movimento;
    • si verifica un'atrofia muscolare;
    • gocce per vista e udito.

    Da parte del sistema cardiovascolare, si aggiungono i segni di insufficienza circolatoria:

    • l'edema appare sugli arti inferiori;
    • il paziente è preoccupato per mancanza di respiro anche con un piccolo carico;
    • la pressione sanguigna scende;
    • aumenti della frequenza cardiaca (tachicardia);
    • possibili attacchi di fibrillazione atriale, frequenti extrasistoli;
    • dolori a volte lancinanti nella regione del cuore.

    Fasi della malattia

    Per la cirrosi alcolica viene applicata la classificazione in base al grado di danno epatico e vengono stabilite le seguenti fasi della malattia:

    1. Il risarcimento - i sintomi non compaiono, il fegato affronta le sue funzioni, è confermato solo con una biopsia.
    2. Sottocompensazione - i primi fenomeni di insufficienza epatica, con studi di laboratorio rivelano una violazione dei campioni di fegato.
    3. Scompenso - si verifica un'interruzione completa del lavoro con la sconfitta di altri organi.

    Come confermare la diagnosi?

    Nella diagnosi la cosa più difficile è escludere la cirrosi epatica non alcolica. Per l'eziologia alcolica, l'informazione dell'anamnesi (storia della malattia) parla di alcolismo prolungato e reazioni negative ai virus.

    Nei test di laboratorio sono cambiamenti patologici. In un esame del sangue clinico:

    • basso numero di globuli rossi, piastrine ed emoglobina;
    • significativa accelerazione della VES;
    • nessuna leucocitosi, ma un aumento della proporzione di reticolociti nella formula.
    • diminuzione in peso specifico;
    • cambiamento di reazione neutro o alcalino;
    • proteinuria;
    • aumento del numero di globuli bianchi, globuli rossi e cellule epiteliali.

    Le analisi del sangue biochimiche sono di grande importanza. Hanno notato:

    • una diminuzione delle proteine ​​totali, compresa la frazione di albumina;
    • ipoglicemia;
    • crescita di creatinina, urea.

    I disturbi da elettroliti sono presenti in tutti i pazienti:

    • ipokaliemia;
    • iponatriemia;
    • spostamento dell'equilibrio acido-base verso alcalosi nel 33% dei pazienti.

    Sono presi in considerazione specifici campioni di fegato che indicano una compromissione della funzionalità epatocitaria:

    • aumento della bilirubina totale dovuta a "diretto" 4 o più volte;
    • crescita significativa degli enzimi di alanina aminotransferasi, aspartato aminotransferasi, fosfatasi alcalina, lattato deidrogenasi;
    • crescita del test timolo biochimico.

    Come risultato della ricerca strumentale, si trova:

    • sull'ecografia del fegato - un cambiamento nella struttura del parenchima, la dimensione dell'organo, le aree di sclerosi, la presenza di piccoli noduli;
    • con computer e tomografia a risonanza magnetica, oltre alla struttura danneggiata, inclusioni grasse.

    Per identificare l'ipertensione portale, utilizzare metodi aggiuntivi:

    • fibrogastroduodenoscopia: consente di rilevare visivamente l'espansione delle vene dello stomaco e dell'esofago, di diagnosticare il grado di stagnazione e la presenza di sanguinamento;
    • sigmoidoscopia - un metodo di ispezione del retto e parte del colon, in cui il medico valuta la condizione delle vene.

    trattamento

    Il trattamento della cirrosi alcolica è impossibile senza che i pazienti rifiutino alcun tipo di alcol, correggendo la nutrizione e seguendo una dieta rigorosa. Il ritorno all'ubriachezza può causare una significativa progressione, un'ulteriore infiammazione (epatite) sullo sfondo della cirrosi esistente. Questo medico avverte ogni paziente prima di curare la malattia.

    Il paziente è severamente controindicato:

    • prodotti a base di carne grassa in forma fritta, affumicata e in scatola;
    • condimenti piccanti, salse, sottaceti;
    • funghi di qualsiasi preparazione;
    • l'uso di legumi;
    • caffè, tè forte, cacao;
    • dolci e cioccolatini;
    • torte del burro;
    • conservare i succhi con conservanti;
    • bevande gassate
    • zuppe di carne magra pollo, verdure, latticini;
    • porridge su acqua o latte diluito, in particolare farina d'avena, grano saraceno, riso, semola;
    • bollire carne, pesce, puoi spezzarti o cuocerli, ma non puoi friggerli;
    • ricotta a basso contenuto di grassi e kefir;
    • pane tostato bianco;
    • albume d'uovo;
    • composte di frutta e bacche, bevande alla frutta, brodo di rosa canina.

    Lo standard alimentare è determinato dal tavolo №5 di Pevzner.

    Trattamento farmacologico

    L'uso di droghe nel trattamento della cirrosi alcolica non dovrebbe essere accompagnato da un carico aggiuntivo sul fegato. Per alleviare l'intossicazione prescritta:

    • gocciolamento endovenoso (glucosio, soluzione della soneria), Reosorbilact;
    • all'interno - enterosorbenti (Enterosgel o Polysorb).

    Per sopprimere la degradazione degli epatociti e dei meccanismi immunitari, vengono utilizzati glucocorticosteroidi (desametasone, metilprednisone), a seconda delle condizioni del paziente, all'interno o per via endovenosa. I preparati del gruppo di epatoprotettori (Ursosan, Essentiale, Ursofalk) hanno dimostrato di proteggere e ripristinare parte della composizione cellulare che non ha ancora subito fibrosi.

    Gli enzimi pancreatici (Creonte, Panzinorm) aiutano a sostenere il processo digestivo. Per ridurre la pressione in una vena porta, usare Anaprilin, Nitrosorbid. Con edema ed ascite significativi, il paziente ha bisogno di diuretici. Furosemide, Veroshpiron, Trifas sono utilizzati secondo uno schema individuale.

    Al fine di sostituire la prescritta:

    • Vitamine del gruppo B;
    • Stimol;
    • La soluzione di albumina, l'eritrocita e la massa piastrinica vengono somministrate per via endovenosa mediante flebo endovenoso.

    L'uso di metodi chirurgici

    Il trattamento chirurgico è quello di combattere le complicazioni:

    1. Nel sanguinamento esofageo viene inserito un tubo di gomma con un bracciale gonfiato (sonda Blackmore). Viene pompato con l'aria, di conseguenza, le vene vengono premute contro le pareti. Attraverso il centro vuoto del paziente può essere alimentato.
    2. Per ridurre l'intensità delle ascite, il liquido viene rimosso dal metodo di paracentesi (puntura della parete addominale).
    3. Se c'è sanguinamento dalle vene emorroidali, la sutura viene eseguita da un proctologo.

    I metodi di trattamento non guariscono completamente il paziente, ma prolungano e migliorano la qualità della vita. L'unico modo per sbarazzarsi della cirrosi è il trapianto di fegato, ma quando è alcolizzato non viene eseguito.

    prospettiva

    Epatologi e gastroenterologi ritengono che la prognosi per la cirrosi alcolica sia più favorevole rispetto ad altri, se rilevata nelle prime due fasi e con completo abbandono dell'alcool.

    In uno stato compensato, il paziente vive per almeno sette anni sullo sfondo della corretta dieta e trattamento. Ma, se la patologia viene rivelata nella fase di scompenso, solo l'11 al 41% dei pazienti supera la barriera di sopravvivenza a tre anni. L'adesione all'encefalopatia riduce la vita di una persona a un anno.

    La cirrosi alcolica del fegato è una malattia che il paziente stesso "tiene tra le mani". Tendenza all'alcolismo e all'alimentazione anormale - problemi che sono completamente risolti nella società. I medici sono molto dispiaciuti quando il paziente inizia a capire questo molto tardi.

    Sintomi e trattamento della cirrosi alcolica

    La dipendenza dalle bevande alcoliche distrugge non solo la mente del bevitore, ma anche il suo corpo. I medici sostengono che tutti gli organi interni della persona, e in particolare il fegato, soffrono di alcol etilico, perché agisce come barriera protettiva e un tipo di filtro. L'alcolismo a lungo termine negli uomini può portare allo sviluppo di epatite, causare sintomi di degenerazione grassa e provocare cirrosi alcolica del fegato.

    Cos'è la cirrosi alcolica del fegato

    Questa è una necrosi di etanolo di massa del parenchima del corpo, che si sviluppa sullo sfondo dell'uso regolare e a lungo termine delle bevande alcoliche. L'eziologia di questa malattia è caratterizzata dalla morte di epatociti - normali cellule epatiche sane, che li sostituiscono con tessuti fibrosi per formare cicatrici. Come risultato di tali processi, il corpo cessa di far fronte ai compiti ad esso assegnati.

    motivi

    C'è cirrosi epatica da alcol. Per quanto riguarda le statistiche, la malattia non si sviluppa in ogni alcolizzato, ma solo nel 10-30% dei forti bevitori. A causa del frequente uso di alcol, il corpo inizia a produrre meno enzimi specifici. Nel tempo, il parenchima epatico diventa più sottile e le sue pareti sono ricoperte di tessuto adiposo, che porta allo sviluppo dell'epatosi grassa. Nelle fasi finali, le tossine provocano una morte massiccia di epatociti, e al loro posto aumentano i tessuti connettivi, a cui il corpo risponde con un completo fallimento.

    Cambiamenti irreversibili portano alla disabilità e senza il trattamento necessario per una morte rapida. Tuttavia, la cirrosi alcolica del fegato può svilupparsi lontano da ogni bevitore. Si presume convenzionalmente che il rischio di encefalopatia epatica ed epatite aumenta solo con l'uso quotidiano di 80 grammi di alcol da parte degli uomini e 40 grammi di alcol da parte delle donne per più di 5 anni:

    • 80 grammi di alcol sono 2 litri di birra, 800 ml di vino o 210 ml di vodka;
    • 40 grammi di alcol sono 1 litro di birra, 400 ml di vino, 100 ml di vodka.

    diagnostica

    La diagnosi e il trattamento di follow-up sono eseguiti da chirurghi e gastroenterologi. Di norma, la bilirubina è il principale marker che indica anomalie nel lavoro di molti organi interni, ad esempio la milza. Per identificarlo, viene eseguita un'analisi biochimica di sangue, feci e urina. L'eccesso di valori normali di bilirubina mostra il grado e lo stadio della cirrosi alcolica del fegato.

    Per quanto riguarda la diagnostica strumentale, qui vengono utilizzate tecniche ad alta informazione, tra cui:

    • Ultrasuoni degli organi addominali - aiuta a determinare la struttura del parenchima, la dimensione degli organi, per trovare le formazioni fibrose.
    • TC e RM - fornisce un quadro completo della struttura degli organi interni.
    • ERCP: aiuta a determinare lo stato delle navi.
    • Elastografia: aiuta a identificare il grado di proliferazione del tessuto connettivo.
    • Biopsia epatica: coinvolge la raccolta di materiale biologico per ulteriori ricerche dettagliate al microscopio. I campioni di biopsia spesso rivelano necrosi da epatociti, ialina alcolica e infiltrazione neutrofila.

    Forme e stadi

    La cirrosi alcolica o tossica del fegato è suddivisa in tre forme principali: grande nodo, piccolo-aelkine e misto. Nel caso di una lesione di piccolo sito o micronodulare, cicatrici con un diametro inferiore a 3 millimetri compaiono nei tessuti. Il nodulo grande o la forma macronodulare è caratterizzato dalla formazione di noduli fino a 5 cm di diametro, con ogni cicatrice può differire di dimensioni dall'altro. Classificano la malattia in accordo con lo sviluppo dei disturbi funzionali e ogni fase riflette fino a che punto il processo è andato.

    Cirrosi compensata

    Questo stadio della malattia è molto difficile da diagnosticare in una fase precoce e la diagnosi viene solitamente fatta solo dopo una biopsia. La ragione di tale diagnosi è un esame visivo da parte di un medico - sulla palpazione dell'organo, il suo notevole aumento di dimensioni è notevole. I restanti sintomi della cirrosi alcolica possono essere completamente assenti.

    Cirrosi subcompensata

    Nella fase intermedia compaiono tutti i sintomi dell'insufficienza epatica: un aumento significativo del fegato, la comparsa di dolore allo stomaco, una sensazione di bruciore, ittero della pelle e degli occhi. Insieme a questi segni, possono apparire altri, come: perdita di appetito, affaticamento, perdita di peso con nutrizione normale. Le menomazioni funzionali sono facilmente confermate durante gli studi di laboratorio.

    Cirrosi scompensata

    Diagnosticato con disfunzione completa, quando il corpo non è pienamente responsabile di tutte le responsabilità. La sconfitta della cirrosi scompensata copre l'intero corpo. I segni caratteristici sono: arrossamento dei palmi del paziente, comparsa di vene varicose sul corpo, sanguinamento dalle mucose e talvolta lividi sulla pelle della persona colpita.

    Segni di cirrosi negli alcolizzati

    A causa dei disturbi metabolici in rapido sviluppo negli ultimi stadi, sono chiaramente visibili segni di carenza proteica acuta e di carenze vitaminiche. I sintomi della cirrosi negli uomini alcolisti sono completati da una violazione nella sfera ormonale: atrofia testicolare, impotenza, ginecomastia. Le donne che soffrono di alcolismo, spesso diventano sterili, aumentano il rischio di aborti spontanei.

    Primi segni

    Le violazioni della struttura sono caratterizzate dall'apparizione quasi istantanea dei sintomi dell'ipertensione: dolore addominale, distensione addominale, brontolio dell'intestino, nausea, ascite. Altri segni precoci di cirrosi da alcol sono sintomi di dispepsia:

    • violazione della sedia;
    • recesso;
    • la comparsa della nausea mattutina;
    • pesantezza nell'ipocondrio destro;
    • eruttazione;
    • addome allargato;
    • diminuzione dell'appetito;
    • flatulenza.

    La gravità dei sintomi dipende dalla gravità del danno epatico tossico causato dai prodotti di decomposizione dell'alcol etilico. Spesso sullo sfondo degli effetti dell'alcol si sviluppano gastrite, pancreatite, malfunzionamento della milza e del pancreas. Se visto da un medico, c'è un aumento delle dimensioni del fegato, il suo sigillo. Le analisi del sangue biochimiche mostrano un aumento della bilirubina e una diminuzione della norma proteica.

    Segni esterni

    È molto semplice identificare una persona ubriaca - ha un colore della pelle malsano, mani tremanti, coordinazione dei movimenti, discorso incoerente, una camminata incerta, è disturbato. Tuttavia, è impossibile associare questi sintomi all'epatite alcolica. I segni esterni di cirrosi epatica appaiono in qualche modo in modo diverso:

    • la pelle del viso diventa flaccida, borse e cianosi appaiono sotto gli occhi;
    • le contusioni sono visibili sul corpo, possono comparire delle maglie venose;
    • viso, braccia, gambe, gonfiore
    • le dita sono contorte;
    • i linfonodi parotidei sono ingranditi.

    Manifestazioni di insufficienza epatica

    I segni caratteristici di menomazione funzionale sono la comparsa di ittero, sindrome emorragica, ascite e febbre. I segni di laboratorio sono un forte aumento dell'albumina, a causa della quale si verifica una diminuzione delle proteine. Il rischio di morte quando tali segni appaiono è molto alto. Di regola, sullo sfondo della cirrosi alcolica in questi pazienti, c'è un forte sanguinamento dell'esofago e del coma.

    Ipertensione portale

    L'intossicazione alcolica sistematica del corpo porta alla fibrosi epatica e, di conseguenza, all'esclusione di questo organo dalla circolazione sanguigna generale. Nell'epatite cronica, possono esserci altri segni di sindrome da ipertensione portale, ad esempio:

    • deterioramento della coagulazione del sangue;
    • livelli anormali delle piastrine, dei globuli bianchi e dei globuli rossi;
    • splenomegalia;
    • accumulo di liquidi in eccesso nello spazio peritoneale;
    • sanguinamento nel tessuto epatico;
    • l'anemia;
    • vene varicose del tubo digerente.

    Manifestazioni di polineuropatia

    Le violazioni del sistema nervoso periferico nella cirrosi alcolica sono indicate da deperimento muscolare, perdita di tono e volume muscolare, perdita dell'udito e dell'acuità visiva e limitazione della sensibilità. A volte le manifestazioni cliniche nel corso della malattia possono cambiare o essere integrate da altri segni, ad esempio:

    • dolore lancinante agli arti, spasmi muscolari del polpaccio;
    • debolezza alle gambe;
    • parestesia;
    • cambiamento nel colore della pelle;
    • squilibrio e coordinazione nello spazio;
    • minzione frequente;
    • fluttuazione della pressione sanguigna.

    Manifestazioni di insufficienza cardiovascolare

    Quando il ristagno del fegato o il suo parziale fallimento è caratterizzato da dolore nel giusto ipocondrio. Nella fase centrale della cirrosi, potrebbe esserci un moderato aumento della bilirubina indiretta negli esami del sangue, un leggero aumento nel livello di aminotransferasi e altri enzimi, come nell'epatite virale acuta. L'insufficienza cardiovascolare può manifestarsi come una diminuzione del volume minuto del cuore, una brusca diminuzione della pressione sanguigna, trombosi, mancanza di respiro durante l'esercizio fisico, tachicardia instabile.

    Trattamento della cirrosi alcolica

    Sebbene la medicina moderna abbia fatto molta strada, non è in grado di curare completamente la cirrosi. L'unica opzione è un trapianto di fegato da un donatore sano, ma la procedura stessa è costosa e complicata. Lo sviluppo della patologia, rilevato in una fase iniziale, con una terapia appropriata può essere sospeso. Per fare questo, al paziente vengono prescritti farmaci per curare le complicanze e una dieta appropriata.

    medicazione

    Un prerequisito per il trattamento è un rifiuto categorico dell'alcol. Tuttavia, la terapia non finisce qui. Al paziente vengono prescritti farmaci nei seguenti gruppi:

    • Epatoprotettori: aiutano a sopravvivere nelle cellule sane. Si tratta di medicinali a base di origine vegetale o sintetica: Kars, Essentiale, Allohol.
    • Ademethionans - contribuiscono alla degenerazione degli epatociti. Il rimedio più popolare è Heptral®.
    • Vitamine del gruppo B, C, PP, D.
    • Glucocorticoidi: rimuovono i segni di infiammazione, prevengono la formazione di tessuto cicatriziale (Urbazole, Prednisolone).
    • Gli inibitori dell'enzima dell'angiotensina e le proteasi dei tessuti prevengono la diffusione del tessuto fibroso.

    chirurgia

    Un trapianto d'organo da un donatore è l'unico trattamento radicale. Il trapianto dura circa 8 ore e consiste nella rimozione completa dell'organo danneggiato e nella sua sostituzione con un fegato sano da una persona deceduta. A volte dal donatore prende solo una parte del corpo. Le indicazioni per il trapianto di fegato sono: una diminuzione dell'albumina al di sotto della norma, lo sviluppo di ascite, che non è suscettibile di trattamento conservativo, sanguinamento interno, un aumento attivo del tempo di protrombina. L'operazione dovrà essere abbandonata se:

    • ci sono pesanti patologie del cuore;
    • funzione polmonare compromessa;
    • ci sono tumori maligni con metastasi;
    • cervello affetto.

    Trattamento popolare

    Il trattamento domiciliare viene scelto come metodo di terapia di mantenimento e non porta alla completa liberazione dalla cirrosi. L'elenco delle ricette popolari è ampio. Per mantenere il corpo durante il trattamento farmacologico, i guaritori consigliano di bere tè alle erbe da cardo mariano, decotti di curcuma, tinture di elecampane e dente di leone. Se il trattamento principale non contraddice l'uso di erbe medicinali, puoi provare a preparare la seguente collezione:

    1. Mescolare le foglie di ortica schiacciate con bacche di rosa selvatica e radice di grano saraceno in rapporti di 10-20-20 grammi.
    2. Cucchiaio della raccolta risultante versare un bicchiere di acqua bollente.
    3. Far bollire per 15 minuti, quindi lasciare fermentare per altri 10-15 minuti.
    4. Filtrare il brodo. Per rigenerare il fegato, prendi un drink in un bicchiere la mattina e prima di andare a dormire.

    dieta

    Mangiare dovrà essere cinque volte al giorno, mentre i piatti saranno meglio portati allo stato di purea. Non è consentito categoricamente consumare carne o brodo di pesce, cibo in scatola, latticini con alto contenuto di grassi, salsicce, formaggi, uova e legumi. Non è consigliabile includere nei prodotti dietetici che contribuiranno allo sviluppo del succo gastrico e della bile:

    Quanti alcolizzati vivono con la cirrosi epatica

    È difficile prevedere per quanto tempo una persona vivrà con una tale malattia, perché molto dipende dalle condizioni del paziente, dallo stadio di sviluppo della malattia e da altre malattie associate. Se la cirrosi è stata rilevata in una fase precoce, la prognosi è più favorevole. Con un adeguato trattamento e terapia di mantenimento, la sopravvivenza di questi pazienti è molto alta e l'aspettativa di vita varia da 5 a 10 anni. Se la distrofia epatica completa si è sviluppata, la possibilità di morire nei primi 1-3 anni è grande.

    video

    Le informazioni presentate nell'articolo sono solo a scopo informativo. I materiali dell'articolo non richiedono auto-trattamento. Solo un medico qualificato può diagnosticare e consigliare il trattamento in base alle caratteristiche individuali di un particolare paziente.

    Top