Categoria

Messaggi Popolari

1 Steatosi
Cosa fare se un bambino ha un ingrossamento del fegato?
2 Prodotti
Che cos'è l'epatite reattiva
3 Ricette
Quale medico controlla il fegato: chi contattare per una diagnosi accurata
Principale // Itterizia

Epatite attiva cronica: che cos'è?


L'epatite cronica attiva è una malattia virale che influisce negativamente sul funzionamento del fegato. Il termine è stato introdotto per la prima volta alla fine del ventesimo secolo.

Ogni anno il numero di persone che soffrono di questa malattia è solo in aumento, e ci sono casi letali. Questa forma della malattia richiede un trattamento immediato.

Classificazione istologica, meccanismo di generazione e sviluppo dell'epatite cronica

L'epatite cronica attiva si presenta spesso in due forme:

  • virale cronico attivo;
  • cronico autoimmune.

Secondo dati medici, l'epatite virale attiva cronica si verifica più spesso nei bambini, nei giovani, nelle donne e nelle donne incinte (la maggior parte delle volte la gravidanza è normale, ma c'è un rischio piuttosto elevato di contrarre il bambino).

Considerando l'incidenza dell'epatite, si può notare che questa forma della malattia è presente nel 29% dei casi registrati.

L'epatite virale è di due tipi: D e C.

Descrizione dell'epatite virale D

Questo tipo di malattia si distingue per le seguenti caratteristiche:

  1. Lo sviluppo della malattia si verifica a seguito dell'esposizione al virus del virus dell'epatite.
  2. Manifestazione: c'è un decorso complesso della malattia con chiari segnali di danno alle cellule del fegato (perdita di forza, sonnolenza costante, emofilia). La maggior parte dei pazienti mostra l'ingiallimento della loro pelle e scabbia. Con l'ulteriore decorso della malattia, si nota una precoce formazione di cirrosi epatica, epatomegalia, disforia edematoso-ascitica.
  3. Ricerca medica: in presenza della malattia, è presente disproteinemia, il tasso di sedimentazione degli eritrociti è più alto del normale, vi è un eccesso di dieci volte la quantità di bilirubina e ALT (alanina aminotransferasi). Marcatori virali - HDV RNA (virus dell'epatite delta) e anti-marcatori - IgM classe HDV; marcatori di integrazione - HBsAg e anti-HBe.

Forma attiva dell'epatite C - che cos'è

Per il tipo di malattia presentato, i seguenti fattori sono caratteristici:

  1. Ricerca medica: la malattia è caratterizzata dallo sviluppo di disforia della fatica e dell'epatomegalia. Il flusso è irregolare, prolungato, c'è un aumento nel livello di ALT. Nei primi 10 anni di malattia, l'atrofia del fegato si verifica nel 45% dei pazienti.
  2. Metodi di trattamento: per completare il recupero è necessario seguire una dieta. Nella fase acuta della malattia è prescritto il riposo a letto (previene il sanguinamento nel fegato), l'uso di glucosio, preparati vitaminici, epatoprotettori e lattosio. In questo caso, è vietato un trapianto di fegato.

Non includendo i suddetti tipi di malattie, notano anche la presenza di tali tipi di epatite come reattiva autoimmune, alcolica e cronica.

La presenza di anticorpi e autoanticorpi contro il virus è caratteristica di questo tipo di malattia.

Ci sono due decadi della malattia:

  • manifestato da una giovane età, procede in forma grave;
  • si verifica nel gruppo di età più avanzata, procede in una forma lieve.

Molto spesso, questa malattia si manifesta nelle donne (dai 10 ai 30 anni e dopo 50 anni) che negli uomini. Secondo le statistiche dell'ICD (Classificazione internazionale delle malattie), il rapporto tra l'incidenza di questo virus nelle donne e negli uomini è 16: 2.

L'esordio del decorso di questa malattia è caratterizzato da un aumento dell'affaticamento, deterioramento della condizione generale, dolore nel giusto ipocondrio. Nel 40% dei pazienti, la malattia si fa sentire ittero e alta energia.

Nel 50% dei pazienti con questo tipo di virus sono presenti le seguenti manifestazioni: patologie della tiroide, infiammazione delle articolazioni, malattie dermatologiche, infiammazione della mucosa dell'intestino crasso, diabete mellito, lichen planus, perdita di capelli.

Epatite alimentare o alcolica

Con il nome stesso della malattia diventa chiaro focus.

Epatite alimentare - che cos'è? Questa è una malattia del fegato che si forma a seguito dell'introduzione di elementi tossici e chimici nel corpo umano.

L'epatite alimentare è:

La malattia può essere complicata prendendo regolarmente una certa dose di alcol (per le donne - 100 grammi di vodka, per gli uomini - 200 grammi di vodka).

Epatite cronica reattiva

La presenza di tale infezione è una doppia minaccia per il tessuto epatico.

Il focus della malattia sono le seguenti malattie:

  • un'ulcera;
  • infiammazione del pancreas;
  • infiammazione della cistifellea;
  • infiammazione della mucosa del colon;
  • malattie sistemiche del tessuto connettivo;
  • sviluppo di patologie nel campo delle ghiandole endocrine;
  • più di 50 malattie infettive;
  • tumori di diversa natura.

Sfortunatamente, questo tipo di malattia non ha sintomi caratteristici e potrebbe non manifestarsi per molto tempo. Per determinare la presenza della malattia può essere durante un esame ecografico degli organi interni da un marcato aumento del fegato.

Forme e fattori della malattia

L'epatite cronica attiva è una malattia potenzialmente letale, pertanto, al fine di prevenire tali effetti deplorevoli come la cirrosi epatica, è necessario prima familiarizzare con le forme della malattia e con i fattori che ne provocano lo sviluppo.

Si distinguono tre forme di epatite cronica attiva:

  1. La forma minima è una forma lieve della malattia, che è limitata allo sviluppo nel corpo del processo infiammatorio.
  2. L'epatite cronica attiva è una forma caratterizzata da una vivida sintomatologia dell'epatite, l'effetto sul fegato si manifesta con necrosi e fibrosi.
  3. Forma lobulare Caratterizzato dallo sviluppo del processo infiammatorio nel fegato, che in assenza di un trattamento adeguato sfocia in necrosi.

A sua volta, le seguenti possono essere le cause dell'epatite cronica attiva:

  • più malattie infettive;
  • infezioni causate da collagene;
  • la transizione della forma acuta di epatite a cronica;
  • eccesso di cibo e cattiva alimentazione;
  • influenza delle varietà epatotropiche di veleni e preparati medici.

Sintomi e caratteristiche del trattamento

Al fine di non provocare la formazione di epatite attiva, è necessario eseguire il trattamento in una fase precoce del suo corso. Ma c'è un grande "ma". Diagnosticare una malattia nella fase iniziale è impossibile, perché la malattia stessa non si manifesta affatto. Nelle prime fasi, questa malattia è ancora inattiva.

Un sintomo comune della malattia presentata è lo stato generale di lentezza del corpo, debolezza. Con la malattia in una donna matura, il desiderio sessuale per il sesso opposto diminuisce, si osserva lo sviluppo di stelle dai vasi e si ha un aumento del flusso sanguigno. L'epatite C ha una temperatura elevata.

Ma il sintomo più ovvio di avere l'epatite è un ingrossamento del fegato. Ci sono stati casi in cui il decorso asintomatico della malattia non è passato allo stadio attivo e la malattia è passata senza trattamento, ma per questo è necessario avere un forte sistema immunitario.

Sintomi di epatite cronica:

  • l'impotenza;
  • stanchezza;
  • insonnia;
  • mobilità emotiva e psicologica;
  • l'organo interessato ha una dimensione maggiore.

Inoltre, la malattia provoca perdita di capelli sul pube e le ascelle, negli uomini c'è un aumento della ghiandola mammaria, un aumento della milza, la presenza di febbre, marcate lesioni vascolari.

Inoltre, i pazienti possono notare l'oscuramento delle urine (in apparenza è identico alla birra o al tè), e la massa fecale, al contrario, si illumina (diventa color crema), la pelle diventa marrone.

Ogni persona ha la malattia in modi diversi, quindi dovresti cercare aiuto da un medico fino a quando non ci sono complicazioni, soprattutto per quanto riguarda il decorso della malattia in un bambino.

Per determinare con precisione le condizioni del paziente, il medico prescrive a un paziente di superare i test e conduce un esame meccanico del fegato. In presenza di una forma cronica di epatite, vengono analizzati gli indicatori della bilirubina (sono elevati), le transaminasi superano la norma quasi 10 volte.

In un momento in cui la ricerca medica viene condotta sullo sviluppo dell'epatite, vi è un aumento della gamma globulina (quasi 2 volte).

La malattia progressiva richiede riposo a letto e una dieta (tabella numero 5). Inoltre, è obbligatorio assumere farmaci che siano fatti sulla base dell'interferone. Diversi farmaci sono prescritti per ogni tipo di malattia. Per l'epatite B - Intron A o Reaferon. Una dose del farmaco contiene 5 milioni di UI (unità internazionali). Il trattamento viene effettuato per almeno 6 mesi.

Con l'epatite C, il trattamento sarà efficace se si assumono farmaci come:

Va ricordato che le misure preventive aiuteranno a proteggere la vostra salute, in particolare il fegato. In presenza del minimo danno al fegato, è necessario garantire la pace del paziente. Ciò ridurrà il tasso di sviluppo della malattia.

Tutti dovrebbero assumere vitamine per mantenere la salute del corpo. Per la tua sicurezza nelle istituzioni mediche, controlla la gestione degli strumenti.

Coloro che usano droghe sono in grave pericolo, perché questa malattia può essere trasmessa attraverso l'uso di una singola siringa.

Epatite cronica

Lascia un commento 472

Il processo infiammatorio distruttivo nel fegato, che si verifica senza miglioramento per più di 6 mesi, è chiamato epatite cronica. Questo concetto combina malattie epatiche di diversa origine, che possono essere il risultato di un danno epatico primario, una parte integrante della malattia di base, una reazione all'intossicazione o alla patologia dei singoli organi.

Tipi di epatite cronica

La classificazione dell'epatite cronica viene effettuata secondo diversi criteri: il grado di attività, il grado di fibrosi e l'eziologia.

Il grado di attività è suddiviso nelle seguenti forme:

  • forma cronica con un grado minimo di attività;
  • forma moderata con attività moderata;
  • epatite attiva grave

Secondo il grado di fibrosi (proliferazione del tessuto connettivo e la comparsa di cicatrici) differisce come segue:

  • la fibrosi è assente;
  • debole;
  • media;
  • pesante;
  • cirrosi.
Torna al sommario

Eziologia della malattia

Secondo l'ICD 10, a ciascun tipo di malattia viene assegnato il proprio codice. Molto spesso, la malattia ha un'origine infettiva e i virus diventano le cause dello sviluppo. A seconda di questa malattia è divisa in tipi:

  • Epatite A. È possibile contrarre l'infezione mangiando cibo o acqua contaminati dalle feci da una persona infetta, vale a dire il metodo alimentare (o fecale-fecale) di ingestione.
  • Epatite B e C. Vie di trasmissione - contatto con fluidi corporei infetti (sangue, secrezioni dai genitali), uso di droghe per via iniettiva, contatto sessuale con un partner infetto, condivisione dei rasoi. Il virus dell'epatite C è la più comune infezione virale trasmissibile al sangue.
  • Epatite D. La forma rara, l'infezione si verifica per contatto diretto con sangue infetto, non si sviluppa senza la presenza dell'epatite B.

Cause di epatite cronica eziologia non virale:

  • l'alcolismo;
  • disturbi autoimmuni;
  • farmaci a lungo termine: antibiotici, ormoni steroidei, citostatici, ecc.);
  • prodotti chimici epatotossici;
  • forme genetiche della malattia.
Torna al sommario

Patogenesi, decorso della malattia e dei sintomi

La patogenesi della malattia è associata a danni al tessuto e alle cellule del fegato dovuti a origine virale o non virale e alla risposta immunitaria - la produzione di anticorpi ai propri tessuti, con conseguente infiammazione del tessuto epatico, che passa nella fase attiva, e la malattia cronica si sviluppa a causa della sua negligenza o trattamento breve. In alcuni la malattia progredisce gradualmente, senza segni, in altri i sintomi dell'epatite cronica compaiono quando si verifica un'esacerbazione.

Il virus dell'epatite può progredire in alcuni pazienti gradualmente senza segni.

Le principali lamentele sono indisposizione, scarso appetito, affaticamento, bassa temperatura. La forma autoimmune della malattia ha altri sintomi che possono essere associati a qualsiasi sistema di organi, ad esempio, la cessazione del ciclo mestruale nelle giovani donne, dolori articolari, acne, anemia, problemi renali, tiroide, ecc. Se l'epatite è passata in una fase grave, quindi appariranno sintomi più evidenti:

  • ittero;
  • feci chiare;
  • riduzione del peso;
  • miastenia grave;
  • urina scura;
  • gonfiore;
  • lividi e sanguinamento spontaneo;
  • confusione nella mente.
Torna al sommario

Funzionalità nei bambini

L'epatite cronica causa mortalità infantile o disabilità in forme progressive gravi. I sintomi iniziali rendono impossibile identificare immediatamente la malattia, perché la diagnosi di epatite cronica nei bambini viene effettuata mediante un esame immunologico e biochimico con uno studio morfologico del tessuto epatico. I bambini hanno due opzioni per la malattia:

  1. attivo cronico;
  2. epatite portale cronica (persistente);

La seconda opzione di solito ha un esito positivo, perché la malattia non progredisce. Cibo o bevande di bassa qualità, bagni negli stagni inquinati, giochi nei campi da gioco, malattie ereditarie come la malattia di Wilson-Konovalov o carenza di alfa-antitripsina in un bambino o adolescente, sono spesso una causa comune di malattia nei bambini o nei bambini. il bambino, la futura gestante dovrebbe sottoporsi a un esame approfondito per eliminare tutti i fattori di rischio.

diagnostica

Il decorso dell'epatite cronica può verificarsi in due fasi che possono fluire l'una nell'altra: la fase attiva (aggressiva) e la fase inattiva dell'epatite (persistente). La formulazione della diagnosi viene effettuata sulla base di un quadro clinico, visivo e di laboratorio. Se un paziente prende qualche farmaco, è obbligato a informare il medico su di esso al fine di determinare se i farmaci possono essere responsabili della malattia. Se si sospetta una malattia, il medico esaminerà il paziente per identificare il giallo, la sensibilità addominale, i segni di liquido che riempie l'addome durante l'insufficienza epatica e fare riferimento a un esame del sangue per ottenere i dati necessari:

  • sugli enzimi epatici rilasciati durante l'infiammazione o il danno;
  • sugli enzimi del dotto biliare;
  • circa il livello di bilirubina;
  • la quantità di proteine ​​e il grado di coagulazione del sangue per valutare la salute del fegato.

Se i test hanno mostrato infiammazione del fegato o insufficienza epatica, è necessario superare i test per diagnosticare l'epatite B e C o l'epatite autoimmune. Se la causa sottostante non è chiarita, fare riferimento a un'ecografia oa una TAC per valutare le dimensioni del fegato o una biopsia per determinare:

  • la causa della malattia;
  • il grado di infiammazione del fegato;
  • numero di cicatrici;
  • danno alcolico o fegato grasso.
Torna al sommario

Trattamento della malattia

I principi del trattamento dell'epatite cronica sono la dieta più la terapia farmacologica, quindi la prima raccomandazione di un medico è l'aderenza alla dieta più severa (di solito la tabella n. 5), che è necessaria per aderire a un lungo periodo di tempo fino al completo recupero. Una corretta alimentazione allevia lo stress eccessivo sul fegato e aiuta ad evitare complicazioni. Si raccomanda di limitare il consumo di cibi grassi, aggiungere cibi ricchi di proteine ​​e carboidrati, eliminare completamente l'alcol. Il trattamento farmacologico dell'epatite cronica si svolge come segue:

  • farmaci antivirali (interferoni) sono prescritti;
  • farmaci citotossici, glucocorticosteroidi, ecc.;
  • con immunomodulante - il nucleinato di sodio, la D-penicillamina, vengono prescritti i preparati di timo;
  • con coenzima - multivitaminici, vitamina E, coenzima di vitamina B1 e B6, acido lipoico, Essentiale, ecc.;
  • con disintossicazione - contagocce con soluzione di glucosio al 5%, emodico, soluzione di cloruro di sodio isotonico, ecc.
Torna al sommario

complicazioni

Quando un paziente trascura il trattamento e viola la dieta, il corpo si indebolisce così tanto da non essere in grado di affrontare problemi, quindi sorgono gravi complicazioni e quindi conseguenze irreversibili.

Le complicazioni più probabili sono discusse nella tabella:

Epatite A: cos'è e come viene trasmessa

Praticamente ogni persona ha familiarità con l'epatite A (malattia di Botkin). La carta ambulatoriale ambulatoriale è etichettata con simboli speciali, e quindi per molti anni una persona viene riesaminata per la presenza di un virus nel corpo. Sebbene quest'ultimo non sia necessario, dopo che l'infezione è stata trasferita, le persone con un corso cronico no. Tuttavia, è necessario conoscere la malattia a causa di alcune caratteristiche del corso.

Epatite A: cos'è e come viene trasmessa? Qual è la differenza tra questo tipo di danno epatico virale? Cosa hai bisogno di sapere sulla malattia e sul suo trattamento?

Cos'è l'epatite A

Gli scienziati hanno calcolato che tra tutti i casi di danno epatico da virus, l'epatite A è di circa il 40%. Quasi ogni secondo caso! L'infezione non rientra nella categoria di particolarmente pericoloso, procede in modo relativamente favorevole e quasi sempre finisce in completo recupero.

Cosa è pericoloso per l'epatite A?

  1. La malattia non si manifesta per molto tempo, a volte in 4-6 settimane appariranno solo i primi segni.
  2. Una persona infetta gli altri intorno agli ultimi giorni del periodo di incubazione, quando anche il paziente stesso non sa della malattia. Durante questo periodo, puoi riuscire a contagiare centinaia di persone.
  3. L'agente eziologico dell'epatite A è un virus che è stabile nell'ambiente, su superfici a una temperatura di soli 4 ° C, persiste per diversi anni.
  4. Il microrganismo tollera l'esposizione a radiazioni ultraviolette, detergenti, formalina.
  5. Solo la bollitura uccide il virus per 5 minuti.
  6. Colpisce tutti i bambini e gli adulti, la suscettibilità generale al virus.
  7. Un gran numero di forme nascoste o anicteri della malattia.

Allora, qual è questa malattia - l'epatite A? Questa è un'infezione del fegato causata da un virus di tipo A. Una caratteristica di trasmissione, un'alta suscettibilità della popolazione e molte forme insolite della malattia sono caratteristiche di questo. Anche i migliori metodi moderni di prevenzione non salveranno le persone da questa infezione. L'epatite A circola in tutto il mondo e a intervalli regolari colpisce la popolazione. Pertanto, è necessario ricordarlo.

Cause del virus dell'epatite A

In natura, il virus si trova solo tra gli umani. Viene trasmesso da persona a persona, gli animali non sono infetti e non li infettano. Questa è una severa infezione antroponotica (circolante solo tra le persone).

I modi di contrarre l'epatite virale A sono i seguenti.

  1. Contatto diretto, attraverso oggetti infetti nell'ambiente circostante. Il pericolo è una persona malata nella fase di isolamento del virus dell'epatite A.
  2. Percorso alimentare - in caso di ingestione del microrganismo attraverso alimenti infetti all'interno.
  3. Una delle principali vie di infezione è l'acqua. L'infezione da epatite A si verifica più spesso a causa dell'ingresso del virus nel sistema fognario, nei corpi idrici naturali e in altre fonti.
  4. La via di trasmissione controverso, ma del tutto possibile, è parenterale, che si verifica meno frequentemente rispetto agli altri, ma i medici hanno registrato casi isolati di virus dell'epatite A entrati nel corpo attraverso iniezioni, iniezioni.

Tutto ciò è spiegato solo dalla capacità del virus di sopravvivere in qualsiasi condizione e dall'incapacità di neutralizzarlo con mezzi accessibili a tutti.

Come si trasmette l'epatite A da persona a persona? Il meccanismo di trasmissione è fecale-orale, che si realizza se l'agente patogeno si trova e si moltiplica nell'intestino. Con l'urina, il vomito o le feci, il virus entra nell'ambiente, con non conformità o violazione delle norme igieniche - rimane sugli oggetti circostanti. Le persone vengono infettate toccandole, causando il microrganismo a infettare la persona successiva.

I più sfavorevoli nell'epidemia sono paesi con un basso livello di sviluppo, in cui diventano infetti a causa dell'ampia diffusione del virus e a causa del basso livello di sviluppo degli standard sanitari ed epidemici.

Fasi di sviluppo dell'epatite virale A

Esistono diverse opzioni per il decorso dell'epatite A. La malattia può presentarsi con un quadro clinico tipico e asintomatico.

Nel caso dei sintomi manifesti (che si manifestano con sintomi luminosi) nello sviluppo della malattia ci sono diverse fasi.

  1. Il periodo di incubazione dell'epatite virale A inizia dal momento in cui l'agente patogeno entra nel corpo umano e fino alle manifestazioni iniziali. Può durare da 1 a 7 settimane, ma in media è di 21-28 giorni.
  2. Il periodo prodromico dura circa 7 giorni, a volte tre settimane. Assomiglia all'esordio della malattia virale delle prime vie respiratorie.
  3. L'altezza della malattia o il periodo di manifestazioni cliniche tipiche familiari dura circa due o tre settimane, ma in casi speciali arriva a due mesi.
  4. Reconvalescenza o recupero.

Dopo il trasferimento dell'infezione, si forma un'immunità permanente per tutta la vita. Posso ottenere di nuovo l'epatite A? Questo è possibile, dopo il trasferimento della malattia il corpo produce cellule che proteggono contro la reinfezione.

I primi segni della malattia

Il periodo di incubazione non si produce da solo. Dal punto di vista dell'epidemiologia, questo è il periodo più pericoloso, perché alla fine una persona è già contagiosa per chi lo circonda, ma non lo sa ancora. Pertanto, l'epatite A è considerata pericolosa.

La fase successiva nello sviluppo della malattia è prodromica. La persona è contagiosa per tutta la sua lunghezza.

Le manifestazioni del periodo prodromico di epatite A sono le seguenti:

  • la malattia inizia acutamente con un aumento della temperatura corporea a 38-40 ° C, che si osserva per almeno tre giorni;
  • I primi segni di epatite A comprendono arrossamento della gola, mal di testa, leggera congestione nasale;
  • nausea, perdita di appetito, vomito possibile, ma in rari casi;
  • possibilmente la comparsa di dolore allo stomaco o fastidio;
  • dopo circa due giorni, l'urina diventa di colore scuro, molti disegnano un'analogia con il colore della birra scura o del tè forte, lo sgabello si scolorisce e diventa liquido;
  • è durante questo periodo di epatite A che il fegato e la milza crescono e diventano dolorosi alla palpazione.

All'inizio, il periodo del prodroma assomiglia a un'infezione respiratoria e solo alla fine, prima dell'altezza, i sintomi diventano più chiari.

I sintomi dell'epatite A

Fino a due mesi questa fase procede, e con un corso tipico la diagnosi non solleva quasi mai domande. Il decorso moderato della malattia è approssimativamente il seguente.

  1. Tale epatite A si manifesta con ittero: inizia nel momento in cui diminuisce o diminuisce della temperatura corporea fino al numero del subfebbrile, immediatamente la mucosa della bocca e la sclera diventano gialle, quindi la pelle. Un punto importante: il grado di ingiallimento della pelle corrisponde alla gravità della malattia.
  2. Tutti i sintomi dispeptici (nausea, dolore allo stomaco, vomito) persistono e aumentano in caso di grave epatite A.
  3. Il dolore si verifica anche nell'ipocondrio destro, aggravato in modo significativo dopo aver mangiato, specialmente con errori alimentari (cibi grassi e piccanti, alcool).
  4. La debolezza generale aumenta, appare letargia, progredisce rapidamente la fatica, che è associata a rottura del fegato e danni alle sue cellule (epatociti).
  5. In quale altro modo si manifesta l'epatite A? - diminuzione della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca, durante l'esame la lingua è ricoperta da una fioritura bianca e il fegato viene ingrandito.
  6. In circa il 30% dei casi la milza è ingrandita.

Ittero, ingrossamento del fegato e sintomi dispeptici sono tipici segni distintivi della malattia di Botkin.

Caratteristiche del decorso dell'epatite A nei bambini e negli adulti

Negli adulti e nei bambini, a volte la malattia procede con alcune caratteristiche che dipendono dall'immunità e dall'organismo stesso.

Qual è la differenza tra l'epatite A nei bambini?

  1. Molto spesso, i bambini di età compresa tra 3 e 12 anni sono malati, specialmente quelli che sono in gruppi di bambini organizzati: nelle scuole materne, nelle scuole, nei convitti.
  2. Nei bambini al di sotto di un anno, nella maggior parte dei casi, l'immunità materna o passiva è preservata.
  3. Sintomi di epatite A nei bambini: grave intossicazione, un aumento delle dimensioni del fegato è evidente non solo alla palpazione, ma anche visivamente, di regola, di gravità moderata.
  4. Il decorso prolungato della malattia si osserva solo nel 3% dei casi.
  5. Quali sono i segni dell'epatite A in un bambino piccolo? - il bambino diventa nervoso, piange, si rifiuta di mangiare, non dorme bene, dopo aver mangiato c'è il vomito, non si lascia esaminare, perché durante la palpazione l'addome è doloroso, le infezioni croniche sono spesso aggravate dallo sfondo della malattia sottostante e spesso si uniscono.

Come si manifesta l'epatite A negli adulti? La gravità media della malattia è pienamente coerente con il quadro clinico sopra riportato. Il flusso facile o prolungato è leggermente diverso.

  1. Nella maggior parte degli adulti, all'età di 35 o 40 anni, si forma un'immunità attiva, a volte associata a una forma latente di infezione.
  2. Le infezioni miste sono aggressive e di lunga durata, ad esempio se una persona ha contratto l'epatite A e B allo stesso tempo.
  3. I sintomi dell'epatite A negli adulti sono vari: la temperatura all'inizio della malattia può aumentare o aumentare rapidamente; i sintomi dispeptici sono espressi: disagio allo stomaco, nausea, vomito ripetuto e ittero si possono manifestare in forma lieve.
  4. Con l'età, la probabilità di morte per epatite A aumenta, nei pazienti di età superiore ai 50 anni, il numero di tali complicanze è 4 volte il tasso di mortalità nei bambini.

L'epatite A all'inizio, durante le manifestazioni attive, assomiglia più alla malattia del tratto respiratorio, quindi, durante le infezioni protratte, per fare una diagnosi corretta, è necessario essere completamente esaminati.

Diagnosi di epatite A

L'epatite A viene diagnosticata sulla base di diversi studi.

  1. Vengono raccolti i dati epidemiologici: viene specificato se la persona vive nel luogo in cui è stato stabilito il nidus, che viene calcolato dopo il momento in cui la malattia si è manifestata dopo il contatto con pazienti con epatite A.
  2. Il medico esamina la persona e chiede al paziente quali sono i disturbi specifici dell'infezione.
  3. Un posto importante nella diagnosi appartiene alla diagnosi di laboratorio. Questi esami del sangue biochimici (enzimi epatici) mostrano l'attività delle cellule della ghiandola digestiva principale, indicano la sua infiammazione. Anche nel caso di una forma anterteriosa, questi indicatori aiutano a fare una diagnosi.
  4. Nella normale analisi delle urine appare l'urobilinogeno, che lo tinge di un colore scuro.
  5. Al fine di accertare definitivamente la presenza di una malattia epatica virale, è necessario eseguire un'analisi specifica dell'epatite A - vengono effettuati specifici esami diagnostici di laboratorio. Il sangue viene testato per la presenza di anticorpi contro il virus. Gli anticorpi di classe M parlano di un'infezione recente o di un processo acuto. La classe G si trova nel caso di un'infezione precedentemente trasferita.
  6. Nelle prime fasi della malattia nello studio delle feci. La rilevazione di frammenti proteici o di RNA del virus dell'epatite A aiuta a formulare una diagnosi anche durante il periodo di incubazione.
  7. Viene eseguita anche l'ecografia del fegato e degli organi interni.

Complicazioni di epatite A

Il decorso favorevole della malattia non significa che non ci siano conseguenze. L'unica cosa che piace dopo il trasferimento dell'epatite A è che non esiste un decorso cronico della malattia, cioè, una volta ammalata, una persona non si infetta.

Che cosa cambia il virus dell'epatite A dopo una malattia acuta?

  1. Nel 90% dei casi, la malattia termina con un completo recupero completo senza effetti residui. Il restante 10% è meno fortunato.
  2. Un decorso prolungato e la recidiva dei sintomi durante il periodo di estinzione dell'infezione talvolta indicano un'infezione aggiuntiva con altri tipi di epatite o un'immunità debole.
  3. Dopo la malattia, si trovano segni di lesioni delle vie biliari: infiammazione, discinesia.
  4. A volte la malattia è complicata da manifestazioni extraepatiche: polmonite, infiammazione del muscolo cardiaco, ridotta produzione di cellule del sangue.
  5. La mortalità non supera lo 0,04% dei casi.

Trattamento dell'epatite A

La terapia per l'infezione del fegato in primo luogo include la conformità con il regime. Pieni di sonno, passeggiate all'aria aperta e sonno diurno sono la norma per i pazienti con epatite A.

  1. In caso di intossicazione, un aumento pronunciato della temperatura di una persona viene inviato al reparto dell'ospedale per malattie infettive e conduce una terapia di disintossicazione.
  2. Assegna vitamine per stimolare i processi metabolici.
  3. Per proteggere le cellule del fegato dagli effetti dannosi del virus dell'epatite A, sono prescritti preparati di acido ursodesossicolico.
  4. Il resto del trattamento è sintomatico - a seconda delle indicazioni, vengono utilizzati farmaci coleretici, antidolorifici.

Per quanto tempo dovresti guardare i malati e le persone che sono stati in contatto con loro? Il paziente è isolato per 30 giorni e la quarantena per l'epatite A per le persone di contatto è di almeno 35 giorni.

Epatite A dieta

La base del trattamento di tutte le malattie dell'apparato digerente è una dieta equilibrata.

La dieta dell'epatite A inizia durante lo sviluppo della malattia e continua dopo alcuni mesi di recupero.

Come mangiano i malati?

  1. Non è possibile ridurre il contenuto calorico del cibo, le calorie devono soddisfare la norma fisiologica.
  2. Non è possibile ridurre la quantità di proteine, grassi e carboidrati, il loro rapporto dovrebbe essere corretto. Solo alcuni grassi animali difficilmente digeribili sono limitati: manzo, maiale e montone.
  3. È necessario bere la quantità ottimale di liquido - 2-3 litri di acqua al giorno.
  4. Cinque pasti al giorno in piccole porzioni sono raccomandati per i pazienti con epatite A.

Questo regime dietetico deve essere seguito per altri sei mesi dopo il recupero. Non dobbiamo dimenticare che tutti gli alimenti nocivi e taglienti sono proibiti in modo da non creare un carico sul fegato.

Prevenzione dell'epatite A

La protezione contro lo sviluppo della malattia o la prevenzione dell'epatite A viene effettuata al centro del rilevamento dell'infezione. Il paziente è isolato e, nel luogo di residenza, viene eseguito il trattamento superficiale con agenti contenenti cloro. Le cose del paziente sono soggette a trattamento speciale - disinfezione della camera.

Oltre alle misure di cui sopra, dopo un anno i bambini vengono vaccinati contro l'epatite A. Alcuni vaccini possono essere somministrati solo tre anni dopo la nascita del bambino.

Chi ha dimostrato di essere vaccinato contro l'epatite A?

  1. Dall'anno in poi, il vaccino contro l'epatite A viene somministrato ai bambini che vivono in paesi con un alto tasso di incidenza.
  2. Secondo le indicazioni epidemiche, la vaccinazione viene effettuata a tutte le persone di contatto nei focolai di infezione.
  3. L'immunizzazione viene effettuata anche a persone appartenenti a gruppi a rischio.

Il farmaco viene somministrato due volte per via intramuscolare nel muscolo deltoide. La rivaccinazione viene effettuata non prima di un mese dopo la prima iniezione del vaccino. Questo schema fornisce una protezione completa contro la malattia per almeno 20 anni.

La vaccinazione contro l'epatite A viene effettuata con i seguenti farmaci:

  • Algavak M, prodotto in Russia, è consentito a tutti gli adulti e i bambini dai tre anni;
  • "Havriks 720" e "Havriks 1440" per bambini e adulti, rispettivamente, produzione Smith Claim Bichem (Inghilterra);
  • "Avaxim" (da due anni), "Avaxim 80" (da anni a 15), "Avaxim 160" (usato da 16 anni) - vaccino francese per fasce d'età diverse;
  • vaccino "Vakta" prodotto negli Stati Uniti.

La peculiarità delle vaccinazioni contro l'epatite A è che sono tutti ben tollerati, forniscono una protezione precoce e dopo la loro introduzione non ci sono praticamente complicazioni.

Quanto è pericoloso l'epatite A? Appartiene alla categoria delle infezioni polmonari, che tutti possono ottenere, e quasi il 100% dei malati può essere curato. Ma questi sono tutti "momenti positivi". La malattia richiede molto tempo, è complicata da danni agli organi vicini e anche le morti sono possibili. È impossibile nascondersi dall'epatite A, ma la prevenzione tempestiva salva anche i bambini piccoli.

Sintomi e trattamento dell'epatite tossica

L'epatite tossica è una malattia epatica acuta o cronica che si verifica a causa della penetrazione di sostanze chimiche e altre sostanze tossiche nocive nel corpo. Come risultato di processi infiammatori, le cellule epatiche iniziano a morire, il processo è accompagnato da un aumento delle dimensioni del fegato, sindrome del dolore nel giusto ipocondrio e sviluppo di ittero tossico. Nell'ambito del trattamento, vengono forniti farmaci, terapia dietetica.

specie

Ci sono epatite cronica e acuta, le loro cause e sintomi sono in qualche modo diversi. L'epatite tossica acuta viene diagnosticata con una singola ingestione di una grande concentrazione di tossine o una piccola dose di veleno, che ha una piccola affinità per le cellule del fegato, i sintomi compaiono dopo 2-5 giorni.

L'epatite cronica si sviluppa a seguito di un'intossicazione ripetuta con veleni a piccole dosi, i sintomi si manifestano dopo mesi o addirittura anni.

L'espressione della manifestazione di questa forma si distingue per un decorso severo, il paziente necessita di ricovero urgente, la mancanza di cure mediche tempestive può causare un esito letale.

La forma cronica è caratterizzata da uno sviluppo lento, i sintomi compaiono gradualmente, se la causa della patologia non viene eliminata, la malattia è accompagnata da complicazioni quali insufficienza epatica e cirrosi epatica.

Cause di epatite tossica

Le sostanze tossiche possono entrare nel corpo per caso, intenzionalmente o per attività professionale. I veleni epatici penetrano in diversi modi: attraverso il tratto digestivo, l'apparato respiratorio, la pelle.

Alcuni tipi di sostanze tossiche hanno un effetto diretto sulle cellule del fegato, che porta all'interruzione del loro funzionamento. Altri tipi di sostanze chimiche tossiche violano i processi di circolazione del sangue nei piccoli vasi che alimentano il fegato, la carenza di ossigeno porta alla morte cellulare e alla disfunzione epatica.

L'origine dei veleni del fegato:

1. Farmaci - sulfanilamide, anticonvulsivanti, tubercolosi, antivirali. Quando si assumono farmaci, si raccomanda di prestare attenzione alla loro composizione chimica ed epatotossicità;

2. Veleni industriali - tossicità cronica - penetrano nel corpo attraverso la pelle o il sistema respiratorio, come risultato, viene diagnosticato un danno epatico acuto, il processo è accompagnato dalla sostituzione delle cellule epatiche con il grasso, con intossicazione ripetuta con piccole dosi, la forma cronica della malattia si sviluppa. Il più delle volte, l'avvelenamento si verifica sotto l'influenza di insetticidi, fenoli, aldeidi, pesticidi, fosforo, arsenico. Questi componenti sono utilizzati in metallurgia, agricoltura, industria petrolifera.

3. Intossicazione da alcool: l'abuso di alcol, specialmente di bassa qualità, provoca danni tossici al fegato. La dose giornaliera minima di alcol per gli uomini è 20-40 ml, per le donne - 20 ml, se vengono superate, si può osservare un effetto tossico. Tutto l'alcol proviene dal tratto gastrointestinale attraverso il flusso sanguigno fino al fegato, dove viene sottoposto a trattamento attivo. Come risultato della conversione enzimatica, l'acetaldeide si forma nel fegato - una sostanza abbastanza tossica, sotto l'influenza di quali reazioni chimiche nel fegato (incluso il metabolismo dei grassi) sono disturbate. C'è un processo di accumulo di acidi grassi, le cellule del fegato sono sostituite da grasso.

4. I veleni vegetali (veleni delle piante infestanti: arbusto da giardino, gorchak, veleni di funghi) hanno un effetto epatotropico (agiscono direttamente sulla cellula epatica, interrompendo la sua attività vitale e sostituendola con tessuto adiposo), a seguito della quale si sviluppa la clinica dell'epatite tossica acuta.

Molti sono interessati alla domanda se tale epatite sia contagiosa o meno. L'epatite tossica non viene trasmessa da persona a persona, né l'epatite dopo la chemioterapia.

sintomi

La forma acuta della malattia può essere quasi asintomatica, viene rilevata solo durante un esame di gruppo.

Segni di forma acuta:

  • una sindrome da dolore improvviso nell'ipocondrio destro, si manifesta 2-5 giorni dopo la penetrazione di veleni epatotossici nel corpo, il dolore deriva dallo stiramento della capsula da parte di un ingrossamento del fegato;
  • segni di intossicazione generale (temperatura superiore a 38 gradi, debolezza, scarso appetito, nausea, vomito (a volte con sangue), dolore alle articolazioni;
  • stato inibito o eccitato, tremore, disorientamento dell'orientamento nello spazio;
  • dimensioni del fegato ingrossate;
  • sanguinamento dalle gengive, naso, piccole emorragie sulla pelle, (derivanti dall'esposizione a veleni sulle pareti dei vasi sanguigni);
  • sviluppo di ittero, feci leggere, urine scure.
Segni di epatite cronica Genesi:
  • dolore ricorrente nell'ipocondrio destro, aggravato dopo aver mangiato;
  • sensazione di pesantezza nel giusto ipocondrio;
  • temperatura 37-37,5 gradi;
  • aumento della fatica, prestazioni ridotte;
  • prurito della pelle;
  • un aumento delle dimensioni della milza e del fegato;
  • perdita di appetito, vomito, nausea, diarrea, gonfiore.
I sintomi possono diminuire per un po 'e peggiorare di nuovo.

Segni di malattia nei bambini

L'epatite tossica nei bambini è caratterizzata da un aumento della gravità, le cure mediche premature spesso portano alla morte. Nei bambini si osserva più spesso una forma acuta di epatite tossica, i sintomi sono gli stessi dei pazienti adulti.

L'obiettivo principale è prevenire gravi complicazioni per il fegato e l'intero corpo, la prognosi nei bambini è spesso sfavorevole.

Durante la gravidanza

Durante la gravidanza, l'epatite cronica viene diagnosticata raramente, in questi casi la forma cronica è comune. La malattia è accompagnata da segni di grave insufficienza epatica, la prognosi è raramente favorevole.

Sintomi principali:

  • ittero;
  • sindrome del dolore nel margine destro delle costole;
  • vomito, nausea.

In questo caso, ci possono essere conseguenze negative come l'emorragia postpartum nelle fasi iniziali, la morte fetale nel feto, l'epatite colestatica, accompagnata da una malattia emorragica.

diagnostica

Per stabilire la diagnosi, viene effettuata una visita medica completa, la diagnosi comprende l'esame del paziente, la palpazione degli organi interni e il fegato, e vengono anche effettuate auscultazione e percussioni. Un ruolo importante è giocato anche dalla storia medica, dalla raccolta di dati sullo stile di vita del paziente, dal fatto di abuso di alcool, dalle condizioni e dal luogo di lavoro, dalla presenza di malattie, dai reclami.

A volte la diagnosi della forma acuta può essere difficile a causa del fatto che il paziente è incosciente, in questi casi è difficile determinare la causa dell'intossicazione.

Al fine di evitare lo sviluppo di una condizione terminale, viene mostrata una cura di emergenza a tali pazienti, dopo la stabilizzazione della condizione, vengono eseguiti test strumentali e di laboratorio.

La diagnostica di laboratorio include test di funzionalità epatica, sangue, urine e feci, e i metodi strumentali includono radiografia, ecografia dell'addome e biopsia epatica. Durante la diagnosi di un medico presta attenzione alla bilirubina, il glucagone nel sangue, il suo livello.

trattamento

E 'possibile curare l'epatite tossica, come trattarla, che tipo di cibo dovrebbe essere, quali farmaci dovrebbero essere assunti per il trattamento, è consentita la terapia con rimedi popolari?

Il trattamento dell'epatite dipende dalla forma della malattia e dal tipo di veleno: nella forma acuta, tutte le attività sono svolte in condizioni stazionarie.

Il trattamento include:

  • lavanda gastrica;
  • eliminazione di tossine, terapia infusionale attiva (contagocce con soluzioni elettrolitiche), assunzione di carbone attivo;
  • scambio plasmatico;
  • hemosorbtion;
  • nutrizione parenterale (incosciente).
  • terapia vitaminica (gruppi B e C).
  • epatoprotettori (Essentiale, Heptral, bodice 52) - i farmaci sono attivamente coinvolti nei processi di riproduzione e riparazione delle cellule epatiche danneggiate;
  • farmaci coleretici (colecinime, holosac);
  • antidoti (con avvelenamento da funghi, atropina).

Durante il periodo di riabilitazione, è necessario prendere i farmaci prescritti da un medico, sottoporsi a esami preventivi, seguire una dieta, trattare le complicanze.

Trattamento della forma cronica:

  • assunzione di vitamine;
  • terapia di disintossicazione (soluzione salina, soluzioni Rieger e glucosio);
  • epatoprotettori, farmaci coleretici;
  • glucocorticoidi;
  • farmaci stabilizzanti di membrana.
Nei casi più gravi, si raccomanda il trapianto di fegato.

Terapia dietetica

Una dieta equilibrata contribuirà a ridurre il carico sull'organo interessato e accelerare il processo di recupero, una dieta per l'epatite tossica comporta l'evitare bevande alcoliche. Gli alimenti taglienti, dolci, fritti e grassi sono sempre esclusi dalla dieta. Il pasto dovrebbe essere diviso in 5-6 volte, dovrebbe essere mangiato in piccole porzioni.

Prodotti consentiti:

  • legumi, insalate, verdure, frutta;
  • olio vegetale in piccole quantità;
  • pollo, carne di coniglio.

La dieta per il trattamento dell'epatite tossica deve essere compilata correttamente, dovrebbe essere fatta dal medico curante. Una dieta equilibrata non solo può accelerare il processo di recupero, ma migliora anche le condizioni generali del corpo.

Le ricette popolari sono raccomandate per essere utilizzate solo se concordate con il medico, prima del suo arrivo si possono mettere impacchi sulla fronte, al fine di ridurre gli effetti del veleno, si consiglia di bere latte, decotto di semi di lino.

Epatite cronica

L'epatite cronica è una malattia infiammatoria caratterizzata da alterazioni fibrose e necrotiche nel tessuto e nelle cellule del fegato senza disturbare la struttura dei lobuli e segni di ipertensione portale. Nella maggior parte dei casi, i pazienti lamentano disagio nell'ipocondrio destro, nausea, vomito, anoressia e feci, debolezza, prestazioni ridotte, perdita di peso, ittero, prurito della pelle. Le misure diagnostiche consistono nel condurre un'analisi biochimica del sangue, l'ecografia degli organi addominali, la biopsia epatica. La terapia ha lo scopo di neutralizzare la causa della patologia, migliorare le condizioni del paziente e ottenere una remissione stabile.

Epatite cronica

L'epatite cronica è una lesione infiammatoria del parenchima e dello stroma epatico, che si sviluppa sotto l'azione di varie cause e dura per più di 6 mesi. La patologia è un serio problema socio-economico e clinico dovuto al costante aumento dell'incidenza. Secondo le statistiche, ci sono 400 milioni di pazienti con epatite B cronica e 170 milioni di pazienti con epatite C cronica, con oltre 50 milioni di epatite B di nuova diagnosi e 100-200 milioni di epatite C annualmente. 70% nella struttura complessiva dei processi patologici del fegato. La malattia si verifica con una frequenza di 50-60 casi per 100.000 abitanti, l'incidenza è più suscettibile agli uomini.

Negli ultimi 20-25 anni sono state accumulate molte informazioni importanti sull'epatite cronica, il meccanismo del suo sviluppo è diventato chiaro, pertanto sono state sviluppate terapie più efficaci che vengono costantemente migliorate. Investigatori, terapisti, gastroenterologi e altri specialisti stanno studiando il problema. Il risultato e l'efficacia della terapia dipendono direttamente dalla forma di epatite, dalle condizioni generali e dall'età del paziente.

Classificazione dell'epatite cronica

L'epatite cronica viene classificata secondo diversi criteri: eziologia, grado di attività della patologia, dati di biopsia. Per ragioni di occorrenza, l'epatite virale cronica B, C, D, A, farmaco, autoimmune e criptogenica (di eziologia poco chiara) sono isolate. Il grado di attività dei processi patologici può essere diverso:

  • minimo - AST e ALT sono 3 volte più alti del normale, un aumento del test del timolo a 5 U, un aumento delle gammaglobuline fino al 30%;
  • moderata - aumento della concentrazione di ALT e AST di 3-10 volte, test del timolo 8 U, gamma globuline 30-35%;
  • grave - AST e ALT sono più di 10 volte più alti del normale, il test del timolo è superiore a 8 U, le gammaglobuline sono superiori al 35%.

Sulla base dell'esame istologico e della biopsia, si distinguono 4 stadi dell'epatite cronica.

Stadio 0 - nessuna fibrosi

Stadio 1 - fibrosi periportale minore (proliferazione del tessuto connettivo attorno alle cellule epatiche e ai dotti biliari)

Stadio 2 - fibrosi moderata con setti porto-portale: tessuto connettivo, che si espande, forma partizioni (setti) che uniscono i tratti portale adiacenti formati dai rami della vena porta, dell'arteria epatica, dei dotti biliari, dei vasi linfatici e dei nervi. I tratti del portale si trovano agli angoli del lobulo epatico, che ha la forma di un esagono

Fase 3 - Forte fibrosi con setti portuali

Fase 4 - segni di alterata architettura: una significativa proliferazione del tessuto connettivo con un cambiamento nella struttura del fegato.

Cause e patogenesi dell'epatite cronica

La patogenesi di varie forme di epatite cronica è associata a danni al tessuto e alle cellule del fegato, alla formazione di una risposta immunitaria, all'inclusione di meccanismi autoimmuni aggressivi che contribuiscono allo sviluppo dell'infiammazione cronica e la supportano a lungo. Ma gli esperti identificano alcune caratteristiche della patogenesi, a seconda dei fattori eziologici.

La causa dell'epatite cronica è spesso l'epatite virale B, C, D, a volte trasferita in precedenza A. Ogni patogeno ha un effetto diverso sul fegato: il virus dell'epatite B non causa la distruzione degli epatociti, il meccanismo di sviluppo della patologia è associato alla risposta immunitaria al microrganismo, che si riproduce attivamente in cellule del fegato e altri tessuti. I virus dell'epatite C e D hanno un effetto tossico diretto sugli epatociti, causandone la morte.

La seconda causa comune di patologia è considerata un'intossicazione del corpo, causata dall'esposizione all'alcol, droghe (antibiotici, farmaci ormonali, farmaci antitubercolari, ecc.), Metalli pesanti e sostanze chimiche. Le tossine e i loro metaboliti, che si accumulano nelle cellule del fegato, causano il loro malfunzionamento, l'accumulo di bile, grassi e disordini metabolici, che portano alla necrosi degli epatociti. Inoltre, i metaboliti sono antigeni a cui il sistema immunitario risponde attivamente. Inoltre, l'epatite cronica può essere formata come risultato di processi autoimmuni che sono associati con l'inferiorità dei soppressori di T e la formazione di cellule T che sono tossiche per le cellule.

Nutrizione irregolare, abuso di alcol, stile di vita improprio, malattie infettive, malaria, endocardite, varie patologie epatiche che causano disturbi metabolici negli epatociti possono provocare lo sviluppo di patologie.

Sintomi di epatite cronica

I sintomi dell'epatite cronica sono variabili e dipendono dalla forma della patologia. I segni con un processo attivo basso (persistente) sono scarsamente espressi o completamente assenti. Le condizioni generali del paziente non cambiano, ma il deterioramento è probabile dopo l'abuso di alcool, intossicazione, carenza di vitamine. Potrebbe esserci dolore minore nell'ipocondrio destro. Durante l'esame viene rilevato un moderato ingrandimento del fegato.

I segni clinici nella forma attiva (progressiva) di epatite cronica sono pronunciati e manifestano in pieno. La maggior parte dei pazienti ha una sindrome dispeptica (flatulenza, nausea, vomito, anoressia, distensione addominale, cambiamento nelle feci), sindrome astenovegetativa (grave debolezza, affaticamento, riduzione delle prestazioni, perdita di peso, insonnia, mal di testa), sindrome da insufficienza epatica (ittero, febbre, la comparsa di liquido nella cavità addominale, emorragia tissutale), dolore addominale prolungato o ricorrente sulla destra. Sullo sfondo dell'epatite cronica, aumentano le dimensioni della milza e dei linfonodi regionali. A causa della violazione del deflusso di ittero biliare si sviluppa, prurito. Anche sulla pelle si possono trovare le vene varicose. Durante l'ispezione ha rivelato un aumento delle dimensioni del fegato (una parte diffusa o eccitante). Fegato denso, doloroso alla palpazione.

L'epatite virale cronica D è particolarmente difficile, è caratterizzata da pronunciata insufficienza epatica. La maggior parte dei pazienti lamenta ittero, prurito della pelle. Oltre ai segni epatici, vengono diagnosticati extraepatici: danni a reni, muscoli, articolazioni, polmoni, ecc.

La peculiarità dell'epatite cronica C è un decorso persistente a lungo termine. Oltre il 90% dell'epatite C acuta viene completato con la cronologia. I pazienti hanno notato una sindrome astenica e un leggero aumento del fegato. Il decorso della patologia è ondulatorio, in alcuni decenni termina con cirrosi nel 20-40% dei casi.

L'epatite cronica autoimmune si verifica nelle donne di 30 anni in su. La patologia è caratterizzata da debolezza, aumento della fatica, ingiallimento della pelle e delle mucose, dolore nel lato destro. Nel 25% dei pazienti, la patologia simula l'epatite acuta con la sindrome dispeptica e astenovegetativa, la febbre. Sintomi extraepatici si verificano in ogni secondo paziente, sono associati a danni ai polmoni, ai reni, ai vasi sanguigni, al cuore, alla tiroide e ad altri tessuti e organi.

L'epatite cronica da farmaci è caratterizzata da sintomi multipli, l'assenza di sintomi specifici, a volte la patologia è mascherata da un processo acuto o ittero meccanico.

Diagnosi di epatite cronica

La diagnosi di epatite cronica dovrebbe essere tempestiva. Tutte le procedure sono eseguite nel dipartimento di gastroenterologia. La diagnosi finale viene effettuata sulla base del quadro clinico, dell'esame strumentale e di laboratorio: analisi del sangue per i marcatori, ecografia degli organi addominali, reoepatografia (studio del flusso sanguigno al fegato), biopsia epatica.

Un esame del sangue consente di determinare la forma della patologia rilevando specifici marcatori - queste sono particelle del virus (antigeni) e anticorpi, che si formano come risultato della lotta contro un microrganismo. Per l'epatite virale A ed E, solo un tipo di marcatore è caratteristico - IgM anti-HAV o IgM anti-HEV.

Nell'epatite B virale, possono essere rilevati diversi gruppi di marcatori, il loro numero e il loro rapporto indicano lo stadio della patologia e della prognosi: antigene di superficie B (HBsAg), anticorpi anti-antigene nucleare Anti-HBc, Anti-HBclgM, HBeAg, Anti-HBe (compare solo dopo completamento del processo), Anti-HBs (formato dall'adattamento dell'immunità al microrganismo). Il virus dell'epatite D è identificato sulla base di Anti-HDIgM, Total Anti-HD e RNA di questo virus. Il principale marcatore di epatite C è Anti-HCV, il secondo è l'RNA del virus dell'epatite C.

Le funzioni del fegato sono valutate sulla base di analisi biochimiche e, più precisamente, determinando le concentrazioni di ALT e AST (aminotransferasi), bilirubina (pigmento biliare), fosfatasi alcalina. Sullo sfondo dell'epatite cronica, il loro numero aumenta drammaticamente. Il danno alle cellule del fegato comporta una forte diminuzione della concentrazione di albumina nel sangue e un significativo aumento delle globuline.

Ultrasuoni degli organi addominali - un modo indolore e sicuro per diagnosticare. Permette di determinare la dimensione degli organi interni, nonché di identificare i cambiamenti avvenuti. Il metodo di ricerca più accurato è la biopsia epatica, consente di determinare la forma e lo stadio della patologia e di scegliere il metodo terapeutico più efficace. Sulla base dei risultati, si può giudicare l'entità del processo e la gravità, così come il probabile esito.

Trattamento dell'epatite cronica

Il trattamento dell'epatite cronica ha lo scopo di eliminare la causa della patologia, alleviando i sintomi e migliorando le condizioni generali. La terapia dovrebbe essere completa. Alla maggior parte dei pazienti viene prescritto un corso base mirato a ridurre il carico sul fegato. Tutti i pazienti con epatite cronica devono ridurre lo sforzo fisico, vengono mostrati uno stile di vita a bassa attività, modalità semi-ora di dormire, il numero minimo di farmaci, nonché una dieta a pieno titolo arricchita con proteine, vitamine e minerali (dieta n. 5). Spesso utilizzato nelle vitamine: B1, B6, B12. È necessario escludere cibi grassi, fritti, affumicati, in scatola, spezie, bevande forti (tè e caffè) e alcol.

Quando si manifesta la stitichezza, vengono mostrati lievi lassativi, per migliorare la digestione - preparati enzimatici senza bile. Per proteggere le cellule del fegato e accelerare il processo di recupero, vengono prescritti epatoprotettori. Dovrebbero essere presi fino a 2-3 mesi, è desiderabile ripetere il corso di prendere tali farmaci parecchie volte all'anno. Nella sindrome asteno-vegetativa grave, vengono utilizzati multivitaminici, adattogeni naturali.

L'epatite cronica virale è scarsamente adatta alla terapia, un ruolo importante è svolto dagli immunomodulatori, che influenzano indirettamente i microrganismi, attivando l'immunità del paziente. È vietato utilizzare questi medicinali da soli, in quanto hanno controindicazioni e caratteristiche.

Un posto speciale tra queste droghe occupa gli interferoni. Sono prescritti sotto forma di iniezioni intramuscolari o sottocutanee fino a 3 volte a settimana; può causare un aumento della temperatura corporea, pertanto è necessario assumere farmaci antipiretici prima dell'iniezione. Un risultato positivo dopo il trattamento con interferone è stato osservato nel 25% dei casi di epatite cronica. Nei bambini, questo gruppo di farmaci viene utilizzato sotto forma di supposte rettali. Se le condizioni del paziente lo consentono, viene effettuata una terapia intensiva: i preparati di interferone e gli agenti antivirali vengono utilizzati in dosi elevate, ad esempio combinano l'interferone con ribavirina e rimantadina (specialmente per l'epatite C).

La costante ricerca di nuovi farmaci ha portato allo sviluppo di interferoni peghilati, in cui la molecola di interferone è collegata al polietilenglicole. A causa di ciò, la medicina può rimanere più a lungo nel corpo e combattere i virus per molto tempo. Tali farmaci sono altamente efficaci, possono ridurre la frequenza della loro assunzione e prolungare il periodo di remissione dell'epatite cronica.

Se l'epatite cronica è causata da intossicazione, deve essere eseguita la terapia di disintossicazione e deve essere prevenuta la penetrazione delle tossine nel sangue (ritiro della droga, alcol, ritiro dalla produzione chimica, ecc.).

L'epatite cronica autoimmune è trattata con glucocorticoidi in associazione con azatioprina. I farmaci ormonali sono assunti per via orale, dopo che l'effetto della loro dose è stato ridotto al minimo accettabile. In assenza di risultati, viene prescritto il trapianto di fegato.

Prevenzione e prognosi dell'epatite cronica

I pazienti e i portatori di virus dell'epatite non rappresentano un grave pericolo per gli altri, poiché l'infezione da goccioline trasportate dall'aria e dalle famiglie è esclusa. Puoi contrarre l'infezione solo dopo il contatto con sangue o altri fluidi corporei. Per ridurre il rischio di sviluppare patologie, è necessario utilizzare la contraccezione di barriera durante i rapporti sessuali, non prendere gli oggetti di igiene di altre persone.

L'immunoglobulina umana viene utilizzata per la profilassi d'emergenza dell'epatite B il primo giorno dopo l'eventuale infezione. Viene anche indicata la vaccinazione contro l'epatite B. Non è stata sviluppata la profilassi specifica di altre forme di questa patologia.

La prognosi dell'epatite cronica dipende dal tipo di malattia. Le forme di dosaggio sono quasi completamente guarite, le risposte autoimmuni rispondono bene anche alla terapia, raramente virali risolti, molto spesso si trasformano in cirrosi epatica. La combinazione di diversi agenti patogeni, ad esempio l'epatite B e D, provoca lo sviluppo della forma più grave della malattia, che sta rapidamente progredendo. La mancanza di una terapia adeguata nel 70% dei casi porta alla cirrosi epatica.

Top